NEWS DELLA GIORNATA – Tutte le news della giornata giallorossa raccolte per voi in un solo articolo: buona lettura!

Fonseca, per ora niente esonero. Ma a giugno sarà addio

La sconfitta contro il Manchester United nell’andata delle semifinali di Europa League è stata un duro colpo per la Roma. Dopo un buon primo tempo i giallorossi sono rientrati nella Capitale con un 6-2. Un ko che ha rianimato voci su un possibile esonero immediato di Fonseca. Ma, come riportato da Angelo Mangiante di Sky Sport, il tecnico portoghese rimarrà sulla panchina giallorossa fino al termine della stagione e domani parlerà regolarmente in conferenza stampa alle 12:45 prima del match contro la Sampdoria.

Sarri sempre più in pole per la panchina

Nonostante sembri che Fonseca termini la stagione sulla panchina della Roma, a giugno l’addio è quasi scontato. Il candidato principale a sostituire il portoghese sarebbe sempre Maurizio Sarri. Tanto che dall’Inghilterra (Espn) arriva l’indiscrezione che il tecnico ex Napoli e Juve avrebbe un accordo verbale di massima con i giallorossi, i quali vorrebbero offrire un biennale all’allenatore.

Roma, a giugno previsti tanti cambiamenti: anche Dzeko può salutare

In estate la Roma dovrebbe operare una vera e propria rivoluzione, non solo per quanto riguarda la panchina. Diversi i giocatori che, probabilmente, lasceranno la Capitale. Tra questi, anche Edin Dzeko potrebbe avere la valigia in mano. Il bosniaco è stato più volte vicino all’addio nelle passate sessioni di mercato, e quest’estate potrebbe concretizzarsi la risoluzione del contratto del bomber numero 9, che avrebbe ancora un anno a Trigoria.

Volti scuri ed infortuni, così la Roma torna da Manchester

In pomeriggio, intanto, la Roma è rientrata da Manchester dopo la batosta incassata contro lo United. Una serata amara per i giallorossi, che oltre il 6-2 hanno dovuto far fronte a tre infortuni: Spinazzola, Veretout e Pau Lopez, tutti e tre usciti nel primo tempo del match. In mattinata la squadra di Fonseca ha effettuato la rifinitura nel campo di allenamento del Manchester City ed è poi volata in Italia, atterrando a Fiumicino alle 17.50 tra facce sconsolate e volti scuri.

Samp, Ranieri: “Peccato per il risultato con il Manchester”

Il tecnico della Sampdoria Claudio Ranieri ha parlato ai canali ufficiali del club ligure del match contro la Roma che si giocherà domenica alle 20.45 allo stadio Marassi di Genova. Tra gli argomenti affrontati dall’ex giallorosso la condizione dei blucerchiati: “Noi giochiamo per cercare di vincere ogni partita. La squadra mi sembra stia entrando nel mio mood: fatta una partita, si mette alle spalle, si analizzano le cose fatte bene e quelle fatte male e si cerca sempre di migliorare. Noi vogliamo fare una grande partita con tanta voglia, con tanto spirito di abnegazione, perchè ci vuole, e dobbiamo essere veramente molto concentrati e determinati”. E poi un commento sulla gara di Europa League persa dai capitolini: “Non mi aspettavo un risultato del genere. Peccato perchè stava giocando veramente bene, stava mettendo in difficoltà il Manchester United e poi è finita come è finita”.

Mkhitaryan, la situazione rinnovo

Il rinnovo di Mkhitaryan è ancora in stand-by. Nonostante l’armeno abbia raggiunto i requisiti per il prolungamento automatico, la firma non è ancora stata messa. Questo perchè, secondo calciomercato.com, nonostante Tiago Pinto sia pronto ad ufficializzare, l’agente del numero 77, Mino Raiola, starebbe temporeggiando per avere prima un quadro più specifico di come sarà la Roma del futuro, visto che a giugno sono previsti diversi cambiamenti.

Senti chi parla…

Sulle principali frequenze radio romane i temi di oggi non potevano che essere il 6-2 rimediato dalla Roma a Manchester e il futuro del club e di Fonseca. Luigi Ferrajolo a Radio Radio Sport e News: “Mi ha deluso molto il risultato. Lo United è più forte della Roma e questo non è in discussione come il passaggio del turno. Non era previsto il punteggio di 6-2 che è troppo poco. Sono tre le cose da dire: la Roma gioca senza portiere da inizio stagione, l’errore che ha spezzato le gambe è il gol del 3-2 e rigore inesistente, Fonseca poteva aggiustare la squadra tatticamente.” Ugualmente deluso Antonio Felici a Centro Suono Sport: “Non mi aspettavo di dover registrare ennesima figuraccia. Ero convinto che la squadra potesse fare una prestazione degna, anche sconfitta ma non in questo modo. Un grande primo tempo, ma la ripresa è una cosa che rischia di finire negli annali. Cinque gol in un tempo sono davvero troppi. La Roma doveva stringere i denti, così come ha detto Dzeko dopo il gol”, e c’è chi difende il tecnico, Stefano Agresti a Radio Radio Mattino: “Molto grave quello che è successo nell’ultima mezz’ora. I valori in campo sono emersi, se giochi con Ibanez, Peres e Villar rischi di pagare. Il dislivello era sicuramente evidente, ma si potevano limitare i danni. Se fosse finita 4-2 sarebbe stata un’altra cosa. Sbagliato pensare che il problema della Roma sia solo l’allenatore”.

Print Friendly, PDF & Email

4 Commenti

  1. Viaaaa Ieri… Uno che rientra cosi nel secondo tempo…dopo che la fortuna …dio…e i giocatori avevano fatto un miracoloso 1-2 …uno che rientra in campo mandando la squadra in quel modo é uno che nonn puo allenare…é evidente anche a una ballerina!!!

  2. Ieri si è malamente conclusa la stagione. Una stagione disastrosa, la semifinale giocata così fa pena. Come si fa ad essere così scarsi mi chiedo. Squadra scarsa e mr scarso.

Comments are closed.