BAYERN MONACO-ROMA: LE INTERVISTE. Ranieri: ´La squadra ha comunque fatto una buona partita. Ora voglio parlare con i ragazzi´ Totti: ´Dobbiamo assolutamente migliorare´. Montali: ´Cerchiamo di essere oggettivi´

0

 
LE INTERVISTE DEL POST-PARTITA:
 
Ranieri alla Rai:
 
” Nel secondo tempo loro hanno alzato il baricentro, poi Muller ha pescato il jolly. Borriello ha fatto buona gara, ma tutta la squadra ha fatto bene. Noi abbiamo avuto le nostre occasioni; loro hanno sfruttato al meglio le loro”.
 
Contento a Sky
 
Come è andata la partita?“La Roma ha giocato bene, ma anche noi, e con la Roma è difficile giocare.”
Ti aspettavi di più dalla Roma?“Beh, a Monaco però è difficile giocare, ma abbiamo giocato bene noi”.
Cosa ti ha detto Van Gaal?“Niente, fai la tua partita”
 
Ranieri a Sky
C’è stata una grossa differenza di mole di gioco. Le occasioni della Roma sono sembrati episodi…
“La forza del Bayern è quella di avere un forte possesso palla e poi sviluppare il gioco sugli esterni con Robben e Ribery, non avendoli trovavano grossa difficoltà ad entrare dentro. Noi abbiamo fatto molto bene la fase difensiva, non siamo però riusciti ad esternare il nostro gioco che è fatto anche il nostro di fraseggi e di attacco. Siamo stati un pochino troppo timidi. Però per come stavamo psicologicamente dopo Cagliari è un passo in avanti. E’ certo che li avrei voluti più determinati e grintosi, però la squadra c’è e dobbiamo continuare a lavorare. Solo con il lavoro riusciremo a venirne fuori”
 
Dal punto di vista tattico come si risolve questo momento della Roma?”Continuando a lavorare. Il tridente non lo dobbiamo sopportare perchè per farlo bisogna che tutti quanti corrano sia avanti che indietro, sennò la squadra si spacca in due tronconi come abbiamo fatto ultimamente. Oggi li ho visti compatti. Ripeto dovevamo essere più sicuri nel palleggio quando avevamo la palla”
 
Possibile che la Roma, dopo tanto tempo che gioca con una punta sola, soffra l’abbondanza di tanti attaccanti?
“Sicuramente, la squadra ci rimette perchè è abituata a giocare senza nessuna punta. Neanche Totti è una punta. Però dobbiamo cambiare non possiamo restare sempre con solo Totti là davanti, per cui ho inserito un altro attaccante e per sopportarlo bisogna giocare così come stiamo facendo e continuare a lavorare, sodo, determinati e poi troveremo le soluzioni giusteE’ inutile aver preso Borriello e Adriano, avere Vucinic, se poi giochi sempre solo con Totti e molti centrocampisti. La cosa è riuscire a restare compatti e dopo aver preso la palla ripartire. Oggi lo abbiamo fatto molte poche volte, la volta che lo abbiamo fatto nel primo tempo siamo andati noi vicini al gol e non loro. Però è troppo poco. L’anno scorso eravamo molto più propositivi. Questa sera invece siamo stati lì, tranquilli, ad aspettare, ma abbiamo aspettato un pochino troppo, troppo passivi. Io credo però che sia stato anche la botta che abbiamo preso a Cagliari, cinque gol, venire qui con i vicecampioni d’europa. Io l’avevo detto ai ragazzi “Giochiamo rapidi perchè loro sono alti, sono grossi, e soffriranno il nostro fraseggio rapido e veloce. Non l’abbiamo fatto, evidentemente i ragazzi non se la sono sentita”
 
E’ la seconda volta che levi Totti. Ti aspetti discussioni a Roma sull’argomento?”Ma questo non succede solo a Roma. Fa parte del mio mestiere, soprattutto quando non si vince. L’ho tolto nel derby, abbiamo vinto e tutto andava bene. Però l’allenatore deve fare le sue scelte e io avevo bisogno di un giocatore che mi desse un pò di brio. Che potesse raccordare di nuovo centrocampo e attacco perchè lòo stava facendo solo Borriello. E invece come abbiamo cambiato, Borriello ha avuto la palla del pareggio e purtroppo il portiereè stato bravo e fortunato. Io però dico sempre che la fortuna bisogna andarsela a prendere. Loro forse ci hanno creduto di più giocando in casa, Muller ha fatto un eurogol perchè andando indietro l’ha colpito di esterno-collo-destro, quindi gli è andata bene. Io dico però che dopo la prtita di Cagliari, non dico che ci avevo creduto pechè quando giochi contro il Bayern, negli ultimi minuti sanno trovare il gol, la squadra non mi è dispiaciuta sotto l’aspetto tattico e dell’attenzione, dobbiamo essere più determinati e andarci non dico più duramente, ma farci un pochino più rispettare e accompagnare di più gli attaccanti”
 
De Rossi in zona mista
 
Giocatori nuovi e una Roma rimaneggiata…
“Non è un alibi che regge, non va preso in considerazione. Eravamo abituati a giocare in un modo diverso ovviamente. C’è anche un altro modulo ora che però combacia con i nuovi acquisti. Ora abbiamo molti attaccanti è vero. Ma ora si devono fare punti il campo dice questo”.
Perchè la Roma non trova l’equilibrio?”Con un equilibrio costante probabilmente avremmo vinto qualcosa di più. Gli altri non fanno tanti risultati positivi poi perdono partite di fila poi rimontano… Magari è sempre stato il nostro problema”.
Molti infortunati…
“Mancano i giocatori perchè sono infortunati è una cosa che non mi piace, quest’anno siamo di più e abbiamo giocatori pronti. L’entusiasmo mi sembra che ci sia. Noi andiamo d’accordo tra di noi ma non vinciamo da un po’ di tempo. E non credo nemmeno che sia un problema fisico. Abbiamo corso molto, mi sembra che stiamo bene. Non c’è un perchè o un colpevole. Comunque proveremo a risolvere tra di noi i problemi anche perchè non lo veniamo a dire a tutti. Non credo però che sia qualcosa di particolare, è un periodo che va così. Possiamo fare meglio comunque”.
Stanchezza mentale?”La stanchezza mentale ce l’anno tutti, anche chi vince. Quindi non credo, sono cose da copertina dei giornali. Noi vogliamo fare calcio e basta”.
Sei d’accordo con le parole del mister?”Il mister parla con voi e poi con noi, non è remissivo come mentalità, lui vuole sempre il massimo. Per me l’Inter e il Milan sono un po’ più forti di noi, le altre secondo me no. Se noi diamo il massimo e loro no possiamo anche vincere lo scudetto ma questo è un discorso vecchio. Noi siamo lì dire all’inizio per cosa giochiamo noi per lo scudetto o la coppa è una cosa che va di moda a Roma. Noi dobbiamo giocare come si deve e poi si vedrà”.
Ti aspettavi questo inizio?”A volta hai delle sensazioni, vedendo il calendario e ti dici che le prime cinque le vinci ma poi non è così. Le altre sono forti e giocano con il coltello tra i denti. L’anno scorso eravamo avvelenati e volevamo il quarto posto, poi è arrivato il terzo e poi sempre più su”.
 
Borriello in zona mista:
 
All’ inizio è andata meglio poi piano piano…”Si devo dire che abbiamo interpretato bene la partita all’inizio eravamo compatti. Poi nel secondo tempo c’è mancata un po’ la gamba per ripartire ed è ovvio che se ti schiacciano prima o poi lo prendi. Io ho avuto la palla da gol, ed il portiere ha fatto una parata difficile e strana, di solito si buttano. Ora sta a noi le cose vanno anche un po’ male”.
Anche qui non è andata dopo Cagliari…”Sono state due partite stranissime, il Cagliari ha segnato tanto da palle ferme. Poi stasera abbiamo tenuto bene e comunque hanno segnato. Forse dobbiamo migliorare fisicamente ci hanno un po’ schiacciato. Non è un problema di testa, non siamo appagati di niente, la Roma non ha vinto molto in questi ultimi anni. Secondo me è un problema di spinta e di gambe. Io mi trovo benissimo e i compagni giocano anche con me e per me, spero arrivino i risultati perchè noi vogliamo entusiasmo”
Era rigore?”Non lo so non ci fermiamo agli episodi”.
 
Montali in zona mista:
“Dobbiamo essere lucidi e freddi e cercare di vedere il bicchiere mezzo pieno. Per quello che riguarda il comportamento e l’umiltà che ci abbiamo messo, si deve rendere merito ai ragazzi. Ci vuole pazienza nulla si risolve da un giorno all’altro. Non ci sono colpe. Serve lucidità e concentrazione. Ci sono una serie di problemi, mancano i giocatori che stanno male. Ci sono stati i mondiali quindi molti non hanno fatto tutta la preparazione, abbiamo problemi a sinistra dove l’anno scorso hanno giganteggiato Vucinic e Riise che stasera non c’erano…
E l’entusiasmo?”Si anche l’entusiasmo, ma non si risolve tutto insieme, servono una cosa alla volta. Oggi abbiamo visto carattere ed umiltà, si deve partire e ripartire da qui. Abbiamo voglia di lavorare e faticare, tutti vogliono recuperare questa situazione”
Niente alibi…”Lei vede che non stiamo cercando alibi, cerchiamo di essere oggettivi. Ci rendiamo conto che c’è qualcosa che non va. Si lavora con rigore e l’allenatore metterà i puntini sulle i”.
Vede analogie con l’anno scorso?”C’è una situazione diversa, l’anno scorso è cambiato allenatore. E’ ovvio che un inizio così ci ha un po’ rallentato”.
 
Montali a Sky:
 
Montali, inizia a perdere fiducia la squadra?“Certo il risultato non è quello che tutti ci aspettavamo, ma oggi vediamo il momento della squadra. Dobbiamo dire che per quanto riguarda l’impegno ma anche l’umiltà che la squadra ci mette in queste partite riesce ad esprimere il proprio valore, il proprio potenziale, lotta fino alla fine. Quindi il risultato è sotto gli occhi di tutti. E’ un momento un pò così, cominciamo la stagione in salita, l’unica cosa che non dobbiamo fare è andare a trovare delle colpe, ma essere lucidi nel trovare la soluzione del problema. Tutti insieme cercheremo di uscire da questa situazione che non è quella che merita una squadra come questa”
 
La situazione societaria si avverte o no? E’ una situazione complicata”Che la situazione non sia facile questo è certo. Però in situazioni come queste l’ultima cosa che dobbiamo fare è torvare alibi o scuse. Queste cose possono capitare alle persone piccole o alle piccole squadre. Noi siamo una squadra fatta di grandissimi giocatori e di persone straordinarie e questa è una grandissima squadra. Quindi queste cose non ci possono toccare. E’ un problema di natura tecnica, di gioco e situazionale. Quindi con tranquillità e con calma possiamo venirne fuori solo se riusciremo in modo oggettivo a fare un’analisi di quello che sta succedendo. Se ci mettiamo qua a trovare scuse e alibi non ne veniamo fuori. Questa poi è una cosa non da grande squadra. Noi siamo una squadra che vuole tornare a giocare e a fare i risultati che si merita”
 
Juan in zona mista:
 
“Stiamo cercando di uscirne, non volevamo iniziare così, dobbiamo lavorare ed essere forti per tornare quelli dell’anno scorso. No non credo sia un fatto fisico, è stata una partita difficile, loro pressavano molto. Dobbiamo marcare un po’ meglio e poi ripartire per venire fuori. Nel gruppo c’è entusiasmo noi lavoriamo tutti al massimo, ci dispiace stia andando così”
Roma ridimensionata?”Una sconfitta qui ci sta francamente. In campionato già da domenica vogliamo vincere, anche le altre grandi hanno perso punti. Questa è una stagione atipica, c’è stato il mondiale. Noi dobbiamo lavorare per vincere”.
Più difficile quest’anno o l’anno scorso?”E’ stato più difficile l’anno scorso, sappiamo cosa vogliamo quest’anno e vogliamo rimanere compatti e non perdere e poi pensare a vincere. Prendere meno gol e poi segnare”
 
Ranieri in zona mista:
 
“Ci hanno un po’ schiacciati, io avevo chiesto di tenere palla. Speravo che il nostro fraseggio rapido gli creasse dei problemi. Invece ci siamo un po’ smarriti. Nonostante tutto abbiamo avuto qualche occasione nel primo. Nel secondo tempo invece ci siamo un po’ disuniti. Loro hanno fatto un eurogol e subito dopo potevamo pareggiare. Ma non ci gira bene. Un passo indietro rispetto al morale, un passo avanti dal punto di vista del gioco. Dobbiamo lavorare a testa bassa, la voglia è tanta. Domani parlerò con i ragazzi, dobbiamo cominciare a pensare al Bologna”
Menez entrato tardi..”Si ci ha messo un po’ di più lui a riscaldarsi ad essere sincero. Si però sono cose che non devono accadere ma non è un dramma”.
Una partita da grande squadra?”No secondo me abbiamo fatto quello che potevamo, voglio parlare con i ragazzi”.
Ma questo cambio modulo può aver influito?”O torniamo indietro e giochiamo senza punte come ha fatto Spalletti e come ho fatto io l’anno scorso. Dobbiamo insistere abbiamo preso attaccanti e dobbiamo amalgamarli, non è facile ovviamente. Ora abbiamo due punte che ci devono aiutare quindi dobbiamo insistere”
 
Julio Sergio a Sky:
 
Ranieri ha detto che la squadra c’è ma dovete ancora lavorare tanto”E’ vero, dobbiamo capire che dobbiamo fare meglio e alla fine provare a fare punti. Oggi abbiamo fatto una gran gara tatticamente, però alla fine se perdi devi imparare moltissimo da queste sconfitte e andare aventi così”
 
Qual’è il clima nello spogliatoio?”Siamo tranquilli. Sappiamo che siamo sulla strada giusta. Però adesso dobbiamo tirare fuori quelle cose che hanno i grandi calciatori. Sappiamo che siamo una grande squadra che può fare molto molto meglio”
 
Hai provato ad alzare la tua difesa?”Si ho provato però è difficile quando non abbiamo la palla. Fare una marcatura simili con una squadra che gira la palla da destra a sinistra, che non ha fretta è difficile. Tatticamente abbiamo fatto una gran gara. E’ difficile però correre dietro a loro e sperare che succeda qualcosa. Abbiamo fatto una gara tattica buonissima, ci aspettavamo qualcosa di più, ma abbiamo preso due gol ad un quarto d’ora dalla fine”
 
Rosi in zona mista:
 
“Sono contento per la mia partita, peccato per il risultato, non siamo riusciti a portare punti a casa” Hai marcato bene sia Altintop che Muller, che difficoltà si incontrano a marcare l’uno e l’altro giocatore?“Sono due grandi giocatori e me la sono cavata bene soprattutto con Altintop, Muller è più veloce” Riguardo alla partita…“Nel primo tempo coprivamo bene il campo nel secondo tempo no e ci hanno segnato.”  Con l’infortunio di Riise in qualche modo ti si aprono le porte per un posto da titolare“Ogni volta che ce ne sarà bisogno mi farò trovare pronto e darò tutto per questa maglia”
 
Juan a Sky:
 
C’è un problema reale per la difesa?“No, quando vinciamo non si vince solo per l’attacco così come quando perdiamo non perdiamo solo per la difesa. Non è così. Si vince e si perde insieme. Muller ha fatto un gran tiro e un gran gol”
 
Qual’è la condizione della Roma?“Abbiamo iniziato non come volevamo noi, non giocando al nostro livello, ma ci possiamo riprendere. Da domenica cerchiamo di rivincere, e trovare la felicità”.
 
Tu che lo vedi in allenamento, quali sono le condizioni di Adriano?“ Sta tornando da un infortunio, nell’ultima settimana ha lavorato con il gruppo, penso però che ancora manca un pò per trovare la forma, è stato fuori venti giorni e sappiamo che è arrivato a Roma dopo tre mesi senza giocare. Speriamo possa entrare in forma e aiutarci”.
 
Totti dal suo sito ufficiale:
 
“Stasera all’Allianz abbiamo perso contro una squadra forte, una delle grandi d’Europa. Noi, però, dobbiamo assolutamente migliorare per tornare ad essere protagonisti e per dire la nostra in  campionato ed in Champions League”
 
LE INTERVISTE DEL PRE-PARTITA:
 
 
Montali a Sky:
 
“Ci manca quella chimica che ha caratterizzato il finale della scorsa stagione. Dobbiamo andare in campo pensando di fare solo le cose giuste per questa partita e poi affrontare una gara alla volta senza fare troppi voli pindarici”
Sembra che la Roma ci creda. Totti ha detto che manca solo un ingrediente per sbloccarvi ovvero la vittoria. E’ così?”Noi stiamo lavorando su vari fronti per ritovare quei valori e quell’identità di squadra che avevamo qualche mese fa. Abbiamo bisogno di un pò di tempo, abbiamo bisogno di un pò di coraggio e ritrovare quelle motivazioni che avevamo fortissime la passata stagione”
Che importanza ha la Champions nel progetto della Roma, visti anche i progetti che la famiglia Sensi e Unicredit hanno?”Molto importante, perchè uno degli obiettivi di questa stagione, dichiarato, è quello sicuramente di passare il turno del girone, e poi giocare una partita alla volta gurdando il più avanti possibile. Ed è unìimportanza strategica, perchè la Roma è una squadra speciale e si merita questo palcoscenico”
Da fuori nelle dichiarazioni si ha l’impressione che ci sia nervosismo, è un’impressione?”L’impressione è per tutto quello che ruota intorno a questa squadra. Le piccole persone e le piccole squadre troveranno sempre delle scuse quando le cose non funzionano. Noi non ce lo possiamo permettere e non lo faremo mai. Ci sono delle situazioni particolari che ruotano intorno alla squadra; sono cose a cui dobbiamo abituarci, quello che conta è quello che sapremo fare sul campo. Verremo valutati tutti, allenatore, giocatori e dirigenti, in quello che faremo in ogni singola gara. Tutto il resto non conta”
 
C’è più la voglia di vincere o quella di non perdere?”C’è la voglia di dimostrare che siamo una squadra che ha dei valori di natura tecnica e soprattutto morali. Anche a noi mancano alcuni giocatori ma non deve essere un alibi. Vogliamo dimostrare il valore delle persone da cui è composta questa squadra. Poi piano piano miglioreremo anche sotto l’aspetto tecnico. L’importante oggi è dimostrare il valore delle persone che fanno parte della Roma”
 

(fine)
 
LEGGI LA CRONACA DELLA PARTITA

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here