NEWS DELLA GIORNATA – Tutte le news della giornata giallorossa raccolte per voi in un articolo: buona lettura!

Roma in crisi: la situazione

La sconfitta contro il Bologna all’Olimpico ha aperto ufficialmente la crisi in casa Roma: una sola vittoria in Serie A nel 2020 e quarto posto perso in favore dell’Atalanta che ora è in vantaggio di tre punti sui giallorossi. Rialzare la testa ora sembra ancora più difficile, ma Paulo Fonseca ce la metterà tutta per invertire la rotta. Nonostante il momento ‘no’, il tecnico portoghese non è in discussione. Dopo il 3-2 incassato all’Olimpico contro i rossoblù, si è confrontato con Guido Fienga, spiegando che il problema principale della squadra sarebbe di natura tattica. Domani la squadra tornerà ad allenarsi a Trigoria in vista della sfida di campionato contro la Dea: un match ricco di insidie, ma anche la chance giusta per mettersi alle spalle un mese non facile.

Smalling, lo United alza le pretese

Chris Smalling resta uno degli obiettivi di mercato della Roma. Il riscatto del difensore inglese in prestito dal Manchester United è infatti sulla “to-do” list di Petrachi. Molti sono stati i contatti tra le parti per cercare di giungere ad un accordo, soprattutto vista la volontà del giocatore di restare nella capitale. Ora però, secondo il The Express, i “Red Devils” alzano le pretese, chiedendo circa 20 milioni di euro, mentre la società giallorossa non vorrebbe spingersi oltre i 14 milioni. In ogni caso, il club capitolino ha fatto intendere che parte della trattativa resta in parte legata alla qualificazione in Champions League.

Mertens sempre più lontano da Napoli: niente accordo sul contratto

Dries Mertens si allontana sempre di più dal Napoli. A causare questo ulteriore distaccamento tra il belga e la società ci ha pensato la grande richiesta economica fatta dal calciatore al presidente De Laurentiis. Secondo La Gazzetta dello Sport, infatti, il numero 14 avrebbe richiesto 7.5 milioni all’anno per le prossime due stagioni. La dirigenza partenopea, però, è inamovibile e non offrirà più di 4 milioni l’anno, più 1 di bonus. La Roma resta affacciata, perché le strade di Mertens e il Napoli per la stagione 2020/21 non sono mai state così diverse.

Domenica di relax a Santa Severa per Dzeko

Domenica di relax per i giocatori della Roma che hanno sfruttato il tempo libero concesso da mister Fonseca per passare una giornata con le proprie famiglie. Dzeko ha scelto Santa Severa per un semplice pranzo al mare al ristorante “L’isola del Pescatore”. Oltre al bosniaco, anche Francesco Totti era presente nello stesso ristorante.

Sabato da incubo per Florenzi che torna nella capitale

Alessandro Florenzi torna a casa. Dopo la sconfitta di ieri contro il Getafe, in cui ha rimediato anche un cartellino rosso, l’ex capitano della Roma ha scelto di tornare per qualche ora nella sua città dopo l’addio negli ultimi giorni del mercato di gennaio, approfittando della domenica di riposo concessa dall’allenatore Celades. Su Instagram ha postato nelle storie una foto all’aeroporto di Fiumicino mano nella mano con la figlia Penelope. L’ottima prestazione offerta al debutto con la maglia del Valencia aveva fatto innamorare i tifosi spagnoli, ieri invece il terzino è sembrato irriconoscibile. Un flop totale, confermato anche dalle statistiche.

Senti chi parla alle radio

Sulle principali frequenze radiofoniche romane, il tema principale di discussione riguarda il momento di difficoltà della squadra di Fonseca. Andrea Di Carlo, ai microfoni di Tele Radio Stereo, si esprime così: “Irrispettoso che oggi la squadra non sia a lavoro. Dovrebbero sentirsi più allineati con la gente, che è più arrabbiata di venerdì. Lo stesso copione da sempre. A Bergamo non si può sbagliare. O si vince, o c’è il baratro. In questo momento la Roma farebbe fatica a battere il Trastevere”. Guido D’Ubaldo, intervenuto a Radio Radio, ha raccontato il confronto avuto tra Fienga e Fonseca nel post-partita di venerdì: “La rosa ha un problema tattico, che è stato analizzato nel colloquio tra Fienga e Fonseca di ieri. La Roma è più prevedibile e con la difesa alta gli avversari hanno preso le contromisure. Questo confronto ha aperto ufficialmente la crisi, differentemente dal problema nato dall’ingresso negli spogliatoi a Reggio Emilia di Petrachi. Quella cosa infastidì Fonseca, che deve essere il re incontrastato all’interno dello spogliatoio. Non capita spesso che Fienga parli con i calciatori, ma è accaduto per ribadire l’importanza della qualificazione in Champions League. È stata comunque ribadita la fiducia all’allenatore”.

Tagliaboschi-Cianni

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here