NEWS DELLA GIORNATA – Tutte le news della giornata giallorossa raccolte per voi in un solo articolo: buona lettura!

Qui Trigoria

Dopo il pareggio casalingo per 2-2 ottenuto ieri contro l’Inter, il tecnico Fonseca ha deciso di dare il lunedì libero alla sua Roma. I giallorossi torneranno domani alle 11 a Trigoria per preparare il derby contro la Lazio in programma venerdì alle 20.45. Tuttavia, secondo quanto riferito da tuttomercatoweb, al centro sportivo capitolino oggi si sono allenati gli infortunati Santon, Pedro, Calafiori, Mirante e Fazio. I giocatori si sono sottoposti a terapie e lavoro individuale, così da poter tornare a disposizione il prima possibile.

Calciomercato

La Roma potrebbe avere concorrenza per Stephan El Shaarawy. I giallorossi starebbero pianificando il ritorno del ‘Faraone’, attualmente allo Shanghai Shenhua. Secondo quanto riporta Tuttosport, però, anche la Fiorentina avrebbe messo nel mirino il classe ’92. Ai viola piacerebbe in alternativa Pavoletti, mentre il sogno resta il ‘Papu’ Gomez.

Sul taccuino della Roma ci sono diversi nomi per il calciomercato. Non solo Bernard e Montiel. Ai giallorossi piacerebbe anche Zeki Celik del Lille per la fascia destra. Secondo quanto riferisce calciomercato.com, i capitolini riterrebbero il 23enne già pronto, tuttavia ci sarebbe un ostacolo di natura economica. Il club transalpino chiederebbe infatti 15 milioni. Per questo a Trigoria avrebbero deciso di virare sull’argentino del River Plate, che costerebbe circa la metà. La società romana avrebbe infatti offerto 7 milioni.

Per il calciomercato invernale la Roma sta monitorando diversi giocatori, tra questi Bernard dell‘Everton. Ora arrivano delle notizie dall’Inghilterra che potrebbero far ben sperare Fonseca. Come scrive teamtalk.com, il club di Premier League sarebbe interessato a Felipe Anderson, di proprietà del West Ham ora in prestito al Porto. L’ex Lazio non è in buoni rapporti con Conceiçao, tecnico dei lusitani, e per questo Ancelotti vorrebbe riportarlo in Inghilterra in modo da liberare Bernard.

Iniziato il calciomercato la Roma vuole piazzare qualche colpo per puntellare alcuni reparti. In orbita giallorossa ci sarebbe anche il nome di Otavio, insieme a quello di El Shaarawy e Bernard. Come scrive Nicolò Schira de La Gazzetta dello Sport, il brasiliano del Porto potrebbe essere un’alternativa anche a fine stagione. Non rinnoverà, infatti, con il club lusitano con il quale è in scadenza nel 2021. Oltre ai capitolini, sul classe ’95 ci sarebbe anche l’Arsenal.

Panchine Serie A, la più cara è quella dell’Inter. E la Roma…

L’ultimo turno di Serie A ha visto Roma e Inter pareggiare 2-2 allo Stadio Olimpico. Nel secondo tempo ci sono state sostituzioni da entrambe le parti, e Gazzetta.it ha voluto analizzare i costi delle panchine delle due squadre (analisi condotta su tutto l’ultimo turno di campionato), viste anche le polemiche social scatenate dai cambi di Conte. Ne emerge che gli ingaggi (netti) dei calciatori “panchinari’ nerazzurri siano i più cari. Nel match contro i giallorossi sono subentrati Kolarov (3mln netti), Gagliardini (1,5), Young (3) e Perisic (5), mentre sono rimasti a guardare Padelli (0,5 milioni), Radu (1), Ranocchia (1,8), Sensi (2), Eriksen (7,5) e Sanchez (7). Il totale è di 32,3 milioni. Cifra assai superiore ai 13,3 della squadra di Fonseca. Il portoghese ieri a gara in corso ha inserito Cristante (2), Carles Perez (2), Borja Mayoral (2,3). Il resto della panchina era composta da Fuzato (0,5), Juan Jesus (2,2), Kumbulla (1,8) e Diawara (2,5).

Zaniolo rompe il silenzio social per il derby

Nicolò Zaniolo torna a farsi vedere sui social. Il 22 giallorosso ha deciso di pubblicare alcuni scatti e incoraggiamenti alla squadra in vista del derby contro la Lazio in programma venerdì alle 20.45. Tramite story su Instagram il classe ’99 ricorda una rete di Totti nella stracittadina e poi suona la carica: “Tutti uniti per una settimana da Roma. Daje”. Il giovane calciatore giallorosso in questo periodo era stato assente sui social network e si era preso una pausa a causa delle vicende di gossip che lo avevano visto protagonista e che “minavano la sua tranquillità“, secondo quanto dichiarato dallo stesso giocatore. Ma il derby della Capitale ha dato al giocatore la giusta ‘scossa’ per tornare.

Lazio, allenamento in vista del derby

Venerdì alle 20.45 andrà in scena allo Stadio Olimpico il derby della Capitale. La Lazio, reduce dalla vittoria contro il Parma, si è ritrovata a Formello per preparare la sfida. Gruppo diviso in due, scarico e palestra per chi ha giocato ieri, possesso palla e partitella per gli altri. Joaquin Correa tenta di recuperare per il big match. L’argentino, che ha accusato un’elongazione al soleo del polpaccio, ha lavorato in parte con i compagni e in parte individuale. In dubbio Fares, mentre è quasi certo il forfait di Strakosha, colpito da un trauma distrattivo a carico del retto femorale della coscia sinistra. Lulic, invece, dovrebbe essere reinserito in lista. Di seguito invece la probabile formazione della Roma, che domani tornerà a Trigoria alle 11

Senti chi parla…

Sulle principali frequenze radiofoniche della capitale si parla ovviamente di Roma-Inter, big match andato in scena ieri all’Olimpico. Queste le parole di Guido D’Ubaldo a Radio Radio Pomeriggio: “La Roma ha dato una dimostrazione di personalità. Fonseca ha tardato un po’ i cambi nel momento di difficoltà, a me sembra però che nel primo tempo la Roma ha dimostrato qualità di gioco e palleggio superiore all’Inter. Poi ha saputo riprendere la partita. E l’ingresso di quelli entrati sono stati decisivi. Spinazzola ha dimostrato di non essere tornato ai suoi livelli, e Cristante ha dato grande contributo. Fonseca ha impostato bene la partita e ha azzeccato i cambi”. Questo invece l’intervento di Marione a Centro Suono Sport: “Quel quarto d’ora venti minuti del secondo tempo ti cadono le braccia perché ci hanno asfaltato. Poi ogni volta che siamo pressati e che la Roma non ce la fa, Fonseca potrebbe dire che alcuni rinforzi possono ancora arrivare. Allora lì non ha più colpe. Negli ultimi 10 minuti li abbiamo asfaltati noi invece”.

Martina Cianni

Print Friendly, PDF & Email