Florenzi: “Il primo gol ci ha tagliato le gambe. Under non ha colpe”

9

ROMA REAL LE INTERVISTE – Tutte le dichiarazioni di Alessandro Florenzi in occasione di Roma-Real Madrid, match della quinta giornata del girone G di Champions League.

FLORENZI A SKY SPORT

Quanto fa male questa sconfitta in considerazione del tutto esaurito all’Olimpico?
Fa male fino ad un certo punto, abbiamo fatto un buon primo tempo e potevamo fare di più ma così non è stato. Abbiamo giocato contro una grande squadra ma dopo il primo gol loro ci hanno tagliato le gambe.

Ci ha colpito l’immagine da capitano mentre cercavi di tirare su Under dopo l’errore…
Sono cose che capitano anche se non dovrebbero succedere, non diamo le colpe a Cengiz. Le colpe le abbiamo tutte e ci tireremo fuori da questo brutto periodo senza fare entrare polemiche frivole dentro Trigoria.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

9 Commenti

  1. Ricordo a tutti che nel 1982 abbiamo vinto un Mondiale dopo aver sbagliato un rigore ( con Cabrini) quando eravamo ancora sullo 0-0 , credo che una squadra debba reagire a “qualunque” sbaglio del singolo…. altrimenti è inutile chiamarla “Squadra”.

  2. Capisco che da capitano devi proteggere i compagni, ma dire che Under non ha colpe su quell’errore è come dire che nel calcio gli errori non esistono, e certi tiri a porta vuota (e sottolineo “vuota”) che vanno in tribuna sono scherzi del pallone. Credibilità 0

    • Ciao Blek,

      credo che il discorso di Florenzi sia che Under non ha colpe se la squadra praticamente non è entrata in campo nel secondo tempo. È chiaro che se vai a riposo sull’1-0 dopo aver tenuto benissimo il campo per 45 minuti hai una scarica di fiducia che te se porta, ma questo non vuol dire che NON andarci a causa di quell’errore ti dia la giustificazione per staccare la luce completamente, black-out completo.
      Nel secondo tempo solo Kolarov e Zaniolo hanno continuato a giocare, forse Manolas che comunque è meno colpevole di altri.

      Ma sei pur sempre una squadra di serie A che sta giocando la Champions con la consapevolezza di aver già passato il turno, e di stare giocando contro il Real davanti a 60mila persone. Non puoi continuare a sostenere che “il primo gol ti ha tagliato le gambe”.

      Lo sciogliersi alla prima difficoltà unito ad errori come quello di Nainggolan l’anno scorso (semifinale di ritorno) e come quello di ieri di Fazio, ancora peggiore, vogliono dire che ciò che manca qua è un bravo, bravissimo psicologo. Peraltro Fazio sembra quasi che ce provi gusto a complicarsi la vita, ritardando sempre all’ultimo secondo il passaggio quando è pressato, quasi a sfidare l’attaccante (che 8 volte su 10 je la zotta).

      Dopodiché l’errore di Under lo possiamo commentare all’infinito… nelle compilation dei peggiori gol sbagliati in quel modo (da sottoporta, senza nessuno davanti e con palla che finisce alta) ce ne sono pochi nella storia ad essere stati sbagliati da più vicino… Invece la clamorosità intrinseca dell’errore mi ha ricordato il gol sbagliato da Dzeko col Palermo, che ebbe però ben altri esiti sia per il giocatore che per la squadra.

  3. Se non sbaglio è da inizio campionato che una volta sbaglia Tizio una volta sbaglia Caio e la Roma non vince. Con questo voglio dire che forse la rosa non è da Chiampions ne tantomeno da scudetto ora datemi del laziale mi raccomando. che Dio ve furmini.

    • E perché laziale? 🙂
      La cosa purtroppo ricorrente de sti tempi è che alla prima difficoltà ci sciogliamo come neve al sole, indipendentemente dall’avversario, e indipendentemente da quale sia la difficoltà.

      La rosa non è certamente da Champions nel senso che non è che possiamo pensare realisticamente di poterla vincere, però arrivare almeno ai quarti sarebbe stato un obiettivo raggiungibilissimo se ieri sera non avessimo perso la testa (arrivare primi nel girone ci avrebbe evitato squadre come il Bayern e il City agli ottavi). Poi oh… le partite vanno giocate, la fortuna gira.

      Così come non eravamo una squadra da scudetto a inizio campionato, ma certamente eravamo e saremmo ancora teoricamente una squadra da 3-4° posto (non posso più dire “da secondo” obiettivamente). E anche qui, non siamo nemmeno a metà del campionato, quindi nessuno può dire “succederà questo” (nel bene o nel male), al massimo possiamo dire “penso/spero/temo che succederà questo”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here