Financial Fair Play: la Roma esce dal regime di Settlement Agreement

10

FINANCIAL FAIR PLAY ROMA – “La Camera Investigatoria CFCB ha confermato che l’FC Krasnodar, l’FC Lokomotiv Mosca, l’AS Monaco FC, l’AS Roma e l’FC Zenit St Petersburg sono stati considerati in conformità con i requisiti e l’obiettivo generale dei loro accordi”. Con questa nota, apparsa sul sito della Uefa, si fa presente che la società giallorossa ha rispetto i paletti imposti dal Fair Play Finanziario. La società giallorossa, come tutti i club d’Europa, sarà sempre sottoposta al FFP e dovrà sempre mantenere l’equilibrio tra costi e ricavi. La notizia, evidentemente positiva, è che ha superato il monitoraggio previsto dal settlement agreement.

CLICCA QUI PER IL COMUNICATO ORIGINALE

Ecco quanto si legge su asroma.it: “Nella giornata di mercoledì, il Club Financial Control Body dell’UEFA ha confermato l’uscita della Roma dal regime di Settlement Agreement. Il club giallorosso ha soddisfatto le richieste e i parametri imposti dal Financial Fair Play e può pertanto considerarsi fuori dal percorso intrapreso dalla stagione 2015-16″.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

10 Commenti

  1. Quindi ? Adesso ogni cessione eventuale è da prendere come una decisione tecnica/tattica voluta dal tecnico o cmq scelta della società avallato dal tecnico??!!!!! Bene meglio così . Oppure davanti ad un offerta Buona che poi puoi rivestire in giocatori magari di pari livello o più giovani e non a fine carriera.. ci pensa Monchi adesso a divertirsi… speriamo che poi ci divertiremo anche noi.

  2. Massimo74 questa è la notizia che aspettavamo. Ed è un’ottima notizia. Si aumenta la perdita nel triennio fino a 100 milioni senza per questo violare il fair play finanziario. Anche se la mia previsione di perdita per quest’anno fosse corretta non ci sarebbe bisogno di vendere entro il 30 giugno. A maggior ragione con la tua di previsione. E anche se come pare si decidesse di vendere per questioni tecniche, le condizioni le detterà la Roma. Zaniolo ciaone.

    • Ciao embè. Sarà contento Pallotta!! 🙂
      Capisci a me!! 🙂

      Speriamo adesso che questa possibilità venga sfruttata nella maniera corretta però. Tu sai che intendo. Ci vuole una continuità di progetto….vicenda stadio permettendo.

      Si si….ciaone Zaniolo….vai al Genoa vai….

      • Embè, intendevo che…adesso altro che 30, 40 milioni a botta in conto futuro ogni volta….qua si deve vendere la Raptor..🙂

        Aggiungo….Come hai fatto notare giustamente tu la gonc l’anno scorso (parlo della sessione di mercato luglio/agosto 2017) è stata negativa di quasi 10 milioni. Praticamente siamo passati da 8 milioni del 2016, sempre luglio/agosto, a (10 milioni) l’anno scorso. È ovvio, se devi vendere tre pezzi pregiati entro giugno, poi a luglio o ti vendi l’altra mezza squadra che ti è rimasta o, praticamente, compri solo. E anche poco. Ma comunque sempre a (-10) ti ritrovi.

        Quindi, per me questa è la sessione di mercato più delicata e importante degli ultimi anni. Monchi deve fare contestualmente… quadrare un minimo i conti (finanziari…al di là anche del conto economico), e poi un conto economico far coincidere le scelte tecniche per il futuro con l’esigenza di avere sia una gonc e sia un saldo tra le plusvalenze iscritte/prestiti più ammortamenti e ingaggi in entrata più positivi possibile. Perche poi, anche con le semifinali di Champions, hai visto anche tu…il rosso c’è sempre e come. Gli auguro buona fortuna! 🙂

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here