Addio Totti, spuntano anche le critiche di Pallotta al suo inglese

10

TOTTI ADDIO PALLOTTA – Ormai ci siamo: Francesco Totti lascia la Roma. Due anni dopo aver attaccato gli scarpini al chiodo, il Capitano ha deciso di mollare il club di James Pallotta. Come riporta ilmessaggero.it, l’ex numero 10 sarebbe stufo di essere soltanto un vessillo da esporre a secondo delle occasioni e delle necessità del presidente statunitense, con cui non è mai riuscito a sbocciare il feeling giusto. Il tycoon di Boston, infatti, non avrebbe mai visto Totti come il dirigente ideale sottolineando una lacuna del campione del Mondo: quella di non sapere una parole di inglese, indispensabile per essere un manager di valore. Il quotidiano romano, però, si sottolinea anche come sia strano che le critiche arrivino da Pallotta che in più anni da presidente della Roma non ha mai imparato neanche una parola di italiano.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

10 Commenti

  1. Per lavoro sono spesso all’estero in Europa, Spagna, Francia, Germania, Grecia, ecc, tutti i loro manager parlano in inglese perfettamente, l’inglese è la lingua principale per lavorare, anche in Italia.

  2. Vai mo se cominciano a tira li stracci bagnati. Vabbè un classico. Stimo ancora aspettando le querele dall’altro pseudo capitano alla repubblica. È tutta una buffonata. Prossimo anno si torna alla radiolina basta dare soldi a sto circo pieno di m…da che sfrutta la gente

  3. Il messaggero!! Ahahahahahahah inizie la guerra per gli amici e per lo stadio ! Caltagirone volpone! Famo sto stadio! Annate tutti via da Roma ladroni! Nun c’è trippa per gatti! Avanti così! Forza roma!
    13 000!

  4. L´INGLESE DI BALDINI E MONCHI E´FLUENTE GUARDA CHE CA….HANNO COMBINATO IN DUE….MEGLIO ROMANACCIO E SPOSTATO COME DIRETTORE TECNICO CREDO NON AVREBBE FATTO MALE A NESSUNO

  5. Totti non ha mai brillato sui libri. È nato e cresciuto col pallone, e la sua semplicità lo ha portato a rimanere sempre nella sua città. Vorrei far notare che totti è sempre rimasto qui dove si parla italiano e romano, mentre Pallotta è venuto in Italia a fare business , è italoamericano e non ha ancora parlato mai in italiano. Roba che Garcia e luis Enrique quando sono venuti qui hanno iniziato a parlare italiano in un mese. Pallotta è un ignorante nel senso che ignora tutto e tutti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here