romanews-roma-ronaldo-juventus
Foto Getty

ROMA JUVENTUS, L’AVVERSARIA – La sconfitta incassata in casa contro il Torino brucia ancora, ma la Roma non ha tempo per i rimpianti: domenica all’Olimpico arriva la Juventus. Fonseca è insoddisfatto, ma determinato ad invertire subito la rotta. La squadra deve rimettersi in carreggiata il prima possibile per difendere il quarto posto dall’avanzata dell’Atalanta. La sfida contro i bianconeri, valida per il 19° turno di Serie A, è in programma alle ore 20.45.

Prossimi impegni

Roma-Juventus (19° turno di Serie A, 12 gennaio ore 20.45, Stadio Olimpico)
Juventus-Udinese (Ottavi di finale di Coppa Italia, 15 gennaio ore 20.45, Allianz Stadium)
Juventus-Parma (20° turno di Serie A, 19 gennaio ore 20.45, Allianz Stadium)
Napoli-Juventus (21° turno di Serie A, 26 gennaio ore 20.45, Stadio San Paolo)

Come arriva

La squadra di Sarri arriva alla sfida contro la Roma da tre vittorie consecutive. L’ultima giornata di Serie A ha visto la Juventus impegnata in casa contro il Cagliari. Dopo un primo tempo terminato sullo 0-0, i bianconeri hanno dilagato. Al termine dei 90 minuti il risultato all’Allianz Stadium è stato un pesantissimo 4-0. A calare il poker ci hanno pensato il solito Cristiano Ronaldo, autore di una tripletta, e Gonzalo Higuain andato a segno all’81’. Il successo casalingo non ha però regalato alla Juventus la vetta della classifica, ancora in mano all’Inter per differenza reti.

Punti di forza e debolezze

Inutile dire che finora il bilancio della Juventus in campionato è estremamente positivo: in 18 gare sono arrivati 14 vittorie, 3 pareggi e una sola sconfitta. Con 35 gol segnati e 17 subiti, la squadra di Sarri vanta il quarto miglior attacco e la seconda miglior difesa della Serie A. Difficile rimanere a secco di gol quando in campo ci sono giocatori come Cristiano Ronaldo, Gonzalo Higuain e Paulo Dybala: i bianconeri non sono andati a segno solo una volta in questa stagione, all’Artemio Franchi contro la Fiorentina. Buffon e Szczesny hanno collezionato 6 clean sheet in 18 gare. La Juventus è una delle squadre che macinano più chilometri in campionato, con una media di 109,3 km percorsi a partita, e anche quella con più possesso palla (media di 29′ a partita, 14′ nella propria metà campo e 15′ nella metà campo avversaria).

L’Allianz Stadium è una vera e propria fortezza: la squadra di Sarri è rimasta imbattuta nelle 9 gare disputate a Torino, ottenendo 8 vittorie e un pareggio e mettendo a segno 22 gol e incassandone 9. I numeri relativi alle sfide in trasferta sono meno positivi: 6 vittorie, 2 pareggi e una sconfitta arrivata proprio all’Olimpico, contro la Lazio. Lontano da casa i bianconeri hanno realizzato 13 reti e ne hanno subite 8. Un’occhiata al cronometro rivela che la Juventus ha realizzato il 40% dei suoi gol tra il 15′ e il 45′ e il 26% tra il 75′ e il 90′. La maggior parte dei gol incassati (24%) è invece arrivata invece tra il 15′ e il 30′.

Cristiano Ronaldo è il miglior marcatore della Juventus con 13 gol messi a segno in 15 gare. Il primo dicembre contro il Sassuolo il portoghese ha ritrovato il gol dopo un mese di digiuno e da quel momento non si è più fermato, siglando ben 8 reti nelle ultime 5 partite di campionato. Dopo di lui ci sono i due argentini Higuain e Dybala, entrambi a quota 5 reti. Il ‘Pipita’ è anche il giocatore che ha servito più assist finora (4).

Le scelte di Sarri per Roma-Juventus

Il modulo più utilizzato dalla Juventus in questa stagione è il 4-3-1-2, che solo raramente si è trasformato in un 4-3-3 o in un 4-1-2-1-2. Per la sfida contro i giallorossi Sarri dovrà fare a meno degli infortunati Chiellini e Khedira, che dovrebbero tornare in campo a marzo, e dello squalificato Bentancur. Il centrocampista uruguaiano sta ancora scontando il rosso arrivato in Supercoppa contro la Lazio. Tra i pali ci sarà l’ex giallorosso Szczesny, con Cuadrado, Bonucci, Demiral e Alex Sandro a completare il reparto difensivo. De Ligt continua a sperare di tornare titolare dopo un mese difficile, durante il quale Sarri ha preferito affidarsi a Demiral. A centrocampo spazio invece a Rabiot che prenderà il posto di Bentancur, insieme a Pjanic e Matuidi. Sulla trequarti, dietro alla coppia d’attacco formata da Dybala e Cristiano Ronaldo, dovrebbe esserci Ramsey. Probabile che Higuain parta dalla panchina dopo l’affaticamento muscolare dei giorni scorsi.

La probabile formazione

JUVENTUS (4-3-1-2): 1 Szczesny; 16 Cuadrado, 19 Bonucci, 28 Demiral, 12 Alex Sandro; 25 Rabiot, 5 Pjanic, 14 Matuidi; 8 Ramsey; 10 Dybala, 7 Ronaldo.
A disp.: 77 Buffon, 31 Pinsoglio, 4 de Ligt 13 Danilo, 2 De Sciglio, 24 Rugani, 23 Emre Can, 20 Pjaca, 33 Bernardeschi, 11 Douglas Costa, 21 Higuain.
All.: Maurizio Sarri.

BALLOTTAGGI: de Ligt-Demiral.
INDISPONIBILI: Chiellini (operazione al legamento crociato), Khedira (operazione al ginocchio).
IN DUBBIO:-.
SQUALIFICATI: Bentancur (2 turni).
DIFFIDATI:-.

Martina Cianni

Print Friendly, PDF & Email

2 Commenti

  1. Spalletti vinse a Napoli con il Mapoli di Sarri giocando con la difesa a 3 e mezzo.
    Speriamo che a Fonseca hanno fatto vedere la registrazione di quella partita.
    Se giochiamo con 4-2-3-1 ci prederanno a pallonate!!!!

  2. Ecco, si avvicina la gara è gia partono tutte una serie di disquisizioni (strampalate) e alibi per mettere le mani avanti e giustificare la sconfitta data per certa, sicura. Poche chiacchiere, tutti i dati sviscerati dal servizio tutti, rispetto alle “rubentus” passate sono negativi e lo scorso anno (e non solo) di questi tempi aveva già vinto il campionato. Pochissimo tempo fa è stata strabattuta ben due volte dai “dirimpettai”, che gli hanno rifilato delle sonore sconfitte , vincendoci pure un titolo (il terzo purtroppo contro gli strisciati, in 2 anni e 1/2). Quindi come arriva”?? Peggio. Ma aspettiamo fiduciosi l’immancabile servizio dal titolo:
    “la rube é sempre la rube”. Ma solo per noi

Comments are closed.