Che cosa ha detto Di Francesco in conferenza stampa

2

DI FRANCESCO CONFERENZA STAMPA – Questi sono gli argomenti trattati dal tecnico giallorosso Eusebio Di Francesco in vista di Roma-Sampdoria.

CAMBI DI FORMAZIONE – “Sicuramente qualcosa si cambierà, sto facendo le mie valutazioni anche in base all’ultimo allenamento. Ci sono calciatori che hanno fatto tante partite in questo periodo. Valuteremo anche insieme a loro la condizione generale, fisico e mentale. Non c’è voglia di cambiare tanto, ma le esigenze di questa gara e l’aspetto fisico diventano importanti per giocare contro una squadra che ha ritmo e verticalità, capacità di andare a cercare subito gli attaccanti per far male agli avversari e noi dobbiamo essere pronti sia mentalmente sia fisicamente”.

PROBLEMI DI CONCENTRAZIONE – “Ripeto continuamente e deve spostare gli equilibri mentali di questa squadra, che deve approcciare a queste partite con maggiore continuità, in Champions abbiamo vinto ma l’ultima mezz’ora in dieci non mi è piaciuta per niente. In Champions la Roma non ha mai fatto questi risultati, ed è motivo di orgoglio oer me e la mia squadra, ma il fatto di accontentarsi mi dà una noia in maniera impressionante. Queste partite vanno chiuse e vanno vinte convincendo, prendendo forza e prevalendo sull’avversario quando si è nel dominio della partita. E’ un aspetto mentale,non devi smettere di fare quella corsetta in più per rimetterti a posto. In campionato dobbiamo ritrovarla subito, senza ragionare troppo sul fatto che si prepara al meglio. Le partite si trattano allo stesso modo, domani anche se non c’è la musichetta, magari gliela metto io prima va approcciata nello stesso modo perché dobbiamo portare a casa i tre punti. La prestazione diventa una cosa, il risultato è un’altra, non possiamo analizzarla nello stesso modo. Io voglio una prestazione convincente che porta ad un ottimo risultato”.

SCHICK – Sicuramente giocherà, sto valutando se farlo giocare con o senza Dzeko”.

KLUIVERT – “Al di là delle partite di fila, sta crescendo che è la cosa più importante. Il percorso passa anche attraverso prestazioni meno convincenti dagli errori, l’ho detto anche alla squadra, deve scherzare meno in campo, fa meno dribbling fini a se stessi e cerca di essere più concreto e fare male quando punta l’avversario. Ha le capacità di saltare l’avversario di attaccare la profondita, se riesce ad alternare i movimenti può diventate importante. Ha prospettive, ma non deve mai smettere di superare esami, può darci ancora molto di più. Nelle scelte finali l’altro giorno ha fatto bene, ma deve fare scelte ancora più qualitative, su questo deve ancora crescere”.

PASTORE – “Si va in tribuna se non si sta meglio. Domani non sarà convocato, ha ancora qualche fastidio, deve dare ancora continuità. Per evitare problemi per metterlo a partita in corso dato che non ha i 90 minuti, Non lo porterò e cercherò di recuperarlo per la partita successiva. Non mi piace come concetto quello di “addirittura”. Tutti fanno parte della rosa e tutti possono andare in tribuna, nessuno ha il posto assicurato. Quando il Flaco starà al meglio sarà importante, ma deve trovare una condizione fisica ottimale”.

SOLUZIONI SULLA MEDIANA – “Le soluzioni sono quelle lì. Ci può essere Coric, che l’ho fatto lavorare in questo periodo in questa zona di campo e sta crescendo. Ma abbiamo bisogno anche di certezze e dobbiamo sbagliare il meno possibile in questa partita, sto facendo valutazioni anche per questa partite sui centrocampisti che hanno giocato tanto e speso molto. Nzonzi non ha picchi di velocità nel suo gioco ma ha grande continuità, a Mosca ha fatto delle sue migliori prestazioni dal punto di vista generale. E’ un giocatore in crescendo. Se domani gioca non lo so, ma è probabile lo metta dal primo minuto”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

2 Commenti

  1. Ma che significano le motivazioni?
    Il martedì sei motivato e la domenica sei demotivato? Ma per carità.
    Il discorso è questo la Sampdoria pur nella sua modestia è più forte del cska e non ha un allenatore bevitore di vodka come quello dei russi, ma un allenatore che tatticamente a Di Francesco gli fa il mazzo , per cui è un’altra partita difficile per noi, che se non te la risolve la vena di qualche nostro giocatore superiore alla media, la Sampdoria te la può pure incartare.
    Per questo io dico
    Di Francesco NO!!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here