FELICI: “Finché ci sarà Baldini, Totti non conterà nulla”, LEGGERI: “La società sarà ricordata per aver distrutto la passione della gente”

75

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Max Leggeri a Centro Suono Sport: “Abbiamo anticipato giorni fa il sentore di un imminente, possibile, addio da parte di Francesco Totti: una storia che da romanisti non avremmo mai voluto raccontare. Oggi abbiamo letto il ‘dettatino’ della società, secondo cui Totti lascerebbe la Roma perché non potrà più scrivere libri o giocare a calcetto: argomenti meschini, con un unico obiettivo, delegittimare l’immagine del ‘Capitano’. Basta, la misura è colma! Se Francesco lasciasse veramente la Roma, il processo di ‘desentimentalizzazione’ portato avanti da questa proprietà sarebbe ultimato. Vi do una notizia: Totti non ha ancora parlato perché aveva concertato ciò con la società e poi si è ritrovato sui giornali la versione dirigenziale di una querelle vergognosa! A breve Francesco lo farà e spero li sputtani definitivamente. Avete deciso di dichiarare guerra, dialettica ai tifosi della Roma? Bene, uscite dalla trincea e mettetevi l’elmetto oppure andatevene. Questi signori saranno eternamente ricordati per non aver vinto un cazzo e per aver distrutto, dopo De Rossi, con Totti il sentimento, la passione della gente. Una massa di spocchiosi incompetenti, che pensano di poter trattare i tifosi come i deficienti. Mentre le altre squadre si stanno strutturando per vincere, noi con l’ulteriore elemento di distrazione di massa, perderemo ulteriore terreno. Si sta mettendo alla porta la storia della Roma! Io mi vergognerei come un cane”

Checco Oddo Casano a Centro Suono Sport: “Oggi abbiamo letto e ascoltato la versione societaria veicolata da alcuni giornali sulla querelle Totti, attendo che Francesco parli e spieghi a questo punto le motivazioni di un addio, che sembra imminente.Non è stato mai considerato una risorsa, ma un totem da esporre o magari sfruttare all’occorrenza in maniera opportunistica: Francesco è l’unico dirigente in Italia a non aver ricevuto una qualifica e soprattutto un ruolo realmente operativo. Nel momento in cui si aspettava un coinvolgimento tecnico reale, la linea Baldini ha prevalso, nonostante si voglia ancora tentare di raccontare realtà virtuali, come le presunte dimissioni di ottobre da un fantomatico comitato esecutivo mai esistito. L’addio di Totti sarebbe la spallata mediatica definitiva a questa gestione, perchè il ritorno di immagine negativo a livello internazionale non potrà non travolgere chi sta facendo di tutto per mettersi contro un’intera tifoseria. In tutte le società del mondo, quelle vincenti e non, ci sono dei punti di riferimento riconoscibili. La strategia di questa proprietà è ormai palese: la tabula rasa, il repulisti totale di un certo modo di vivere la Roma e dei relativi personaggi. E’ tutto veramente mortificante”

Antonio Felici a Centro Suono Sport: “La situazione della Roma è chiara: Totti o Baldini. I due non sono compatibili. Finché ci sarà Baldini, Totti non conterà nulla. Se anche Totti è arrivato a questa conclusione, fa bene a dimettersi, inutile restare. Baldini non consentirà mai a Totti di contare qualche cosa. Noi con la Roma ci stiamo abituando ad assistere a cose nuove, tutte assurde! Ma non solo per la posizione di Baldini, anche per Petrachi. Dopo aver sentito le parole di Fonseca di ieri, credo che abbia bisogno di un grande in bocca al lupo: è un allenatore che non sa minimamente cosa sia Roma”.

Alessandro Vocalelli a Centro Suono Sport: “Fonseca è nella fascia degli allenatori buoni-eccellenti. Pallotta? Se fossi ancora direttore di un giornale, pubblicherei tutti i giorni l’ultimo paragrafo della lettera che ha scritto qualche giorno fa: ‘Niente e nessuno mi impedirà di fare una grande Roma’, come se qualcuno si stesse opponendo a questa sua volontà. Perché Pallotta parla sempre di voler far diventare la Roma una grandissima, poi però leggo che Dzeko andrà via, Manolas, che è l’unico difensore forte idem e si parla di giocatori non proprio esaltanti, non vorrei che questa forza che si oppone sia la Roma stessa. Ogni anno la Roma perde posti in classifica e nessuno si lamenta, quindi va bene così. Ci sarebbe bisogno di un’informazione che torni al suo ruolo di cane da guardia. Baldini? Viene il dubbio che sia in qualche modo azionista. Nelle società, di solito, l’unico che può permettersi di sbagliare senza pagarne le conseguenze è il proprietario, gli altri no. Pallotta ha dato addosso a Monchi, incolpando solo lui per tutto, ma qualcuno lo avrà pur scelto e portato a Roma, no? Non è venuto qui da Siviglia da solo. Petrachi? Situazione sconcertante. Stiamo parlando di un dirigente sotto contratto con una società che sta lavorando per un’altra. Non è giusto e nessuna delle parti in causa ci fa bella figura. È come se Sarri, in attesa di esser liberato dal Chelsea, si facesse fotografare a parlare con Andrea Agnelli. La data cruciale per la Roma è il 30 giugno, non vorrei che la Roma da qui a fine mese fosse costretta a valutare offerte solo per esigenze di bilancio. Faccio una domanda: chi sono i due giocatori più forti della Roma attuale? Dzeko e Manolas. Ecco, noi stiamo parlando con una leggerezza incredibile di una loro sicura cessione. Quest’anno abbiamo molti nostri ex giocatori campione d’Europa: Rudiger e Palmieri (Europa League), Salah e Alisson (Champions League); c’è anche Pjanic campione d’Italia. Io ricordo che a gennaio scorso, 2018, Palmieri partì nell’indifferenza generale e venne rimpiazzato da Jonathan Silva, arrivato infortunato. Io ricordo che nel 2009 c’era un clima di contestazione, e io ero anche d’accordo, per la cessione di Aquilani, oggi partono tutti nella soddisfazione generale per la cifra che si riesce a portare a casa”.

Andrea Stramaccioni a Centro Suono Sport:” La Roma del prossimo anno? Fonseca è un allenatore molto preparato, io ho avuto modo di incontrarlo una volta in amichevole. L’obiettivo di una squadra dipende dalla rosa a disposizione, non dal tecnico, o comunque non solo dal tecnico. Pentito di aver accettato l’Inter? All’epoca dopo sei anni di Roma, se volevo crescere, dovevo accettare un’altra sfida e lasciare Roma, mi è dispiaciuto molto ma non avevo scelta. La prima società professionistica per la quale ho lavorato è stata il Crotone, dove c’era Gasperini. Gasperini è una persona squisita e un grande allenatore, da quell’esperienza ho imparato molto. L’addio al calcio di Totti e De Rossi? Io sono nato con la Roma di Conti, Totti e De Rossi, è normale che mi dispiaccia, però nessuno potrà toglierli dal cuore dei romanisti. Pellegrini? Mi ha colpito perché è cresciuto moltissimo, però secondo me – e questa è un’opinione da tifoso, da fuori – lo limiti molto se lo fai giocare da regista. Questo perché la sua maggiore qualità è la dinamicità”.

Alessandro Austini a Tele Radio Stereo: “Totti? Non dirò cosa penso perchè non si può. La Roma gli ha offerto da tempo un ruolo vicino a Petrachi con un aumento dello stipendio e lui non ha risposto. Ci sta pensando. L’unica cosa che a me non risulta è che Baldini sia disposto a mettersi da parte per Totti. Fonseca? La barriera linguistica con Pallotta viene meno perchè il portoghese parla benissimo inglese. Mi piacciono molto le prime parole pronunciate da Fonseca”.

Stefano Petrucci a Tele Radio Stereo: “Pallotta stregato da Fonseca, come successo con Spalletti, Ranieri, Garcia… Un altro fronte che si è aperto è quello Francesco Totti. Io non mi esprimo al riguardo, ma mi piacerebbe che qualcuno pensasse alla Roma, invece che a se stesso. Petrachi? La campagna acquisti che farebbe al Torino non va bene per la Roma. Per Totti il problema non dovrebbero essere i soldi, quando c’è una passione viscerale non dovrebbero contare. Non posso pensare che non accetti e se ne vada. I vertici della Roma ha già perso credibilità, questa sarebbe la mazzata decisiva. Vorrei sapere da Totti cosa vuole fare da grande: può prendere una decisione che sia nel suo interesse e spero anche in quello della Roma. E’ vero che come ha detto De Rossi ora Francesco incide poco, ma io vorrei sapere allora chi lo fa: Baldini? Il ragazzo del ’60? Non deciderà tutto lui, ma allora vorrei sapere chi incide. E’ sempre una questione di quattrini, è così per tutti”.

Valentina Catoni a Tele Radio Stereo: “Totti? Non capisco se questo dubbio sia frutto di motivi personali o di sfiducia nei confronti del lavoro della società”.

Daniele Lo Monaco a Tele Radio Stereo: “La Roma ha formalizzato l’offerta di diventare direttore tecnico per Totti, che starebbe pensando di dire no. Un no a tale proposta sarebbe un no alla Roma, perchè è difficile pensare che scelga di rimanere ancora in questo limbo. La società gli ha chiesto un impegno completo, di stare accanto a Petrachi e Fonseca e indirizzare le decisioni. Probabilmente avrebbe accettato se fosse arrivato Conte, scelto da lui. Cosa non convince Totti è la parte tecnica e pensa di non poter incidere troppo. La dirigenza avrebbe anche proposto di fare un passo indietro: se Pallotta dovesse scegliere tra Totti e Baldini, allontanerebbe Baldini. Petrachi ha scelto Fonseca”.

Nando Orsi a Radio Radio Mattino: “Fonseca? Meno male che non conosce nessuno, ma dopo inizierà a conoscere l’ambiente. Non doveva dircelo lui che la Roma ha qualità. Mi dispiacerebbe se la Roma desse via El Shaarawy, è uno dei giocatori più importanti di questa squadra. La Roma ce li ha i giocatori per il modulo di Fonseca. Sembra che il tecnico abbia le idee molto chiare, i portoghesi sono molto pragmatici. E’ l’allenatore giusto, basta che non si faccia travolgere dall’ambiente, verso cui sicuramente si deve pagare un debito. Totti? Già Sabatini e Baldini volevano farlo fuori, ma lui è un fuoriclasse”.

Roberto Pruzzo a Radio Radio Mattino: “Fonseca? Non conoscere la realtà potrebbe essere un vantaggio all’inizio. Lo svantaggio potrebbe essere non conoscere bene le qualità dei giocatori. Sono curioso di vedere il mercato, da lì bisognerà ripartire. Senza Dzeko diventa difficile imboccare una strada superiore. E’ un allenatore solido, lo ha dimostrato. Bisognerà aspettare e vedere come la Roma si muoverà sul mercato

Ilario Di Giovambattista a Radio Radio Mattina: “L’intervista di Fonseca? Ha usato praticamente le stesse parole di Di Francesco. A me danno Manolas certo fuori dalla Roma. Con chi li farà 45 milioni di plusvalenza la Roma? Con Dzeko? La Roma per lui vuole 20 milioni”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

75 Commenti

  1. Dopo i rifiuti di Conte Sarri Gasperini ecco che arriva il grandissimo Fonseca travestito da Zorro e accompagnato da Sancho quest’anno sarà tricolor aspettando ovviamente lo stadio perché poi dai ricavi si incomincerà a vincere tutto vedi l’Arsenal e il Tottenham . PALLOTTA VATTENE !!!

    • A Leggeri vorrei dire che la nostra passione non e’ distrutta ma solo in stand-by .. i rifiuti di Conte Sarri e Gasperini sono lo specchio della realta’ e Fonseca e’ forse il miglior allenatore che potesse venire alla Roma in questo momento .. ad ASR 1927 dico che meglio Fonseca che Mihailovich, Giampaolo o De Zerbi .. su Pallotta , oramai, siamo convinti in molti che sarebbe il caso vendesse a qualcuno che abbia voglia di fare il bene della Roma e non di lontani soci di Boston .. mi dispiaccio del silenzio rumoroso e falso di Unicredit ..

  2. Totti solito bambino viziato di borgata, pensa ancora di essere colui che ammaestrava i fili di una parte dei romani come se fosse un burattinaio. Grande calciatore ma pessimo dirigente, zero personalità, solo a Roma entro il GRA puoi giocare a fare il padrone, fuori dal GRA sei nullità. Un dirigente non può essere analfabeta, non studiare ti porta a scomparire, almeno in tutto il resto del mondo oltre il GRA, a Roma è diverso, e lo dimostra la città, chi la governa e gran parte di chi ci vive.

    • Non sapevo che i bambini delle borgate sono viziati! Questa affermazione è veramente da disprezzare come tutte le altre banalità che scrivete da anni solo per qualche problema personale irrisolto. Che Totti fuori dal GRA è una nullità, detto da te fa ridere! Come fa ridere parlare di dirigente, quando durante due anni non gli stato permesso di fare niente, questa gaffe fa parte di quel minestrone di idiozie e ingiurie gratuite che gli tirate.
      Al di là delle st..te che scrivete,nessuno ha pensato che magari va via perchè non vuole essere complice di uno sfascio che si va delineando! E che magari potrebbe diventare, (come sempre) il bersaglio dei tifosi, per cose che lui non approva. Giustamente è ora che Baldini&Co mettano la faccia nelle decisioni che prendono.

      • @blek
        Ah certo, se va via è perché non vuole essere complice dello sfascio?
        Guarda che Totti con questa dirigenza ha smesso a 40 anni e prende uno stipendio da dirigente da 2 senza che nessuno sappia cosa faccia durante il giorno. Ah giusto. Il film.

        • Mi sembra che Baldissoni sia pagato da diversi anni dalla Roma per fare uno stadio/quartiere.
          Sta facendo gli interessi della società controllante ma è pagato dalla AS Roma, anche più di molti giocatori.
          Ma per questo scommetto che non sei indignato, vero?

    • A pensare che a Roma per molti era più importante Totti che della propria famiglia o della Roma stessa, si può immaginare a che livello si vive a Roma. Se a vincere sono sempre state città come Torino e Milano ci sarà un motivo.

  3. Ora se qualche amico che ha denigrato Massara su questo forum mi spiega perché adesso lavora per il milan gliene sarei grato.
    Questa è l’ennesima dimostrazione che alla Roma le decisioni vengono prese di pancia e non con la testa.
    Ed io come tanti romanisti siamo stanchi di essere presi per i fondelli da uno che sa solo inviare lettere aperte da Boston.
    James, un suggerimento cambia consulenti !!!!
    FORZA ROMA.

    • Ciao Spaccia, a volte i repulisti non hanno a che fare con le capacità del soggetto, ma con altri criteri relativi al gruppo di lavoro. Dei bravi DS come Marino ad esempio non è che abbiano fatto tutta la carriera in club top, anche perchè se hai un budget da 300 milioni, penso che sarei bravo pure io a fare il DS, mentre la differenza la devi fare quando di milioni ne hai 20 o 30. In questo se pensiamo a cosa hanno fatto Atalanta, Torino e Lazio, possiamo dire che i loro DS hanno lavorato bene. Alla fine però in campo ci vanno i giocatori, quindi tutte ste pippe mentali che ci facciamo sui DS lasciano il tempo che trovano. Poi se ogni scusa è buona per attaccare la proprietà, va bene, ma da persone pensanti quale tu sei, mi aspetto che le cose non vengano buttate nel calderone alla rinfusa, ma esaminate per ciò che sono singolarmente

    • Lavora per il milan come giampaolo, spaccia? Per cui, che significherebbe?
      Mi dici perchè c’hai sta fissa, che ha mai fatto massara? Dico a parte portare grenier e prendere in giro i tifosi con dichiarazioni allucinanti, una minima traccia del suo passaggio pluriannuale nella Roma.
      Poi su tutto il resto, per carità sai che siamo d’accordissimo ma sta sponsorizzazione che hai sempre fatto non l’ho mai capita.
      Adesso vediamo che squadra fa massara, poi ne riparliamo.

      • Ciao unodepassaggio, giustamente per te che non conosci i maggiori scuters internazionali Massara o un’altro per te non fa differenza, ma si da il caso che sia uno dei più referenziati e competenti conoscitori dei giocatori under 20 mondiali, oltre che conoscere molto bene il mate in cui naviga.
        Certo, oggi non è facile scommettere su Massara, ne riparliamo tra qualche anno magari.
        Comunque sappi che i Lamela. Marquinaos. Pianjc. Schik. Emerson Palmieri…… Se vuoi continuo, chi li ha visionati per primo è stato Riky Massara é poi ha condiviso il lavoro con Sabatini.
        Be certo così è troppo facile, ma voglio fartene un’altro di nome, Pecini, forse ne hai già sentito parlare, ricordatene anche di questo che ne riparliamo tra qualche anno, comunque per tua conoscenza è quello che ha portato in Italia, Mauro Icardi, Keita, Correa, Praet, Torreira.
        Io non sponsorizzo nessuno sono solo un appassionato di calcio che ama la Roma.

  4. sono due anni che si parla solo di totti… questa storia mi ha stancato sinceramente.. per fare il dirigente o il direttore tecnico si deve studiare e non andare a giocare, durante l’anno, a calcetto, paddle o fare il gagliardetto a vita… oppure non presentarsi ad un incontro decisionale per la scelta del tecnico, soltanto per sciocche ripicche personali……
    d’ora in poi parliamo del futuro e della AS Roma, grazie!
    riguardo a totti e a derossi grazie di tutto, stretta di mano ma si guarda avanti, solo per il “Bene Supremo”…
    per eccesso di idolatria qualcuno se n’è dimenticato……C’è solo la AS Roma, la Maglia, i Colori, “il Vessillo”

  5. Sincerarmente non so piu’ cosa pensare di Totti..Sono due anni che non si sa cosa faccia o cosa vuole,mentre la roma va in trasferta lui va a giocare a calcetto all’estero,esce l’articolo de la repubblica(secondo me visto chi lo ha scritto è stato un pezzo penoso e di basso giornalismo)e non dice niente,e poi alla fine mi ha anche stancato questo suo non prendere posizione…per ora delusione

  6. Tutta fuffa, aria fritta, sapete solo ingiuriare persone che non sono state messe in condizioni di lavorare, quindi che non hanno partecipato a niente in società, e solo qualcuno nomina ogni tanto Baldini, che sono 8 anni che fa i propri comodi, fa e disfa a piacimento, ma gode di una immunità incomprensibile. La cosa che rasenta la follia è che Totti è anche accusato di avere ripicche personali verso qualcuno in società, quando il “puparo Baldini” in questi anni non ha fatto altro, a cominciare proprio dalla cacciata di Totti dai campi!!!!!!
    Totti non essere complice! Dissociati a questo declino!

    • la difesa a spada tratta va benissimo, vista la storia di Totti, però non ci dimentichiamo che per fare il ragazzo immagine (questo di fatto ha fatto fino ad ora), prende 600.000 euro l’anno, non è che il poveretto lo fa gratis. Sicuramente andrebbe fatta chiarezza, in primis per lui, però credo che toccherebbe anche a lui dire esattamente cosa vuole fare da grande, perchè mi pare che non ci sia neanche da parte sua tutta questa chiarezza su cosa effettivamente si sente in grado di fare. Un conto è fare il giocatore, altro è fare il dirigente, credo che questo anche un quindicenne ci arrivi a capirlo

    • @Blek Ahahahah “solo qualcuno nomina Baldini” e tutti ingiuriano Totti? Guarda che mi sembra esattamente il contrario. Vatti a vedere tutti i social della AS ROMA che ogni giorno sono zeppi di commenti offensivi anche oltre i limiti dell’umanamente sopportabile. Ma pensate a crescere prima di lamentarvi che in questa città provinciale non si vince niente. E te lo dice CAPELLO, uno che a Trigoria c’ha lavorato veramente arrivando anche 6° e 8°.

  7. Ancora con Totti ? Abbiamo ancora tutti negli occhi il grandissimo giocatore che è stato, ma fare il dirigente è proprio tutto un altro lavoro. Non tutti i grandi giocatori diventano grandi allenatori o grandi dirigenti.
    E lui francamente non mi pare uno che si voglia impegnare nello studio .
    Totti è comodo per provocare dibattito tra i tifosi sui social ora che il calciomercato non è ancora cominciato e le partite finite. Un po come le critiche su massara si massara no . E dico solo pure su massara.

  8. Totti si considera LA ROMA.
    Da giocatore aveva un suo staff medico, un suo ufficio a trigoria.
    Ha giocato fino a quando ha voluto (40 anni).
    Ha smesso, e ha subito pensato di fare l’allenatore (che ovviamente voleva dire allenatore della Roma perchè ce lo vedete all’Empoli?) iscrivendosi al corso..
    ..capito che l’allenatore non fa per lui, non rimane che fare il Presidente.

    Quindi se ne andrà, sbatterà la porta, farà casino contro Pallotta e appena possibile si metterà alla guida di una cordata contro Pallotta. La città scenderà in piazza ai suoi piedi e marcerà compatta…
    Lui vuole riprendersi la SUA Roma, non farne il bene…

    • Invece pallotta si eh: ce se sbatte pe fa il bene della Roma…mica il suo. Giusto?
      ahahahahah. Mammamia che tocca legge.
      Se non ci foste, NON bisognerebbe inventarvi.

      • Ma che c’entra?
        e certo pure Pallotta si fa gli affaracci suoi….
        Tutti, mi pare, se li siano sempre fatti….

        Adesso parlavamo nello specifico di Totti, che c’entra Pallotta?
        Dico solo che pensare a totti dirigente in mezzo ad altri oppure buon padre di famiglia fuori dal calcio e dalla roma vuol dire non aver capito nulla di chi è il Totti uomo.
        Secondo me (secondo me, poi magari mi sbaglio) il suo ego e gli interessi dei tanti che gli girano intorno lo porteranno, come dicevo, a “sfidare” Pallotta.
        Il che è legittimo e magari pure giusto, dico solo che non credo proprio che Totti oggi si metta a “lavorare” per questa squadra e società a pezzi …

  9. Oggi rinnovando l’abbonamento,in fila si parlava del perchè rinnovare la tessera ( tra l altro costa 5 euro farsela stampare…) E TUTTI dico TUTTI abbiamo voglia di contestare questa dirigenza finchè non mette in vendita la NOSTRA Roma! E anche per non far riempire le tribune dai turisti con i biglietti che er sor Pallotta vende a via del Corso tramite le show-girls….BASTA CON IL CIRCO DEGLI AMERICANI! PALLOTTA VATTENR

    • ..Se solo sapessi quanti tifosi – a partire dal sottoscritto – allo stadio non ci mettono più piede PROPRIO perchè ci stanno quelli come te che “abbiamo voglia di contestare questa dirigenza finchè non mette in vendita la NOSTRA Roma”!!

      PS: ti do una buona notizia: l’AS Roma è in vendita, lo è sempre stata…solo che deve venire qualcuno che a PAallotta ridia i 260 milioni spesi fino ad adesso, un giusto compenso e lanci un’Opa sulla società ….tra una cosa e l’altra, lo trovi tu uno con un miliardetto a portata di mano? Chiedi al viperetta….

  10. prima di iniziare di nuovo ad insultarci tra di noi, proviamo ad aspettare ?
    Per ora stiamo solo facendo illazioni perchè nessuno sa:
    1) se è vero
    2) se va via in disaccordo con la società
    3) se va via perchè si è reso conto di non avere ancora le competenze per il ruolo che la società vuole dargli.

    Aspettiamo la decisione finale e la sua conferenza stampa in cui ci comunicherà i motivi. Senza offesa, mi pare che ogni qualvolta abbia avuto veramente voglia di parlare, un’intervista non gliel’ha mai negata nessuno.
    Calma e vediamo …

  11. Quando ci si lamenta dell'”ambiente romano” che è assolutamente negativo per la crescita della squadra, ecco che intervengono tutti i Soloni a dire che non è vero niente, che i giornalisti, la stampa, ed i “cosiddetti tifosi” non hanno nulla contro la Roma, anzi mettono in luce gli aspetti che, secondo loro, necessitano di miglioramento. Non sono contrari a prescindere contro Pallotta e la sua gestione ma sono solamente motivati per una crescita della Società (in altre mani però). Poi leggi oggi che alcuni giudicano molto positivo il fatto che Fonseca, venendo da fuori, non conosce la nostra realtà ed è quindi in grado di incidere meglio sui giocatori. Ma allora l'”ambiente” esiste! Esistono quelli che pregiudizialmente criticano tutto e tutti. Ed io che quasi quasi mi ero fatto convincere dai “Pallotta vattene”. Forza Roma. Pallotta resisti! ahahah.

  12. Totti vattene!!! Noi vogliamo Fienga e Petrachi che parlano pure inglese tu oltre a succhiare soldi al nostro povero presidente che hai fatto?. Pallotta resisti grazie di tutto!!!

  13. Redazione perché non vedo pubblicata ancora questo mio post ?
    Non sto offendendo nessuno.
    Ho solo replicato a chi mi dice che butto le cose alla rinfusa.
    Visto che avete pubblicato il post di criPtico, penso sia giusto che possa replicare.
    Grazie

    Ciao criPtico.
    Certamente non sei tu quello che ha denigrato Massara.
    Ma non sono neanche io a buttare le cose nel calderone alla rinfusa.
    Io sono a conoscenza di aspetti che riguardano Massara ed alcuni lavori che aveva intrapreso, tanto è vero che con qualche amico della chat Fabiano, Fabrizio Anto’ e Lupo, mi ero anche sbilanciato sullo Massara dicendogli che sarebbe stato il futuro D.S. tre mesi fa questo avveniva..
    Penso che non facciano fatica a confermarlo.
    Ora nella sequenza dei fatti ci sta che una società possa fare una scelta piuttosto che un’altra, visto che comunque a Massara era stato dato mandato di parlare per la Roma “cosa che lui ha fatto realmente lo so con certezza perche oltre a Quame’ si è sbilanciato con Gasperini e con alcuni procuratori di giocatori dell’Atalanta”
    Tutto questo gli era stato confermato a Boston ora se Massara è andato a Boston insieme a Baldini e poi se ne andato in giro per Boston a fare il vagabondo , questo non lo so con certezza, ora visto che Baldini successivamente alla visita alla città
    Di Boston, per mano di un suo amico procuratore che gli ha proposto il nome di Petrachi e soppianta tutto il lavoro di Massara perché devo credere alla lettera aperta che James ultimamente ha scritto a noi tifosi ?
    La Roma il 4 mesi ha cambiato strada 3 volte, è vero che non sai mai quale sarà la più tortuosa, ma invece di scrivere lettere perché James non prende sto toro per le corna invece di delegare a qualcuno che non fa parte dei quadri socetari ?
    Ciao e SEMPRE FORZA ROMA.

    • ciao Spaccia, io credo che Massara sia un ottimo professionista e che stesse lavorando con serietà per la Roma. So anche però per esperienza che a volte, quando si fanno dei repulisti societari, ci finiscono dentro non solo persone che lavorano male ma anche aderenti a certe “parrocchie” che si vuole smantellare per fare pulizia. Io, bada bene, non tifo alcuna parrocchia e meno che mai quella di Baldini, ma credo che qualsiasi società funzioni meglio se la linea è una sola e non 4 o 5 che si fanno la guerra tra loro (come alcune vicende recenti sembrano aver dimostrato inequivocabilmente), quindi sono favorevole a questa operazione di pulizia profonda, anche se coinvolge alcuni personaggi meritevoli, sperando che si possa ripartire da una struttura operativa che sia effettivamente coordinata e che miri agli stessi risultati. Alla fine il lavoro “vero” non lo fanno nè Pallotta nè Baldini, ma le persone che loro mettono lì, e la sola cosa che ci possiamo augurare è di non vedere più preparazioni sbagliate con 50 infortuni muscolari, giocatori che giocano contro un allenatore, acquisti fatti senza consultare un allenatore. Direi che augurarci questo è volere il bene della Roma. Se poi davvero si presenta lo sceicco che convince Pallotta a vendere io sono la persona più felice del mondo, ma fino a quel giorno mi accontento di avere una struttura sensata e una squadra che mi faccia divertire la domenica. Ciao a te e sempre Forza Roma

      • D’accordo, fino ad un certo punto, in quanto Baldini e Sabatini fanno ancora parrocchia insieme mentre Massara con questa mossa si è liberato di entrambe.
        Vedremo cosa ci riserverà il futuro, una cosa è certa che un’altro buco nell’acqua e questi a Roma e meglio che ci passino lontano di parecchio e di questo condivido in pieno il post di Patrizio pubblicato ieri in merito ai violenti..
        Ciao criPtico, FORZA ROMA SEMPRE.

        • caro Spaccia i timori di Patrizio saranno anche sacrosanti, ma davvero un gruppetto di “tifosi” può premettersi di decidere chi può venire a Roma e chi no? ammesso e non concesso che la Roma quest’anno vada peggio dello scorso anno, cosa che nel calcio potrebbe anche accadere, stiamo forse qui a giustificare che in nome di 11 ragazzini milionari qualcuno minacci delle persone? che minacci di fare danni? ma stamo a scherzà? i toni che noi vediamo dovrebbero vederli anche quelli che su queste polemiche sterili ci stanno sguazzando (social, siti, giornali, radio) e magari calmare le acque perchè stiamo parlando di un gioco, non di cose di vitale importanza. E se qualcuno in nome della Roma pensa di poter minacciare o colpire un’altra persona, per me può anche andarsene in galera senza passare dal via, perchè è solo un delinquente qualunque e non ha niente a che fare con il tifo sano

    • Caro Spaccia,
      ormai ho il dubbio che forse la spaccatura non è tanto tra Totti e Baldini, quanto tra Baldini e Pallotta.
      Il che sarebbe quanto meno grave salvo che, come cercava di farmi capire Patrizio (Patrizio scusa mi rimandi l’email che hanno tolto l’articolo), Baldini non svolga il ruolo di rappresentante di un socio occulto di cui noi non conosciamo il nome.
      Che.. detto fra tifosi.. non ci interesserebbe (forse) neanche sapere se ci portasse uno scudetto ogni anno.

      • vediamo chi possiede veramente unicredit. visto che quando si parla di azionariato in giro si trova sempre sto 5.04 degli arabi e pare che siano azionista piu’ importante del gruppo mentre si parla sempre di questo 62 percento istituzionale che detto cosi’ sembra istituzionale italiano ma che poi si specifica essere istituzionale americano.
        sono riuscito ad estrapolare da internet quel poco che “concedono” di mostrare ai non addetti ai lavori e guarda un po’ che è uscito? (ricordo che questi sono solo una parta di quell’ istituzionale americano o anglo americano di cui si parla “molto velocemente” )

        State Street Bank
        Boston-CEients Account 10.8

        Société Généraie 7.9

        Aabar Luxembourg 5.04

        Capital Research 3.6

        Morgan Stanley Equìties 2.7

        jp Morgan Securities 2.6

        Bardays Securities 2.4

        Peopfe’s Bank of China 2.1

        Fondazione Cassa Torino 1.9

        Fondazione Cariverona 1.8

        gia da questo poco che ho “rimediato” escono fuori a parte arabi e francesi fondi americani che esistono il piu’ vecchio da 150 anni e gli altri da almeno 100 ( praticamente una grande tradizione di famiglia ) ed il campione di tutti questi fondi di nonno in nipote americani è proprio guarda caso di Boston.
        Io non ho prove e quindi cio’ che dico è una favola allucinata della mia mente perversa ma IO che posseggo una banca che a sua volta vanta crediti per molte centinaia di milioni di euro o dollari ( scegliete voi ) verso una società di calcio e verso un costruttore locale entrambi sull’orlo del fallimento non avrei paura che la banca che io posseggo possa perdere tutti quei soldi? beh io il timore lo avrei veramente e allora so che per recuperarli devo fare in modo che i miei debitori possano permettersi di pagarmi, e come faccio?
        Veicolo l’acquisto del club ad un capace trader con il quale sicuramente ho avuto gia’ a che fare e gli garantisco che da questa storia ne uscirà piu’ ricco (lui è un trader io sono uno dei fondi economici con cui ha spesso lavorato visto che siamo entrambi di boston e che il trader è pure bravo tanto da avere un trand costante del 20% a salire per la società di speculazioni che possiede )
        Al trader permetto di compare la squadra con la quale costruirà un centro business da 1 miliardo e mezzo insieme al costruttore di cui prima si parlava e all’interno dello stato dove la banca che IO posseggo o controllo se la comanda a livello istituzionale per evidente dimensione. Spesso in giro si fa la battuta vera o no che unicredit è un ministero dello stato. ora per favore non scendiamo dalla montagna del sapone pensando che politica ed economia non siano connesse. chi vuol capire capisca.
        A questo punto del presente cosa è successo?( tralasciamo tutti i movimenti di questi anni e concentriamoci su inizio appena detto e presente che sto per dire )
        unicredit è rientrata del debito roma
        unicredit è rientrata del debito parnasi o sta rientrando in quanto pallotta sta comprando i terreni a eurnova.
        unicredit è felice, i proprietari veri o maggiori e minori azionisti americani riuniti sono felici perchè la loro o per meglio dire una delle loro banche ha ripreso i soldini a rischio.
        tutta l’enfasi politica di tre giunte per far fare lo stadio sta improvvisamente scemando rallentando intoppando… ops. ma guarda un po’… ripresi i soldi finite le spinte?
        se pallotta farà lo stadio se ne andrà con un miliarduccio in piu
        se pallotta non farà lo stadio ha comunque risanato i debiti della roma e se ne andrà con 200 milioni in piu’
        il consulente sportivo INTOCCABILE ( ma perchè unico intoccabile visto che in tanti anni li ha cambiati tutti? ) è ancora li.
        ancora li come prima figura nell’organigramma roma da quando è iniziato tutto
        e pare per il momento unica figura sempre presente ed incontestabile dalla proprietà… premetto: non è vero ma se chi possiede la banca avesse voluto una figura di riferimento a controllo del lavoro del trader pare che per esclusione per licenziamenti sia rimasto giusto il consulente sportivo. chissà… tutte paranoie mie che mi annoio.

        Quel che penso io è che pallotta visto che mi sono letto un po’ della sua storia professionale sia un uomo capace raptor, celtics, tutte società che dal nulla sono diventate importanti e che baldini sia l’uomo giusto per conoscenza sportiva e conoscenze internazionali non sportive per poter fare da controllore per gli azionisti d’oltre oceano consigliati dagli azionisti d’oltremanica.

        comunque l’email asterix è veganemesi@hotmail.com cosi’ te la puoi riappuntare.

  14. certo no si puo dire che a via tolstoy non si lavori sempre solerti a commentare in favore della societa vi si vede dalle finestre chiudete le tapparelle, per inciso de rossi è andato via spero che vada via anche totti tanto è provinciale ignorante ruba lo stipendio, cosi dopo che questa grande società avrà tolto le mele marce ci farà vincere , o siete prezzolati o siete illusi delle due l’una. per rudifeller cambia nik che non te lo meriti

    • @nico fatti i ca××etti tuoi. Vuoi pure decidere cosa mi merito? Ma cosa ne sai? Mi conosci? E soprattutto, ma tu chi sei?
      Tu speri che Totti vada via? Io a differenza tua, che non tifo per i gagliardetti, spero che Totti rimanga, ma spero che rimanga a guadagnarsi uno stipendio da dirigente come certamente se l’è guadagnato da calciatore. Invece quelli come te sono pronti a sputare su chi ha delle competenze e poi affiderebbero ruoli decisionali a chi competenze non ha ancora dimostrato di averne. Basta che so daaroma come noi.

  15. Finalmente via Totti e De Rossi.. dal prossimo anno andiamo vincere lo scudetto !!
    Era ora di deromanizzare la Roma.. Estendiamo questo principio anche ai giocatori che stanno a Roma da più di 2 stagioni a svaccare.. Manolas, Dzeko, Elsharawy, Under, ecc..
    Finalmente un allenatore ed un Ds scelti solo da Baldini e Pallotta..
    Loro gli daranno un budget finanziario sufficiente a fare una squadra vincente..
    Il Ds avrà tanti e tali soldi che potrà prendere due per ogni ruolo (non come quest’anno che quella p..a di Monchi ha preso solo trequartisti).
    L’allenatore non dovrà fare nulla perché avrà a sua disposizione dei Campioni (non come quella p..a di Difra che metteva Kasdrop o Florenzi esterno destro).
    Dajeee torniamo a vincere !!!!

  16. D’accordo, fino ad un certo punto, in quanto Baldini e Sabatini fanno ancora parrocchia insieme mentre Massara con questa mossa si è liberato di entrambe.
    Vedremo cosa ci riserverà il futuro, una cosa è certa che un’altro buco nell’acqua e questi a Roma e meglio che ci passino lontano di parecchio e di questo condivido in pieno il post di Patrizio pubblicato ieri in merito ai violenti..
    Ciao criPtico, FORZA ROMA SEMPRE..

  17. Innanzitutto se vuoi sapere Totti cosa facesse, rivolgiti a Baldini è lui che lo sta osteggiando in tutti i modi, e poi la parola dirigente ha un significato ben preciso ovvero,” che dirige”, e a lui non è stato fatto dirigere un bel niente, non dipende da lui, se sta aspettando da 2 anni che “puparo Baldini” gli conceda di avere un ruolo. Ma non lo ha fatto e non lo fa, perchè sa benissimo che sarebbe per lui un ostacolo alle decisioni, come tutte quelle di m. che ha preso finora. In ogni caso non vuole far parte del prossimo ridimensionamento della società,che lui avrà già visto programmare!

  18. E’ un mistero come Petrachi possa già lavorare per la Roma. Speriamo ci sia un accordo con Cairo, in attesa che definiscano le LORO pendenze economiche. Altrimenti non ci fa una bella figura ne’ lui ne’ la Roma. Detto questo Petrachi va benissimo visto che ha dato prova di saper operare. Massara poteva scegliere se fare il secondo o provare a camminare con le sue gambe. Ciao e grazie. Totti è un mistero. Signori, nei panni di Pallotta avreste dato tutta l’azienda ( con anche il libretto degli assegni) in mano ad un ex calciatore che ha fatto un po’ di apprendistato con Monchi? Io no! Stavolta Pallotta invece di un uomo solo al comando ha scelto di affiancare a Petrachi e Fienga anche Totti. Se Baldini si opponeva avrebbe fatto una figurina con JIM. Troppo furbo. Intanto a Londra continua a mungere. Prima o poi Jim si accorgerà che i veri Romanisti sono altri. (Sabatini: ultimo grande dirigente-competente-romanista)

  19. MA chi? quelli che scioperano per le barriere? che vanno a protestare per DDR con lo striscione “NO al nuovo stadio?”
    Stanno (state?) a fa’ una battaglia politica contro la società, contro Pallotta per continuare a comandare e farsi – anche loro – i propri interessi.
    De romanisti hanno poco…

  20. Ci stiamo a sbattere per Massara e tutti gli altri dirigenti quando sono due anni che ci soffiano da sotto il naso i campioni e noi non diciamo niente. Mettiamo al centro lo sport. Forse leggendo i nick e i commenti una risposta me la sono data ma spero di sbagliarmi. Ho vissuto la Roma vincente dei primi anni 2000 eravamo vincenti anche noi tifosi che pretendavamo l’acquisto di grandi giocatori in estate e contestavamo anche solo una cessione importante. Siamo arrivati ad oggi e il quadro sportivo è desolante a confronto. Poi dei conti me ne importa relativamente perché sono tifoso non commercialista amo il bel calcio non la calcolatrice. Mi dispiace a morte questo abbassamento del livello rispetto a come si erano messe le cose ai tempi del record di punti. Dico che il city vince stando fuori dai parametri e il Milan si qualifica ai nostri danni direttamente in El. E sono solo gli esempi eclatanti. Dico che le generazioni dopo la mia sono cresciute con le trombe di Di benedetto e Pallotta assecondando e applaudendo ogni loro scelta. I risultati sportivi soprattutto dopo gli ultimi due anni di s vendite sono sotto gli occhi di tutti. Contestare alle volte può essere produttivo se fatto civilmente. Ps: 11 non sta per l’età. Magari.

    • L’unico modo di mandare via Pallotta è non fare lo stadio. Ma poi lo stadio è della società o di Pallotta? Perchè nel secondo caso la Roma che ci guadagna? Possibile che non si trovi uno con 400-500 milioni che la compri?

  21. Ho ripreso un articolo del 28/07/2017 di una intervista a Pallotta. (di Bianca Rinaldi)
    James Pallotta non si ferma, dopo il duro attacco al Milan (leggi QUI), ha parlato anche del suo rapporto con Walter Sabatini e con il nuovo direttore sportivo Monchi: “Pensavo andasse fatto un cambiamento perché avevo perso molta fiducia nel mio direttore sportivo dopo i primi due anni. Non solo il tipo di giocatori che stavamo comprando, ma un po’ di cose. I primi due anni sono stati ottimi, ma avremmo dovuto costruire su quelli e invece lui continuava semplicemente a fare scambi. Quindi ad agosto, parlando con Franco Baldini, ho detto che avremmo dovuto prendere un altro direttore sportivo. Ho chiesto di Monchi, Baldini mi ha detto che non sarebbe andato da nessuna parte, ma che gli avrebbe fatto una telefonata. Uscì fuori che Monchi voleva parlarmi! Voleva andare via, abbiamo avuto delle riunioni segrete e ci siamo trovati bene da subito. Siamo stati fortunati a prenderlo perché qualcun altro lo voleva per molti più soldi. In due mesi è stato un dono del cielo”. Franco vattene!

  22. Sentilo Leggeri con la sua retorica da ventennio! Daje che siamo nel 2020 quasi.

    “La società sta mettendo alla porta la storia della Roma”.

    Certo, la Roma gli offre il ruolo di Direttore Tecnico, lui rifiuta ed è la Roma che lo manda via. Bella la vita degli imbonitori in malafede.

  23. Leggeri abusa del mezzo radiofonico con l intento di aizzare le folle.
    Concetti veri o falsi giusti o sbagliati non voglio neanche giudicarli ma il modo in cui li esprime e il messaggio subliminale che manda è sempre border line con il rischio che qualche instabile lo prenda seriamente e faccia qualcosa di sprovveduto.
    Come già chiosato da Spaccia condivido anche io il post di Patrizio di ieri sul rischio che qualche ultras si lasci manipolare da questi personaggi e compia gesti estremi

  24. Certo voi romanisti siete proprio incontentabili.dopo aver speso miliardi di dollari,aver ripulito l aaambiente da sti romani brutti ignoranti e sopravalutati e allestito una squadra di fenomeni a livello mondiale ancora c’è l avete con il nostro grande presidente.mi raccomando a giugno poi tutti sul carro del vincitore a fare i caroselli a Pallotta city per festeggiare i nostri gloriosi traguardi.noi non vogliamo i giocatori vogliamo solo plusvalenze e quartiere adatto al nostro grande cesare.ave Pallotta moriturant te saluta

  25. Ciao unodepassaggio, giustamente per te che non conosci i maggiori scuters internazionali Massara o un’altro per te non fa differenza, ma si da il caso che sia uno dei più referenziati e competenti conoscitori dei giocatori under 20 mondiali, oltre che conoscere molto bene il mate in cui naviga..
    Certo, oggi non è facile scommettere su Massara, ne riparliamo tra qualche anno magari.
    Comunque sappi che i Lamela. Marquinaos. Pianjc. Schik. Emerson Palmieri…… Se vuoi continuo, chi li ha visionati per primo è stato Riky Massara é poi ha condiviso il lavoro con Sabatini.
    Be certo così è troppo facile, ma voglio fartene un’altro di nome, Pecini, forse ne hai già sentito parlare, ricordatene anche di questo che ne riparliamo tra qualche anno, comunque per tua conoscenza è quello che ha portato in Italia, Mauro Icardi, Keita, Correa, Praet, Torreira.
    Io non sponsorizzo nessuno sono solo un appassionato di calcio che ama la Roma.

  26. Si chiama Rudy Voeller o Rudy Voller con due puntini sulla o continua a storpiare il nome di un giocatore della Roma e continua ad attaccare Totti tutti i giorni facendo finta di non sapere la storia della Roma e del suo giocatore più forte e rappresentativo quindi per me tu sei un tifosotto della lazie sei una persona senza vergogna che si diverte a scrivere su un sito romanista in un momento buiio approfittando della situazione per mettere zizzania adesso hai stufato vai a scrivere sui siti della tua lazie basta basta

  27. qualche domanda: qual’è a tutt’oggi il numero con nome della maglietta della Roma più venduta nel mondo ? ce li faranno 600.000€ o de più ? ma se Totti va via la Roma le può vendere ancora le maglie con il suo nome ? ma Zanetti vicepresidente dell’Inter che fa ? ultima domanda: da 1 a 10, quanto rosicate che non ve chiamate Totti il più grande giocatore che avete visto mai qui a Roma ??? e a leggere certi commenti sarebbe stato meglio fosse andato via da sta fogna quando era giocatore, avrebbe guadagnato il quadruplo e vinto un paio di palloni d’oro, alla faccia vostra.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here