romanews-ndg-roma-pallotta-pedro-mancini-lopez
Foto Getty

NEWS DELLA GIORNATA – Tutte le news della giornata giallorossa raccolte per voi in un articolo: buona lettura!

Roma-Samp, Fonseca punta su Pau Lopez e Mancini

Per rivedere la Roma in campo bisognerà aspettare mercoledì 24 giugno: alle 21:45 la squadra di Fonseca affronterà all’Olimpico la Sampdoria. Il tecnico portoghese punta a recuperare sia Pau Lopez che Gianluca Mancini; il primo ha subito durante i primi allenamenti la micro frattura del polso e già per la gara contro i blucerchiati potrebbe rispondere presente all’appello, mentre il secondo ha riportato una lussazione al gomito sinistro. Anche per il difensore il recupero procede secondo i piani e sarà disponibile per la sfida contro i liguri.

La Roma prenota l’Olimpico

In vista della sfida con la Sampdoria, la Roma ha prenotato lo Stadio Olimpico per un allenamento pomeridiano lunedì 22 giugno alle 19. Scelta già presa anche dalla Lazio, utile a ritrovare la confidenza con il campo e con lo stadio, che ovviamente sarà senza tifosi. Contro i blucerchiati Fonseca punterà sulla coppia Smalling-Mancini, su Veretout e Diawara in mezzo al campo con con Pellegrini sulla trequarti a sostegno dell’unica punta Edin Dzeko. Sugli esterni c’è il doppio ballottaggio: Carles Perez-Under – lo spagnolo è in vantaggio -, a destra e KluivertMkhitaryan a sinistra.

Il punto sul calciomercato

Petrachi non ha intenzione di fare sconti al Lipsia. In Germania l’ex Sampdoria ha segnato 10 gol in 19 presenze, rendimento che non basta al club tedesco per arrivare a mettere sul piatto i 29 milioni pattuiti un anno fa per il riscatto. La Roma si guarda intorno, perché nel frattempo Schick piace in Inghilterra e non solo, per questo i giallorossi non accetteranno proposte sotto i 25 milioni di euro. Per quanto riguarda il mercato in entrata invece: Pedro ha detto sì alla Roma, lo spagnolo lascerà il Chelsea a parametro zero per approdare a Trigoria, mentre si continua a lavorare per i riscatti di Smalling e Mkhitaryan. In Sudamerica la Roma guarda a Nahuel Bustos e Montiel, il primo per il ruolo di vice-Dzeko, il secondo per rafforzare il pacchetto dei terzini. Se dovesse uscire qualcuno a centrocampo, Veretout piace al Napoli e Diawara ha mercato in Premier League, a Fonseca non dispiacerebbe Viktor Kovalenko, giocatore allenato già allo Shakhtar Donetsk.

Interesse per Doukouré

Gianluca Petrachi avrebbe puntato gli occhi su Ismael Doukouré del Valenciennes. Sul classe 2003 in Italia è forte anche l’Atalanta e diversi club europei sono rimasti affascinati dalla sua velocità, la sua abilità nel posizionamento e nel recupero del pallone: tra questi ci sono anche l’Hertha Berlino, il Borussia Monchengladbach e il Salisburgo. Prima della Pandemia, anche Inter Benfica avevano manifestato interessa per il francese.

Acquirente cercasi

La Roma cerca nuovi compratori dopo che la vendita al miliardario americano Dan Friedkin è sfumata. E’ la notizia riportata dal Financial Times citando fonti confidenziali: James Pallotta con il supporto di Goldman Sachs è a caccia di investitori dopo che l’affare da 750 milioni di dollari è saltato a causa della pandemia. I banchieri di Goldman Sachs avrebbero già contattato numerosi potenziali investitori anche a Wall Street ma non hanno per ora ricevuto offerte concrete, scrive il quotidiano finanziario.

Gravina apre ai tifosi

“Manca ancora un tassello, che a me sta molto a cuore: la partecipazione dei tifosi, che spero avvenga in tempi molto rapidi. Mi auguro che per i primi di luglio si possano riaprire le porte agli spettatori: vorrebbe dire che il nostro Paese è uscito da questo momento particolarmente buio. Sono convinto che tra i tifosi e il calcio italiano ci sia stato un filo che non si è mai spezzato, quello della passione che ha sempre contraddistinto i vincoli forti del nostro mondo”. Queste le parole di Gabriele Gravinapresidente della FIGC, che ha parlato a Deejay Football Club.

Senti chi parla…

Ecco cosa si dice sulle principali frequenze radiofoniche romane. Guido D’Ubaldo a Radio Radio Mattino: “La Roma può impegnarsi a tenere Zaniolo e Pellegrini, ma su Under non è una scelta tecnica. Lui e Kluivert sono due giovani talenti che sono state le intuizioni migliori di Monchi e possono avere un grande futuro, la Roma però sarà costretta a cederli per fare plusvalenze. La situazione della Roma non è dovuta al Covid, ma si ripete anno dopo anno: sistematicamente ha venduto i migliori giocatori sul mercato. La cosa che dà fastidio ai tifosi è che non leggiamo di cessioni di Milinkovic o Luis Alberto, ma dei giocatori della Roma perché la società è costretta”. Federico Nisii a Tele Radio Stereo: “E’ vergognoso che ieri sera sia stata fatta quella domanda su Zaniolo a Paratici. Si parla di Zaniolo come se fosse un pacco postale che può andare da una parte all’altra. La Roma non difende se stessa. Possibile che dopo 9 anni di strategie e pianificazioni non c’è uno che ha capito che cos’è la Roma per i romanisti? Questa cosa mi lascia atterrito. Per me Zaniolo e Pellegrini non andranno via, verranno venduti altri giocatori. Kluivert può essere sacrificato. La Roma non è rispettata. Questa sera non verrà fatta nessuna domanda sul futuro di Mertens, perché il Napoli invece è rispettato. De Laurentiis farebbe cadere il Governo. E’ più rispettato perché c’è una dirigenza dietro”.

Claudia Belli

Print Friendly, PDF & Email
Claudia Belli
"Non c’è un altro posto del mondo dove l’uomo è più felice che in uno stadio di calcio". Datemi, poi, anche carta e penna per poterlo raccontare e allora sì che sarà tutto perfetto. Laureata in Mediazione Linguistica e Interculturale a La Sapienza, mi piace viaggiare per il mondo parlando più lingue possibili. Per il momento ne conosco 4: italiano, inglese, spagnolo e portoghese (anche la variante brasiliana), ma spero di poter ampliare il mio bagaglio linguistico il più presto possibile.

1 commento

  1. Non serve alla Roma lo…svincolato Pedro, troppo decorato con trofei e medaglie, considerando che il ruolo è coperto da Miki, ma serve KEAN, che ha voglia di Italia, di Nzionale, di giocare con l’ amico Zaniolo e che se faranno vita da atleta potrebbero diventare gli esterni della Nazionale italiana per i prossimi dieci anni. Perché si vuole sfasciare quel pò di a.s. Roma che è rimasta?

Comments are closed.