Petruzzi: “L’Inter ha qualcosa in più della Roma”

39

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Avv. Luigi Esposito a Centro Suono Sport: “Quest’anno la Roma non mi ha esaltato così tanto a parte la partita perfetta col Barcellona, detto questo per me la squadra di Di Francesco è da terzo posto in classifica perché l’Inter ha qualcosa in più, mentre per quanto riguarda il Napoli non sono in grado di giudicarlo perché dobbiamo aspettarci qualche colpo di mercato e una rivoluzione tattica, con Ancelotti che giocherà con il centravanti di sfondamento”.

Federica Afflitto a Centro Suono Sport: “Firmare per un secondo posto e la vittoria della Coppa Italia? Direi che la Coppa Italia servirebbe per chiudere o un doblete o un triplete, da sola non significherebbe niente. A me il secondo posto non interessa niente perché io mi emozionerei di più per una semifinale in Champions League. Io adesso vedo la Roma dal secondo posto in giù, mentre Inter e Napoli le vedo molto più vicine tra loro rispetto l’anno passato perché i nerazzurri hanno acquistato più consapevolezza dei propri mezzi e i partenopei hanno qualcosa in più con Ancelotti: saranno determinanti le prime giornate”.

Fabio Petruzzi a Centro Suono Sport: “Io firmerei per un secondo posto e la vittoria della Coppa Italia, ma la Roma non è la seconda forza di questo campionato perché secondo me l’Inter ha qualcosa in più, mentre il Napoli lo scorso anno ha fatto qualcosa di straordinario, però il 30-40% lo aveva dato l’allenatore che aveva reso dei giocatori normali dei grandi giocatori, adesso con Ancelotti non sarà così perché assumerà un gioco diverso rispetto a quello di Sarri”.

Checco Oddo Casano a Centro Suono Sport: “L’obiettivo di Di Francesco e Monchi era perfezionare la rosa, completarla, per l’inizio del ritiro. Tutto quello che succederà da qui al 18 agosto è indubbiamente legato ad Alisson. Confido e credo nel lavoro di mister Di Francesco, in allenamento c’è un’intensità incredibile, ritmi intensi e cura del minimo particolare. La preparazione quest’anno è stata organizzata in maniera più logica e i risultati si vedranno. Contento che nella Roma abbia prevalso il buon senso e il prossimo allenamento al Tre Fontane sarà accessibile a tutti, come è giusto che sia”

Max Leggeri a Centro Suono Sport: “Alla vigilia del primo test stagionale, è bello già pensare alla prossima stagione, al di là di Ronaldo alla Juve, della cessione di Nainggolan che ancora fa male, quando torna a giocare la Roma, il romanista scende nuovamente in campo: sold out a Latina, lì non serviranno le mail per entrare, basterà pagare! Sto seguendo con passione gli allenamenti della Roma, vedo un lavoro straordinario di Di Francesco: la Juve è nettamente superiore a tutti, ma sapere che c’è un gruppo capitanato da un uomo che sta chiedendo intensità, abnegazione, forza, carattere, pressing alto e mentalità vincente, mi fa ben sperare”

Furio Focolari a Radio Radio Pomeriggio: “Se Pastore ritrova lo smalto è un grande giocatore. Nainggolan? Se Sabatini dice che Spalletti era in grado di controllarlo allora è una tiratina di orecchie a chi invece non lo ha saputo fare. Benatia il colpo più importante di Sabatini, ha incassato tanto”.

Ivan Zazzaroni a Radio Radio Pomeriggio: “Questa seconda vita di Radja poteva rappresentare un problema per Di Francesco, forse anche per il gruppo. Era un giocatore che andava venduto. Radja aveva un’autonomia, Spalletti evidentemente aveva toccato le corde giuste e lo teneva a bada. E’ ovvio che non ci sia nulla di tecnico nella cessione di Nainggolan”.

Alessandro Austini a Tele Radio Stereo: “Mi ha colpito vedere un migliaio di tifosi alle 17.30: per me sono comunque tanti anche se lo stadio non era pieno. Dagli allenamenti di questi giorni e dall’intervista dell’altro giorno, mi sto innamorando di Coric. Under? È stato il colpo più importante di Monchi, non mi stupirei se in prospettiva futura arrivassero offerte per il turco. Potrebbero arrivare richieste già in questa sessione, ma per la Roma è un calciatore incedibile. Karsdorp giustamente ha bisogno di fare allenamenti e di tranquillizzarsi: partirà titolare Florenzi, poi l’olandese si giocherà le sue carte”. 

Xavier Jacobelli a Radio Radio: “Prima di cedere Alisson conterei fino a cento, poi ricomincerei a contare. Areola non è dello stesso livello e dello stesso spessore del brasiliano. Ho visto molte partite del Psg in Ligue 1, il francese non si avvicina ad Alisson”. 

Furio Focolari a Radio Radio: “Se va via Alisson è una grandissima stronzata. Areola? Non è all’altezza del brasiliano, i tifosi non possono rassicurarsi e noi non possiamo avallare la cessione del portiere perché ne arriva uno dal Psg”. 

Roberto Renga  a Radio Radio: “Alisson ha fatto cose incredibili la scorsa stagione. Chiesa è un bravissimo giocatore, ma non è un portiere: Monchi deve trovare un sostituto all’altezza del brasiliano. Le parole della Raggi sono una pietra tombale sulla costruzione dello stadio”. 

Guido D’Ubaldo a Radio Radio: “Gli agenti di Alisson si sono attivati da diverso tempo per dare la possibilità al loro assistito di guadagnare molto di più. Il Real offre al brasiliano oltre cinque milioni netti a stagione. La Roma può pensare di portare Chiesa in giallorosso con i soldi ricavati dalla cessione del portiere. Monchi però non prenderà in considerazione offerte per Alisson se arrivassero alla fine di luglio: in quel caso il diesse dovrebbe trovare un nuovo accordo con il giocatore per l’aumento di stipendio”. 

Roberto Pruzzo a Radio Radio: “Il Liverpool ha bisogno del portiere e mi sembra l’approdo possibile per Alisson. Io non dico che si può giocare senza portiere, ma dico che i fenomeni servono in attacco o a centrocampo. In caso di cessione del brasiliano, punterei a Chiesa per rinforzare l’attacco. Al Mondiale si sono visti portieri di buon livello, non eccezionali”.

Mario Mattioli a Radio Radio: “Le parole della Raggio a Radio Radio ieri pomeriggio mi sembra che abbiano messo la pietra tombale sullo stadio. E Pallotta? Avete notato che è sparito e non ha detto più nulla? Evidentemente ha capito che gli si sta sgonfiando il palloncino in mano quello che aveva messo su con tanta cura. Ha ragione Sabatini quando dice che Pallotta è un indeciso. Uno che oggi non sa più che pesci prendere”.

Nando Orsi a Radio Radio: “Per un buon sostituto di Alisson devi spendere minimo 15 milioni, e non è facile trovarlo. Per sostituire il brasiliano serve uno di spessore”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

39 Commenti

  1. Buongiorno a tutti amici. Sono in ferie…fabiano ci ha preso. Vi ho letto però. Avrei scritto da lunedi prossimo, anche perché ha ragione Fabiano: Con Libe, Spaccia, Fabrizio e Fidel siamo in buone mani. ma ho letto il commento di tale @Max e….ahimè…. non posso esimermi. Quindi a lui mi rivolgo:
    @Max. Che significa bigliettamento, sponsor/merchandising e abbonamenti?
    Perché il bigliettamento, come lo chiami tu, non è stadio? e gli abbonamenti? Ed ancora il merchandising non è anche legato allo stadio?
    Inoltre non capisco cosa intendi per fatturato e ricavi totali. Immagino che tu intenda per il secondo i ricavi operativi totali al lordo della Gonc e per il primo i ricavi operativi totali al netto. Immagino anche che tu sappia che la Gonc è la gestione operativa netta calciatori, ovvero il saldo in conto economico tra le plusvalenze generate dai giocatori ceduti e il costo delle operazioni dei giocatori acquistati (eventuale prestito e/o ammortamento), quindi le plusvalenze nette all’interno di un singolo esercizio commerciale. E immagino anche che tu sappia che la Gonc, che prima era iscritta a bilancio sotto la voce “oneri o proventi di gestione” essendo inquadrata come “plusvalenze straordinarie” da qualche anno viene inquadrata come “plusvalenze ordinarie” e quindi è inclusa nei ricavi operativi. Dunque… immagino….che tu sappia anche che ormai fare differenza tra fatturato (che semmai si chiama “ricavi operativi” o al limite produzione) e ricavi totali non ha più senso.
    Allora….io non so se tu sia commercialista, ma sicuramente so che non sai leggere un bilancio.
    Prima una piccola premessa:
    La sponsorizzazione principale che la Juventus ha fatto per lo stadio e il suo naming rights risale al 2008. L’allora presidente Cobolli Gigli siglò un accordo con Lagardere Sports per una cifra di 75 milioni di euro per 12 anni a partire da quando lo stadio sarebbe stato costruito. Quindi 75 milioni dal 2012 al 2023. Un accordo che oggi risulta essere suicida. Gli accordi moderni, come ad esempio quello dell’Arsenal, prevedono anche 90 milioni all’anno da parte di Emirates in cambio dell’intestazione dell’impianto (naming rights).
    Soltanto a maggio del 2017 l’Allianz assicurazioni, quella tedesca, ha stipulato un accordo con la Juventus e con Lagardere sports, che deteneva il naming rights, per intestarsi lo stadium pagandole il corrispettivo che la stessa Lagardere doveva ancora alla Juventus per i restanti 6 anni di accordo di quei 75 milioni complessivi. Dunque la Juventus non prende una lira, o meglio un euro di più anche se oggi lo Juventus stadium si chiama Allianz Stadium. E nell’accordo non furono inseriti bonus legati ai risultati sportivi. Quindi la Juventus 6 milioni all’anno prendeva prima e sei milioni all’anno prenderà fino al 2023 per il main sponsor dello stadio.
    Ecco spiegato il motivo per cui lo stadio per la Juventus rappresenterebbe solo il 14% dei ricavi totali. Rappresenterebbe, perché in realtà non è così. Tu ovviamente ti sei limitato a leggere qualche articolo su internet e riportare due numerini. Il 14%….50 milioni….350/370 milioni di ricavi…..ma è evidente che non sai di cosa stai parlando e neanche che quei numerini sono riferiti ad un bilancio ben preciso, ovvero quello del 2016/17…..ma come ho detto prima, tu non sai leggere un bilancio. Questo è chiaro. Sei completamente all’oscuro di queste competenze….però parli e insulti.
    Ma almeno, prima di dare del sapientone alla gente e agli amici “commercialisti” accertati di non fare figuracce.
    Leggi, impara, studia….e poi vediamo chi è il sapientone e chi l’ignorante saccente…o, com’era? Acefalo….una cosa del genere.
    Innanzitutto, caro collega…
    1. Nella voce ricavi da stadio sono inclusi: Gli abbonamenti, i ricavi delle partite casalinghe al netto degli abbonamenti, i ricavi delle partite delle coppe europee sempre al netto dei miniabbonamenti, i ricavi per le amichevoli e quelli per le partite in casa della coppa Italia… Insomma….il bigliettamento, così forse capisci. In oltre in questa voce vengono inseriti anche i ricavi dei premi per l’eventuale finale di coppa Italia e di super coppa. Ma questo già lo sapevi, giusto? O no?
    2. Nella voce diritti tv invece sono inclusi: I diritti nazionali, certo, ma anche Il market pool delle competizioni europee, più le vittorie e pareggi nei gironi, premi e bonus, proventi per produzione al segnale diritti ( e che è mo sta cosa?), che sia champions o Europa league. Quando si vuol sapere quanto ha ricavato una squadra dal “bigliettamento” (si chiama botteghino…almeno questo) nazionale o da quello internazionale o dal market pool, per esempio, bisogna andare a guardare queste voci, che sono cumulative e poi fare i calcoli. Il bilancio della Juventus, della Roma ecc non ti darà mai i netti, ma se sai le tabelline hai qualche chances.
    Come da bilancio 2016/17, l’ultimo pubblicato (l’hai letto si? è quello dei numerini che hai riportato tu), la Juventus ha incassato come “ricavi da stadio” (leggi sopra) 58 milioni di euro (e non 50 come hai scritto te). Rappresentano il 14% dei ricavi al netto della Gonc ( 412 milioni) e poco più del 10% dei ricavi al lordo (562 milioni). Quindi ho ragione io….starai dicendo?….No! Ma che ragione. Tu non sai neanche di che parli.
    Come sicuramente non saprai, caro collega, a questi 58 milioni bisogna aggiungere, però, e qua sta la tua ignoranza, la voce “altri ricavi”, che non sai manco dove sta, ma che comunque include, nel caso specifico della Juventus, i ricavi del “museo” e dei “no match day”. Ehh??? Mi dirai?…tranquillo….non è che mo anche tu ti metti a tremà? Stai calmo che poi cominci a “biascicare”. Sono solo gli eventi extra calcio. Solo quelli. Questi ricavi ammontano, sempre come da bilancio, a 27 milioni di euro.
    Andiamo alla voce “sponsorizzazioni”. Quest’ultima ammonta a 74 milioni di euro in totale. Per il discorso fatto prima inerente il contratto stipulato nel 2008 da Cobolli Gigli è evidente che l’80% di questi ricavi non dipende dallo stadio in sé, ma un buon 20% si, ed è riferibile alle sponsorizzazioni a bordo campo e a quelle legate alla “nuova Vinovo” che è a tutti gli effetti una struttura legata allo stadio e al suo business park. O no? Ci avevi pensato?
    Dunque….58 milioni, più 27 milioni della voce “altri ricavi”, più il 20% delle sponsorizzazioni, ovvero 15 milioni (il 20% dei 74 totali) fanno circa 100 milioni, senza neanche voler includere una fetta di merchandising che per forza di cose andrebbe legata alla vendita di gadget all’interno della struttura commerciale. Ma quella te la abbuono.
    Come detto prima, la Juventus, sempre come da bilancio 2017/2018 ha avuto ricavi totali per 562 milioni di euro.
    Analizzando:
    – 232 milioni di cui alla voce “diritti tv”;
    – 151 milioni sono di “Gonc”;
    – 19 milioni di “merchandising”;
    – 60 milioni alla voce “sponsorizzazioni” non riconducibili allo stadio.
    Tot. 462 milioni, tutti, come detto, non legati direttamente allo stadio di cui 150 sono però di plusvalenze e la voce “diritti televisivi” dipende quasi per metà dalla finale Champions. E in questa voce non sono inclusi solo i diritti tv in sé (market pool), ma anche i premi e i bonus. Ma come, mi dirai….nella voce “diritti tv” sono inclusi non solo quelli nazionali, ma anche quelli della champions…e addirittura i premi e bonus che con i diritti non c’entrano nulla? E che ci vuoi fa….cosi funziona la ragioniericca. E a quanto ammontano quelli nazionali? E quelli internazionali? E i premi e i bonus? Ti devi fare i conti Max…..come il conte Max! O altrimenti leggi qua e là qualche sito e riporta i numerini da acefalo come hai fatto giovedì.
    Mentre:
    – 58 milioni di cui alla voce “ricavi da stadio”;
    – 15 milioni alla voce “sponsorizzazioni” legati direttamente all’impianto (il 20% di quelle totali);
    – 27 milioni di cui alla voce “altri ricavi” (leggi sopra).
    Tot. 100 milioni, tutti riconducibili allo stadio e al centro commerciale. Non 58 milioni. 58 milioni sono i ricavi da stadio al netto di quelli del museo, dei “no match day” e delle sponsorizzazioni a bordo campo e nel centro allenamenti. Sono i 58 milioni riportati dalla “Deloitte football Money league”, azienda di servizi e consulenza che ogni anno fa questa specie di classifica. Ma tengono in considerazione solo la voce di bilancio “ricavi da stadio”. Il “bigliettamento”….proprio quello. Sai che sforzo….è una classifica da…..acefali (giusto?), che anche un bambino potrebbe fare…basta guardare quella voce in tutti i bilanci delle maggiori squadre europee. E tutti i siti internet che si affannano a riportare questa classifica….. per tutti i “sapientini” che così si sentono ….com’era? Ah, Ragioniericchi.
    Ma studiate prima di scrivere sciocchezze lette sommariamente e spacciarle per verità! Ma che c’avete 11 anni? Io mi vergognerei. Questi dati negli articoletti in internet non li trovi. Bisogna farsi le ricerche e farsi i calcoli da sé. Ti chiami pure Max! E che cacchio, almeno cambia nome.
    Comunque….Il totale è di 562 milioni, di cui 150 sono di plusvalenze (voce “Gestione Operativa Netta Calciatori”) mentre 100 milioni sono di ricavi direttamente riconducibili allo stadio e al suo indotto (e che ci vuoi fa…42 te li eri persi per strada). Dunque, al netto della Gonc, i 100 milioni rappresentano il 25% dei ricavi netti della produzione, ma prima delle plusvalenze (che sono sempre maggiori di quelle della Roma, ma questo è un dettaglio…come i 42 milioni persi per strada). Ma parliamo del bilancio de quo, non in generale, perché ogni anno è diverso. Ma bisogna leggere i bilanci per capirlo, non dare una sbirciatina ai siti internet.
    Se ai 562 milioni di ricavi totali, storniamo i 151 di plusvalenze, i 100 di ricavi champions totali escluso il botteghino e i 100 dello stadio abbiamo un totale di 211 milioni.
    Alla Roma nello stesso anno se dai ricavi totali storniamo le plusvalenze, i ricavi europei e ovviamente quelli dello stadio, anche se non di proprietà, abbiamo circa 100 milioni (ho letto il bilancio, non me l’ha detto Austini) 111 milioni…questa è la differenza (al netto di stadio e indotto, plusvalenze e risultati sportivi), che c’è tra la Juventus con 15 milioni di tifosi in Italia + lo stadio e la Roma con 3 milioni di tifosi e senza stadio di proprietà a giugno 2017 e sono costituiti da maggiori diritti tv e sponsorizzazioni che la Juventus ha.
    Mentre, tornando allo Stadium, dei 100 milioni totali (sempre al netto dei risultati sportivi e plusvalenze) che tutto l’indotto stadio genera, 58 milioni sono ricavi da botteghino. (10 milioni nel 2011, ultimo anno della juventus senza stadio). Non puoi dire che per la Roma sarebbero la metà perchè questi non dipendono dal bacino di utenza. Basta riempire lo stadio tutte le partite come fanno loro e i 58 milioni li fa anche la Roma. Anzi di più perché da progetto il nostro stadio è più grande. Semmai il problema sarebbero gli altri 60 milioni circa. Ma una parte sono di “no match day” e su quelli si potrebbe lavorarci su, organizzando più eventi possibile. I rimanenti, si, dipendono dal blasone e dal bacino di utenza perché sono i ricavi del museo e parte delle sponsorizzazioni. Ma loro non prendono praticamente niente di naming rights fino al 2023 (sempre in virtù di quello scellerato accordo formato da Cobolli Gigli), mentre la Roma se oggi avesse lo stadio potrebbe cederli a Quatar Airwais. Se ci danno 39 milioni in tre anni solo per il nome sulla maglia, vuoi che non ce ne diano almeno altri 20/30 per dare il nome allo stadio? Quindi, partendo dai ricavi al netto di risultati sportivi, stadio e plusvalenze delle due squadre, ci sono da recuperare 111 milioni tra sponsor e diritti tv più altri 100 milioni dell’indotto stadio. 211 milioni nell’esercizio 2016/17 da recuperare in tutto come detto tra noi e la grande potenza piemontese. Se sui primi (111) non si sarebbe potuto fare molto, sui secondi (100) si sarebbe potuto fare eccome …..ma lo stadio non serve. Peccato che con lo stadio, oggi, 30 milioni li faremmo con i naming rights (l’Arsenal ne prende 90 da Emirates), 30/40 dal botteghino, una trentina dai no match day più una quindicina di sponsorizzazioni che nel 2017 non avevamo e la differenza tra noi e loro sarebbe ridotta a 96 milioni in tutto, forse anche meno, a fronte della differenza di 211 circa che c’è stata nell’anno 2016/17.
    Ed inoltre, come sottolineato già da Fidel96, si potrebbe accollare il mutuo di As Roma di 230 milioni in 5 anni a Stadco….ma forse…anzi sicuramente questo per te è troppo complicato, quindi desisto. Fidel….qua semmai pensaci tu, anzi no….tanto è inutile.
    Se poi vogliamo analizzare i numeri del bilancio della Juventus della stagione appena conclusa (2017/18), che non è ancora stato pubblicato, ma del quale Calcio e finanza ha fatto una previsione quanto mai dettagliata e verosimile, allora vedrai che questi sono ancora più deprimenti purtroppo per te. La Juve ha infatti verosimilmente chiuso il bilancio 2018/19 con ricavi totali di 539 milioni. Ci sono 23 milioni in meno rispetto all’anno scorso. Considerando, però, che la voce diritti televisivi registra un – 16 milioni rispetto all’anno scorso (in primis per non aver superato i quarti rispetto alla finale dell’anno prima), e che la Gonc è di 50 milioni in meno (quindi…giusto per chiarire…le plusvalenze sono state di 100 milioni anziché di 150), 43 milioni la stessa Juventus li ha ricavati proprio incrementando tutte, sottolineo tutte le voci riconducibili direttamente (“ricavi da stadio” e “altri ricavi”) e indirettamente (“ sponsorizzazioni”) dallo stadio. Guarda un po’…e io che pensavo solo dal bigliettamento. Sono scesi i diritto tv e sino saliti i ricavi dell’indotto stadio. Giusto per inciso avrà comunque un rosso di 30 milioni. Ah le plusvalenze… se servono!
    Questo credo sia un post degno di essere scritto oltre che letto.
    Il tuo 14% del fatturato di 350/370 del bigliettamento…. non so…se è una barzelletta o cos’altro. Com’era che avevi detto? Il mondo mi rigetta, le mie elucubrazioni, mi consumerò per consunzione….ma tu non sai neanche di che parli e ti poni così saccentemente di fronte a chi qualcosina la conosce in questo campo. Ho mandato il tuo post ai miei colleghi…. Fra un po’ s’ammazzano dalla risate. Almeno lavorano meglio. Hai anche scritto…le mie non sono opinioni, sono dati di fatto. Due numerini, per giunta sbagliati…Ma ‘n te vergogni?
    Ciao Max, cresci.

    • ciao Mario, per scrivere su questo forum, non è asolutamente necessario scrivere “pipponi” come li chiami tu…si possono anche, compatibilmente con il tempo, la voglia e lo spazio a disposizione, scrivere commenti di diverso tenore, possibilmente di tipo sensato e che forniscano lo spunto per una utile discussione fra gli utenti…
      e comunque, anche i “pipponi” possono fornire uno spunto utile per imparare qualcosa che, altrimenti, sarebbe più difficile comprendere da soli…anzi, nel caso di qualche utente saccente, sarebbero proprio impossibili da comprendere…
      e, infine, la lunghezza dei “pipponi”, non è necessariamente indice di tempo buttato a non avere una vita: alle volte, sono proprio alcuni commenti lapidari, poco rispettosi del lavoro altrui, che invece indicano lo squallore di una vita…

    • a parte che è in ferie … ma poi ti credi simpatico ? ma pensi che a qualcuno possa fregare di una post scritto solo per insultare ? Se hai un opinione, la esprimi come fanno tutti. Ma a parte essere un maleducato, temo ci sia ben poco ….
      Se sei in disaccordo, esprimi fatti che confutino quelli riportati.
      Se devi insultare .. ti mostri per quello che sei.

      • ciao Mario, francamente non capisco perché dici che siamo poco rispettosi delle altrui opinioni…io credo, invece, che un commento che denota mancanza di rispetto per gli altri sia proprio il tuo, quando, in relazione ad una lunga (ma doverosa) puntualizzazione di Massimo74 ad un commento decisamente inesatto da parte di un altro utente, sentenzi “beato te che non hai una vita e puoi scrivere un tale pippone su questo forum”…forse ti sei affacciato da poco sul forum, ma Massimo ha spiegato più e più volte, attraverso una miriade di esempi pratici, il funzionamento della macchina economico/finanziaria che investe tutte le società…se non fosse per le tante persone di buona volontà, sarebbe sicuramente più difficile apprendere concetti di non immediata comprensione, quindi non vedo perché motivo per il quale rispondere in maniera acida…
        poi, i commenti si possono leggere, ignorare, comprendere, distorcere: questo dipende solo dalla nostra volontà…
        quanto ai social, non sai veramente nulla del modo in cui impieghiamo il nostro tempo e non sai nulla di noi come persone: perché lanciare frecciatine sulla vita fatta di social?
        Ad ogni modo, forza Roma (che poi è quello che conta quando scriviamo qui)

      • perchè, tu hai espresso un’opinione ?
        Se ti riferisci al commento di @Max … anche lui non esprimeva opinioni. Ha elencato numeri ed ha finito con un “insultino” ad altri che evidentemente sono di diversa opinione.
        Perchè chi tira uno schiaffo, si stupisce di ricevere in cambio un calcio ?
        Misteri ….
        Su una cosa hai ragione: mi godo la mia vita, sia quella “reale” che quella “social”.
        Ciao anche a te

      • Lasciali stare @Mario. O esprimi le “loro” opinioni (?!?) o non ne hai una, o sei contro loro. Una vera dittatura, la girano e la rigirano sempre a loro vantaggio. Da noi si chiamano “Cucuzze”, Ciao.

        • Stefano73, vorrei comprendere la logica sottostante al suo commento.

          Riporto quanto scritto da Mario riguardo al post di Massimo74, riguardante il raffronto tra i ricavi della Juventus e quelli della Roma: “massimo, beato te che non hai una vita e puoi scrivere un tale pippone su questo forum”.

          Qual è l’opinione espressa da Mario riguardo sull’argomento trattato da Massimo74?

          Io non la vedo.

          Non la vedo perché non c’è.

          C’è soltanto l’insinuazione, in realtà un giudizio provocatorio, sulla qualità della vita condotta da Massimo74, nonché un mancato apprezzamento generico sulla lunghezza e sul contenuto del post (“pippone”).

          Riguardo alla vita condotta da Massimo74 dubito che Mario ne sappia qualcosa, così come me del resto. Pertanto giudicarla da un post che tratta dei bilanci di due società di calcio mi pare non solo azzardato ma soprattutto una mancanza di rispetto. L’unica cosa che si può dedurre è che scrive di argomenti che tratta in maniera accurata (per me un grande pregio al cospetto della superficialità così diffusa) e che non gli mancano vis polemica, sarcasmo e ironia.

          Riguardo al giudizio sul post (“pippone”), noto che non è stata contrapposta alcuna argomentazione di merito alle tesi prospettate da Massimo74.

          In sintesi, Mario non ha espresso opinioni ma ha soltanto buttato lì, gratuitamente, due giudizi offensivi e immotivati.

          Concludo sottolineando che il comportamento di Mario, e indirettamente il suo che lo sostiene, è tipico di non ha argomenti: si attacca l’individuo (“non hai una vita”), si dà un giudizio tranchant (“pippone”) ma non si esprime un contenuto che sia uno.

          L’errore, probabilmente, è stato quello di non aver lasciato cadere nel nulla la provocazione di Mario: all’assenza di contenuti dovrebbe corrispondere solo l’oblio.

  2. Buongiorno a tutti e bentornato a Massimo, pensavo che era in una clinica per curarsi da “postite extralarge” mi sono sbagliato era solo in vacanza…si scherza Massimo.
    Riprendo da altro articolo la dichiarazione dell’ex D.S. Sabatini:
    ” La Roma è uno stato d’animo”
    Quanti dirigenti riescono ad esprimere così cosa è essere tifosi della Roma? Penso nessuno al mondo, e se la nostra squadra riesce a coinvolgere anche un solo dirigente in questo modo allora siamo una squadra speciale.
    Lasciamo stare se il nostro ex D.S. ha fatto bene o male il suo lavoro, forse con questi sentimenti “eccessivamente coinvolgenti” gli è mancata la lucidità necessaria per completare con la classica ciliegina sulla torta il suo lavoro in questi anni quella ciliegina che poteva essere vincente.
    Ma come non essere in sintonia con Sabatini?
    La nostra Roma è una emozione che solo noi possiamo capire.
    #statodanimoroma

  3. Max sei cascato nel trappolone,competere con Massimo sui conti,è come voler ammazzare un elefante con un fucile ad aria compressa.
    Non sono opinioni,sono fatti.
    Bentornato Massimo

  4. Un saluto a BRUCE MASSIMO BANNER DETTO HULK…..AMANUENSE come al solito pero esaustivo come pochi…Max ti piace vivere nel pericolo oltre che nell’ignoranza…visto che parli di cose che IGNORI…ripeti come un pappagallo perché lo senti da personaggi del tuo livello….ma almeno loro lo dicono per torna conto personale…tu max che ci guadagni a dire merdate?niente….solo a fatte pia per culo da tutto il sito
    .ohi se te piace così….so contento per te..VIVA I TROLLBUSTERS COME MARKS….SMASCHERARARE UN TROLL ALLUNGA LA VITA….

  5. Guardate che i “pipponi” come li chiamate voi, uno che sa scrivere e che magari dello scrivere relazioni economiche ne fa un mestiere, ci mette forse meno tempo di alcuni che postano “il nulla cosmico” in quattro righe.
    Signori: rispetto!
    Gli altri non sono così stupidi da non capire una battuta per ridere da una battuta per ferire.
    Rispetto, boys, rispetto! E poi si discute.
    Un saluto a tutti i Senatori del forum che leggo sempre con piacere e interesse.
    Forza Roma sempre!

  6. Ok, quindi per Centro Suono Sport avremo:
    Juventus
    Inter
    Napoli
    Roma

    A posto così. Mi sento sollevato … Abbiamo recuperato un sacco di posizioni … ero convinto che avrebbero messo sopra a noi anche Lazio, Milan, Fiorentina, Atalanta, Torino, Triestina, Afragolese, Cavese, Albinoleffe …. Comunque vada sarà un successo !!!!

    • Si, si … Petruzzi dice che l’Inter ha “qualcosa in piu” della Roma.
      Mi piacerebbe sapere su cosa si basa questa valutazione. Sono sicuro che Petruzzi va su e giu da Roma a Milano per seguire i ritiri della Roma e l’Inter. In piu, dopo 4-5 giorni di ritiro per un esperto come Petruzzi e facile capire chi ha qualcosa in piu. E con ancora un mese circa di calciomercato e pre-campionato sicuramente il 13 luglio e il tempo giusto per dare una valutazione.

      Ma cmq hai ragione. Abbiamo sorpassato il Milan, Lazio ecc. ecc. Almeno siamo in zona Champions.

    • Occhio che la cavese è parecchio forte se è rimasta quella di un tempo. Quando si giocava cavese arnaboldi ci facevano sempre il culo. Non so se la Roma sia a quel livello con tutte le plusvalenze di pallotta, monchi il ds più scarso della storia e di francesco che “fa solo il 4 3 3”

  7. Se per saper gestire bene Nainggolan significa per un allenatore dormire con lui a Trigoria con camere a vista no grazie. Un atleta o si comporta da atleta senza cane da guardia oppure che vada pure altrove, lontano da Roma.

  8. Ragazzi, vi ho letto adesso…grazie, un abbraccio a tutti e forza Roma!

    È vero. Oggi la Juventus è di un altro pianeta. Viaggiano su una media di ricavi totali di 300 milioni superiore ai nostri. Poi però ci sono ricavi e ricavi. Ci sono quelli che consegui con la fame e le vittorie, poi ci sono quelli strutturali. Gli uni fanno sempre gioco agli altri, e viceversa. Dicevo…oggi è di un altro pianeta, ma dieci anni fa no. Sono ripartiti dal basso ed hanno costruito. Dieci anni fa erano poca cosa. Certo, hanno potuto contare anche allora sul loro immenso bacino di utenza, ma come spero di evidenziare dopo questo non è sempre e per forza determinante. A mio avviso quando sono ripartiti lo hanno fatto puntando soprattutto su una cosa: La fame di vittorie. Perchè quando hanno ricominciato a vincere lo stadio non gli dava quasi niente in termini economici e i loro diritti tv non gli davano vantaggi enormi. Il Milan era in declino, ma era ancora in quel momento più forte. La Juventus ha ricominciato a vincere quando non era la più forte. Ha vinto con Matri, Quagliarella, Giaccherini, Giovinco, mentre il Milan aveva tra glia altri Ibrahimovic ed in panchina l’allenatore che hanno loro oggi. Quindi non è neanche una questione prettamente tecnica a volte. Sono stati indubbiamente anche bravi ad adattarsi nel tempo alle dinamiche del calcio moderno, mantenendo alcune caratteristiche che li hanno contraddistinti anche in passato. Bisogna dire che hanno rubato anche un po’ di meno rispetto ai decenni precedenti.

    Il mio post ha offerto dei dati, dei numeri. Poi, come dico sempre, i numeri vanno interpretati e in questo non c’è una scienza esatta.

    Facciamo per esempio una comparazione dei conti economici, in particolare dei ricavi, di Juventus e Roma nella stagione 2016/17 (ultimo bilancio disponibile) e proviamo ad interpretare i numeri.

    •Juventus che arriva in finale di CL:

    -Diritti tv nazionali: 132 milioni
    -Ricavi champions escluso botteghino: 100 milioni (altri diritti tv ovvero il market pool, premi e bonus)
    -Sponsorizzazioni escluso stadio: 60 milioni (sponsor maglia, altri accordi commerciali ecc)
    -Merchandising: 20 milioni
    -Gonc: 151 milioni (saldo plusvalenze/costi campagna acquisti)
    -Ricavi totali stadio: 100 milioni (abbonamenti, botteghino nazionale ed internazionale, no match days, naming rights, bordo campo e nuova Vinovo)
    Tot ricavi: 562 milioni.
    I costi non li elenco ma sono stati 522 milioni e il saldo di + 40 milioni.

    •Roma che esce ai preliminari:

    -Diritti tv nazionali: 85 milioni
    -Ricavi coppe escluso botteghino: 30 milioni per preliminare + EL (altri diritti tv ovvero il market pool, premi e bonus)
    -Sponsor escluso stadio: 16 milioni (no main sponsor, ma altri accordi commerciali)
    -Merchandising: 10 milioni
    -Gonc: 79 milioni (saldo plusvalenze/ campagna acquisti)
    -Ricavi totali stadio: 35 milioni (abbonamento, botteghino nazionale ed internazionale e bordo campo)

    Tot. 255 milioni
    I costi sono stati di 297 milioni e il saldo di – 42 milioni.

    P.s. Una precisazione riguardo la Roma: La Gonc è ottenuta dal saldo delle plusvalenze totali (103 milioni) e i costi per la campagna acquisti (24 milioni). Se si aggiungono le plusvalenze lorde ai ricavi e gli oneri per la campagna acquisti ai costi, non tenendo più conto della Gonc, si può anche dire che i ricavi sono stati di 278 milioni e i costi di 320. Il saldo è sempre di -42 milioni.

    Circa 300 milioni in più di ricavi per la Juventus.

    Non so le vostre amici, ma le mie considerazioni sono che:

    I diritti tv sono importanti, ma se fossimo arrivati non dico in finale, ma almeno in semifinale di Champions come abbiamo fatto l’anno successivo avremmo avuto 55 milioni in più di premi, bonus e market pool escludendo il botteghino. In oltre scontiamo 65 milioni in meno per i ricavi totali da stadio compresi i ricavi delle coppe.
    Scontiamo in oltre 45 milioni in meno di sponsorizzazioni (ad oggi sarebbero 30 per effetto del main e del back sponsor).
    In più a noi mancano 70 milioni di plusvalenze nette che loro hanno fatto in più di noi (soprattutto Pogba).
    In fine scontiamo 10 milioni di merchandising in meno.

    Quindi, se aggiungessimo ai nostri ricavi almeno i 55 milioni che abbiamo perso uscendo ai preliminari rispetto a loro che sono arrivati in finale e i 65 milioni di ricavi totali dello stadio che loro hanno avuto e noi no, il gap che è stato per quanto riguarda i ricavi di circa 300 milioni si ridurrebbe a circa 200. In oltre, se avessimo avuto lo stadio, con un buon accordo di naming rights e sponsorizzazioni correlate avremmo potuto ridurre il gap a 160/170 milioni. Questi ultimi si sarebbero ridotti a 80 nel caso avessimo fatto le loro stesse plusvalenze e ad almeno 50 con il main sponsor aulla maglia che ora abbiamo, ma allora no.

    In conclusione, il gap tra noi e loro, nell’anno di spalletti, è stato un mix uniforme di:

    •50 milioni in meno di diritti tv nazionali
    •55 milioni per mancati risultati sportivi che come visto l’anno successivo spesso dipendono dalla “fame”
    •65 milioni perchè non abbiamo lo stadio.
    20/30 milioni con un buon accordo di naming rights sullo stadio (se ce l’avessimo avuto)
    •45 milioni per mancati sponsor da bacino di utenza (c’è poco da fare qua)
    •10 milioni di merchandising per bacino di utenza (vedi sopra)
    •70 milioni di plusvalenze in più che loro hanno fatto in maniera direi più intelligente.

    Come si può vedere i diritti tv nazionali non sono la voce più importante. È importante, ma ce ne sono altre, anche maggiori, ma per me è il mix di tutti i fattori che fa la differenza.

    Bisogna lavorare su ognuno di questi aspetti secondo me, almeno su quelli in cui si potrebbe farlo concretamente. (Il bacino di utenza purtroppo non è un obbiettivo raggiungibile, se non a lunghissimo tempo).

    In estrema conclusione, per me, i differenti introiti da diritti tv e gli sponsor (110 milioni circa un favore Juventus) per la parte che riguarda il bacino di utenza sono importanti, ma la “fame” più lo stadio di proprietà più le plusvalenze, soprattutto se fatte in modo intelligente, lo sono di più perchè potrebbero portare, tutti insieme, nelle casse una cifra intorno ai 200 milioni se si riuscissero ad avere risultati sempre di prestigio in champions. Si dovrebbe cominciare comunque sempre con con la “fame”, con la “tigna”, con la mentalità come loro con Matri e Quagliarella allora e come noi contro i giganti in Champions quest’anno. Per me questa è sempre la prima cosa. Se riesci ad ottenere risultati importanti e/o magari anche vittorie anche quando magari non sei il più forte, poi cresci per forza di conseguenza anche strutturalmente. Quindi, mettiamoci la tigna!! È ovvio che in quest’ottica lo stadio sarebbe veramente importante. Ecco perchè, nel rispetto di tutti e della legge, sarebbe bello se questa situazione si sbloccasse.

    #famostostadioedaje!

  9. Peter Colonna, Petruzzi ha giocato nella Roma solo perché c’era Mazzone…….Poi non capisco perché si faccia già la classifica finale che il mercato finisce tra un mese..D’accordo sulla juve,in teoria resta la più forte anche se al momento in difesa non mi sembra imbattibile. Ma,questa è una mia opinione personale confutabilissima,
    io mi tengo stretto Cristante e Pastore . L’Inter si sarà rinforzata con Nainggolan,ma la Roma non si è affatto indebolita con i due sopracitati. E poi il mercato deve ancora finire,anche se io ho l’abitudine di fare i conti a fine anno calcistico.( cioè a maggio/ giugno prossimo). Solo allora si potrà dire chi ha fatto un buon mercato e chi no.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here