C’è vita sul ‘Pianeta Roma’: 1-1 con il Milan, Zaniolo risponde a Piatek. Rossoneri salvati da Donnarumma e il palo (FOTO)

61

ROMA MILAN, LA CRONACA – La Roma è ancora in sofferenza, ma regala segnali di vita. In una serata difficilissima, con dura contestazione e Curva Sud mezza vuota, dopo un commovente ricordo per Antonio De Falchi, i giallorossi pareggiano per 1-1 contro il Milan. La squadra di Di Francesco inizia il match con aggressività, provando a rendersi pericolosa e non far respirare il Milan: si rende pericolosa prima con Pellegrini su calcio di punizione, poi con Dzeko che trova, però, i guantoni di Donnarumma. Al 25′ arriva la doccia fredda: dormita difensiva di Fazio, errore di Pellegrini sulla fascia che regala il pallone a Paquetà e Piatek mette dentro a due passi da Olsen. Fatica a reagire la Roma, fino al 44′ quando i giallorossi sbattono di nuovo sul numero 99 rossonero: colpo di testa angolato di Schick, dove Donnarumma si supera ed è bravo sulla ribattuta dove chiude lo specchio a Dzeko. Nel secondo tempo, i capitolini entrano in campo con un altro piglio e trovano subito il pareggio con Zaniolo, abile a raccogliere una ribattuta in area del Milan. Da quel momento in poi è un monologo, con i giallorossi sfortunati a non trovare il vantaggio prima con Dzeko su cui si supera ancora Donnarumma e poi con Pellegrini che colpisce un palo clamoroso. L’occasione finale, però, è per la squadra di Gattuso con Olsen che vieta a Laxalt la gioia del gol. La partita termina così, con tanti rammarichi ma anche con delle indicazioni positive. Nulla di invariato in zona quarto posto, dove la Roma resta a -1 dal Milan. Aspettando la Lazio domani contro il Frosinone.


Dallo Stadio Olimpico
Spiniello-Matera-Tagliaboschi

Cronaca testuale
Alessandro Tagliaboschi

LE FORMAZIONI UFFICIALI

ROMA (4-2-3-1): 1 Olsen; 2 Karsdorp (86′ Santon), 44 Manolas, 20 Fazio, 11 Kolarov; 16 De Rossi, 7 Pellegrini; 14 Schick (80′ Kluivert), 22 Zaniolo, 24 Florenzi (65′ El Shaarawy); 9 Dzeko.
A disp.: 63 Fuzato, 83 Mirante, 15 Marcano, 18 Santon, 53 Riccardi, 27 Pastore, 19 Coric, 54 Cangiano.
All.: Eusebio Di Francesco

INDISPONIBILI: 3 Juan Jesus (lesione menisco interno ginocchio destro), 8 Perotti (problema al polpaccio sinistro), 17 Under (sospetta lesione retto femorale destro) 
SQUALIFICATI: 42 Nzonzi, 4 Cristante
DIFFIDATI: 20 Fazio, 7 Pellegrini

MILAN (4-3-3): 99 Donnarumma; 2 Calabria, 22 Musacchio, 13 Romagnoli, 68 Rodriguez; 79 Kessie, 14 Bakayoko, 39 Paquetà (77′ Castillejo); 8 Suso (87′ Laxalt), 19 Piatek (87′ Cutrone), 10 Calhanoglu.
A disp.: 90 A. Donnarumma, 35 Plizzari, 20 Abate, 12 Conti, 18 Montolivo, 4 Mauri, 11 Borini, 93 Laxalt, 63 Cutrone.
All.: Gennaro Gattuso


INDISPONIBILI: 25 Reina (elongazione muscolare al polpaccio), 5 Bonaventura (problema al ginocchio), 17 Zapata (lesione al bicipite femorale destro), 33 Caldara (lacerazione parziale del tendine d’achille), 21 Biglia (lesione muscolare al polpaccio)
SQUALIFICATI: –
DIFFIDATI: –

Arbitro: Maresca (Napoli)
Assistenti: Carbone e Lo Cicero
Iv uomo: Abbattista
Var: Calvarese
Avar: Di Liberatore

Ammoniti: 17′ Manolas (R), 21′ Zaniolo (R), 39′ Suso (M), 53′ Paquetà, 71′ Bakayoko (M).
Espulsi: -.
Marcatori: 26′ Piatek (M), 46′ Zaniolo (R).

CRONACA

SECONDO TEMPO

90‘ – Tre minuti di recupero.

86‘ – Cambio per la Roma: fuori Karsdorp, dentro Santon. Due cambi anche per il Milan: dentro Laxalt e Cutrone, fuori Suso e Piatek.

81‘ – PALO CLAMOROSO! Grande colpo di testa di Pellegrini, Donnarumma è immobile e la palla si stampa sul palo!

76‘ – Cross dalla sinistra di Kolarov: ancora Dzeko a colpire, la palla è alta. Intanto, cambio per Gattuso: fuori Paquetà, dentro Castillejo.

75‘ – Quindici minuti alla fine: la Roma sembra averne di più.

71‘ – Bakayoko in ritardo su Pellegrini: giallo per il centrocampista del Milan.

70‘ – Calcio d’angolo dalla sinistra, Dzeko svetta più in alto di tutti: ancora un miracolo di Donnarumma.

64‘ – Primo cambio per la Roma: fuori Florenzi, dentro El Shaarawy.

63‘ – Pellegrini ferma irregolarmente Paquetà: viene ammonito. Era diffidato, salterà Chievo-Roma.

61‘ – Prova il tiro Suso dalla distanza: para Olsen.

57‘ – Lancio stupendo di De Rossi a scavalcare la difesa: trova Schick, che stoppa il pallone, prova il tiro che però viene deviato. Il ceco, però, era in posizione di fuorigioco.

52‘ – I rossoneri chiedono un rigore per un contatto tra Kolarov e Suso: Maresca fa continuare e ammonisce Paquetà per proteste.

46′ – GOOOOOOOOOOOOOOOL DELLA ROMA!!! Cross dalla destra di Karsdorp, Schick allunga sul secondo palo, arriva una deviazione scomposta di un difensore del Milan: c’è ancora il miracolo di Donnarumma, ma sulla respinta arriva Zaniolo! Risultato in parità!

46‘ – Inizia il secondo tempo.

PRIMO TEMPO

45’+1 – Dopo un minuto di recupero, l’arbitro fischia la fine del primo tempo: decide Piatek.

44‘ – Grande occasione della Roma per pareggiare: prima Schick di testa incrocia benissimo e trova un super Donnarumma, poi Dzeko prova il tiro sulla ribattuta ma è ancora puntuale il portiere del Milan in uscita.

41‘ – Ottima azione della Roma con Dzeko che serve Florenzi davanti a Donnarumma: il 24 giallorosso sciupa tutto, ma l’arbitro aveva fermato il gioco per posizione di offside.

39‘ – Intervento in ritardo di Suso su Kolarov: è giallo anche per lo spagnolo. Sul calcio di punizione nulla di fatto, con Donnarumma che esce con i pugni.

35‘ – Fazio avanza in zona offensiva, serve una palla filtrante per Zaniolo dentro l’area: il numero 22 prova il tiro, ma è bravo Donnarumma a parare. Poco dopo conclude Florenzi dalla distanza, ma il tiro è centrale.

30‘ – Prova a rispondere la Roma sugli sviluppi di un calcio d’angolo: prova la sforbiciata Manolas, ma cicca il pallone.

25′ – GOL DEL MILAN. Grande giocata di Paquetà sulla destra, mette in mezzo il cross e Piatek anticipa i due centrali. Rossoneri in vantaggio

21‘ – Ammonito anche Zaniolo per un intervento in ritardo su Bakayoko.

17‘ – Errore nel controllo palla di Manolas, ne approfitta Kessie che prova a ripartire in contropiede: fermato dal greco irregolarmente. L’arbitro ammonisce il numero 44 giallorosso.

15‘ – Ottima iniziativa della Roma, con Pellegrini che serve Dzeko: il bosniaco va dentro l’area di rigore, prova il tiro. E’ attento Donnarumma.

10‘ – Primo tiro del Milan con Suso: palla debole e a lato.

6‘ – Una buona azione della Roma con Dzeko che arriva al cross, palla sul secondo palo dove c’è Pellegrini: la coordinazione ed il tiro al volo sono ottimi, ma la conclusione viene deviata.

3‘ – Punizione velenosa di Pellegrini: la palla deviata da Bakayoko finisce di poco sopra la traversa di Donnarumma.

1‘ – Inizia il match

PRE-GARA

Ore 20.25 – Spettacolare coreografia della Curva Sud per ricordare Antonio De Falchi.

L'immagine può contenere: una o più persone, campo da basket e stadio

Ore 20.22 – Durante la lettura delle formazioni fischi per tutti i calciatori giallorossi: gli unici a salvarsi sono Daniele De Rossi e Nicolò Zaniolo. Non viene risparmiato Eusebio Di Francesco.

Ore 20.20 – Il popolo giallorosso ricorda Antonio De Falchi, tifoso della Roma scomparso 30 anni fa in un pestaggio con tifosi milanisti. Prima la Curva gli tributa dei cori, poi arrivano anche le parole dello speaker: “Ci lasciava 30 anni fa, come non dimenticare. Era uno di noi”.

Ore 20.16 – Squadra contestata all’ingresso in campo ed al rientro negli spogliatoi: bordata di fischi da parte di tutto lo stadio.

Ore 19.43 – Entrano in campo i portieri per il riscaldamento: fischi da parte dell’Olimpico.

Ore 19.30 – Anche la Roma, tramite i suoi profili social, ufficializza la formazione per la sfida contro il Milan:

Ore 19.25 – Il Milan, tramite i propri profili socia, rende noto l’undici ufficiale:

Ore 19.05 – Angelo Mangiante, giornalista di Sky Sport, rende noto l’undici iniziale per il match di stasera:

I PRECEDENTIRoma e Milan si sono scontrate in Serie A per ben 167 volte, con bilancio a favore dei rossoneri che vantano 74 vittorie, 49 pareggi e 44 sconfitte, con 182 reti messe a segno dai giallorossi e 237 dalla squadra di Gattuso. Anche nelle sfide dell’Olimpico, i numeri propendono dalla parte del Milan, che ha espugnato la capitale per 28 volte, contro le 25 della Roma e con ben 30 pareggi. Il risultato più frequente è l’1-1, che si è realizzato per ben 14 volte. L’ultima vittoria giallorossa è datata stagione 2016-17, quando Radja Nainggolan decise il match con un gran tiro dalla distanza. Lo scorso anno, invece, i rossoneri batterono gli uomini di Di Francesco per 0-2 in un momento di profonda crisi, con le reti di Cutrone e Calabria.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

61 Commenti

  1. Florenzi non può giocare terzino, punto! Non riesce a fare una diagonale, un fuorigioco, è sempre fuori posizione o troppo avanti o troppo indietro. Non ha l’intrapendenza di un terzino di guardare sempre avanti, al contrario, dà la palla sempre indietro o in orizzontale o porta la palla, la perde e non torna. BASTA! Basta fargli fare ste figure e ridiamogli il ruolo che aveva e nel quale tante soddisfazioni aveva dato a noi tifosi e a sè stesso. Gli infortuni, purtroppo, lo hanno penalizzato ma se è tornato e può giocare lo deve fare nel suo ruolo.

    • Su Florenzi completamente d’accordo, lo vedrebbe anche un cieco che non può giocare in quel ruolo, ma solo laterale di una difesa a 5 o esterno alto. Molto meglio Santon (inspiegabile come Di Francesco non lo consideri), mentre Karsdorp paga ancora il lungo stop. Mi auguro anche che il tecnico freni le avanzate di Kolarov che non ha più il fisico per coprire tutta la fascia.

  2. Acqua alla gola 4_4_2 schema base:
    Olsen
    Karsodrop. Manolas. Fazio. Kolarov

    Florenzi. De Rossi Pellegrini. Zaniolo

    Dzeko. Elsharawi(Schik)

    Poi nella ripresa vediamo se sei in vantaggio fuori Zaniolo o Pellegrini chi dei 2 ne ha di meno, sposto Florenzi e faccio entrare al suo posto Santon, De Rossi fa tutta la partita e davanti metto Pastore e tolgo la seconda punta (Elsha o Schik)
    Se sono sotto metto kluiwert esterno invece di Santon e cambio la seconda punta che non gioca, negli ultimi 10 tento Pastore facendo il centrocampo a rombo De Rossi basso e lui alto, stop.
    IFacciamo le cose semplici per bene, sono 6 mesi che non abbiamo equilibrio, Forza Roma

    • possiamo giocare con qualsiasi formazione ma se i giocatori non corrono, non lottano e non si impegnano come hanno fatto troppe volte quest’anno cosa importa la formazione. Mi aspetterei una prova d’orgoglio a questi orgoglio propio non c’è l’hanno. Staremo a vedere.

  3. Do ragione a peter… non serve cancelo a dx per battere la spal il Bologna il Chievo … non servivo fenomeni per evitare un umiliazione a Firenze … servono uomini veri.. professionisti che onorino contratti e maglia !!!!! Se si corre e si da l’anima il modulo diventa superfluo… dategli i calzoncini con le tasche !! Perché fino ad oggi hanno solo passeggiato

  4. Si giusto senza impegno non vai da nessuna parte, ma io ne ho piene le scatole di 4/3/3 e 4/2/3/1 a calcio per 90 anni si e’ giocato con 2 punte, ora sembra sia diventata una cosa impossibile, per me da quando in Italia ha preso piega la mania del Barcellona siamo andati fuori di testa

    • Concordo… Da quando è nata la moda del tikitaka hanno ammazzato il calcio… Solo allenatori giovani senza esperienza per imitare la scelta di guardiola dalla primavera alla prima squadra e palleggio sterile per avere la soddisfazione di vedere vinto il tempo di possesso palla… Non si vede più un contropiede, un assist di prima…

      • Si ma non sono commenti.
        Noi tifosi possiamo strillare tutti i forza Roma che vogliamo, ma se siamo in balia di una dirigenza che non ha nessuna voglia di allestire una squadra seria, che cosa cavolo tifiamo a fare? Forse sarebbe meglio fare arrivare tutto il nostro disappunto, perché il nostro amore lo hanno disonorato e ci hanno sputtanato in tutti i modi.
        Io non voglio prendermi rivincite in questo momento, ma CIC è stato uno di quelli più duri contro, chi come me era contro la società e criticava questa campagna acquisti. A distanza di tanti mesi CIC non è riuscito ad elaborare un pensierino di scuse verso i tifosi offesi, ne una critica verso questa società che ci fa vergognare di rifarla.
        Continua a riscrivere la stessa frasetta che secondo me oramai porta pure sfiga, perché Nun se vince mai.
        CIC scendi dal monte e dicci la tua, come mai pastore non struscia mai? Dzeko sembra che ci fa un piacere a giocare? O come mai ora a gennaio abbiamo solo venduto e non comprato. Dicci se ti senti ancora partecipe di una società che sa solo prenderti per il culo o se finalmente ti sei reso conto che qualcosa è stato totalmente sbagliato o addirittura fatto in malafede.
        Stammi CIC, forza Roma e testa sotto la sabbia mi raccomando

  5. Concordo @gianluca la Roma deve recuperare Florenzi che potrebbe essere il nostro delvecchio metà centrocampista metà attaccante, ma non può fare il difensore. Kolarov anche dovrebbe limitare le folate. Nelle ultime partite ci hanno massacrato per i suoi errori dettati dal calo fisico. Speriamo che DDR davanti la difesa sappia coprire di più Fazio e Manolas. Per il resto il centrocampo va bene ed è anche il migliore attacco che possiamo schierare in assenza di under. Santon e kasdrop sono entrambi due punti interrogativi ma questi abbiamo.
    Di fra ha finalmente messo la Sua squadra migliore non quella di Monchi. Adesso dipende solo dai giocatori.. ANDIAMO A VINCERE E PRENDERE IL QUARTO POSTO.

  6. Guardate ora come ora Karsdorp non ha fatto male le ultime partite. Almeno ho visto un suo impegno costante durante l’ultima partita che ha giocato. Ovviamente non ha 90 minuti per due motivi: uno non è rientrato da molto dall’ennesimo infortunio e dunque ha giocato poche partite, due Di Francesco non li allena a dovere perché fa fare loro solo torelli e partitelle (allenamento di venerdì 1 febbraio). Dove sono i gradoni? Dove sono gli allenamenti per fare corsa e fiato? Pure alle provinciali ci si allena 2 ore di fila…Intanto vorrei dire che Gervinho ieri ne ha fatti 2 alla Juventus. Perché venderlo e mandarlo in Cina? Per una plusvalenza? Ovvio, ma poi non si lamentasse er bucìa se alza solo la coppa delle plusvalenze, comunque non è che gli interessi molto della Roma visto che pensa a vendere i migliori senza nemmeno provare a tenerli. Ora diciamo giochiamo con tutti titolari, vediamo cosa si riesce a fare.

    • Ma perché continuate a scrivere le solite fregnacce! Gervinho è andato in Cina non per una plusvalenza, ma perché ha preso un ingaggio di 24 milioni in 3 anni, oltre a una serie di bonuso come lui stesso ha dichiarato: “Io in questo momento percepisco circa 150 mila euro per ogni goal segnato. In più guadagno 60 mila euro per ogni partita giocata. E tutte queste cifre sono nette. E’ una cosa che in Europa, anche giocando nel Real Madrid, sarebbe impossibile” (https://www.90min.com/it/posts/4335044-gervinho-sul-calcio-cinese-vi-racconto-tutto-guadagno-150mila-euro-a-gol-e-60mila-per). L’ivoriano poi non voleva più stare alla Roma dopo la cacciata di Gancia. Se non siete informati, tacete…

      • Diciamo che la verità sta nel mezzo. Gervinho voleva andare via, vista l’offerta spropositata dei cinesi, ma la Roma, Garcia o non Garcia, non ci ha pensato due volte a lasciarlo andare per incassare.
        Concludendo, mi chiedo perché non abbiamo provato a riprenderlo, vista l’assenza cronica di un esterno di quel genere? Sicuramente sarebbe stato piu funzionale di Pastore.

  7. I giocatori della Roma così come di Francesco Totti monchi Baldissoni e pallotta e anche noi tifosi, siamo molto fortunati. Visto che la grande anti Juventus dei grandi giocatori e dell allenatore top e di marotta e di quelli che hanno i soldi veri, sono usciti dalla champions , usciti dalla coppa Italia e si stanno suicidando per il terzo posto, se la Roma, tutti noi, sta sera vinciamo, andiamo a 3 punti dal terzo posto, che mi sta bene.
    In tutto questo negativismo il calcio come ti butta Giù da un burrone , così ti spedisce in paradiso in un attimo.
    Arrivi terzo e vai ai quarti in champions hai fatto il tuo col tutto che hai toppato 2/3 acquisti fondamentali.
    ANChe per sta sera SIamo stati fortunati . Adesso , CARI GIOCATORI ,in campo andate voi, TOCCA A VOI. Forza Roma

    • Ciao amico mio, non pensavo e invece ci siamo andati vicini, sbattendo contro Donnarumma e un palo.
      Olsen ha fatto 1 parata importante + mezza, purtroppo la mezza non è bastata ad evitare il gol, d’altronde se fosse stata intera sarebbe stata un miracolo.
      Donnarumma invece ha fatto 3 mezzi miracoli ed ha tenuto in piedi una squadra comunque ben organizzata.
      Per completezza va aggiunta la mancata espulsione di Pellegrini.
      Per il futuro dobbiamo fare il nostro, qualcuno lo chiama “normalità”, altri “il minimo sindacale”, a me non importa come lo si chiami, e soprattutto si potrà sapere cosa sarà solo a giugno.
      Nel frattempo sempre e solo Forza Roma!

  8. Il segnale che da manolas col suo atteggiamento è da perdente . Nella vita non nel calcio. Se hai paura devi stare a casa. Il calcio non è solo dare spallate il calcio è totale, due fasi. Saper stoppare , passare . Mentalmente manolas è zero. Come quasi sempre. Io voglio L atteggiamento non la vittoria per forza.
    Dai forza a chiunque facendo questi orrori.
    Manolas e florenzi sempre stessi atteggiamenti. DA uomini piccoli.

    • Sarà la quinta volta che ci propini lo stesso commento a tema “Manolas e l’atteggiamento da perdente”.
      Cos’è, un fatto personale? All’Eurospin ti hanno rifilato la feta scaduta?
      Spiegaci poi che razzo c’entra saper stoppare o passare un pallone, fatto meramente tecnico, con la predisposizione mentale alla sconfitta. Boh.
      È probabile che tu abbia inziato a conoscerlo solo da un paio di settimane, poiché è risaputo da anni che il greco sa fare tutto tranne che trattare educatamente il pallone. Non è Mexes, nè Chivu, nè Aldair, ma è veloce e tosto. Guarda meglio la partita, noterai che è Fazio quello che imposta sempre dalla difesa.

    • Ti prego El Capitan. Pellegrini aveva la palla nei piedi. La perdi? Ok ma almeno non lasciarlo andare via così.
      Manolas la diagonale difensiva (quella al contrario che facevano benissimo a Napoli con sarri) nn sa neanche cosa è. Porca miseria non dico che dobbiamo saperlo noi ma questi giocano in serie a. Noi i goal sistematicamente regalati. Per farne uno dobbiamo fare 100 Tiri. Il Milan 1 tiro (perché 4 sono stati fatti da 70 metri) a momenti vince la partita. Chi dice che vorrebbe Gattuso mi fa tenerezza.
      Purtroppo la fortuna neanche la creiamo.
      Florenzi e manolas per favore andare via. Mentalità e qualità da Serie B.
      Forza roma

      • florenzi e manolas mentalità e qualità da serie b…Dopo Firenze ormai si può dire tutto a quanto pare. Ma se Manolas ha retto la baracca per mesi, imbrocca un attimo un periodo no ed è già diventata una sega? Poi magari va via e tutti a dire, ecco, vendiamo sempre i migliori, e non compriamo nessuno, bla bla bla…Basta, vi prego, pensiamo al fatto che mancano ancora un po’ di partite e visto l’andazzo delle avversarie abbiamo ancora qualcosa di importante da giocarci.
        PS
        Direi che la fortuna abbiamo provato a crearla, il problema è la sfiga che è simile all’energia, non si crea e non si distrugge 😉 (FORZA ROMA)

    • Io invece ho visto una delle migliori prestazioni di Schick, se non la migliore considerato che era contro il Milan, dal punto di vista della caparbietà, ovvero della testa, che era il suo più grande difetto.
      Questa partita senza i miracoli di Donnarumma (che comunque fanno parte del gioco) si vinceva.
      Va detto pure che nel finale c’era un Pellegrini di troppo in campo, al quale è stato risparmiato per qualche motivo il secondo giallo.

  9. A noi Mihajlovic non piaceva in panchina per cercare di smuovere un po la mente a sti fenomeni no, per carita uno che ci capisce in panchina non lo si pensa. Prendete Paolo Sousa e continuate a giocare con un Florenzi cosi e con Fazio che pare zio fester. Poveri noi!!!

  10. Stavolta ci siamo inventati florenzi alto a sx , non capisco perche’ lasciare fuori il faraone nel suo ruolo, non abbiamo una squadra titolare,si perde anche per questo! Cambiamo interpreti ogni partita.perderemo anche questa!

  11. De Rossi stasera ha dimostrato quanto sia un recupero indispensabile in questo momento e, di conseguenza, quanto sarà indispensabile trovare a giugno un sostituto con le sue caratteristiche.

  12. Diciamo la verita’,meritavamo di vincere,pur con tutte le lacune difensive ,ormai endemiche.Il Milan ha fatto un tiro in porta e i 3 punti sarebbero stati veramente un furto.Se Difra è un allenatore mediocre,gattuso è una parodia di allenatore.Comunque un minimo di reazione c’è stata,a parte quell’indolente di Dzeko,ormai con la testa chissa’ dove.

  13. Non abbiamo perso ma abbiamo giocato male male. Non si vede un’anima di schema. Solo corse sulle ali per il classico cross al centro, oppure passaggi laterali a centro campo per un lancio lungo centrale a scavalcare la difesa. Il tutto sperando sempre che qualcuno la prenda e faccia qualcosa. In compenso in difesa siamo di burro. Se non si cambia allenatore la vedo dura arrivare al quarto posto.

  14. Tanti commenti e anche molto diversi tra di loro .. la pluralita’ e’ un pregio, nello sport come in politica e come in filosofia e nella visione della vita e della morte .. il mio pensiero e’ che la Roma ha giocato bene. Mi e’ sembrato evidente che entrato il vecchio la Roma sia stata assemblata meglio .. scocca e motore .. bella Roma ma non splendida .. dominiamo la scena ma si addormentano in tanti e zacc .. il Milan segna col velociraptor .. bel gol di rapina .. personalmente scuso Pellegrini, Manolas, Florenzi, De Rossi e Fazio, il piu’ lento di tutti e anche Olsen, detto il Bradipo per la sua reattivita’ o , meglio dire, non reattivita’ .. eppure la Roma macina .. Karsdorp migliora sempre e gioca la sua migliore partita con la Roma .. Manolas fa dei grandi recuperi, Fazio lotta come un vero guerriero, Kolarov e’ un serio professionista e combatte la sua partita, bene Pellegrini che, con De Rossi a protezione, gioca, lotta, mostra lampi di classe, prende un palo che ha del SEGNO DEL DESTINO .. la JELLA SI ACCANISCE! un palo a portiere immobile e battuto, l’ ennesimo palo, ma quanti ne abbiamo collezionati ? pure la sfiga dobbiamo combattere .. stavolta GIUSTISSIMI i cambi di DIFRA, non aveva mai azzeccato i cambi .. ieri sera, si, piccoli allenatori crescono .. grande Shick .. finalmente combatte, lotta, gioca, tira in porta, ma bravissimo Donnarumma , bene pure Dzeko e El Shaarawy quando entra .. il fallo di Kolarov ? forse era da rigore ma i due giocatori si mettono entrambi le mani addosso , quindi, in questi casi, si premia il difensore .. Maresca , che tutto sommato ha arbitrato con giudizi equanimi, non m’ e’ dispiaciuto .. Di Fra ? ieri sera BENE .. potevamo vincere ma anche perdere .. alla fine l’ 1 a 1 mi lascia sereno .. ci sono ancora tante partite da giocare .. i conti li facciamo alla fine ..

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here