Di Francesco: “Quando prendiamo gol smettiamo di giocare. Ecco chi non ci sarà con l’Inter”

12

ROMA REAL LE INTERVISTE – Tutte le dichiarazioni del tecnico giallorosso Eusebio Di Francesco in occasione di Roma-Real Madrid, match della quinta giornata del girone G di Champions League.

DI FRANCESCO IN CONFERENZA STAMPA

Cosa si prova a passare un turno di Champions tra i fischi?
E’ un peccato, ma l’umore della piazza è questo. Si dimentica con facilità quello che abbiamo fatto in Champions fino a ora. Sono arrabbiato per la partita, non si può perdere il filo logico come questa sera.

Ti ritieni un uomo fortunato?
In questo momento assolutamente no, il contrario, si sono accumulate tante situazioni… ma penso che la ruoti giri. Mi auguro di venirne fuori, perché un peccato buttare all’aria prestazioni come questa. Se vediamo i campioni che avevamo davanti ci può anche stare, però ripeto è un peccato.

Ha una spiegazione per l’alto numero di infortuni? all’inizio del mercato estivo era in sintonia con il ds, per il mercato di riparazione ci sarà ancora questa comunione di intenti?
Parlare ora di mercato non è giusto, ci sono delle caratteristiche importantissime all’interno di una squadra e noi in questo momento siamo carenti. Gli infortuni? Domani ci faremo delle domande, perché sono tutti simili. Mi avete criticato perché sabato non ho fatto giocare Dzeko, avete visto Dzeko questa sera? Oggi abbiamo perso anche El Shaarawy che era in ottima forma.

Mai come in questa partita si sia vista l’importanza della componente psicologica, come si allena? Si aspettava di più dai giocatori con maggiore esperienza?
Se la Roma fosse una squadra morta non avrebbe fatto quel primo tempo. Alle prime difficoltà purtroppo non rimane che lavorare sulla testa dei ragazzi. E che giri la fortuna. L’Udinese per esempio sembrava morta fino al loro primo gol, dopo sembrava rinata. La mia squadra ha bisogno di sentirsi un po’ di fiducia addosso, e dell’aiuto del loro allenatore.

Vivendo lo spogliatoio, ha notato una involuzione di Fazio?
Anche per lui non è un’annata fortunata. Errori individuali capitano, ma ricordiamoci che giocatore è, va sostenuto, dobbiamo dar forza al di là se domenica lo faccio giocare o meno.

Gara molto condizionata dagli episodi. Ma questa squadra è meno forte di quella dell’anno passato?
Se guardiamo la squadra che è scesa in campo stasera sicuramente è diversa. A un certo punto avevamo due ‘99, un ‘97, un ‘96 contro una squadra che ha vinto l’ultima Champions. Siamo noi dobbiamo tirar dalla nostra parte gli episodi, perché finora abbiamo dato la sensazione di essere meno compatti, meno cinici dell’anno scorso.

Rispetto al match di Madrid avete fatto soffrire molto il Real. Ha trovato un squadra diversa rispetto all’andata?
Forse siamo migliorati noi, il Real è sempre lo stesso. E’ stata una Roma migliore.

DI FRANCESCO A SKY SPORT 

Gli errori individuali cominciano ad essere troppi a questo livello?
“Sicuramente al di là degli errori individuali siamo scesi in campo con diverse assenze, mi è piaciuto il fatto che siamo scesi in campo con la voglia di far male al Real. La cosa che mi fa’ più rabbia è che ricadiamo sempre negli stessi errori. Zaniolo per me è stato il migliore in campo ma non ti puoi permettere di fare degli errori così banali”.

Dzeko ci sarà per l’Inter?
“No, come non ci saranno Pellegrini, De Rossi ed El Shaarawy”.

Dall’altra parte c’era il Real, non è una grave sconfitta. È ovvio che con i giovani non è facile trovare continuità nei 90’.
Alla fine, se andiamo a vedere, l’errore determinante l’ha fatto Fazio, che non è un ragazzino. Non possiamo caricare tutto sui giovani, mi è piaciuta la loro disposizione. A volte anche i più grandi devono trascinarli. Abbiamo preso gol su situazioni da ripartenza o errori. Dovevamo essere bravi a leggere queste situazioni e rimanere in partita. Con il Real non puoi permetterlo. Siamo mancati in questo.

Quando giochi partite di questo livello, ci sono giocatori che fanno la differenza come Dzeko…
Ci sono giocatori che hanno delle qualità ma è normale che se avessimo avuto Dzeko oggi, avrebbe giocato. Mi dispiace perché so che resterà fuori per un periodo lungo.

Avevate interpretato bene la gara.
Mi dispiace perché avevamo interpretato nel modo giusto la partita, anche andare nella metà campo avversaria. Peccato perché paghi l’inesperienza, ricordiamo sempre contro chi abbiamo giocato oggi, anche se guardi i singoli giocatori.

Siete qualificati però.
Sì, ma vogliamo sempre fare meglio.

DI FRANCESCO A ROMA TV

Il gol del Real Madrid ha cambiato le carte in tavola. La Roma aveva creato tanto, poi è arrivata quella rete…
Abbiamo fatto un buon primo tempo, il pensiero della squadra nonostante le tante assenze è stato ottimo. Il problema è che quando facciamo qualche ingenuità la paghiamo profumatamente, oppure abbiamo l’occasione per far gol e la manchiamo clamorosamente. Come ci giriamo prendiamo schiaffi… tutte ingenuità che ci fanno perdere la concentrazione, abbiamo smesso di mettere in campo le nostre Qualità. Non scordiamoci che dall’altra parte avevamo una squadra esperta, con qualità e conoscenza maggiore di queste partite, rispetto ai miei ragazzi.

Qualità che è importante per sfruttare gli errori degli avversari, come il Real Madrid ha fatto…
Si, ma va limitata perché ultimamente ne stiamo facendo troppe. Ogni domenica alla prima cavolata ne prendiamo le conseguenze. Quindi basta giustificarsi, ci vuole solo più concentrazione e attenzione, e la continuità che dico sempre.

Le situazioni individuali, pressioni, riconquista del pallone, farsi sentire fisicamente, era tanto che non si vedeva…
Stasera lo abbiamo fatto bene con una squadra che ha cercato di palleggiare rispetto ad altre squadre, quindi si è esaltato il nostro pensiero di aggressione. E’ stato bravo Zaniolo nel farlo, nonostante l’età, nella determinazione, nell’interpretazione. Poi a fine partita era con i crampi. Ha dato input importanti nell’aggredire l’avversario come ha fatto Schick in varie occasioni. Ma devi far gol, contro una squadra che appena fai una cavolata ti punisce. E’ assurdo il gol che abbiamo sbagliato, ce ne capitano una dopo l’altra, ne combiniamo un po’ troppe. Dispiace perché poi si crea un’atmosfera che non aiuta i ragazzi. Dispiace per i fischi, c’erano tanti giovani in campo. Li capisco, ma questa atmosfera poi non aiuta, soprattutto i giovani che erano in campo oggi.

La squadra dopo il primo gol si è disunita…
Si, non è la prima volta che perdiamo la testa dopo aver preso gol. Oggi sul secondo gol, preso da calcio d’angolo a favore, è assurdo che una palla scaricata si giochi in zona centrale quando la squadra è in uscita. Lo sanno che va alzata così puoi rimetterti a posto. Ma così con giocatori come loro, esperti e di gamba di ripartire e farti male. Poi perdi fiducia, abbiamo compromesso al gara con troppa facilità la gara. Va al di là della tattica .

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

12 Commenti

  1. Te ne devi anna’ !!!
    Incompetente che non sei altro te e quell’altro sfascia squadra burattino dello spagnolo…
    Non sara’ la soluzione ma te ne devi anna’ !!!
    Basta !!

  2. ..Sei indifendibile..hai accettato questa squadra ed ora parli…uno dei pochi che entra in campo col veleno è Zaniolo..( che alla prima offera da 30 mil..plusvalenza) tutti gli altri fanno passerella..
    Kolarov scusa se nn ce capisco ma voi che siete intenditori avete preso un altra bastonata…forse xché voi intenditori vi intendete di come si perde?

  3. NO, ha smesso di giocare da quando ci sei tu. Lo pensavo che sei mediocre, scarso e l’ho sempre scritto dall’annucio di questi CIALTRONI, del tuo ingaggio. Chi si è sperticato di lodi IM.MO.TI.VA.TE al tuo arrivo, SOLO per partigineria e dopo aver massacrato (che carogne) L’ ex, dovrebbe avere l’onestà intellettuale di «sparire» come l’amerikano. Ma rimarranno tutti lì, purtroppo per l’as Roma.

  4. forse non avete capito che quei giochetti che fate con il portiere in prossimità dell’area non deve essere uno schema. La maggior parte delle volte siccome non siete palleggiatori, perdete palla e fanno gol anche 4 contro 1 e con qualsiasi squadra. Allontanate la palla dall’area il prima e più lontano possibile, troppi passaggi indiertro tra quelle pippe di zonzi, juan jesus e fazio.

  5. State tranquilli, gli manca una partita di vita (la prossima, che perderà male) poi verrete accontentati.
    Verrete accontentati con paulo sosa, ovviamente, non chi sperate o pensate voi (faccio una carezza sulla testa come ad un bambino a chi sogna conte). E salvatevi tutti questi post, perchè fra un anno un anno e mezzo al massimo li potrete riutilizzare semplicemente sostituendo il nome di di francesco con quello del viscido portoghese, come avreste potuto già fare con quelli quelli usati per garcia, zeman e il ciclista con le nacchere prima di lui. E questo ad oltranza nei secoli dei secoli, finchè non capirete che di francesco e la sua armata brancaleone sono effetto e la causa si chiama pallotta, baldini, baldissoni e monchi.
    Per quanto mi riguarda ho smesso di offendere la mia intelligenza: possiamo avere anche l’allenatore del don orione, starò sempre dalla sua parte perchè attaccarlo significa dare alibi alla società, gettare fumo negli occhi dei tifosi e mettere la cacca, per l’ennesima volta, sotto al tappeto. E io non mi rendo complice di questa cosa come chi ha avallato le scelte folli del braciolaro e dei suoi pupi si è reso complice di questo schifo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here