romanews-roma-ndg-ranieri-under-perotti-petrachi
Foto Getty

NEWS DELLA GIORNATA – Tutte le news della giornata giallorossa raccolte per voi in un articolo: buona lettura!

Qui Trigoria

Siamo agli sgoccioli degli impegni delle nazionali e dopo la partita di stasera dell’ItaliaFonseca potrà riabbracciare gran parte della rosa. Intanto, con coloro che sono rimasti a Trigoria si continua a preparare l’impegno di domenica pomeriggio contro la SampdoriaFlorenzi ha svolto il lavoro con il resto della squadra mentre Perotti si è alternato tra l’allenamento in gruppo e quello individuale. Procedono nei rispettivi recuperi DzekoMkhitaryan e Under che hanno svolto individuale in campo. ZappacostaDiawara e Pellegrini, infine, proseguono nel loro percorso di riabilitazione.

Perotti vicino al rientro

Cinque mesi dopo Perotti può tornare tra i convocati contro la Sampdoria. Dal punta di vista fisico la lesione dovrebbe essere alle spalle, la forma invece è ancora lontana. Per ora l’ex Genoa e Siviglia, sta alternando lavoro personalizzato, ad esercizi e parte tattica con i compagni e il parere sulle sue condizioni è rimandato all’unico giudice possibile: il campo. Se non sarà domenica a Genova, l’occasione per rivederlo sul rettangolo verde sarà giovedì in Europa League. Un rientro importante in un momento in cui i giallorossi cercano di rimettere insieme i pezzi di una squadra colpita dagli infortuni. Allo stesso tempo una nuova occasione per il numero 8 argentino, sperando che stavolta non sia solo una nuova illusione tra un problema fisico e l’altro.

Under

Cengiz Under è pronto a riprendersi il posto in attacco. Domenica contro la Sampdoria dovrebbe tornare tra i convocati. Non è chiaro se il tecnico portoghese vorrà rischiarlo fin da subito, ma la certezza è che la Roma ha ritrovato una pedina fondamentale per affrontare il tour de force in arrivo. Under è pronto, con un nuovo obiettivo nel mirino: cancellare le polemiche sul suo conto, dopo il tweet postato sul suo profilo, a suon di assist e gol.

Dzeko in dubbio

Edin Dzeko è a rischio in vista della sfida contro la Sampdoria a causa della frattura dello zigomo rimediata contro il Cagliari. Si teme che la mascherina in carbonio, di cui ieri sono state prese le misure per la produzione, non basti ad evitare i rischi possibili. L’attaccante bosniaco ieri è stato visitato a Villa Stuart dal professor Pesucci, il chirurgo che lo ha operato, per poi lavorare in palestra. Tuttavia, come riporta Il Tempo, saranno decisivi i test con lo strumento protettivo e le conseguenti sensazioni del bomber giallorosso in allenamento. Nel frattempo si scalda Kalinic, pronto a esordire dal 1′ anche in campionato e a prendersi la sua rivincita dopo il gol annullatogli nel finale di Roma-Cagliari.

Ranieri in conferenza stampa

Claudio Ranieri, nuovo allenatore della Sampdoria, questa mattina si è presentato alla stampa in conferenza, e ha parlato anche del match di domenica che lo vedrà affrontare, alla guida dei blucerchiati, la ‘sua’ Roma: “Per prima cosa devo ringraziare il presidente Ferrero che mi permette di allenare un club così prestigioso. Io sono un tifoso della Roma ma la Sampdoria mi è sempre stata simpatica. Le favole sono sempre frutto di una grande lavoro dietro. Partire con Sampdoria-Roma non è uno scherzo del destino, ma noi cercheremo di fare il massimo in campo e poi vinca il migliore. Con la Roma, nel momento in cui si va in campo, non ci sono amori ma solo la grande professionalità che mi ha sempre contraddistinto. Vinca il migliore. Dopo l’intervento al ginocchio non pensavo di essere chiamato così presto, ma è stata una bella medicina. E’ stata una sorpresa gradita, sono ben felice di rappresentare i colori blucerchiati. Sono una persona positiva, l’ultima squadra è stata a Roma e ricomincio dalla Roma. E’ un’altra bella cosa della mia carriera”.

Le parole di Ferrero

La Sampdoria riparte da Claudio Ranieri. Nella conferenza stampa di presentazione del tecnico testaccino è intervenuto il patron blucerchiato Massimo Ferrero per fare chiarezza sulle telefonate avute mercoledì scorso con Totti e Cassano, che lo avrebbero spinto e consigliato a scegliere l’ex allenatore giallorosso. “Con Totti e Cassano ci parlo sempre, ma non mi devono indicare la via del sole. Noi siamo 4 persone (Ferrero, Osti, Romei e Pecini, ndr) che vivono tutti quanti con un team, ci riuniamo e decidiamo e non abbiamo bisogno di chiedere fuori – prosegue Ferrero -. Ranieri lo abbiamo ‘lisciato’ tantissimi anni fa, perché Pecini è un suo grande ammiratore. Oggi le idee si sono incontrate, siamo due romani che vogliono il bene della Samp, non abbiamo bisogno di nessuno che ci dica quello che dobbiamo fare e lo abbiamo dimostrato. Se poi si parla del mister, tutti gli vogliono bene. Ma dire che uno ha messo quello… Non è così”.

Pellegrini: rinnovo e fascia

La Roma ha le idee chiare: vuole blindare Lorenzo Pellegrini. La società ha deciso di investire su di lui per il futuro e vuole allontanare le big, Inter e Juventus su tutte, rinnovando il contratto del numero ‘7’ giallorosso. Entro la fine dell’anno la dirigenza metterà sul piatto la proposta di rinnovo. L’accordo attuale ha una scadenza tutto sommato lunga, 2022, ma è la clausola presente a preoccupare. Nel contratto del centrocampista attuale c’è una clausola di trenta milioni da esercitare entro la fine di luglio di ogni anno, che potenzialmente può liberarlo facilmente, visto che il suo valore è decisamente più alto. Oltre all’adeguamento dello stipendio, che salirebbe dagli attuali 2 milioni a 3, la società vuole offrirgli la sicurezza di raggiungere la consacrazione in giallorosso, con la fascia da capitano al braccio e il ’10’ sulle spalle. In questo senso una garanzia è la ‘benedizione’ di Totti, che ha sempre speso parole al miele nei confronti di quello che considera il suo erede naturale.

Petrachi a rischio squalifica

Per Gianluca Petrachi questo non è sicuramente il momento migliore da quando è alla Roma. Alla gaffe sulla trattativa per Dzeko con l’Inter ha fatto seguito quella nel post partita di Roma-Cagliari. Quest’ultima uscita ha scatenato polemiche nel mondo del calcio femminile e non solo, visti gli sgradevoli modi usati dal ds giallorosso. Nel primo frangente invece, si tradì con le proprie parole affermando di aver iniziato a trattare con l’Inter da maggio, ovvero quando era ancora in carica al Torino. A causa di questa sciagurata uscita, Petrachi verrà ascoltato lunedì 21 ottobre in procura federale. Rischia una squalifica di qualche mese per non aver rispettato il regolamento che vieta ai direttori sportivi di lavorare con per club mentre sono ancora sotto contratto con un altro. La deposizione resa dai dirigenti del Torino sembra sia stata molto pesante. Petrachi potrebbe infatti scegliere la via del patteggiamento.

Parla l’agente di Dzeko

Silvano Martina, agente italiano che cura gli interessi di Edin Dzeko, è tornato sulla trattativa con l’Inter, sfumata a metà agosto quando il bosniaco decise di rinnovare il contratto con la Roma: “L’Inter lo voleva veramente, soltanto che c’erano da aspettare gli ultimi giorni di mercato e il giocatore non se l’è sentita di attendere una cosa che doveva essere già chiusa. Così, chiacchierando a casa sua, abbiamo deciso che la soluzione migliore fosse rinnovare con la Roma”.

Senti chi parla…

Sulle principali frequenze radiofoniche romane il tema principale è l’arrivo di Claudio Ranieri sulla panchina della Sampdoria e la sfida contro il blucerchiati. Alessandro Austini a Tele Radio Stereo: “Ranieri? Io non lo avrei riconfermato. Lui ha fatto il suo, non ha fatto niente di straordinario, ha cercato di mettere una toppa alla difesa, ma la coperta è sempre corta e ha perso qualcosa nello sviluppo offensivo. Quello che non gli perdono è quello che ha detto in quel momento, con quella forza e con quella cattiveria che la Roma non si meritava. Era una Roma bastonata e aveva bisogno di tutto tranne di quello. Ranieri ha anche esagerato alcune dinamiche, ed era facile in quel momento mettersi da quella parte. Sullo stadio sono giorni importanti. Stiamo arrivando a un punto finale. Se dovesse andar male, la Roma credo inizierebbe una battaglia legale, e sposterebbe tutto sui terreni di Fiumicino, non ricominciando da capo ma dovendo ripartire dall’inizio per tante cose”. Checco Oddo Casano a Centro Suono Sport: “La Roma con la Samp ha l’obbligo di portare a casa i tre punti. Rispetto per Ranieri, ma si affronta una squadra in grandissima difficoltà, uscita decisamente ridimensionata dal mercato. Si giocherà per 60-70 minuti nella metà campo avversaria e Fonseca sta giustamente pensando di rischierare Kalinic e Pastore, perché è la gara ideale per provare a rilanciarli”.

   Claudia Belli




Print Friendly, PDF & Email
Claudia Belli
"Non c’è un altro posto del mondo dove l’uomo è più felice che in uno stadio di calcio". Datemi, poi, anche carta e penna per poterlo raccontare e allora sì che sarà tutto perfetto. Laureanda in Mediazione Linguistica e Interculturale a La Sapienza, mi piace viaggiare per il mondo parlando più lingue possibili. Per il momento ne conosco 4: italiano, inglese, spagnolo e portoghese (anche la variante brasiliana), ma spero di poter ampliare il mio bagaglio linguistico il più presto possibile.