NEWS DELLA GIORNATA – Tutte le news della giornata giallorossa raccolte per voi in un articolo: buona lettura!

Coronavirus, rinviate 5 partite tra cui Juve-Inter

Il coronavirus continua a stravolgere queste ultime settimane del calcio italiano. Dopo i rinvii di settimana scorsa, infatti, la Lega Calcio ha deciso la sospensione per tutte le gare che in questo turno erano precedentemente state designate a porte chiuse: Juventus-Inter, Milan-Genoa, Parma-Spal, Sassuolo-Brescia, Udinese-Fiorentina. A rischio anche la sfida di lunedì tra Sampdoria e Verona. Numerose le reazioni nel mondo del calcio e della politica. Il più duro è stato, senza dubbio, il tecnico del Lecce Fabio Liverani: “Come al solito in Italia si prendono alcune decisioni senza senso e logica, ritorna alla luce il lato oscuro del calcio che abbiamo provato a ripulire. Una decisione del genere tutela solo quelle quattro-cinque squadre che hanno interessi in gioco”. Anche Paulo Fonseca, in conferenza stampa, non ha risparmiato di dare il suo giudizio alla situazione: “Sono certo che le autorità stanno facendo di tutto per risolvere. Si possono però avere problemi di regolarità sportiva. Per avere dubbi penso che se non gioca una partita non si devono giocare anche le altre”. Si divide, invece, la politica con Giovanni Malagò, presidente del Coni, che appoggia la decisione: “In questo momento la salute dei cittadini è la priorità assoluta del nostro Paese: lo sport si deve adeguare all’emergenza”. Di avviso completamente contrario l’ex ministro degli Interni e leader della Lega Matteo Salvini: “Si doveva giocare, era un’occasione per offrire serenità agli italiani e un’immagine serena dell’Italia nel mondo”. Tutte le gare rinviate verranno rigiocate il 13 maggio, con il conseguente spostamento della finale di Coppa Italia al 20 maggio: possibile cambio anche di location, dallo Stadio Olimpico – in quelle settimane in gestione dell’Uefa per Euro2020 – a San Siro.

Le parole di Fonseca

Mentre mezza Serie A si ferma, però, la Roma domani torna in campo in trasferta contro il Cagliari e, come di consueto, Paulo Fonseca ha tenuto la sua conferenza stampa di vigilia facendo il punto sulla condizione della sua squadra. “Il gruppo è stanco come normale che sia. Non abbiamo avuto tempo per recuperare da una partita difficile su un campo difficile, ma ci siamo allenati bene. La squadra è motivata e ha fiducia”. Il tecnico ha fatto poi un punto importante sullo stato di tutti gli infortunati: “Perotti è molto debole, ora è difficile che recuperi per la partita. Veretout sta bene, si è allenato, ha un piccolo problema al piede ma sta bene. Pellegrini? Sta molto bene, ci parlo tutti i giorni e sta molto bene. Diawara sta meglio ogni giorno, speriamo che nei prossimi giorni possa essere una soluzione per me. Sta recuperando bene. Se continua così penso che dopo la prossima settimana potrò averlo a disposizione per giocare. Dipende dalla prossima settimana. Pastore? Stiamo cercando di aiutarlo a recuperare da questa situazione cronica. In questa ultima settimana è migliorato molto, vediamo cosa succede nei prossimi tempi”. Sulla corsa al quarto posto Fonseca dimostra di crederci più che mai: “Sono una persona ottimista e positiva. Abbiamo tutti possibilità, non credo che l’Atalanta non perderà punti fino alla fine del campionato. Noi dobbiamo fare meglio di quanto abbiamo fatto fino ad ora, ma sono ottimista, vedo che il gruppo ci sta credendo e per questo credo molto nei miei giocatori. Dobbiamo crederci e continuare a lavorare per raggiungere questa posizione”. Poi sulla formazione svela la mossa inaspettata: “Domani gioca Kalinic. Con Dzeko? Vedremo”. Fuori dalla lista dei convocati Diego Perotti, mentre torna Juan Jesus.

In casa Cagliari

Ha parlato anche Maran alla vigilia della sfida contro la Roma. Per il tecnico del Cagliari è importante vedere una reazione da parte della sua squadra con la vittoria in campionato che manca da inizio dicembre: “Sappiamo come affrontare la gara domani. La volontà dei ragazzi è sempre la stessa”. Sulla situazione che sta vivendo la Serie A per l’emergenza coronavirus afferma: “Il dispiacere non è tanto per il rinvio delle partite, dato che è un provvedimento che viene preso nell’interesse di tutti. Spiace che vengano recuperate tardi, perché non ci sono finestre prima. Noi abbiamo vissuto una situazione surreale: alla vigilia della sfida col Verona siamo andati a letto pensando di giocare una sfida molto importante, poi invece ci siamo ritrovati a decidere cosa fare, senza sapere quando giocare”. Infine, la chiamata alle armi per i tifosi per sostenere la squadra domani: “Questi ragazzi vanno sostenuti, anche se tocca a noi stimolarlo: ci sono tante partite da qui alla fine, dobbiamo essere bravi a uscirne tutti insieme. Dobbiamo esserne convinti”.

Senti chi parla alle radio

Sulle principali frequenze radiofoniche i temi principali di discussione sono la semestrale del bilancio giallorosso pubblicata ieri e sul sorteggio degli ottavi di Europa League che vedrà la Roma sfidare il Siviglia. Antonio Felici, a Centro Suono Sport, si esprime così sul bilancio: “I conti non sono una sorpresa particolare. La mancata partecipazione alla Champions League e le poche plusvalenze fatte creano il buco, è chiaro. Ma leggere quella cifra, che da qui a giugno può aumentare, ci dà la misura di cosa Pallotta consegna a Friedkin. Chiedere a Friedkin tanti investimenti, con un rosso in bilancio che può arrivare a 100 milioni, non è facile”. Roberto Pruzzo, ai microfoni di Radio Radio, invece, analizza la prossima sfida col Siviglia: “La Roma deve fare attenzione al Siviglia, è vero che ha faticato contro il Cluj, ma è una squadra abituata a questo tipo di partite. Ha vinto spesso l’Europa League. Le italiane non sono state molto fortunate, però è vero che il Siviglia gioca con degli scarti del campionato italiano, ha fatto solo due pareggi con il Cluj quindi non è imbattibile”.

Alessandro Tagliaboschi

Print Friendly, PDF & Email