romanews-roma-ndg-totti-fifa-coronavirus-de-rossi
Foto Getty

NEWS DELLA GIORNATA – Tutte le news della giornata giallorossa raccolte per voi in un articolo: buona lettura!

Le parole di Totti

Totti oggi è stato ospite di Casa Sky Sport, insieme a Del Piero, Maldini e Zanetti. Ecco alcune delle parole: “Penso che sia una cosa differente uscire tra gli applausi in uno stadio che non sia il nostro. Vai fuori e ricevi questo omaggio da altre persone, per noi giocatori far contenta questa gente, queste persone, è motivo di orgoglio. Il Pallone d’oro è un premio che tutti i giocatori cercano di vincerlo. Io rispetto ad Alex avevo meno possibilità di vincerlo, Roma è una piazza particolare, non tutti gli anni abbiamo possibilità di vincere scudetti o coppe campioni. Era un trofeo che avrei voluto, perché no. Non era un trofeo che volevamo vincere diciamo (ride rivolgendosi a Del Piero, ndr). L’addio al calcio? Per me è stata una giornata particolare, inusuale. Non pensavo mai che la gente potesse arrivare fino a questo punto. Per me è stata una giornata più bella dello Scudetto o del Mondiale, per quello che ho provato quel giorno non ci sono parole. Per 25 anni che abbiamo trascorso insieme, fare quel giro di campo con la gente che piangeva è stato il gol più bello. Quello è amore e nessuno me lo leverà di dosso”.

Il bollettino della Protezione Civile

La Protezione Civile ha pubblicato il bollettino odierno sulla situazione dei contagi in Italia. il totale dei positivi è di 102.253, più 1.984 rispetto a ieri. 3.343 sono ricoverati in terapia intensiva, 38 in meno rispetto a ieri. 27.847 sono ricoverati con sintomi, 71.063 sono in isolamento domiciliare. I decessi di oggi sono 431, totale che arriva a 19.8991.677 i guariti di oggi, per un totale di 34.211. I nuovi contagi sono 4.092, che portano il totale complessivo dei casi a 156.363.

La Fifa sul calciomercato e sui contratti

Il calciomercato non inizierà il 1° luglio. La decisione è stata presa dalla Fifa l’ha preannunciato Emilio Garcia Silvero, legale dell’organo calcistico mondiale. La notizia sorprendente però è un’altra: “La Fifa non può prorogare la scadenza dei contratti oltre il 30 giugno. I giocatori potranno liberarsi, ma non potranno firmare per altri club, non aprendosi la finestra di mercato il 1 luglio. Per i prestiti, in teoria a fine giugno dovrebbe esserci il ritorno alle squadre di provenienza, ma non potrà avvenire l’iscrizione in lista fino all’apertura effettiva del mercato. Le finestre di mercato potrebbero essere diverse, dipenderà da quando i campionati si concluderanno e ricominceranno. L’idea è che non coincidano con lo svolgersi dei campionati”.

Il ritorno della Roma a Trigoria

La Roma si prepara a tornare in campo a Trigoria, ma saranno molte le nuove regole da seguire. Il centro sportivo dovrà essere sanificato, l’accesso sarà consentito ad un numero di persone molto ristretto e i giocatori dovranno sottoporsi a diversi controlli prima di ottenere una nuova idoneità. Non è tutto, la vita al Fulvio Bernardini cambierà sotto ogni aspetto: nella mensa ad esempio i tavoli saranno disposti seguendo le misure di sicurezza, verranno utilizzati solamente oggetti usa e getta e saranno presenti distributori con gel igienizzante. Inoltre niente più docce all’interno del centro sportivo, ogni calciatore la farà a casa sua.

I motivi del mancato ritorno di De Rossi

De Rossi sarebbe potuto tornare a Roma già quest’anno, ma qualcosa glielo ha impedito. I motivi del mancato ritorno sarebbero stati due: il difficile rapporto con Pallotta e l’emergenza Coronavirus che ha impedito il regolare svolgimento dei corsi da allenatore a Coverciano. L’idea di sedere sulla panchina della Primavera non gli dispiaceva, ma con ogni probabilità il mancato arrivo di Friedkin farà slittare tutto al 2021. Inoltre il padre Alberto De Rossi non sembra ancora intenzionato a rinunciare al ruolo di allenatore per diventare dirigente: guiderà i giovani anche per la prossima stagione.

Mancini sul rinvio degli Europei

Roberto Mancini, ct dell’Italia ha parlato del rinvio degli Europei e non solo. Queste alcune delle sue parole: ”Dispiace non giocare gli Europei, ma allo stesso tempo credo che per noi possa essere un piccolo vantaggio. Siamo una squadra giovane e avere un altro anno di esperienza per alcuni ragazzi può tornare utile. Penso che saremo tra le nazionali in grado di vincere”. Il prolungarsi dello stop dell’attività agonistica potrebbe avere ripercussioni sulla Nazionale? “Molto dipenderà da quando inizierà il campionato – risponde Mancini -, perché poi si accumuleranno una serie di partite tra competizioni internazionali e nazionali. Potrebbe diventare un problema, bisognerà sapersi adeguare”.

Le parole di Cellino

Massimo Cellino, presidente del Brescia, è tornato a parlare in toni molto accesi della possibile ripresa del campionato. Queste alcune delle sue parole: “Ribadisco che se si riprenderà a giocare io non schiererò il Brescia. Non è una provocazione: mi diano i punti di penalizzazione che vogliono, mi assumo tutte le responsabilità del caso. Sto vedendo troppo egoismo e troppe persone che cercano di approfittare di questa situazione. Lotito vuol tornare a giocare? Raglio d’asino non giunge in Paradiso, si dice: io ascolto solo chi è degno di essere ascoltato. Tra l’altro non so nemmeno se rappresenti la Lazio visto che del club è solo presidente del comitato di gestione”.

Le parole di Giulini

Tommaso Giulini, presidente del Cagliari, ha commentato la ripresa dei campionati al termine dell’emergenza Coronavirus. Queste alcune delle sue parole: “E’ una follia incredibile pensare ad un mercato aperto 3-4 mesi. Il prossimo mercato dovrà durare poche settimane prima dell’inizio del prossimo campionato, con altre due settimane alla fine del girone d’andata. Ma un mercato lungo rovinerebbe la ricostruzione del calcio fondata su valori più umani. E’ importante a livello europeo cominciare a ragionare su un sistema di salary cap, in modo da permettere a tutti di competere. Il Financial Fair Play ha funzionato poco e niente. In un’economia post-bellica il salary cap è l’unico modo per evitare che si creino super-potenze molto distaccate dagli altri club. Noi avremo tifosi che avranno difficoltà a venire allo stadio, anche per motivi economici, quindi dovremo fare attenzione alle politiche sui prezzi di biglietti e abbonamenti. Questa stagione dovrà terminare esclusivamente per motivi economici e per evitare mille cause legali, lo si farà a porte chiuse. Ma dobbiamo organizzare anche l’inizio della prossima stagione”.

Moreno sull’esperienza a Roma

L’ex giallorosso Hector Moreno è tornato a parlare della sua esperienza con la maglia della Roma: “A quindici anni sono arrivato ai Pumas e non sapevo difendere e quando sono arrivato alla Roma mi sono reso conto che ancora non avevo imparato a difendere. Non ho imparato mai tanto quanto nei sette mesi a Roma. Mi spiegavano delle cose e io dicevo ‘ma come è possibile che non lo sapevo?’. Ho avuto sempre allenatori che preferivano il calcio offensivo”.

Premier League, tamponi ai giocatori se riprende il campionato

Sarà necessario effettuare tamponi e test a tutti i giocatori di ogni club prima di un’eventuale ripresa della Premier League. Lo ha affermato. Richard Bevan, amministratore delegato della League Managers’ Association (LMA), sottolineando che però che “i test devono essere resi disponibili prima ai lavoratori e ai pazienti del servizio sanitario nazionale”. Per ora il destino del campionato inglese di calcio, rinviato a tempo indeterminato a causa dell’emergenza Coronavirus, è ancora un’incognita.

Fonseca pensa a una difesa a tre

E’ possibile che Fonseca decida di abbandonare il suo solito 4-2-3-1 per sperimentare con una difesa a tre. Un’eventuale rivoluzione nel reparto arretrato potrebbe cambiare anche i piani sul mercato. Inizialmente ,infatti, la Roma voleva avere a disposizione 4 centrali: SmallingManciniCetin e Ibanez, lasciando poi partire Juan Jesus Fazio. Riscattare l’inglese però sembra sempre più complicato, allora l’alternativa potrebbe essere Lovren del Liverpool. In questo caso Fazio potrebbe restare, ma la sua permanenza rimane anche legata all’eventualità di vedere Kolarov adattato nella difesa a tre.

Print Friendly, PDF & Email
Claudia Belli
"Non c’è un altro posto del mondo dove l’uomo è più felice che in uno stadio di calcio". Datemi, poi, anche carta e penna per poterlo raccontare e allora sì che sarà tutto perfetto. Laureata in Mediazione Linguistica e Interculturale a La Sapienza, mi piace viaggiare per il mondo parlando più lingue possibili. Per il momento ne conosco 4: italiano, inglese, spagnolo e portoghese (anche la variante brasiliana), ma spero di poter ampliare il mio bagaglio linguistico il più presto possibile.