NEWS DELLA GIORNATA – Tutte le news della giornata giallorossa raccolte per voi in un articolo: buona lettura!

Le parole di Fonseca

La Roma torna in campo domani sera alle 21.45 allo Stadio Olimpico, dove affronterà l’Inter di Antonio Conte nella 34esima giornata di campionato. Alla vigilia del match, ha parlato in conferenza stampa il tecnico Paulo Fonseca. L’allenatore si è soffermato sul tema Zaniolo, che dopo la partita contro il Verona era stato ripreso dal portoghese: “Sono molto diretto quando le situazioni non mi piacciono. Sono cose normali nel calcio, non c’è nessun problema con Zaniolo. Ho parlato dopo con Zaniolo, va tutto bene, è un giocatore importante per la squadra e abbiamo piena fiducia in lui. Si tratta di una situazione normale, non c’è nessun problema”. Ha anche parlato della situazione di Smalling, che potrebbe tornare in campo contro l’Inter dopo l’infortunio: “Chris si è allenato solo ieri con la squadra, vediamo oggi e domani come si sente. Sono pochi allenamenti con la squadra, vediamo la situazione”.

L’infortunio di Zaniolo

Nicolò Zaniolo non sarà presente domani sera allo Stadio Olimpico per affrontare l’Inter di Conte. Come riportato da Sky Sport, infatti, il talento giallorosso ha accusato un risentimento al polpaccio e non sarà convocato da Paulo Fonseca. L’infortunio è stato confermato dagli esami strumentali.

Friedkin, c’è una nuova offerta per Pallotta

Dan Friedkin non ha dimenticato la Roma. La sua volontà di diventare il nuovo presidente del club giallorosso è ancora viva e per questo, come riportato da Milano Finanza, nella notte tra il 16 e il 17 luglio è tornato a bussare alla porta di Pallotta. L’offerta del texano dovrebbe ricalcare l’andazzo di quelle precedenti, 490 milioni, ma con l’esborso tutto cash e senza condizioni. I due uomini d’affari si sarebbero dati un periodo di dieci giorni per valutare la proposta. Entro la fine del mese, quindi, si dovrebbe sapere se il corteggiamento di Friedkin andrà a buon fine. Adesso c’è una variante che facilità l’offerta di Friedkin e mette il bostoniano sotto pressione: la qualificazione alla Champions League. La Roma, salvo miracoli, potrà accedere alla competizione continentale solo vincendo l’Europa League, mettendo così in cassaforte 40 milioni. Il progetto di Friedkin prevede che, una volta acquistata la società, immetta 90 milioni nelle casse del club come aumento di capitale riservato e questo denaro servirebbe proprio per rafforzare la rosa e tenere i migliori giocatori.

Le parole di Antonio Conte

La Roma, domani sera alle 21.45, affronterà l’Inter nella 34esima giornata di campionato. Il tecnico dei nerazzurri, Antonio Conte, ha parlato alla vigilia del match. Queste le sue parole: “La Roma è una squadra attrezzata, con un ottimo organico e un bravo allenatore. Sarà una partita difficile per noi, arriva dopo aver giocato due giorni prima contro la Spal, un viaggio e un giorno in meno di recupero. Ma da parte nostra di positivo c’è l’entusiasmo che iniziamo a vedere riconosciuto il lavoro fatto. I ragazzi vengono apprezzati, nell’ultimo periodo in maniera un po’ a sorpresa la squadra è stata bistrattata troppo in generale. Abbiamo avuto l’infortunio grave di Sanchez che ce ne ha privati per cinque mesi, anche a centrocampo è stata un’annata tormentata per infortuni ripetuti come Sensi che abbiamo avuto pochissimo. O all’infortunio traumatico a Gagliardini, quello di Barella, Vecino che ha questo problema al ginocchio… Sono stati reparti che ci hanno fatto soffrire”.

Roma-Inter, arbitra Di Bello

Sarà Marco Di Bello della sezione di Brindisi l’arbitro dello stadio Olimpico tra Roma e Inter in programma domenica alle 21.45. Il fischietto pugliese sarà coadiuvato dagli assistenti Cecconi e Galetto. Quarto uomo Giua, al VAR Guida e AVAR Di Vuolo. Il bilancio con la Roma è molto positivo. Di Bello ha arbitrato per ben 16 volte i giallorossi, che con lui hanno collezionato 12 vittorie, 1 pareggio e 3 sconfitte, di cui l’ultima contro il Napoli al San Paolo qualche settimana fa. Addirittura, la squadra capitolina aveva inanellato 10 successi consecutivi tra il 2017 e il 2019. Una serie interrotta proprio quest’anno, con la sconfitta contro il Torino a gennaio.

Calciomercato Roma: Zaniolo resta in giallorosso, Pedro cerca casa vicino Trigoria

Si avvicina sempre di più l’avvio della sessione estiva di calciomercato. Uno dei nomi più caldi in tal senso, da sempre, è quello di Nicolò Zaniolo che piace a molte squadre tra cui Juventus, Liverpool e Real Madrid. Almeno per la prossima stagione, però, il numero 22 resterà in giallorosso. Le motivazioni sono due: come scrive Il Tempo, la prima riguarda i soldi, che in questo periodo girano poco in una sessione di mercato che si annuncia come la più povera degli ultimi anni. Questo discorso vale per la Juventus che in questo momento potrebbe prenderlo soltanto con uno scambio, ma non esistono giocatori che rientrano nei parametri della Roma. Il secondo fattore, invece, è di pura natura tecnica. Nel frattempo, Pedro si sente già un giocatore giallorosso. Come riporta il Corriere della Sera, nei giorni scorsi la sua fidanzata è venuta a Roma per scegliere una villa non troppo lontano da Trigoria.

Il bollettino della Protezione Civile

La Protezione Civile ha diffuso i dati ufficiali aggiornati sulla situazione dei contagi da COVID-19 in Italia. Il numero totale dei contagi ha raggiunto 244.216 unità, con i 249 registrati oggi. Gli attualmente positivi sono 88 in meno. Oggi le persone decedute sono state 14, portando il numero totale a 35.042. I guariti raggiungono quota 196.806, per un aumento in 24 ore di 323.

Senti chi parla…

Oggi, sulle principali frequenze giallorosse, si è parlato di Roma-Inter e delle voci di calciomercato che circondano il club giallorosso. Queste le parole di Roberto Pruzzo a Radio Radio Mattino: “Quella vista dopo la sconfitta con il Napoli mi è sembrata una Roma più in salute, e credo che sarà un impegno difficile per l’Inter che ha vinto ma non convinto. Il caso Zaniolo? Secondo me è una cosa che nel calcio ci può stare e credo che sia già rientrato. Lui è davvero forte, la squadra gli va costruita attorno”. Queste, invece, le parole di Stefano Petrucci a Tele Radio Stereo: “Milik non può diventare Dzeko, sono giocatori troppo diversi. Zappacosta? Io speravo fosse lui il terzino su cui puntare nel futuro, ma i segnali che ha dato mi fanno pensare che è anche inutile rinnovare il prestito”.

Print Friendly, PDF & Email