Di Francesco: “Campo indecente, non si può giocare a calcio così. Alisson? Spero di batterlo in Champions”

10

ROMA AVELLINO DI FRANCESCO – Al termine del match tra Roma e Avellino vinto dai giallorossi per 1-0, è intervenuto in conferenza stampa per rispondere alle domande dei cronisti il tecnico Eusebio Di Francesco. Queste le sue parole:

Matera, Romanews: La prova la ha convinta? O c’è qualcosa che non andava?
“Il campo indecente, non si può giocare a calcio così. L’importante è che non si sia fatto male nessuno”.

Lo Monaco, Il Romanista: avevate qualche sentore di questa cosa?
“Se l’avessi saputo… ma non ce l’ho avuto. Sulla partita non ho valutato niente, non possiamo giocarci. I campi di lavoro erano evidenti, i miei giocatori pensavano di più a non farsi male. Mi dispiace perché pensavo di trovare un contorno migliore. Tutto molto bello esternamente, meno bello sul campo che è la cosa che interessa di più. Faccio i complimenti all’Avellino, giocare dopo aver saputo determinate cose è difficile”.

Schick dimostra di star meglio…
“Ci sono giocatori che arrivano prima in condizione e chi dopo, si presentato bene perché si è allenato prima ma ora mi interessa in maniera relativa, non voglio dare giudizi frettolosi su chi è bravo e chi meno bravo. A me interessa vedere un concetto di squadra, poi gli infortuni di ieri hanno spostato un po’ le mie idee, ho adattato un sistema di gioco strano per far giocare tutti. In un contesto che vi assicuro non mi è piaciuto per niente, ma non posso neanche colpevolizzare i calciatori.”.

Demenica, Rete Oro: Come ha visto l’interazione tra Kluivert e Karsdorp?
“Bene, Kluivert è arrivato da poco e deve assimilare ancora i movimenti ma ha la capacità di attaccare la profondità, dove ha grandi qualità. Poteva essere più lucido nell’uno contro uno ma nell’insieme generale hanno fatto una buona prova”.

D’Ubaldo, CorSport: Malcom?
“Di giocatori che non ho nella mia squadra non ne parlo. Di mercato ne parla tantissimo Monchi, se ne occupa in prima persona. Alisson? Un saluto, speriamo di rincontrarlo e di batterlo in Champions League, gliel’ho detto anche oggi quando è venuto a salutarci”.

Cecchini, Gazzetta dello Sport: a Latina avevi fatto i complimenti alla difesa. Oggi hai visto qualcosa in meno?
“Una partita differente dove gli avversari giocavano palla lunga per andare sulla seconda palla. Ci siamo un po’ persi, abbiamo sbagliato un po’ troppo, il campo non permetteva di mettere in mostra le idee della Roma. Il reparto che si è mosso sempre meglio per me è quello difensivo”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

10 Commenti

  1. Troppo tardo per capire che a parte le gambe pesanti visto il ritiro hanno giocato con il freno a mano tirato per paura di farsi male su quel campo di patate vero? Q.I. di voi criticotifosi pari a quello di un bradipo con seri deficit mentali

  2. Il campo, anche se in pessime condizioni, ha cominciato a rivelare quanto sconnessa stia risultando questa campagna acquisti cessioni, comprando troppi giocatori e troppi giocatori inutili troppo giovani o ridondanti o inservibili per Di Francesco, vendendo campioni e giocatori in ruoli o profili scoperti, in definitiva mettendo in campo poca qualità e personalità. Come si fa, domando, a cercare la settima ala quando non abbiamo il portiere il regista un terzino destro di buon livello? Come si fa a comprare Malcom dove c’é già Under e anche Kluivert e Schick ? O Schick é solo riserva di Dzeko? Stanno ripensando all’orrore di una cessione di Dzeko? O a vendere Perotti, che é davvero indispensabile come Manolas e lo stesso Dzeko, per questa rosa? Forza Roma Forza Monchi e Forza Eusebio e forza Totti, spero abbiate ragione voi, ma Juve Inter e Napoli mi sembrano molto molto avanti, e non penso proprio che in Champions si possa passare il girone con 11 giocatori nuovi, con voragini nei ruoli chiave e triploni (e lì si lunghi dopo una settimana) sugli esterni di attacco.

  3. Calma calma allenamenti pesanti e gambe pesanti… il ritiro e appena iniziato da una decina di giorni…. tutto è importante a luglio meno che piangere e disperarsi per un pareggio in un amichevole / allenamento durante la preparazione in un campo dove la cosa principale è stata non farsi male !!!! L Inter che è più forte ( secondo alcuni ) ha perso malissimo col Sion. . Si non è l Avellino ma nemmeno il Bayer !!!! Eppure le frasi del mister nerazzurro sono le stesse degli altri colleghi e i tifosi non si sono messi paura !!! L anno scorso ai 4 Peroni presi dal cela Vigo sembrava dovessimo andare in serie b secondo alcuni pseudo tifosi romanisti poi saliti sul carro a maggio e ora piangono quella squadra !!!! Certo sono partiti due grandi ma alla fine tifiamo per i nuovi e sopratutto per la squadra che verrà costruita e non per il singolo!!!!! P.s. ricordo che dobbiamo un po soffrire siamo la Roma non un top cub europeo e nemmeno italiano a vedere la storia e la bacheca … non confrontiamoci con quelle società se no la digestione si fa pesante amici miei!!! Forza Roma ieri oggi è sempre .

  4. Ero a Frosinone ieri. Complimenti per lo stadio, è veramente un gioiellino. Sembrava evidentissimo, però, che il campo non era stato più curato dai play off, durante i quali, almeno dal televisore, sembrava perfetto. La Roma non doveva giocare. E’ stata un’amichevole del tutto inutile, durante la quale non s’è visto niente, sopratutto nel primo tempo. I carichi di lavoro devono essere ancora assorbiti, molti giocatori sono lenti, affaticati, alcuni svogliati (Manolas, Dzeko, Pastore, Jesus), ma li capisco. Il faraone e Santon nel primo tempo e soprattutto Perotti, che non so con quale coraggio vogliamo vendere, Under e Shick nel secondo hanno dato qualche accelerata. Sospendiamo il giudizio perché è come se questa partita non ci fosse stata.
    Forza Roma sempre

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here