NEWS DELLA GIORNATA – Tutte le news della giornata giallorossa raccolte per voi in un solo articolo: buona lettura!

Calciomercato, al via la trattativa tra Roma e Torino per Belotti

La Roma non molla Andrea Belotti. Il club giallorosso, infatti, sarebbe pronto ad avanzare una prima offerta al Torino per il centravanti gradito e richiesto da Mourinho già ai tempi del Tottenham. Come riporta Sky Sport, Tiago Pinto sarebbe pronto a mettere sul piatto circa 15 milioni di euro per strappare l’attaccante a Cairo. Una proposta che i capitolini ritengono congrua, visto il contratto in scadenza nel 2022 del giocatore. Intanto Belotti vacilla e, per la prima volta, valuta seriamente la possibilità di un trasferimento: la Roma resta in pole, ma occhio a possibili colpi di coda del Milan.

Bruno Peres ai saluti: vola in Turchia

E’ tutto fatto: Bruno Peres lascia la Roma e va al Trabzonspor. Nel pomeriggio, infatti, il brasiliano è volato in Turchia, dove nelle prossime ore firmerà il contratto che lo legherà al club di Super Lig per le prossime stagioni. Come riporta ‘TMW’ sull’aereo il terzino è in compagnia, oltre dell’intermediario George Gardi che ha curato la trattativa, anche di Gervinho. Anche l’ivoriano, che ha vestito in passato la maglia giallorossa, giocherà nella prossima stagione nel club di Trebisonda.

Leggi anche:
SANTON PUO’ SEGUIRE PERES IN TURCHIA: PIACE AL BASAKSEHIR

Veretout parla della Roma che verrà

Da José Mourinho a Paulo Fonseca passando per la sua stagione, i suoi record e il passato con la Fiorentina e non solo. Jordan Veretout si racconta a Rmc Sport dopo la lunga intervista di ieri. E poi ancora, il francese dice la sua sulle sconfitte dei giallorossi e sul suo metodo di allenamento. Ecco le sue parole.

Paulo Fonseca ha giocato un ruolo importante nel tuo arrivo alla Roma. 
Alla fine è l’allenatore che decide come farti passare la stagione. Sapere che giocherai con un allenatore che ti conosce, che ti ha visto giocare, che sa tutto di te, che ti dice come intende farti giocare e in che posizione, è fondamentale. Si è preso il tempo di chiamarmi, mi ha detto che mi aspettava.

Paulo Fonseca, che tanto ti voleva alla Roma, se ne va. Cosa ricordi dei tuoi due anni insieme? 
È un allenatore molto rigoroso e ho fatto molti progressi con lui. Con lui ho passato due belle stagioni: lo ringrazio e spero che trovi un buon club perché è davvero un ottimo allenatore. È umile e disponibile, è sempre stato corretto con noi.

Il prossimo allenatore della Roma è José Mourinho. Pensi che possa portarti a un nuovo livello, per raggiungere la Francia? 
È un grandissimo allenatore, che ha vinto molti titoli. In Italia ricordiamo il triplete con l’Inter. Penso che arrivi con ambizione. È sempre lusinghiero per un giocatore essere allenato da grandi allenatori, per raggiungere grandi obiettivi.

A Mourinho piacciono in campo giocatori con una forte personalità. Sei d’accordo che hai questa forte personalità in campo, ma che sei più discreto appena esci dal prato? 
Quando entro nel campo, il mio comportamento cambia. Per me è automatico. Voglio vincere, faccio di tutto per aiutare la squadra. Il mio compito è attaccare il portatore di palla. Se lo faccio per primo, gli altri seguiranno sicuramente. È semplice: quando qualcuno ti spinge, devi rispondere presente. Se vedo un compagno di squadra fare un grande sforzo, inevitabilmente mi innescherò anch’io. Il mio gioco è correre e pressare. Non sono il tipo che si ferma se non mi danno la palla quando corro in avanti.

In questa stagione ho letto diversi giornalisti italiani che hanno detto che in questa Roma serviva più Veretout. A volte abbiamo il impressione negli ultimi anni che la Roma stia bloccando mentalmente di fronte a certe difficoltà quando ha tanti giocatori di qualità.
Ci sono chiaramente sconfitte che avremmo potuto evitare. Fin da piccolo mi è stato insegnato a lasciare il campo esausto e andare negli spogliatoi sapendo di aver dato tutto.

Mkhitaryan tra Roma, Milan ed estero. I Friedkin studiano il colpo grosso: il sogno è Hazard

Resta ancora in piedi l’ipotesi che Mkhitaryan possa andare via dalla Roma a parametro zero (entro fine maggio). Nei prossimi giorni dovrebbe arrivare la decisione finale, ma intanto non sembrano mancare le offerte per il giocatore della Roma. Stando a calciomercato.com, non solo il Milan sarebbe sulle tracce dell’armeno. Per il 77 giallorosso, il quale sarebbe tentato dalla Champions League, potrebbero arrivare offerte dall’estero, in particolare dalla Russia (probabilmente dallo Zenit) e dal Monaco.

Il mercato in entrata della Roma potrebbe presto farsi caldo. Secondo Leggo, infatti, i Friedkin starebbero preparando un grande acquisto da annunciare prima degli Europei. Tra i possibili candidati ci sarebbe Eden Hazard. Il belga non ha vissuto due anni idilliaci al Real Madrid, e vorrebbe lasciare la Spagna. L’idea sarebbe quella del prestito oneroso e l’ingaggio del 30enne, circa 15 mln a stagione, sarebbe attutito dal decreto crescita, con i ‘Blancos’ che pagherebbero parte dello stipendio. L’ex Chelsea potrebbe arrivare come sostituto proprio di Henrikh Mkhitaryan.

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

Comments are closed.