NEWS DELLA GIORNATA – Tutte le news della giornata giallorossa raccolte per voi in un solo articolo: buona lettura!

Mirante saluta la Roma

E’ tempo di saluti a Trigoria. C’è chi va e chi arriva. Antonio Mirante rientra nella prima categoria. Il portiere non rinnoverà il contratto a fine stagione e inizierà un’altra avventura altrove. La Roma ha voluto salutare l’estremo difensore che quest’anno è stato spesso titolare: “Grazie e in bocca al lupo per tutto”. Il giocatore potrebbe fare rotta verso Milano, sponda rossonera.

Zaniolo: “Vi racconto l’infortunio. E su Mourinho e Fonseca..”

Nicolò Zaniolo ha rilasciato una lunga intervista a Sportweek, nella quale ha raccontato la difficoltà del dover affrontare una seconda rottura del crociato: “Ero in trance, non capivo ancora cosa fosse successo davvero. Ne avevamo parlato tante volte con i compagni, avevamo già fatto i conti con altri infortuni: cosa si sente, cosa non si sente… Temevo il peggio ma non capivo. Ho passato un anno in tribuna, sperando ogni domenica che il mister mi chiamasse. anche se era impossibile che succedesse… Ora sto bene, scalpito.” E non poteva mancare un commento su Mourinho: “Siamo gasati, è un grande allenatore, ha vinto tanto, ha grande personalità. Non vedo l’ora di cominciare. Anche se bisogna dar merito a Fonseca, è stato un professionista. Grazie a Fonseca ho capito che non devo rincorrere tutti, ma gestire il fiato, perché poi quando hai preso palla per attaccare la porta avversaria ne serve ancora”. Ed infine, l’Europeo: “Il ct mi ha chiamato tante volte. ha deciso e mi ha spiegato: “Non ti convoco per rispetto della squadra. si creerebbero dinamiche scomode nel gruppo”. Lo capisco. Poi certo, un po’ di rammarico c’è perché ci speravo. Ma alla fine. se tutto andrà bene. ci saranno Mondiali e Europei, quanti ne voglio”.

Dzeko vuole restare

Edin Dzeko ha deciso, vuole continuare con la Roma. Il bosniaco lancia quindi un assist a José Mourinho, con uil quale dovrà avere un colloquio, che dovrebbe rivelarsi decisivo. Probabilmente potrebbe avvenire già la prossima settimana. Edin è sicuro che con ‘Mou’ ritroverebbe voglia e motivazione, lo smalto dei giorni migliori. Anche l’allenatore sembra essere convinto dell’apporto che Dzeko può ancora dare alla Roma, anche perché sostituirlo vorrebbe dire investire almeno trenta milioni sul mercato, cifra che potrebbe essere investita per colmare altre caselle prioritarie.

La lettera di Juan Jesus

Non solo Mirante, anche Juan Jesus è ormai in uscita dalla Roma. Il brasiliano si è voluto congedare con un lungo post sui social per esprimere tutto il suo amore per la maglia giallorossa: “Ciao Roma. Fantastica, meravigliosa, colorata, illuminata dalla storia. Quando arrivai nel ritiro estivo capii immediatamente che non sarebbe stato un viaggio qualunque.”, il giallorosso poi tira le somme della sua esperienza, e si toglie qualche sassolino dalla scarpa: “E su una cosa non avrò rimpianti: io questa maglia l’ho amata e rispettata fino all’ultimo giorno. Anche se non mi è stato permesso di salutarla e onorarla nemmeno 1 secondo nell’ultima partita. Anche se negli ultimi tempi non mi sono state date le stesse possibilità degli altri. Io non ho mai detto una parola per il bene del gruppo. Arriverà il tempo di ristabilire la verità ma non è questo il momento giusto. Ora passo il testimone ad altri, toccherà a loro vigilare sulla nostra Lupa.” .

Si avvicina Xhaka, la Premier su Darboe

Arsenal e Roma sono sempre più vicine all’accordo per Xhaka, uno dei giocatori che Mourinho ha sempre apprezzato. Proprio il portoghese avrebbe chiamato il centrocampista per fargli sentire la sua stima. Tiago Pinto vorrebbe accelerare le trattative per non rischiare un aumento del cartellino dopo l’Europeo. L’affare potrebbe chiudersi con 18 milioni sul piatto dei ‘Gunners’. Dalla Premier League c’è chi mette gli occhi su Ebrima Darboe, che si è messo in mostra con la squadra di Fonseca in quest’ultimo periodo. Il giovane giocatore piacerebbe a Liverpool, alle due squadre di Manchester, ma anche a West Ham, Crystal Palace, Norwich, Brighton e Southampton.

Under, niente Leicester. Kluivert: “Vorrei restare al Lipsia”

Cengiz Under farà probabilmente ritorno alla Roma, dal momento che il Leicester non sembra intenzionato ad acquistarlo. Il turco rientrerà quindi a Trigoria, in attesa di conoscere il suo futuro. Toccherà a José Mourinho decidere se dargli un’opportunità con i giallorossi o meno. Il portoghese non sembra però aver chiamato Justin Kluivert: “Non ho parlato con lui”. E sul futuro l’olandese classe ’99 ammette: “Mi piacerebbe restare al Lipsia”.

Pastore: “Futuro? Ecco cosa vi dico…”

Javier Pastore torna a parlare del proprio futuro. Il giocatore della Roma ha vissuto un periodo molto complicato con l’operazione all’anca e la riabilitazione che l’hanno tenuto a lungo lontano dal campo. Il ‘Flaco’ a Tiempo de Juego ha dato alcune anticipazioni sulle sue speranze: “I tempi si accorciano sempre di più, ho due anni di contratto in Europa. Sogno il ritorno al Talleres. Se non ricevo una chiamata da altre squadre, resto un giocatore della Roma. Se vogliono che me ne vada, vedremo se riusciremo a trovare un club con cui proseguire per altri due anni in Europa”.

Senti chi parla…

Sulle principali frequenze radio romane oggi si è parlato molto di mercato, Stefano Carina a Radio Radio Pomeriggio: “Io mi aspetto qualcosa perché c’è Mourinho. L’associazione con i grandi giocatori viene  da sé, mi sorprenderei se non accadesse alla Roma. La tremestrale di ieri ha evidenziato un passivo che mi lascia perplesso. Da un lato c’è Mourinho, dall’altro i conti. Vediamo. Mi aspetto qualcosa di più. Mi aspetto un colpo a sorpresa. Ma non vorrei che l’effetto Mourinho creasse aspettative che verranno deluse”, Gianluca Lengua a Radio Radio Pomeriggio invita però alla calma: “Non ci dobbiamo fare i castelli in aria. Ci sono i bilanci che parlano, Friedkin non butta i soldi. È un imprenditore che vuole costruire un progetto. La Roma quest’anno è arrivata settima, ma sarebbe potuta arrivare quarta se non fossero state sbagliate alcune partite. Non dipingiamo la Roma come il PSG quando sono arrivati gli arabi”. E continua a far parlare il colpo Mourinho, Sandro Sabatini a Radio Radio Mattino: “10 in pagella dal punto di vista mediatico, 6 da quello tecnico. Perché non dimentichiamoci che lui viene da alcuni anni dove è arrivato male in classifica con il Tottenham. Lui ha accettato questa sfida anche perché vuole provare a prendersi una bella rivincita e Roma città può essere anche il posto ideale. Ha riportato tanto entusiasmo”.

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

  1. A Sandro Sabatini: ti risulta che gli allenatori che hanno appena vinto, cambiano squadra? Quanti. Parli di Mou come uno che non ha mai combinato niente e per giunta ha fallito con il Tottenham. Quanti allenatori sono subito venuti a Roma dopo aver vinto altrove. Apprezziamo gli sforzi della società, senza darci martellate sui c…ni. Grazie.

Comments are closed.