romanews-roma-pellegrini-schick-juan-jesus-fonseca-ndg
Foto Getty

NEWS DELLA GIORNATA – Tutte le news della giornata giallorossa raccolte per voi in un unico articolo: buona lettura!

Qui Trigoria

Domani alle 18.55 la Roma scende in campo in Turchia contro l’Istanbul Basaksehir, sconfitto 4-0 all’andata: l’obiettivo è vincere per mettere un piede ai sedicesimi di finale di Europa League, ma potrebbe bastare anche un pareggio. Alle 10.30 la squadra è scesa in campo per la rifinitura a Trigoria, con Florenzi e Pastore che hanno lavorato ancora a parte al contrario di Mkhitaryan e Kalinic, che invece si sono allenati in gruppo: riscaldamento, torello e focus tattico il programma. Poco dopo le 14 la partenza da Fiumicino. Alle 18 Fonseca e Lorenzo Pellegrini parleranno in conferenza stampa.

L’allenamento del Basaksehir

Dopo la conferenza stampa di Buruk e Visca, l’Istanbul Basaksehir è sceso in campo per preparare la gara di Europa League contro la Roma, in programma domani sera allo Stadio Fatih Terim. La squadra turca ha svolto la rifinitura nel centro sportivo attiguo allo stadio. I giocatori di Buruk inizialmente si sono divisi in tre gruppi per un torello. Successivamente spazio al riscaldamento atletico, con dei giri di campo ed un percorso con skip alti e bassi.

Le parole di Fonseca in conferenza stampa

Paulo Fonseca, tecnico della Roma, ha parlato in conferenza stampa alle 18:00 e ai microfoni di Sky Sport alla vigilia del match di Europa League contro l’Istanbul Basaksehir. Capisco che tutti chiedano di Under, ma vediamo domani. Per me, quando devo decidere la squadra, non è importante questa questione. E’ sicuro che sarà una partita difficile, il Basaksehir è in un grande momento. E’ una squadra esperta, gioca bene e gioca in casa. E’ una partita importante anche per loro, ma noi vogliamo vincere domani.

Le parole di Pellegrini in conferenza stampa

In conferenza, poco dopo, è intervenuto anche Lorenzo Pellegrini. A livello fisico mi sento molto bene, ho lavorato molto per stare bene veramente e per non dover aspettare ancora altro tempo per essere al 100%. La partita di domani come una finale? Sì, assolutamente sì anche perché molto probabilmente è così. E’ una partita difficile, molto importante per noi che vogliamo assolutamente vincere perché il nostro primo piccolo obiettivo di quest’anno è passare i gironi di Europa League. Adesso le cose si sono un po’ complicate rispetto all’inizio ma non ci deve interessare, è troppo importante vincerla, è importante per il nostro morale e la nostra determinazione. E’ importante vincere, al di là del risultato, scendiamo sempre in campo per vincere. Domani sicuramente è una partita fondamentale”.

Le parole di Buruk in conferenza stampa

Okan Buruk, allenatore dell’Istanbul Basaksehir, questo pomeriggio ha parlato in conferenza stampa in vista della gara di Europa League contro la Roma. Ecco alcune delle sue parole. “La sfida sarà importante non solo per la nostra squadra ma per tutta Istanbul e tutta la Turchia, cercheremo di fare del nostro meglio. Ci sono un paio di assenze, domani decideremo per tutto il resto. L’ospitalità turca è tra le migliori a livello mondiale, pensiamo prima ai tifosi della Roma che verranno a trovarci. E’ una partita importante per la Turchia per il punteggio del paese. Abbiamo giocato molte partite nel nostro stadio, crediamo che domani ci sarà il pienone. Siamo del parere che i nostri tifosi saranno tanti, abbiamo tante possibilità di proseguire in Europa”.

I convocati

La Roma ha diramato la lista dei 20 convocati che prenderanno parte alla trasferta dei giallorossi a Istanbul. Assente il capitano Florenzi insieme a Pastore ma soprattutto a Juan Jesus. Il difensore brasiliano non parteciperà alla trasferta turca per scelta tecnica di mister Fonseca. Il centrale giallorosso non ha avuto nessun problema fisico nella rifinitura, come si era ipotizzato inizialmente. Ci sono invece MkhitaryanSpinazzola Kalinic, al rientro dai rispettivi infortuni. Inserito inoltre Fuzato al posto dell’infortunato Mirante. Clicca QUI per la lista completa.

Parla l’agente di Schick

Patrik Schick è partito alla volta di Lipsia sul gong finale del calciomercato estivo. Il ceco ha salutato l’Italia per cercare il riscatto in Germania ma, finora, così non è stato. L’attaccante è fermo ai box dopo diversi infortuni e non è ancora riuscito a far vedere il suo valore. A tal proposito ha parlato Pavel Paska, l’agente: “E’ stato due mesi fuori per infortunio. Domani potrebbe giocare. Ritorno alla Roma? Non lo escludo…“

Senti chi parla…

Ecco cosa si dice sulle principali frequenze radiofoniche romane. Checco Oddo Casano a Centro Suono Sport: “Stranamente, nei giorni in cui la Roma potrebbe passare di mano al gruppo Friedkin, escono notizie di possibili scandali fiscali in Tanzania. Una storia, per come descritta, abbastanza folkloristica. Allo stato attuale non filtra alcuna tensione tra le parti, l’intendimento del magnate texano è quella di andare avanti e presentare entro le prossime tre settimane un’offerta vincolante”. Alessandro Austini a Teleradiostereo: “Tempestilli è un sinonimo di Roma, ma detto questo il suo addio credo rientri nella fase di tagli che si fanno nelle società quando devi ridimensionare. Ho l’impressione che si stia snellendo per renderla più vendibile. La Roma spende troppo per quanto incassa, quindi non deve solo aumentare i ricavi, ma deve anche tagliare qualcosa. Per quelle che sono le potenzialità della Roma, in cinque anni ha fatto il suo. Il fatto che questa gestione si possa chiudere senza niente in bacheca, la trovo un’ingiustizia. Ci sono stati errori inspiegabili, cose dette da Pallotta non mantenute. Quando ha detto che Alisson non sarebbe stato venduto, non ci credo che non lo sapesse. Non ho mai pensato che la presenza del padrone sia fondamentale, ma c’è anche una via di mezzo: se non ci sei mai dai l’impressione di uno disinteressato o interessato ad altre aree”.

Claudia Belli

Print Friendly, PDF & Email
Claudia Belli
"Non c’è un altro posto del mondo dove l’uomo è più felice che in uno stadio di calcio". Datemi, poi, anche carta e penna per poterlo raccontare e allora sì che sarà tutto perfetto. Laureanda in Mediazione Linguistica e Interculturale a La Sapienza, mi piace viaggiare per il mondo parlando più lingue possibili. Per il momento ne conosco 4: italiano, inglese, spagnolo e portoghese (anche la variante brasiliana), ma spero di poter ampliare il mio bagaglio linguistico il più presto possibile.