I rinnovi di Kolarov e Pellegrini

La Roma tra campo e rinnovi. In attesa di tornare in campo dopo la sosta per le nazionali, la dirigenza giallorossa vuole blindare i suoi uomini migliori. Aleksandar Kolarov e Lorenzo Pellegrini si sono dimostrati dei leader anche in questo avvio di stagione. Per questo, come riportato dal Corriere della Sera, i loro rinnovi sono una priorità per la Roma. Per quanto riguarda il serbo, l’intenzione è quella di prolungare il suo contratto, in scadenza nel 2020, di un anno con opzione per il secondo. Si pensa anche ad un possibile futuro da dirigente per lui. Il numero 7 è attualmente fermo ai box, ma la società giallorossa non si è dimenticata di lui, anzi. Rinnovo e non solo: la Roma vuole eliminare la clausola rescissoria di 30 milioni presente sul suo contratto in scadenza nel 2022.

Continua la bufera su Under: ecco perchè la Roma non è intervenuta

Non si fermano le polemiche nei confronti di Cengiz Under. Nelle scorse ore numerosi volti noti della Serie A si sono espressi a proposito dell’attacco avanzato dal governo turco nei confronti della popolazione curda. Under è stato uno di questi. La sua scelta di sostenere Erdogan e le milizie curde, ha scatenato le critiche dei tifosi della Roma. L’esterno infatti ha postato una foto con la maglia giallorossa risalente alla passata stagione che lo ritrae mentre esegue il saluto militare. Nella tarda mattinata di ieri, il giocatore della Roma ha twittato la sopraccitata foto. Come riporta La Gazzetta dello Sport, il club giallorosso non ha voluto prendere posizione. Il motivo della decisione del club è che in ogni caso il messaggio del giocatore non è perfettamente decifrabile. Si riferisce all’offensiva turca in Siria? Alla morte del primo soldato turco? O, magari, anche alla partita serale, quella di ieri sera a Istanbul tra Turchia ed Albania e a cui Under non ha potuto prendere parte per l’infortunio alla coscia destra. Per questo la Roma ha preferito non entrare in una diatriba politica già intricata.

Serie A Femminile: la Roma asfalta l’Empoli

La Roma Femminile batte l’Empoli Ladies con un convincente 4-0 nel terzo turno della Serie A 2019/20. Seconda vittoria consecutiva per le ragazze di Betty Bavagnoli che salgono a 6 punti in 3 partite. Gara subito in discesa per le giallorosse che dopo 10 minuti sono già sul doppio vantaggio grazie alle reti di Bernauer e Thomas. A segno anche Serturini, che si ripete dopo il gol alla Fiorentina nella scorsa giornata. Ottima la prestazione di tutte le ragazze, in particolar modo quella della solita Giugliano, autrice di due assist. Da segnalare anche un bel passaggio di consegne. Bartoli infatti, al momento della sostituzione, ha ceduto la fascia da capitano alla giovane Giada Greggi. Momento d’oro per la centrocampista classe 2000, che dopo l’emozione dell’esordio in Nazionale assapora anche quella di guidare la squadra della sua città.

Ufficiale, Ranieri è il nuovo allenatore della Sampdoria

Era nell’aria già da tempo ma mancava ancora l’ufficialità. Ora è arrivata anche quella: Claudio Ranieri è il nuovo allenatore della Sampdoria. Questo il comunicato del club blucerchiato: “Il presidente Massimo Ferrero e l’U.C. Sampdoria danno il benvenuto a Claudio Ranieri, che si è legato alla società in qualità di allenatore responsabile della prima squadra fino al 30 giugno 2021. Il presidente augura al tecnico, al suo staff e alla squadra un buon lavoro basato sull’impegno e sulla passione”. Il 68enne testaccino inizierà la sua avventura sulla panchina dei genovesi nel match di domenica 20 ottobre contro la ‘sua’ Roma.

Senti chi parla…alle radio

Nonostante la Serie A sia ferma per la sosta delle nazionali, le frequenze giallorosse non si fermano. Molti gli interventi di oggi volti a discutere i temi del giorno: da Zaniolo a Ranieri passando per Kalinic. Eccone alcuni.

Alessandro Austini a Tele Radio Stereo: “Ranieri non ha sempre vinto le prime partite su una nuova panchina. Spero che la Sampdoria ricominci a vincere, ma dopo la partita con la Roma. Under? Chissà se quella foto l’ha messa lui… ho il sospetto che non sia un’iniziativa dei giocatori, ma che sia partito un input. Ha sbagliato a scegliere di mettere la foto con la maglia, ma non capisco tutta questa indignazione. Credo che Zaniolo abbia un talento superiore, ancora sta mostrando solo una percentuale del suo bagaglio tecnico e fisico. Spero possa crescere alla Roma. Mi piace il minutaggio che gli sta dando Fonseca: si deve meritare il campo. Me lo tengo stretto in tutti i ruoli, viste le tante partite potrebbe giocare anche da centrocampista. Riccardi? La Roma non l’ha bocciato ma mi da l’impressione che la squadra non ci punti. Forse già l’anno scorso avrebbe dovuto fare un’esperienza fuori. Sul suo conto ci sono delle perplessità sulla condizione fisica. Ha qualità innegabili però non ha un fisico all’altezza secondo la Roma”.

Stefano Agresti a Radio Radio Pomeriggio: “Credo che la Roma abbia necessità di ripartire in fretta. Sento però commenti strani riguardanti Kalinic. Sono anni ormai che è in difficoltà e inoltre, anche nei suoi momenti migliori, non è stato quel bomber alla Dzeko. Se si stratta di entrare a partita in corso è un conto. Proprio per questi motivi l’assenza del bosniaco sarà pesante. Non credo neanche che la Roma abbia fatto una operazione importante scambiando virtualmente Kalinic per Schick. Smalling mi ha stupito, pensavo avesse più difficoltà. Mi sembra eccessivo dire oggi che non farà rimpiangere Manolas. I segnali che ha dato sono confortanti“.

 

 

 




Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here