romanews-roma-ndg-ntcham-zaniolo-mkhitaryan-spinazzola
Foto Getty

NEWS DELLA GIORNATA – Tutte le news della giornata giallorossa raccolte per voi in un articolo: buona lettura!

Qui Trigoria

Non c’è tempo di riposare. La Roma, in mattinata, è tornata in campo per iniziare a preparare la sfida di giovedì contro l’Istanbul Basaksehir, decisiva per il passaggio in Europa League. La squadra è stata divisa in due gruppi come di consueto nel post-partita: chi ha giocato col Brescia ha svolto lavoro di scarico, mentre gli altri dopo una prima fase di palestra e di riscaldamento sul campo si sono dedicati ad un focus tattico. Arrivano anche buone notizie dall’infermeria per Paulo Fonseca: tornano in gruppo Spinazzola e Kalinic, mentre Pastore continua il lavoro individuale.

Allenamento Basaksehir

Non solo la Roma prepara la sfida di giovedì, anche l’Istanbul Basaksehir è al lavoro per arrivare alla quinta (e penultima) gara di Europa League nel migliore dei modi. I turchi hanno iniziato l’allenamento con il riscaldamento terminando poi con un focus tattico. Domani i ragazzi di Buruk torneranno sui campi alle 11:45 (ora locale) per continuare la preparazione.

Roma, situazione infortuni: il punto

Dopo la bella vittoria contro il Brescia, la Roma è chiamata ad una delicata trasferta in Europa League, dove i tre punti saranno fondamentali. Giovedì a Istanbul ci sarà il Başakşehir. Nonostante la vera emergenza infortuni sembra essere quasi del tutto rientrata, Fonseca potrebbe comunque dover fare i conti con qualche assenza. Mentre Under cerca un posto da titolare, Pastore e Mkhitaryan potrebbero essere convocati, ma è difficile che vengano schierati dall’inizio. Saranno poi sicuramente da valutare le condizioni di Florenzi, anche se non sembrano preoccupanti. L’edema rimediato da Spinazzola contro il Parma invece dovrebbe essersi riassorbito, ma oggi il giocatore effettuerà nuovi esami in giornata. Mirante infine non sarà convocato probabilmente nemmeno giovedì.

Per la mediana spunta il nome di Ntcham

Oliver Ntcham è un nome conosciuto a Roma, ma principalmente per quanto riguarda la sponda biancazzurra. Il centrocampista francese, infatti, ha segnato un gol in extremis nel match tra Celtic Lazio, lasciando a Simone Inzaghi la qualificazione in Europa League appesa a un filo. Il classe ’96 potrebbe fare un ritorno in Italia dopo i trascorsi col Genoa. Su di lui si sarebbero mossi alcuni club tra cui la Roma, oltre a Valencia Sporting Lisbona.

Senti chi parla…

Ecco cosa si dice sulle principali frequenze radiofoniche romane. Checco Oddo Casano a Centro Suono Sport: “Al di là dei gol, Mancini-Smalling è una delle migliori coppie difensive degli ultimi anni in casa giallorossa, per affiatamento, per caratteristiche fisiche e tecniche, perché i due si compensano a meraviglia. Veretout? In campo sembra di vederne tre, giocatore indispensabile. Tonali mi ha rubato l’occhio: è la prima volta che lo vedo giocare dal vivo, è un calciatore di livello superiore. Friedkin? Si attende l’offerta vincolante e se non ci saranno clamorosi stravolgimenti, tornerà nella capitale tra Natale e inizio 2020. Non è escluso che da qui alle prossime settimane possano palesarsi altri gruppi interessati all’affare Roma”. Alessandro Vocalelli a Radio Radio Pomeriggio: “La Roma a differenza della Lazio ha una rosa che può permetterle di giocare su più fronti. Sugli undici i biancocelesti sono migliori, mentre se allarghiamo ai 13/14 ho più dubbi. Ciò non toglie che a gennaio farei qualcosa, soprattutto perché non si può rimanere solo con Dzeko in avanti. E’ indispensabile cercare un centravanti per lo sprint Champions. Non mi affiderei a Kalinic. Pallotta non è obbligato a mollare, quindi se vuole fare cose migliori che si faccia sentire e soprattutto vedere di più qui a Roma. Se questa operazione non andrà in porto, Pallotta dovrà fare un cambiamento di rotta a prescindere dalla situazione stadio“.

Claudia Belli







Print Friendly, PDF & Email
Claudia Belli
"Non c’è un altro posto del mondo dove l’uomo è più felice che in uno stadio di calcio". Datemi, poi, anche carta e penna per poterlo raccontare e allora sì che sarà tutto perfetto. Laureanda in Mediazione Linguistica e Interculturale a La Sapienza, mi piace viaggiare per il mondo parlando più lingue possibili. Per il momento ne conosco 4: italiano, inglese, spagnolo e portoghese (anche la variante brasiliana), ma spero di poter ampliare il mio bagaglio linguistico il più presto possibile.