NEWS DELLA GIORNATA – Tutte le news della giornata giallorossa raccolte per voi in un articolo: buona lettura!

Bollettino Protezione Civile

Questo il comunicato stampa diramato oggi dalla Protezione Civile, contenente gli ultimi dati relativi all’emergenza Coronavirus in Italia: “A oggi, 6 maggio, il totale delle persone che hanno contratto il virus è 214.457, con un incremento rispetto a ieri di 1.444 nuovi casi. Il numero totale di attualmente positivi è di 91.528, con una decrescita di 6.939 assistiti rispetto a ieri. Tra gli attualmente positivi 1.333 sono in cura presso le terapie intensive, con una decrescita di 94 pazienti rispetto a ieri. 15.769 persone sono ricoverate con sintomi, con un decremento di 501 pazienti rispetto a ieri. 74.426 persone, pari al 81% degli attualmente positivi, sono in isolamento senza sintomi o con sintomi lievi. Rispetto a ieri i deceduti sono 369 e portano il totale a 29.684. Il numero complessivo dei dimessi e guariti sale invece a 93.245, con un incremento di 8.014 persone rispetto a ieri. Il numero così alto dei pazienti dimessi e guariti è dovuto ad un aggiornamento dei dati della Regione Lombardia riferiti anche ai giorni precedenti.Nel dettaglio, i casi attualmente positivi sono 31.753 in Lombardia, 14.858 in Piemonte, 8.391 in Emilia-Romagna, 6.789 in Veneto, 5.088 in Toscana, 4.433 nel Lazio, 3.306 in Liguria, 3.236 nelle Marche, 2.903 in Puglia, 2.340 in Campania, 2.201 in Sicilia, 1.791 in Abruzzo, 982 nella Provincia autonoma di Trento, 962 in Friuli Venezia Giulia, 644 in Calabria, 623 in Sardegna, 579 nella Provincia autonoma di Bolzano, 179 in Molise, 172 in Basilicata, 171 in Umbria e 127 in Valle d’Aosta”.

Intervista Mirante

Antonio Mirante, secondo portiere della Roma, ha parlato al sito ufficiale giallorosso, consigliando alcuni film da vedere durante la quarantena. Queste alcune delle sue dichiarazioni: “Seguo molto i film e le ultime uscite. Mi piace ascoltare i consigli degli amici e dei compagni di squadra sulle novità da vedere. E durante la quarantena si prosegue nelle chat di gruppo, dove ci segnaliamo a vicenda cosa andare a guardare”.

Florenzi, che nostalgia del calcio

Il calcio europeo è fermo ormai da diverse settimane per l’emergenza Coronavirus. E così Alessandro Florenzi, ex capitano della Roma ora in prestito al Valencia, ha deciso di esprimere la propria nostalgia per il campo da gioco su Instagram. Ecco quindi le parole del terzino destro: “Il mio sogno l’ho coltivato, pensato, immaginato, dietro ad un container, nascondeva un campetto con la pozzolana e la terra. Graffi, ferite, cicatrici e lui, il mio compagno, era sempre lì! Ora appena sono arrivato in questo posto magico mi é rivenuta in mente la scena di mia madre che mi chiama col fischio dal bar per tornare a casa. Sono passati 20 anni ma ogni volta che vedo palla e terra intorno mi verrà sempre in mente quel posto eterno dove ha avuto inizio la mia storia!!! Torneremo ad emozionarci ancora… E sempre insieme mia cara palla!”.

Ripresa Serie A, le parole di Spadafora e Brusaferro

Il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora è intervenuto alla Camera dei Deputati durante il Question Time sull’emergenza Coronavirus in Italia. Ecco quindi le sue parole: “Posso assicurare che sin dall’inizio dell’emergenza sanitaria, prima del lockdown, ho attivato i contatti con il calcio. Purtroppo ci si è dovuti fermare, non solo il calcio, ma tutto lo sport, guardate le Olimpiadi. Dobbiamo assicurare il valore assoluto della salute pubblica. Il 4 maggio sono ripresi gli allenamenti individuali anche per le squadre, sulla base di un protocollo elaborato con i medici sportivi e il CONI. Il 18 maggio, auspicabilmente, partiranno anche gli allenamenti di gruppo. La FIGC ha presentato un protocollo e domani i medici daranno la loro valutazione. Negli ultimi giorni c’è stato questo dibattito sulla ripresa, come fatto anche dalle tifoserie, ma non possiamo dare subito una data certa di ripartenza. In Europa, le uniche date certe sono quelle di coloro che hanno deciso di bloccare i campionati. Anche la Premier League ha rinviato di una settimana la decisione di riprendere gli allenamenti. La nostra linea non è mai cambiata. Auspichiamo che i campionati riprendano regolarmente. A oggi è impossibile stabilirlo perché nelle prossime due settimane dobbiamo vedere come reagisce la curva dei contagi, aspettiamo poi le valutazioni del Comitato tecnico-scientifico. Spero che lo sport di base possa ripartire più forte di prima”.

Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, ha parlato al Corriere della Sera della possibile ripresa della Serie A: “Siamo in fase di valutazione, il parere del Comitato tecnico-scientifico non è pronto. Tutti gli sport di squadra mettono insieme un certo numero di persone che possono variare a seconda delle discipline. Sono per definizione delle aggregazioni. Ci sono tante variabili in gioco”.

Calciomercato

Il calcio italiano è ancora in stand-by, ma il tempo passa e il calciomercato si avvicina. Tra i protagonisti della sessione estiva in arrivo sembra destinato ad esserci anche l’ex giallorosso Stephan El Shaarawy che di recente ha manifestato più volte la volontà di tornare a giocare in Italia. Potrebbe farlo presto, ma forse non per vestire di nuovo la maglia della Roma. Secondo quanto riportato infatti dal sito todofichajes.com, a lui sarebbe molto interessata la Juventus che avrebbe già contattato lo Shanghai Shenhua per intavolare una trattativa. Nelle prossime settimane dovrebbero arrivare aggiornamenti importanti riguardo un eventuale affare e il futuro del giocatore.

La stagione attualmente in corso è ancora ferma, ma la Roma non perde tempo, anzi. La lista degli obiettivi per la sessione estiva di mercato è già lunga e tra i nomi finiti nel mirino dei giallorossi sembra esserci anche quello di Takehiro Tomiyasu. Il club giallorosso sembra pronto a fare sul serio per portare nella capitale il difensore del Bologna: secondo quanto riportato da calciomercato.com, la Roma avrebbe già offerto 1,5 milioni ai rossoblù e sarebbe anche disposta a rinunciare a Juan Jesus e Alessio Riccardi.

Lo Sporting Lisbona apre al trasferimento di Marcos Acuña. Dopo le dichiarazioni a Romanews.eu dell’agente del giocatore, che ha definito la Serie A come una priorità per il suo assistito, il quotidiano portoghese abola.pt riporta ulteriori dettagli della trattativa. Lo Sporting è disposto a cederlo, ma solo per una cifra intorno ai 20 milioni di euro. La Roma invece vorrebbe comprare il terzino sinistro argentino a un prezzo più basso e proverà a mediare per ottenere uno sconto.

La Roma sta trattando ormai da mesi il riscatto di Chris Smalling dal Manchester United. Si tratta di uno dei principali obiettivi del DS Petrachi per la prossima sessione di calciomercato. Le richieste del club inglese sono però troppo alte per il momento. Per questo, come riporta 90min.com, il Newcastle starebbe pensando di inserirsi nell’affare, facendo un’offerta molto vicina ai 25 milioni di sterline richiesti dallo United.

L’emergenza Coronavirus ha bloccato il calcio italiano sotto tutti i punti di vista. Nella Roma anche i rinnovi contrattuali dei giovani della Primavera sono stati messi in stand-by, compreso quello di Oliver Jurgens. Come riporta Il Tempo, l’attaccante classe 2003, arrivato a gennaio dall’Hellas Verona, non ha ancora firmato un contratto da professionista con i giallorossi. Per questo nelle ultime settimane si sarebbe inserito il Valencia, pronto a soffiarlo alla Roma.

Coronavirus, parla Calcagno (Vicepresidente AIC)

Umberto Calcagno, Vicepresidente dell’AIC, è intervenuto a Radio24 sulla ripresa degli allenamenti dopo lo stop per l’emergenza Coronavirus. Ecco dunque le sue parole: “Al di là dell’evolversi di queste ore, la mia sensazione è che dovremo imparare a convivere col virus. Possiamo fare i primi passi per riprendere? Credo di sì, con la tutela della salute. Se non iniziamo a far fare allenamenti singoli e a scremare un po’ di preparazione ci toglieremo la possibilità di continuare le competizioni. Abbiamo bisogno di chi ci dica se questa prima fase si può riprendere e come. Il protocollo individuale c’è, va applicato e bisogna ricominciare. Ci sono società che non stanno convocando formalmente i calciatori e lasciano possibilità di praticare allenamenti singoli. Poi però bisogna ripartire assieme per non favorire nessuno e garantire la parità competitiva. Convocare su base volontaria è una forzatura già di per sé, ma non mi risulta ci siano calciatori che si sono rifiutati di fare qualcosa. Spero che la convocazione su base volontaria non sia poi oggetto di contenzioso, vorrebbe dire non capire il momento. Prossimi incontri? I calciatori si aspettano che l’incontro non sia tra due entità una contro l’altra. Serie A genera entrate anche per le altre categorie. Far ripartire non significa farlo ad ogni costo, è una forma di responsabilità anche verso gli altri“.

Ponce, il Newell’s Old Boys fa causa alla Roma per il suo trasferimento

Il Newell’s Old Boys fa causa alla Roma. Il club argentino aveva venduto nel 2015 Ezequiel Ponce ai giallorossi per 5 milioni di euro, riservandosi il 40% della futura rivendita. Una percentuale che non sarebbe stata rispettata dalla Roma dopo aver ceduto il ragazzo allo Spartak Mosca nello scorso calciomercato. Secondo il Newell’s Old Boys, infatti, i capitolini avrebbero inserito nel trasferimento un giocatore senza valore di mercato, Andrea Romagnoli, per eludere il pagamento reale dovuto. Una mossa che gli argentini hanno denunciato alla FIFA, anche per provare a giustificare alcune violazioni rilevate, che sono costate loro il blocco delle prossime tre finestre di mercato.

Roma Femminile, Bonfantini rinnova fino al 2022

Buone notizie in arrivo dalla Roma Femminile: Agnese Bonfantini rinnova fino al 2022. A comunicarlo è stata la giallorossa tramite un video postato sul profilo Twitter ufficiale della squadra. Queste le sue parole: “Ciao tifosi della Roma, sono qui per dirvi che sono molto felice di aver rinnovato. Roma è casa mia e qui sono migliorata tanto, diventando la calciatrice che sono oggi. Non vedo l’ora di tornare a giocare al Tre Fontane”.

Intervista Bartoli

Elisa Bartoli, terzino e capitano della Roma Femminile, ha parlato ai microfoni di Sky Sport 24 dell’emergenza Coronavirus, che potrebbe tenere fermo il calcio delle donne ancora a lungo. Queste alcune delle sue dichiarazioni: “Guardare la Roma mi manca, ma ciò che mi manca ancora di più è ciò che creano questi eventi, l’unione che si crea tra le persone, l’entusiasmo e la voglia di tifare tutti insieme. Mi manca soprattutto giocare, mi mancano questi colori, indossare la mia maglia e mi mancano le mie compagne, mi manca vedere i tifosi in tribuna che esultano e piangono con te. Mi manca entrare in campo al Tre Fontane con l’inno che canto ogni volta che entro in campo e che mi fa venire i brividi, è una sensazione stupenda”.

Primavera, Sdaigui operato a Villa Stuart

Zakaria Sdaigui, giocatore della Roma Primavera, si è operato oggi a Villa Stuart, per rimuovere alcuni chiodi dalla gamba. Il centrocampista giallorosso si era infatti rotto tibia e perone nel marzo del 2019, dovendo perciò sottoporsi alla ricomposizione della frattura proprio attraverso tali chiodi. Sdaigui comunque aveva già ripreso a giocare, disputando ben 14 partite in questa stagione agli ordini di Alberto De Rossi. La pausa del campionato per l’emergenza Coronavirus gli ha dato però l’occasione di togliere definitivamente quei chiodi, come annunciato dallo stesso classe 2000 sul suo profilo Instagram. Questo il commento del giovane giallorosso: “Spero che con questa operazione mi possa lasciare tutto alle spalle e permettere di tornare alla piena forma“. Sdaigui ora dovrà stare fermo per due settimane, prima di poter cominciare la riabilitazione.

Senti chi parla

Anche oggi sulle principali frequenze radiofoniche della capitale si parla di un’eventuale ripresa del campionato. Questo l’intervento di Roberto Pruzzo a Radio Radio: “Io la vedo dura perché non è questione di fantasia ma di soldi. Se tu non tiri fuori i soldi per tutte le attività credo sia difficile ripartire. Il calcio minore ad esempio… Ci sono delle società che sono ottime a livello Serie B che però ti devi confrontare con gli stipendi dei calciatori. Succederà un casino. Per la Serie A nessuno si vuole prendere una responsabilità e ti trovi nello scaricabarile e a prendere più tempo. Con questo protocollo qui mi sembra difficile”. Queste invece le parole di Federico Nisii a Tele Radio Stereo: “Non si può sottovalutare il gesto della Curva Sud. I tifosi romanisti si sono schierati contro la ripresa del campionato per rispetto alle vittime e alla situazione che stiamo vivendo. Un campionato che tra l’altro riprenderebbe in condizioni completamente anomale, con partite giocate in tempi ristretti al caldo e senza pubblico. E’ legittimo chiedersi almeno se ha davvero senso che il calcio riparta ora e in questo modo”.

Martina Cianni

Print Friendly, PDF & Email