El Shaarawy: “Non è un problema mentale, dobbiamo lavorare meglio in difesa e ripartire” (VIDEO)

2

ROMA CHIEVO LE INTERVISTE – Tutte le dichiarazioni dell’attaccante giallorosso Stephan El Shaarawy in occasione di Roma-Chievo.

EL SHAARAWY A ROMA TV

Un tuo gol ha sbloccato la gara, poi sul doppio vantaggio la squadra non mette per 90’ quella determinazione in più.
“Sì, mancava quel pizzico di determinazione in più per chiudere la gara. In Italia non è mai finita e quando concedi anche poco le squadre lo sfruttano. A parte questo due episodi abbiamo dominato la partita. Se fosse entrata la mia palla o l’occasione di Dzeko non staremmo parlando di crollo. Ma dobbiamo sfruttare le occasioni”.

È un demerito della Roma non alzare il ritmo in alcuni momenti della gara?
“Credo sia nostro demerito non aver vinto la partita. Non possiamo prendere gol quando siamo in vantaggio di 2 reti. Abbiamo già passato questa difficoltà, ma dobbiamo alzare la testa”.

Ogni tanto non prendere gol è un buon segno. Sul 2-0 non bisogna per forza cercare il terzo gol.
“Sì, conta la fase offensiva ma anche difensiva è vero. Forse siamo la squadra che ha preso più tiri, dobbiamo migliorare la fase difensiva di tutta la squadra. Questa è stata la nostra forza l’anno scorso e dobbiamo ritrovarla”.

Crede che la squadra avverta una pesantezza mentale ad uscire fuori da questo momento?
“Non credo mentale, soprattutto dietro abbiamo giocatori che hanno fame e esperienza. Credo che l’aspetto mentale conti, in parte, dobbiamo lavorare difensivamente meglio e ripartire. Ma anche in fase offensiva dobbiamo migliorare in cattiveria, me compreso”.

Real Madrid-Roma non è certo da preparare.
“A livello mentale no, la motivazione viene da sola contro i Campioni d’Europa. Non dobbiamo pensare all’ambiente e allo stadio, ma fare la nostra partita”.

EL SHAARAWY IN ZONA MISTA

Come si spiega questo pareggio? Eravate in vantaggio e avete rischiato di perdere…
“Abbiamo rischiato anche di perderla, è una cosa su cui dobbiamo riflettere. Non è la prima volta che succede, anche se oggi abbiamo dominato per lunghi tratti del match. Dovevamo chiuderla quando avevamo possibilità. Ci hanno condizionato gli episodi, dovevamo stare più attenti in fase difensiva”.

Questi black out?
“Dobbiamo migliorare molto, a livello difensivo a cominciare dagli attaccanti. Dobbiamo alzare la testa e continuare a lavorare. Dobbiamo ripartire”.

Come si spiega questo calo psicologico, avete smarrito la forza mentale che avevate avuto contro Barcellona e Liverpool?
“Si, queste partite ci devono dare consapevolezza, dobbiamo avere la stessa testa e resettare il risultato di oggi. Mercoledì sarà dura perchè giochiamo contro ci campioni in carica, ma dobbiamo lavorare e guardare avanti”.

Le pressioni?
“Una vittoria ci avrebbe facilitato a livello mentale, ma siamo abituati a questi periodi. L’unica strada per uscirne è il lavoro”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here