D’Agostino a RN Web Radio: “Giusto fermarsi per Astori, tragedia immane. Vorrei capire qual è la vera Roma”

0

D’AGOSTINO ROMANEWS WEB RADIO – L’ex giocatore della Roma ed attuale tecnico del Franca Villa, Gaetano D’Agostino, interviene in esclusiva alla Web Radio di Romanews.eu. Queste sono le sue dichiarazioni:

TRAGEDIA ASTORI – “Esprimere pensieri non serve a nulla, c’è il dispiacere. Ieri non sono uscito di casa perché ho tre bambini ed avevo tanti di quei flash in testa che mi hanno fatto essere assente per tutta la giornata. Pensavo alle ingiustizie della vita, siamo controllati, siamo professionisti, facciamo una certa vita, non usciamo fuori dalle righe e poi succede questo. Io dico solamente che poi uno si sofferma sulle sconfitte, vittorie, malcontento su una stagione, ma quando succede questo di cosa vogliamo parlare? Passiamo giorni e giorni ad essere tristi per una partita persa o perché un giocatore è stato sostituito e non doveva, poi però succede questo e ti smonta tutto quello che è il pensiero. Io pensavo a lui, la sua carriera, pensavo alla moglie che riceve una chiamata dal ritiro, il posto più sicuro per un giocatore e si sente dare una notizia del genere: da ex calciatore mi porto questa tristezza dietro, oggi come ieri. Un giocatore di grande personalità, pulito, senza alzare mai i toni, eccedere in falli cattivo, molto elegante come giocatore, grande intelligenza e quello che fai in campo si rispecchia nella vita. Un giocatore veramente bello da vedere e che c’è da dire”.

LA ROMA – “La Roma col Napoli ha fatto una grande partita che ti fa venire un dubbio: cosa vuole essere la Roma? Ha i giocatori e la personalità per fare 4 gol al San Paolo che è una cosa importante. La Roma cosa ci deve dimostrare a noi simpatizzanti o tifosi? Vedere quelle prestazioni lì, devono far venire l’amaro in bocca o farci sperare? L’atteggiamento giusto che deve tenere la Roma è questo visto sabato, non si può permettere di lasciare troppi spazi e concedersi a troppe ripartenze avversarie. Ha dei contropiedisti micidiali, quando la Roma vuole cercare il calcio spettacolare rischia di perdersi: se trovasse un animo più operaio potrebbe fare molto di più. Un po’ come fa la Juventus, con la differenza che la i bianconeri hanno più qualità di uomini, mentre i giallorossi hanno più concetti di gioco”.

DE ROSSI – “E’ importantissimo Daniele, in questo momento credo che stia giocando solo ed esclusivamente per la Roma. Lui vuole lasciare un segnale ed un ricordo importante alla piazza prima di lasciare, però ripeto bisogna dargli una mano sul campo, perché non può essere solo il guerriero che a Napoli è perfetto. Gli serve supporto e più giocatori ha vicini, più l’assetto è stretto e lui si diverte ricoprendo poco campo ed essendo sempre lucido”.

Prosperi-Tagliaboschi

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here