Ma adesso giù le mani da Di Fra

5

IL TEMPO (T.Carmellini) – Non sparate sul pianista! Troppo facile adesso prendersela con il povero Di Francesco, alle prese con una prima stagione sulla panchina della Roma assolutamente al di sopra di ogni aspettativa. Non che la piazza romana non avesse fiducia e stima dell’ ex centrocampista, instancabile tanto sul campo da giocatore quanto da allenatore in panchina, ma nessuno avrebbe potuto immaginare che dopo nemmeno tre mesi avesse già centrato il primo obiettivo: far dimenticare Spalletti. Quando il tecnico toscano aveva ufficializzato il suo secondo addio dalla Capitale, fatto anche stavola di astio e ripicche, in molti erano rimasti appesi alla sua battuta conclusiva: «Non escludo il ritorno». Erano è il tempo giusto, perché dopo questo primo spezzone di campionato Di Francesco ha già convinto tutti: soprattutto una piazza che non ha mai fatto sconti a nessuno, nemmeno agli amici degli amici. Qui se non sei quello giusto, se non ha personalità e capacità, duri da Natale a Santo Stefano: appunto.

È chiaro che in questo percorso, inevitabilmente per tempistica ma anche un po’ per esperienza, qualcosa a Di Francesco non è andata per il verso giusto: era impensabile il contrario quando arrivi a Roma in corsa e vai a sostituire uno come Spalletti. Il problema è che le cose «storte» si sono concretizzate tutte in quattro giorni. Prima l’errore, probabilmente di valutazione, nella sfida di Coppa Italia contro il Torino per la quale in molti gli recriminano l’utilizzo massiccio di riserve (nove). Probabilmente un allenatore con più pelo sullo stomaco, anche per mettersi al riparo dalle critiche, avrebbe rischiato meno mandando in campo qualche titolare in più: così nessuno avrebbe poi potuto contestargli nulla. Poi la scelta di Schick, giusta, legittima soprattutto in una gara che si era messa così contro la Juventus a Torino: scelta logica (forse avrebbe dovuto prepararla un po’ meglio, lavorare sul modulo perché è chiaro che il ceko non può fare l’esterno del 4-3-3) che però gli si è rivoltata contro, suo malgrado, a causa dell’errore decisivo dell’attaccante che avrebbe potuto cambiare una serata e forse una stagione: sicuramente la sua e il clima in casa giallorossa. Insomma, il tecnico paga anche colpe non sue, ma la strada è chiaramente quella giusta. Quindi: giù le mani da Di Francesco!

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

5 Commenti

  1. ha perso 3 scontri diretti su 3, è uscito dalla coppa Italia (onestamente di quella mi interessa il giusto, basti pensare che arriva sempre in finale la Lazio per capire quanto vale) e per il futuro non credo che la roma sia in grado di vincere a milano e napoli … battere nelka caso la Juve a 2 dalla fine con 10 punti di distacco la roma non fa goal manco a calci perchè gli attaccanti fanno i centrocampisti e arrivano sfiniti, corre tanto senza beccalla mai…insomma, perchè invece dovrei ritenerlo bravo invece ??? ha battutto squadre come il crotone ed il cagliari per il rotto della cuffia…ha passato il girone di Champions per una serie di coincidenze fortunate … boh, è bravo secondo voi ??

  2. giù le mani da eusebio e da schick!
    i problemi sono ben altri: dzeko, derossi, gonalons, peres, moreno e strootman per motivi diversi
    le indiscrezioni su darmian, vidal e badelj lo confermano
    a torino una traversa e un’occasione colossale, chi dice che è colpa di difra non capisce un….

  3. Qui se non sei quello giusto, se non ha personalità e capacità, duri da Natale a Santo Stefano: appunto…
    infatti si è visto con quel brocco di Garcia che qui addirittura c’è rimasto quasi 2 anni. Carmellini fatti un giro, va.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here