DOTTO: “Contro l’Inter vorrei Pellegrini trequartista”, LEGGERI: “Se Campos non dovesse arrivare sarebbe un successo”

40

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Giancarlo Dotto a Tele Radio Stereo: “Ma che sfida sarebbe per Conte venire a Roma e provare a vincere? Sarebbe davvero uno stimolo incredibile per uno competitivo come lui. Per la squadra anti- Inter invece credo che Pellegrini trequartista debba essere una scelta sensata, vista la sua attitudine in quel ruolo. Sul fronti ritorni inoltre riavremo sia Fazio sia Kolarov: ci sono tutte le condizioni per giocare una partita ad altissimi livelli“.

Fabio Petruzzi a Centro Suono Sport: “Reputo Antonio Conte un top manager ed anche Sarri potrebbe essere un gran colpo. È chiaro che se non dovessero arrivare questi due profili, io punterei sulla conferma di Ranieri, non come ripiego ma perché se lo sarebbe meritato sul campo. Se gli si chiedesse di restare quasi come se fosse un piacere io credo che gli si mancherebbe di rispetto e che lui non accetterebbe. Gli obiettivi della Roma? Dipenderà dalla campagna acquisti. Ranieri con questa squadra non potrà mai vincere. Massara? Si e no. Andrebbe valutato perché sono anni che ha fatto il lavoro oscuro a Roma. Abbiamo in casa uno dei più grandi interpreti che è Totti e dobbiamo sfruttarlo”.

Massimo Ciccognani a Centro Suono Sport: “Qualora dovesse arrivare il top player degli allenatori dovremmo essere soddisfatti ma se la scelta dovesse ricadere su un allenatore di secondo piano, allora Claudio Ranieri meriterebbe una conferma. Sta lavorando sulla testa del gruppo e con un programma preciso dall’inizio potrebbe far meglio. Se Ranieri dovesse arrivare quarto avrebbe vinto, dando un’anima ed un corpo ad una squadra. Il futuro però è un altro discorso. Dopo due anni di apprendistato Totti non può restare nel limbo ma deve avere un ruolo importante che gli consenta di decidere le strategie di mercato. Potrebbe essere il caso che Totti sia rimasto a Roma per sostenere la squadra in questo momento della stagione?”.

Checco Oddo Casano a Centro Suono Sport: “Sono contrario alla delocalizzazione della Roma, spero vivamente che il presidente del Lille abbia ragione e si tenga Campos lì in Francia, perchè la Roma ha bisogno di normalità, di scelte logiche e immediate. Mi auguro che Pallotta possa concedere a Massara e ai dirigenti di Trigoria, compreso Totti, l’opportunità di ripartire e rifondare una Roma più competitiva, sperando che la punta di diamante di questo nuovo progetto sia un top coach come Conte. Se non si dovesse arrivare all’ex Ct, a me non dispiacerebbe Gasperini, che preferisco rispetto a Sarri. Ranieri? Comprendo la ragione del cuore, nutro grande rispetto per il mister e se dovesse centrare l’obiettivo quarto posto, sarebbe quasi esclusivamente merito suo, ma la Roma ha bisogno di ricostruire come accadde quando arrivò Garcia e credo che nella Roma si voglia puntare su un progetto tecnico più a lungo termine”.

Max Leggeri a Centro Suono Sport: “Se Campos non dovesse arrivare a Roma, sarebbe una grande vittoria di tutto l’ambiente giallorosso, che dopo il fallimento di Monchi, forse è riuscito ad arginare una nuova scelta esotica e teatrale del duo Pallotta-Baldini. Ritengo corretta l’idea di dare a Massara il mandato di far ripartire la Roma, perchè in questa fase storica servono scelte produttive e immediate, non voli pindarici ispirati dall’estero. Se non dovesse arrivare uno tra Conte e Sarri, confermerei volentieri un altro anno Claudio Ranieri, perchè c’è il concreto rischio che la prossima sia una stagione di transizione e potrebbe servire il suo pragmatismo, il suo attaccamento alla maglia e soprattutto la sua capacità di trasferire al gruppo grande compattezza ed energia positiva”.

Franco Melli a Radio Radio Pomeriggio: “Sarri è un sogno abbastanza complicato: è sotto contratto col Chelsea ed ha avuto altre proposte. La Roma deve avere obiettivi precisi da perseguire: non sbagliare più gli investimenti ad esempio, quarto posto o non. La Roma con tutti gli investimenti sbagliati avrebbe potuto fare una grande squadra, molto più competitiva di quella attuale. Il direttore sportivo deve essere uno che mette a frutto le poche risorse o le modeste, o non modeste risorse che ci sono affinché non accada più che prendi Pastore, Nzonzi, Schick ecc… Questo è l’obiettivo. Io preferisco gli italiani, anche perché l’esterofilia ha fatto poco”.

Stefano Carina a Radio Radio Pomeriggio: “Ci sono queste dichiarazioni del presidente del Lille che lasciano il tempo che trovano: se un dirigente vuole andare via, il modo lo trova. O che sia Campos o che sia Petrachi comunque Massara sarà affiancato da un direttore sportivo che ha maggiore esperienza. Noi dobbiamo interrogarci sul modus operandi della società: il fine della Roma è la vittoria? Io credo di no. Di arrivare in Champions, andare avanti almeno fino gli ottavi e poi tutto quello che arriva è ben accetto. Ma non si costruisce una squadra per vincere”.

Alessandro Vocalelli a Radio Radio Pomeriggio: “Parlavo nei giorni scorsi con importanti direttori sportivi e le referenze su Massara sono ottime: gran conoscitore di calcio, ma qualcuno mi ha detto che è più un talent scout che direttore sportivo. Ha il fiuto per intravedere le capacità del calciatore, meno come ds perché i direttori sportivi hanno una rete di relazioni basata anche su debiti e crediti che si costruiscono nel tempo. A me farebbe piacere, per il bene della Roma, che se Massara venisse investito del ruolo fosse fatto nella chiarezza che lo porterà a fare determinate scelte”.

Augusto Ciardi a Tele Radio Stereo: “Se non potesse la Roma arrivare a Conte, io ripartirei da Ranieri. Se dovessi affidarmi a Giampaolo, anche Gasperini che a me piace tanto, l’ipotesi Ranieri non l’andrei a scartare. O trovo l’allenatore che mi dà la svolta, oppure mi tengo ciò che ho”.

Francesco Balzani a Centro Suono Sport: “E’ chiaro il clima diverso rispetto agli altri anni. Credo si vada verso un anno di transizione, può sembrare brutto dirlo, perché sembra così da 10 anni, ma l’impressione è quella”.

Antonio Felici a Centro Suono Sport: “Campos lo dovevi strappare al Lille ed evidentemente è più comodo lì che a Roma. Questo fa pensare che la società giallorossa oggi non ha tutta questa attrattività, anche per un dirigente. Dico questo da persona che Campos non lo voleva, quindi va bene così. Uno come Massara promosso o Petrachi, con Totti che assume un’importanza maggiore è una soluzione che può starci, anche perché non mi sembra che ci sia una società che sta per fare grandi passi in avanti. Per questo direi che gli italiani vanno più che bene”.

Marione a Centro Suono Sport: “La Roma? Solo tristezza a parlarne. Si parla di questo Campos, che è il re delle plusvalenze ma il presidente del Lille non vuole farselo scappare e gli aumenta lo stipendio e non perché è il più bravo, ma il più forte di tutti a fare plusvalenze. E il povero Pallotta lo vuole strappare al Lille proprio perché è il re delle plusvalenze. Dopo aver avuto Sabatini come complice delle plusvalenze, e Monchi vuole prendere questo. Oppure Petrachi, ds del Torino che non vince niente da duemila anni. Una tristezza unica”.

Alessandro Austini a Tele Radio Stereo: “Se si prende Campos non si prende per vincere. Lui verrebbe da consulente esterno, sul sito del Lille non c’è traccia del suo nome. La Roma si è espressa molto al di sotto ma non credo che debba essere rifondata, io mi prenderei l’undici della Roma piuttosto che quelli dell’Inter. I giallorossi non li vedo neanche così distanti dal Napoli. Totti rispetto a prima è molto più coinvolto e consapevole del suo ruolo e c’è stata una crescita, questo ti dicono dalla Roma. Ma a mio avviso Totti vorrebbe fare molto di più. Totti viene utilizzato da chi ha interesse come strumento per andare contro la società.”

Riccardo ‘Galopeira’ Angelini a Tele Radio Stereo: “Non so chi sarà il prossimo ds della Roma, se Massara o Campos. I tre punti a Milano con l’Inter non sono per niente facili. La squadra di Spalletti la troveremo motivata e con sei punti di vantaggio. Totti non è andato a Boston, il capitano ce la sta mettendo tutta per imparare e stare vicino alla squadra. Totti non è il salvatore della patria, lui deve far parte di una squadra e basta. Non potrà mai essere un problema per la Roma. Se la Roma prende Campos io la criticherò come scelta, non vuol dire che se è il profilo più alto a livello europeo possa andar bene per la Roma”.

Roberto Renga a Radio Radio: “Petrachi è un buon direttore sportivo ed è italiano, in più vivrebbe a Roma e non a Torino. Conte interessa al Bayern e Spalletti molto probabilmente resterà a Milano”.

Stefano Agresti a Radio Radio: “La filosofia della Roma è quella di trovare uno Zaniolo di turno e rivenderlo, è una filosofia perdente. Alla Roma manca solamente il direttore sportivo a Montecarlo”.

Guido D’Ubaldo a Radio Radio: “Luis Campos è il candidato principale ma il Lille non vuole privarsene facilmente e vorrebbe raddoppiare l’offerta della Roma per trattenerlo, sullo sfondo resta Petrachi. La situazione Conte è che è stato avvicinato ma non da Baldini, anche se le possibilità di vederlo nella capitale sono poche. Sarri resta la prima scelta”.

Furio Focolari a Radio Radio: “Le sorti della Roma non le conosce nessuno, Petrachi sarebbe un profilo migliore rispetto a Campos.

Daniele Lo Monaco a Tele Radio Stereo: “La Roma avrebbe bisogno di un centravanti di livello, non un top anche perché non se lo potrebbe permettere e un sostituto di De Rossi. La Roma è da rifondare nelle sue colonne portanti e nelle sue fondamenta. A livello dirigenziale sono sicuro che Massara non lavorerà da solo, la figura di Totti andrà chiarita al più presto. Il rapporto con Baldini è molto freddo. Per Milano l’assenza di De Rossi è uno svantaggio incolmabile come sempre, perché lui porta in campo un peso diverso rispetto agli altri come faceva Totti”.

Roberto Pruzzo a Radio Radio: “Se la Roma resta senza Champions non so che succederà. Negli uomini è più forte del Milan, ma ad oggi non ho certezze. A me piace Sarri, ha saputo costruire cose importanti a Napoli portando avanti un buon lavoro. Da qui alla fine della stagione non è importante giocare bene, ma portarsi a casa i tre punti: con Dzeko ritrovato e questo El Shaarawy, la Roma diventa seria pretendente al quarto posto”.

Ilaro Di Giovambattista a Radio Radio: “La Roma la vedo favorita per il quarto posto, ha un solo punto dal Milan. Se la Roma non perde a Milano con l’Inter va in Champions League. Per quanto riguarda l’allenatore c’è sempre la pista Sarri che sta avanzando”.

Nando Orsi a Radio Radio: “Io vedo il Milan favorito per il quarto posto. Conte è da squadra top e il Bayern Monaco lo è, per quanto riguarda Sarri non sono tanto sicuro che il Chelsea lo lascerà partire, soprattutto se dovesse raggiungere il quarto posto”.

Sandro Sabatini a Radio Radio: “Non vedo il Milan più forte di Roma e Lazio, il calendario della squadra giallorossa è favorevole”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

40 Commenti

  1. Buongiorno a tutti…
    Penso che non ci siamo resi conto che Ieri l’empoli ci ha fatto un gran favore. Per il 4’posto io temo piu l’atalanta che il Milan. Il Milan si escludera da sola. Proprio ieri ho fatto questi calcoli, pero pensando che l’atalanta sia a +1 della Roma e invece e a -1 : Godo – Dunque

    Roma (54 + 13 = 67)
    INTER (1) | cagliari (3) | GENOA (3) | juventus (0) | SASSUOLO (3) | parma (3)

    Atalanta (53 + 12 = 65)
    NAPOLI (1) | udinese (3) | LAZIO (1) | genoa (3) | JUVE (1) | sassuolo (3)

    Milan (55 + 11 = 66)
    PARMA (1) | TORINO (1) | bologna (3) | FIORENTINA (0) | frosinone (3) | SPAL (3)

    Lazio (52 + 12 = 64) vincendo domani contro l’udinese
    chievo (3) | SAMP (1) | atalanta (1) | CAGLIARI (3) | bologna (3) | TORINO (1)

    forza roma e buona giornata a tutti

    • Mi sembra ottimistico pensare che tra Parma e Torino il Milan prenda solo 2 punti..
      Intanto noi cerchiamo di vincerle tutte (partendo dall’Inter). La juve lo scudetto lo ha già vinto.
      Poi se fanno 6 vittorie su 6 se lo merita il Milan il 4 posto

  2. Sarri con il Napoli ha dimostrato di essere più bravo del tanto conclamato Ancelotti, Carletto ha sempre dimostrato di essere bravo con i campioni, Sarri ha dimostrato di saper dare “calcio” a prescindere. In Inghilterra credo che sia stato sfavorito dalle prime donne che giocano nel Chelsea, lui dai giocatori pretende il massimo, anche nella fase “atletica” in campo, cosa che non tutti sono disponibili a fare.
    Credo possa essere l’uomo giusto a Roma.

    • Ciao Alessandro, in generale hai ragione, ma mi pare che a Roma quanto a prime donne e scansafatiche siamo messi bene. Come si concilia Sarri con l’atteggiamento che hanno avuto tanti dei nostri calciatori quest’anno? oltretutto per il suo modulo dovremmo dare via metà della rosa e prendere giocatori funzionali al suo gioco, visto che siamo pieni di trequartisti. E la preparazione? lui portava il Napoli in montagna, non in tournèe in America. Non so, a me Sarri piace come allenatore, ma non lo vedo per niente adatto a Roma e alla Roma

  3. Buongiorno a tutti, mi auguro che il futuro ds della Roma possa esserlo Massara, uno preparato e che di campo ne capisce molto, e non solo in quanto ex calciatore.
    Una persona schiva ma che secondo me potrebbe dare una svolta sulla scelta dei calciatori da prendere ma soprattutto sui calciatori da non far partire.

  4. Da tifoso una volta ci si divertiva a immaginare che i più grandi calciatori facessero parte della rosa della magica.

    Ma giuro mai e poi mai avrei pensato che i social potessero arrivare a farci fare i toto DS, quello sui preparatori, sui dirigenti accompagnatori e sulle sfumature della terza maglia.

    Regà se stamo proprio a rincojonì.

  5. Ho la netta sensazione ché non cambierà nulla.
    E sempre Baldini ché detta la linea tecnica imprenditoriale.

    Io ci rinuncio a seguire questi personaggi e mi auguro ché prima o poi se ne vadano dalla A.S.Roma.

    Un saluto a tutti sia a quelli pro ché contro, come me
    La Roma è di tutti noi.

  6. Ciao @Bonotitti,
    che l’Empoli ci abbia fatto un favore mi pare evidente 🙂
    Dopodiché ti vedo piuttosto ottimista sulle previsioni, il che -bada bene- va benissimo!
    In particolare la trasferta di Genova non sarà una passeggiata, per tacere quella di sabato con l’Inter.
    Sulle altre in linea di principio la vedo come te.

  7. BONOTOTTI te le sei acchittate alla grande ste bollette ahahaha, Io la vedo che la Roma prende i schiaffoni veri a Milano ed il Milan vince a Parma o non perde e cosi e´praticamente impossibile poi anche vincendole tutte (a genova non vinci) arrivare 4…..Stammi bene….Visto il calendario dell´Atalanta non sarebbe arrivata 4 neanche vincendo ieri sempre a mio parere…un abbraccio
    p.s. spero di sbagliarmi alla grande..

    • Io penso che non siamo sicuri perdenti a Milano, ma hai visto come gioca l’Inter, e poi a Genova si vince facilmente, in questo momento il Genoa è la più scarsa della serie A, nel derby con la Samp sembrava di una serie inferiore. Certo noi dovremo giocare compatti come nelle ultime due partite. Forza Roma.

  8. A me sembra che Totti sia un po’ come Zanetti dell’inter, inutule. Se e’ vero delle divisioni all’interno dello spogliatoio Totti che ci sta a fare. Zaniolo: “a fine stagione rinnovera’ fino al 2024” bisogna vedere cosa ne pensano giocatore e agente. Ai tifosi: incolpate Pallotta per le vendite volte a fare plusvalenze ma rendetevi conto che il monte stipendi e’ enorme e per poterlo pagare bisogna sacrificare qualcuno goni anno (e i debiti non vengono mai ridott e producono interessi)

    • Ma tipo sacrificare nosferatu, baldini, il suo amico del cuore zecca, suo figlio che ruba soldi alla Roma per giocare col computer, mia ahm, altre inutilità assortite ed il più alto numero di impiegati amministrativi per una squadra di calcio in Italia, che sono milioni, milioni e milioni lordi in stipendi pagati (leggi buttati al cesso) a gente che fa solo danni alla Roma invece come la vedi?

      • semplicemente perchè sono spese diverse .. tassate in maniera diversa … e perchè smettiamola di considerare la Roma (come le altre) solo squadre di calcio. Sono aziende, con tutto quel che ne consegue.
        Un buon manager, in sostanza, è meglio di un buon calciatore.
        Prima degli insulti, non sto dicendo che mi piace (anzi, tutto il contrario) .. ma questa è la realtà. Il resto, equivale a Don Chisciotte che lottava contro i mulini a vento.
        Suscita tenerezza, al massimo ….

        • Ma te non puoi dire che è la realtà quando, se poi la vai a vedere, ti accorgi che si è vero che sono aziende con tutto quello che ne consegue, ma la Roma è mille volte più azienda di tutte le altre aziende. E’ come se io svaligio il caveu di una banca e tu mi metti vicino a chi ha rubato un kinder sorpresa al supermercato.
          Te non puoi dire che la Roma coi centri di potere e gli uomini ombra è come qualsiasi altra squadra che ha una struttura limpida.
          Non puoi dire che la Roma con il presidente manichino per corrispondenza è uguale a chi ha un punto di riferimento chiaro.
          Non puoi dire che la Roma che sparecchia la squadra ogni anno è come chi ogni tanto cede un pezzo pregiato.
          Perchè se lo fai generalizzi. E infatti hai solo generalizzato.

          • La Roma, come l’Inter, come il Milan (solo per restare in Italia) è passata da una gestione diciamo “padronale” (Sensi, Moratti, Berlusconi) ad una “aziendale” .. ed infatti sono le tre che fanno più fatica o più “confusione” nel ritrovarsi. Quest’anno la Roma ha sbagliato alcune scelte e quindi si trova dietro … ma gli anni scorsi è stato esattamente il contrario.
            Se pensate che il problema della Roma sia Pallotta che la gestisce da Boston, liberissimi, ma permettimi di dire che secondo me sbagliate. E non perchè io sia un sostenitore dell’americano: riconosco che alcune cose sono state fatte (mi è piaciuto il riacquisto del Tre Fontane, ad esempio) ed altre sono state sbagliate.
            Mi dite che arrivano gli arabi e (contemporaneamente) l’Uefa toglie il FPF ? Perfetto, stò già al Circo Massimo. Nel frattempo, mi ricordo il nulla dell’imprenditoria romana .. mi ricordo la Virtus Basket che si autoretrocede in A2 per mancanza di finanziatori …
            Mi ricordo di uno che sarà pure venuto “per fare il business” ma che portano in giro per quello stadio da 8 anni.
            Per un secondo, provate a pensare se lui decidesse di andarsene sul serio, ma smantellando la società qualora ritenga che vendendola a pezzi ci guadagnerebbe di più … chi andremmo a ringraziare ? I politici ? Le radio ? I giornali ?
            Oppure lui deve PER FORZA fare quello che pensiamo noi, perchè noi siamo tifosi e lui è solo un businessman ?
            La vita reale non funziona così.
            Poi, per carità, a chiacchiere noi romani siamo i più forti dell’universo ….

        • Mi spiace, ma ti sei contraddetto da solo. In un’azienda che guarda agli utili (quindi privata – come l’ASR) i manager vengono profumatamente pagati per portare risultati (ovvero UTILI – in termini di guadagno economico) nel caso dell’ASR questa dirigenza, partendo da Baldini a scendere, ha MISERAMENTE FALLITO e pertanto, se si fosse davvero nella condizione che tu citi, sarebbero stati gia’ CALDAMENTE INVITATI a dimettersi onde evitare di venire LICENZIATI IN TRONCO e quindi avere una macchia indelebile sul proprio curriculum professionale; perche’ il bello (si fa per dire) di tutta questa vicenda, e- che, purtroppo QUI NESSUNO PAGA PER I PROPRI ERRORI, come invece accade in tutte le aziende private.

          • Perdonami ma fai confusione. Continui a mischiare i risultati sportivi (Assolutamente deficitari) con gli obiettivi di crescita aziendale.
            Il “problema” è esattamente questo: noi ragioniamo in base al campo, mentre per loro il campo è SOLO una parte del ragionamento.
            Per questo noi tifosi non ci ritroviamo…è come se parlassimo lingue diverse

  9. puppu sono uno che spera di arrivare in champions ma sono convinto di non arrivarci..tutto qua…questa Roma ha deluso in tutto questo anno anche nelle´eventuale 4 posto…e´stata ridicola cosi come lo e´la Societá…ma tifare contro mai…al massimo chiedo scusa e riconosco di aver sbagliato..ad inizio anno prevedo un disastro dopo la campagna cessioni e la triste campagna acquisti mi sembra che sia stato anche peggio…

  10. leggeri facce pace cor cervello! prima dici di essere ambizioso, esorti la società a formare un gruppo competitivo e a spendere bene sul mercato per poter competere ad alti livelli. e poi? premi adesso che resti ranieri subdorando un altro anno di transizione?…. mah! boh! chi vi capisce è una supermente…..
    la “comunicazione” romana è totalmente fuori di testa e ha ormai perso ogni tipo di credibilità

  11. Totti ci ha provato a fare come cavolo li pareva, non mi date potere? ed io mi arrabbio e vi faccio comprare dagli arabi!!!!
    Peccato che stavolta ha trovato un muro potente che non sia la solita romanita che gli ha permesso di fare tutti i suoi comodi personali.

  12. Ormai ci siamo assuefatti a Pallotta. È tristissimo. Mi spiegate perché il Napoli ha offerto uno stipendio elevato a koulibaly ottenendo il rinnovo con una clausola rescissoria di 150 mln e noi siamo riusciti a stipulate un contratto minchia a Manolas con clausola rescissoria a 36 milioni. Come ha fatto quell’incapace di ADL (secondo i molti che scrivono su questo sito) a stipulare un contratto così vantaggioso e prendere uno degli allenatori più forti al mondo? Ps forse perché le due cose sono legate? Ancellotti è andato al Napoli perché la società ha blindato koulibaly, il quale resta perché ha un allenatore vincente che lo allena.
    Oramai a prescindere da come finirà il campionato siamo pronti ad accettare le prossime cessioni con rassegnazioni ed i nomi che verranno sono onesti sconosciuti.
    Verrebbe quasi da sperare che la Raggi ce levi sto puparo americano…Ho detto quasi..

  13. ma stateve zitti tutti.
    I difensori di questa societa’ fanno pena…pattinano sulle solite castronerie di giornata
    parlate di aziende di bilanci di amenita’ date in pasto da 10(dieci) anni alla tifoseria
    fatela finita tornate ad essere tifosi della Roma e no di pallotto gnocchetaro da 4 soldi…

  14. Di chiacchiere in verità ne sono state fatte anche da James Pallotta, ora non sto qui ad elencarle perché non stiamo giocando a rimpiattino, comunque io personalmente, l’americano lo considero un’alligatore.
    Il ragionamento imprenditoriale è logico sotto ogni punto di vista nulla da eccepire, un buon manager vale molto di più di un ottimo calciatore, penso anche più di uno.
    Rimane comunque nebulosa la continua presenza e necessità di avere come consulente Franco Baldini, nell’ambiente delle sue competenze e dai suoi concorrenti viene considerato un coccodrillo.
    Io dei coccodrilli non mi sono mai fidato, ho comunque mi auguro che dal Quatar ci sia un vero interesse.
    Mi auguro che non sia un’altro coccodrillo, questa volta mediorientale.
    Altrimenti, invece delle chiacchiere mi auguro che i Romanisti si lascino crescere i denti…..come i coccodrilli !!!
    Un saluto Fabrizio.

    • Ciao <johann,hai visto che bella notizia,tu che sei un ammiratore dei lancieri:Ajax 2 rube 1.
      Dio esiste.Ciao,un saluto giallorosso.arancione.
      Che gioia immensa,si gode anche cosi',chiamatemi provinciale,come volete,ma che goduriaaaaaaaaaa.

      • @fabiano, vedere ziech e tadic mi fa male, ziech lo avrei preso al posto di mahrez già due anni fa invece di andare su Schick, e tadic è un giocatore sublime che preso a 10 milioni dal southempton è un affare da esperti, Quelli che a roma vengono usati come uomini immagine ( conti e Totti) mentre gli incapaci prosperano (Pallotta. Baldini, baldissoni)

        • Ciao Texber,mahrez è stata la farsa piu’ farsa di 2 anni fa,con l’acquisto sucessivo di schick per accontentare i tifosi,senza nessuna utilita’ tecnica e con un contratto cervellotico che a leggerlo gira il capo.Questo è stato il biglietto da visita di Monchi e si è capito che fenomeno fosse.Comunque questo è il passato,vediamo di arrivare quarti e di comprare i calciatori che servono.
          PS Aspettiamo l’invito al tuo ristorante.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here