Montervino a RN: “Dispiace non avere i tifosi della Roma al San Paolo, sono stanco di vedere partite senza ospiti”

1

ROMANEWS WEB RADIO MONTERVINO – Continua la marcia d’avvicinamento a Napoli-Roma. In quest’ottica, ai microfoni della Web Radio di Romanews.eu, è intervenuto nel corso della trasmissione ‘Non Rassegniamoci’ Francesco Montervino, ex calciatore partenopeo dal 2004 al 2009. Ecco le parole sulla sfida del San Paolo:

NAPOLI-ROMA –Noi a Napoli ci avviciniamo a questa partita vivendola in maniera particolare: questo turno potrebbe essere decisivo per il campionato, è un turno pericoloso sia per noi che per la Juventus incrociando le due romane ma la squadra di Sarri è in grande condizione. E proprio vista la condizione della Roma e quella della Lazio forse il Napoli ha il turno migliore, più facile ma tra virgolette, visto che i giallorossi possono regalare sorprese. Gli azzurri sono molto forti nella testa, nella condizione psicologica, la squadra esprime un calcio eccezionale, si fidano di quello che fanno. Non interessa chi sia l’avversario, i giocatori hanno stima dei propri mezzi. Però è chiaro che la Roma viene vista in maniera diffidente per i valori che esprime e la particolarità della gara: è comunque un derby del Sole. La squadra di Di Francesco ha individualità importanti. È una sfida vissuta con rispetto ma non con paura”.

IL DIVIETO AI TIFOSI – “Sarebbe molto semplice ridurre il tutto a dichiarazioni come ‘mi dispiace, purtroppo sono successe cose in precedenza che impauriscono l’ambiente’, la realtà è che noi purtroppo siamo governati da uno Stato, anche nella sua appendice sportiva, che rasenta il ridicolo. Sono stanco di vedere partite dove non ci sono tifosi ospiti ma mi aspetto anche che ogni tifoseria impari a rappresentare la propria fede senza cadere in comportamenti beceri, solo con cori, sciarpe e bandiere straordinarie. Dispiace non avere i tifosi della Roma al San Paolo, il match deve diventare uno spettacolo e così lo sarà meno”.

PUNTI DEBOLI E PUNTI DI FORZA – “Il Napoli è estremista nel proprio modo di proporre ogni azione e ogni momento di gioco. La qualità e la differenza tra le squadre ora è abissale, molti singoli in casa azzurra sono in un momento straordinario. Per quel che riguarda la Roma, dire che Dzeko e Nainggolan sono i più temuti è scontato, io sono un estimatore di Schick: potrebbe fare la differenza da un momento all’altro, è stato seguito anche dal Napoli in estate, ma ha numeri strepitosi e ha fatto vedere solo il 5% del suo potenziale. Difetti? Il Napoli ogni qual volta ha affrontato una squadra con una difesa a 3 ha incontrato difficoltà, lo stesso Spalletti lo scorso hanno la risolse con il suo 3 e mezzo dietro, non so perché ma la squadra di Sarri fa più fatica a imporre i propri ritmi contro difese schierate così. Hamsik? Giocherà, ha risolto i problemi con l’influenza. Lui è un fuoriclasse, non si fa fatica a riconoscerglielo, magari si vede poco e non finisce sulle prime pagine grazie al gossip, ma merita ogni bene, è un professionista serio. Quella tra Napoli e Roma è una partita che appassiona tutti gli amanti del Calcio, speriamo sia una festa”.

Loghi-Davanzo

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

1 commento

  1. Ormai siamo all’isolamento delle tifoserie meglio a questo punto fare giocare a porte chiuse quando di un’erba malasan se ne fa un fascio anche con quella buona.
    Siamo uno stato di stupidi dove la parola prevenire è ormai solo rivolta al terrorismo, per resto si interviene sempre quando è troppo tardi o vietando drasticamente trasferte ,ora nel mirino ci sono maggiormente i tifosi romanisti.
    Ormai il calcio allontana dagli stadi ormai la televisione è più comoda.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here