Calciomercato: Roma in vantaggio su Tonali, Cellino fissa il prezzo

24

CALCIOMERCATO ROMA TONALI – La Roma è in vantaggio sulle altre pretendenti per il centrocampista classe 2000 Sandro Tonali. Come riferisce calciomercato.it, la richiesta del Brescia nei vari colloqui avuti tra il direttore sportivo giallorosso Monchi e l’entourage del giocatore, è stata di 35 milioni ma Cellino, in caso di eventuale promozione in Serie A potrebbe alzare le proprie pretese a 50 milioni di euro. Da segnalare in corsa anche Inter e Juventus, intenzionate a non mollare nonostante il vantaggio accumulato dai giallorossi.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

24 Commenti

  1. “nei vari colloqui avuti tra il direttore sportivo giallorosso Monchi e l’entourage del giocatore”….
    Colloqui ai quali calciomercato.it ha partecipato, evidentemente.
    Oppure no.

  2. Che bisogna fare con le notizie dellla Roma?
    Da una parte si dice che venderemo Zaniolo a 40 milioni, dall altra che pagheremo Tonali gli stessi soldi.
    La logica? Nessuna ovviamente: Zaniolo è già un idolo e Tonali una scommessa.
    Ci spiegano che questo non conta.. l´importante è sempre vendere a di più del prezzo di acquisto.
    Perchè? Per fare quadrare i conti, incluso coprire i flop.
    E piú i giocatori li paghi caro, piú difficile è fare plusvalenza.
    Tra l altro, tra i giocatori che paghiamo poco escono rose e carciofi, tra quelli che paghiamo tanto, sbagliamo troppo spesso.
    Che bisogna fare allora con le notizie dellla Roma?
    Sperare che siano solo chiacchiere, ma non sempre è così

  3. Fa bene a mettere in mezzo totti,tecnicamente e’stato indiscutibile,ma sotto il profilo caratteriale ha mostrato sempre dei grossi limiti,negli ultimi anni ha sempre messo i suoi interessi personali prima della squadra,non capendo che ormai calcisticamente si avviava al naturale tramonto!! Quando e’diventato dirigente,nei momenti necessari non e’mai entrato nello spogliatoio ad attaccare all’armadietto chi lo meritava,ma quello deriva dal carattere personale,per quanto riguarda gli altri due stendiamo un velo pietoso,sono l’uno complice dell’altro,di francesco ha dei grossi limiti tecnici,un allenatore che va a liverpool con la difesa a tre contro mane’ salah e firmino e’un pazzo!!al settantesimo perdevamo 5-0 con due miracoli di alisson ,altrimenti erano sette,questo e’uno dei tanti esempi….il piu lampante,non riesce a leggere le partite in corsa,spesso sbaglia i cambi o la formazione di partenza ecc…

    • E certo lo sai te se Totti entra negli spogliatoi o no… che fenomeno che sei… se veramente avesse messo davanti i suoi interessi personali se ne sarebbe andato a 25/26 anni al Real, a vincere 2-3 champions e un pallone d’oro, non sarebbe rimasto in una società mediocre a collezionare briciole e sprecare il suo enorme talento.

      • Una società così mediocre che aveva Batistuta,Montella, Del Vecchio, Nakata, Tomasi, Zanetti, Cafu, Candela, Emerson, Samuel, Zago, una società così mediocre che in quel famoso Roma Parma 3 a zero, era una squadra, fantastica, che giocava un calcio sublime, era una squadra, che in quel momento era la squadra più forte d’Europa❤️però quello scudetto l’ha vinto solo Totti.
        Oddio.

        • Caro Luca, dire che la Roma di Capello giocava un calcio sublime me sa che di calcio capisci ben poco, non ricordo UNA squadra di Capello che aveva un bel gioco!
          Poi dici che eravamo la squadra più fore d’Europa ahahah infatti non semo MAI arrivati manco ai quarti de finale ne de coppa uefa ne de champions… sei il classico tifoso romanista che “semo i più belli e i più forti del mondo” si, a chiacchiere, peccato che i trofei poi li vincono sempre gli altri.

          • Questione di punti di vista, nell’anno in cui vinse lo scudetto giocava un calcio Divino ed era una squadra di livello mondiale, gli anni prima e anche quelli dopo lo scudetto ti posso dare ragione che non giocava bene.
            Ma nell’anno dello scudetto Capello azzecco tutto, squadra, modulo, giocatori, se poi ora in nome di Pallotta e del suo stadio, vogliamo buttare giù anche quella Roma e quel magico scudetto fatelo voi, io non ci sto.

    • La malafede di chi dice che Totti ha messo prima i suoi interessi a quelli della Roma non merita neanche risposta.
      Questo si che è un atteggiamento da laziale, non criticare la società.
      Occhio che fate la fine di Spalletti

      • Magari tornasse Spalletti magari, però Totti glielo devi levare dalle scatole, si va a fare un bello stage con la nazionale, che ne sai che non gli insegnano anche qualcosa.
        Capisco che voi siete tutti adulatori di Totti, ma vederlo così che gioca con il telefonino durante la partita, ma un po’ non vi dà fastidio?

  4. Conosciamo tutti il carattere di totti ce lo abbiamo avuto sotto gli occhi per 25 anni!!!.io ho scritto gli ultimi due anni di carriera,quando ormai camminava in campo,la velocita’di gioco nel calcio moderno e’tutto e lui ormai non ce l’aveva piu…e’innegabile!!!non vi mettete i paraocchi e lui ha solo pensato al suo ego personale,questo poi e’ una mia opinione ogniuno ha le sue,te saluto!!!

  5. A me interessa quello che ha fatto qui.
    E Spalletti a Roma è uno dei pochissimi allenatori che ha funzionato e ha pure vinto.
    Due coppe Italia
    E due super coppe italiane.
    A vincerle ora quattro coppe del genere.
    Magari iiiiiiiii

  6. Giusto hai ragione una la vinse Capello mi sembra tre a zero contro la fiorentina, però mi ricordo pure vado a braccio, che una gliela fece perdere il signor Totti a Milano, quando rientrato da poco si ostino’ a battere il rigore decisivo e lo sbaglio’ così adesso per colpa sua, la Lazio c’ha tre super coppe italiane e la Roma due.
    Il giocatore più forte di tutti i tempi, che se fosse andato al real avrebbe vinto tre palloni d’oro e due di platino dicono, ma che a noi però, non ci ha fatto vincere mai niente, anzi se non fosse stato per Capello e Nakata quella volta a questa ora avevamo gli stessi scudetti della Lazio.

    • E certo i 13 gol che ha fatto nell’anno dello scudetto non contano (senza contate gli assist di quell’anno…)
      Io ti dico che se non ce fosse stato Totti a segnare oltre 300 gol probabilmente avremmo raccolto ancora meno di quel poco che abbiamo, ma qui mi sembra che si vuole criticare Totti a prescinde.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here