Di Francesco: “Zeman? L’ho sentito, è stato travisato. Karsdorp non si deve abbattere”

1

CONFERENZA STAMPA DI FRANCESCO – L’allenatore giallorosso Eusebio Di Francesco interviene in conferenza stampa alle ore 13.00 alla vigilia di Empoli-Roma. Il tecnico capitolino introduce la sfida con i toscani, valida per l’ottava giornata di Serie A, rispondendo alle domande dei giornalisti presso la sala conferenze del centro tecnico sportivo Fulvio Bernardini di Trigoria.

 

Paonessa, Roma Tv: L’Empoli ha raccolto meno di quanto meritato forse. E’ d’accordo? Questa trasferta è un banco di prova importante?
Il banco di prova è tutti i giorni, non dobbiamo mai smettere di dimostrare la nostra crescita. E’ un test importante, con una squadra in salute che avrebbe meritato di più per come gioca e per quello che ha dimostrato. Ha un insieme di dati che fa pensare che è una squadra importante, bisogna far i complimenti ad Andreazzoli.

Censi, Roma Radio: Torna ad Empoli per la prima volta dove lei è stato. Le fa piacere?
Più che emozionante è un piacere tornare ad Empoli, dove ho tanti affetti: a partire da Nicola Caccia, con cui sono cresciuto e condiviso tante gioie, mi fa piacere tornarci. Da allenatore della Roma è la prima volta ed è sempre un piacere.

Mangiante, Sky: Kolarov come sta?
Domani gioca Luca Pellegrini. Kolarov non sarà convocato, oggi non camminava nemmeno. Bisogna fargli i complimenti per la disponibilità da uomo che ha avuto nei confronti della squadra.

Veniamo da serate di Champions con l’en plein delle italiane, che tipo di segnale è?
Di crescita, ma quello che serve ora dopo questi risultati è la continuità. E’ fondamentale, non esaltarsi più di tanto, ma qualche passo avanti lo stiamo facendo e di questo ne siamo contenti come calcio italiano.

Matera, Sportitalia: Rivedremo Santon con Florenzi in avanti?
Sono sicuri solamente Manolas e Pellegrini. Per il resto ho tanti dubbi, deciderò anche domani in base alle caratteristiche dei loro attaccanti. In mezzo al campo confermerò Lorenzo e Nzonzi, De Rossi se dovesse star bene, in caso Bryan. Dzeko gioca sicuramente, poi gli esterni vedremo. Così vi ho dato un’infarinatura sulla formazione.

Moio, Il Romanista: De Rossi come sta? Come va la crescita di Coric?
Ci sono percorsi per alcuni ragazzi importanti ed Ante sta facendo questo, ha qualità importanti, io ho utilizzato 23 elementi ho dato possibilità a tutti e quindi prima o poi la avrà anche lui, sono convinto abbia mezzi importanti. Oggi De Rossi ha fatto tutto l’allenamento, quindi credo che giocherà. Se dovesse essere a posto partirà dall’inizio.

Menghi, Il Tempo: Karsdorp e Schick quando diventeranno importanti?
Vedremo. C’è un percorso di crescita anche lì, Karsdorp viene da un infortunio importante, c’è un insieme di cose su cui deve lavorare e migliorare e non si deve abbattere, le possibilità arriveranno per tutti. Schick ha alternato cose buone a cose meno buone, sono convinto delle sue qualità, adesso come centravanti cerco di sfruttare la vena che ha avuto martedì Edin.

D’Ubaldo, Corriere dello Sport: Andreazzoli ha avuto un ruolo nella scelta di diventare allenatore? La possibilità di spostare Florenzi in avanti è un esperimento che potrà andare avanti?
In certe sì, domani no. Se dovesse giocare domani, giocherà terzino. Io ed Aurelio ci scambiavamo tante cose a calcio tennis, eravamo un bel gruppo. Io prima parlavo poco di calcio con loro, perché ero team manager e rispettavo certe cose. Era l’ultimo dei miei pensieri diventare allenatore, mi dava i consigli ma non ascoltavo (ride, ndr).

Cecchini, Gazzetta: hai già risposto sulla questione Schick, perché non so se hai visto ha anche parlato Zeman a riguardo. Non c’è il rischio che il giocatore perda tempo, mentre altrove potrebbe crescere? La sosta è positiva?
Io la sosta la vedo sempre positiva per andare a recuperare la tanta dispersione di energie fisiche e mentali. E’ importante anche staccare perché poi vedersi tutti i giorni non aiuta e riposarsi mentalmente per l’allenatore e per gli altri è importante. Però manca domani, perché è una sfida difficilissima dove dobbiamo conquistare i tre punti, per risalire la classifica. Zeman mi ha detto che è stato travisato, non ha mai messo in discussione le qualità di Patrik. E’ ottobre, dire che dobbiamo mandarlo da un’altra parte è un errore e poi ci sono dei periodi: fino ad una settimana fa Pellegrini non era da Roma, oggi bisogna rinnovare il contratto. Ritorniamo al concetto di equilibrio, aspettiamo, perché a volte ci sono giocatori che hanno tempi di maturazione più lunghi degli altri e quando iniziano non si fermano più. Aspettiamo, perché Patrik ha caratteristiche importanti.

De Angelis, Rete Sport: dove l’Empoli può mettere in crisi la Roma? Dove ha lavorato di più?
Non lo posso dire… Comunque vanno bene in verticale, si muovono coordinati tra attaccanti e trequartista, sono bravi a fare aggressione alta, magari soffrono un po’ sull’ampiezza però sono organizzati. Abbiamo preso le giuste precauzioni per difenderci, ma anche per attaccare perché noi dobbiamo andare lì a prenderci la partita. Dobbiamo essere bravi ad approcciarla nel modo giusto.

Trinca, Tele Radio Stereo: Kolarov non parte per Empoli, andrà in nazionale?
Io non parlo mai con federazioni e ct, non so neanche chi fa parte della federazione. Credo che lui debba andare, oggi non cammina e mi sembra inopportuno che possa giocare in nazionale. Però ha dimostrato di poter giocare anche in quelle condizioni. Io nelle nazionali non mi intrometto, sono sicuro che la società farà di tutto in caso per farlo rientrare prima possibile.

Da Trigoria
Alessandro Tagliaboschi

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here