NEWS DELLA GIORNATA – Tutte le news della giornata giallorossa raccolte per voi in un articolo: buona lettura!

Florenzi rompe il silenzio: le sue parole sulle esclusioni di Fonseca

Non è un momento facile per Alessandro Florenzi. Il capitano della Roma, infatti, è alla sesta panchina consecutiva in maglia giallorossa, mentre ieri è sceso in campo da titolare con la Nazionale mostrando anche un buono stato di forma. Una situazione che ha fatto pensare anche ad una sua possibile partenza nella prossima finestra di mercato invernale. Le sue parole, ai microfoni di Sportmediaset, però, sembrano allontanare questa eventualità: “Non ho giocato per far cambiare idea al mister (Fonseca, ndr), ma per Alessandro. Penso solo a giocare, voglio dare il mio contributo alla Roma“, l’esordio del capitano. “Spero che nel breve periodo possa riuscire a mettere in difficoltà il mister, che ora sta facendo altre scelte che rispetto. Se devo fare il capitano – aggiunge Florenzi – devo dare l’esempio: come successo negli anni scorsi, metto la Roma davanti a me”. Conclude con un messaggio chiaro, a sé stesso e tutto il gruppo: “Tutti dobbiamo stare in silenzio e lavorare, perché se lo fa il capitano tutti lo fanno di conseguenza”.

Una nuova società: ecco come cambiano i quadri dirigenziali

Da una parte la Roma dei nuovi che gioca e convince in campo guidata da Fonseca, dall’altra la Roma ‘da scrivania’, anch’essa in mutazione continua. Il club di James Pallotta è passato dalla gestione di Baldissoni, Monchi, Massara e Totti a quella di Fienga, Calvo e Petrachi. In mezzo c’è sempre la figura di Baldini che continua ad esserci, seppur nell’ombra. Un cambio netto nei piani societari improntato, come scrive Il Tempo, su una filosofia nuova. Più rivolta all’aspetto concreto piuttosto che a quello internazionale visto nel passato recente. L’ultimo passaggio importante c’è stato nel cda di giovedì. Fienga è diventato amministratore delegato oltre che Ceo, ruolo già assegnatagli a gennaio scorso.Nella realtà dei fatti si è di fronte solo a una conclusione di un processo avviato nei mesi scorsi. Si defila Baldissoni, diventato vicepresidente ma con delega solo sul progetto del nuovo stadio. Inoltre cambia la posizione di Calvo, passato dalla carica di direttore dei ricavi (Cro) a quella di direttore operativo (Coo). Un nuovo e decisivo aggiustamento dei quadri societari ci sarà a giugno 2020. In quel momento il cda avrà la scadenza naturale e sarà più chiara e definitiva la posizione di Baldissoni che probabilmente uscirà dalla gestione del club per concentrarsi sulle vicende relative al progetto Tor di Valle in maniera ufficiale.

Calciomercato: avanza Kean, suggestione scambio Kessié-Florenzi

Petrachi ha già iniziato a lavorare per il calciomercato invernale e, quindi, trovare i rinforzi adatti per la squadra di Paulo Fonseca. In attacco è sempre più in voga il nome di Moise Kean: il 19enne non si è ambientato bene all’Everton, con cui ha giocato 11 presenze quasi tutte da subentrante, e vuole riconquistare un posto in azzurro, perso proprio nell’ultimo periodo. L’ex Juventus potrebbe essere il primo acquisto a prescindere dalle cessioni. Il direttore sportivo giallorosso punta al prestito gratuito con diritto di riscatto superiore ai 20 milioni, una soluzione che all’Everton va bene, visto che hanno già scaricato il centravanti e vorrebbero rientrare dell’esborso fatto in estate. Intanto, su Florenzi, secondo il Corriere dello Sport, sarebbe piombato anche il Milan che potrebbe proporre uno scambio con Franck Kessié, in uscita dalla squadra rossonera. Infine, si continua a trattare con il Manchester United per Smalling: richiesta di 18 milioni di euro, si lavora per abbassare le pretese.

Senti chi parla alle radio

Sulle principali frequenze radiofoniche romane i temi di discussione sono il futuro di Alessandro Florenzi e le possibili mosse della Roma sul mercato a gennaio. Alessandro Austini, a Tele Radio Stereo, si esprime così sulla possibilità di vedere Kean in giallorosso: “Bisogna vedere cosa cerca la Roma, se uno da mettere in panchina o l’erede di Dzeko. Fino a che ci sarà Edin, soprattutto con quello che costa, non credo che si cerchi un 9 titolare. Si parla molto di Kean, smentito comunque dalla Roma, poi l’Everton ha appena speso 30 milioni e non vedo perché dovrebbe darlo in prestito”. Furio Focolari, invece, ai microfoni di Radio Radio, vede lontano il futuro di Florenzi dalla capitale: “Florenzi è un signor giocatore. Possiamo discutere il Florenzi terzino, anche se ieri non ha giocato male. Io mi sono indignato perché nella totale emergenza in cui si è trovato Fonseca, trovo ridicolo non aver trovato spazio per il capitano. Che venga preferito Spinazzola ci sta, non però che sia dietro a Santon nelle gerarchie. Credo che a breve il futuro di Florenzi non sarà più a Roma”.




Print Friendly, PDF & Email