Trasferimento Mancini, si studia la formula: prestito oneroso con obbligo di riscatto

2

CALCIOMERCATO ROMA MANCINI ATALANTA – Dopo la cessione di Kostas Manolas al Napoli e quella imminente di Ivan Marcano al Porto, la Roma ha bisogno di trovare un nuovo difensore centrale. Il nome più caldo in queste settimane è quello di Gianluca Mancini, anche se oggi c’è stata una frenata. Petrachi sembrerebbe aver fatto un dietrofront per provare l’assalto a Nkoulou, giocatore del Torino, che conosce molto bene. TMW però afferma che i giallorossi stanno comunque cercando di portare a termine l’affare per portare il nerazzurro nella Capitale. Si lavora soprattutto per quanto riguarda la formula del trasferimento: la Roma ha offerto all’Atalanta un prestito oneroso di 5 milioni di euro con obbligo di riscatto fissato a 20. Deve ancora arrivare la risposta di Percassi.

La carriera di Mancini: dall’Atalanta al possibile arrivo alla Roma

L’avventura di Mancini nel mondo del calcio inizia nel 2002, all’età di 6 anni, nelle giovanili del Valdarno Calcio. Nel 2006 passa alle giovanili della Fiorentina, con cui si aggiudica lo scudetto Giovanissimi Nazionali nel 2011. Con la maglia viola, però, non disputa alcuna gara ufficiale: l’ex giallorosso Vincenzo Montella lo fa scendere in campo insieme alla prima squadra solo in ritiro per un’amichevole. Nell’estate del 2015 viene ceduto in prestito al Perugia che lo acquista a titolo definitivo la stagione successiva. Con i biancorossi colleziona 25 presenze e un gol e fa il suo debutto in Serie B tra i professionisti l’11 settembre 2015 contro il Pescara.

Le caratteristiche tecniche di Mancini

Mancini è un difensore centrale di piede destro. Il classe ’96 ha una corporatura imponente: è alto 190 cm e pesa circa 77 chili. Inutile dire che il fisico lo aiuti molto nel ruolo che ricopre in campo: ha grande potenza, è abile nel gioco aereo e nell’anticipare l’avversario. Ha grandi doti tecniche e possiede anche una discreta visione di gioco. Una qualità che dimostra di possedere e a cui tiene molto è l’aggressività. Nella stagione 2018-2019 è stato uno dei difensori più prolifici della Serie A, mettendo a segno ben 5 reti, come Federico Fazio. La sua vena offensiva è risultata congeniale al gioco propositivo di Gasperini nelle due stagioni all’Atalanta.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here