NEWS DELLA GIORNATA – Tutte le news della giornata giallorossa raccolte per voi in un articolo: buona lettura!

CONFERENZA DI FRANCESCO – Come di consueto, Eusebio Di Francesco ha incontrato i giornalisti a Trigoria per presentare il match di domani alle 15.00 contro l’Udinese. Il tecnico ha subito ufficializzato la presenza dal primo minuto di Schick: “Schick partirà dall’inizio domani, è un bel segnale perché ha dato delle risposte importanti prima di tutto con la Roma e poi anche con la Nazionale. C’è un lavoro generale dietro a Patrik Schick, ma prima su se stesso. L’allenatore conta in maniera relativa quando dall’altra parte trova grande disponibilità. Sta crescendo, c’è stato un periodo di appannamento ma c’è grande voglia di venire fuori, di questo sono molto felice”. Brutte notizie, invece, sul fronte infortunati: “Per De Rossi e Perotti non è che si siano allungati i tempi: in passato siamo stati un po’ troppo frettolosi per rimettere dentro certi giocatori. E’ successo con Pastore e Perotti. La strada giusta è portare dentro Perotti dopo la partita di Champions visto che nella continuità degli allenamenti va a migliorare. A seguire Daniele pre o post Cagliari, questa è l’idea. Manolas non sarà convocato”. Sulla partita di domani, il tecnico è molto chiaro: “La cosa che fa tenere alta l’attenzione a tutti quanti in questi casi è che magari si pensa al Real Madrid, ma io credo che la partita più importante che ci sia tra Udinese, Real e Inter sia la prossima. I ragazzi devono capire che questa partita va affrontata nel modo giusto, non è un alibi avere tanti nazionali”. 

PELLEGRINI – Lorenzo Pellegrini è diventato uno degli obiettivi più importanti del Manchester United sul mercato. Secondo quanto riporta il Daily Star, infatti, Mourinho vorrebbe a tutti i costi portare in Inghilterra il centrocampista giallorosso già da gennaio. Sul contratto il classe 1996 ha una clausola rescissoria di 30 milioni di euro che, però, è valida solamente per il mercato estivo, fattore che rende senz’altro più difficile la trattativa.

SCHICK – E’ il momento di Patrik Schick: gol a ripetizione con la nazionale ed ormai lanciato alla seconda da titolare consecutiva in Serie A con la maglia della Roma. Il ceco ha parlato del suo momento ai microfoni di SN TV: “Mi sento molto bene, è un buon periodo. Non credo che nella mia testa si sia acceso un interruttore, è solo merito dell’allenamento e mi sento meglio dello scorso anno”. L’ex Sampdoria si è espresso anche riguardo il dualismo con Edin Dzeko: “Posso imparare tanto da Edin. Ognuno di noi vuole giocare, quindi una certa rivalità c’è perché gioca solo un attaccante. Siamo molto amici però perché parla la mia lingua”. Per quanto riguarda il futuro, Schick non ha dubbi: “Voglio solo stare qua e dimostrare cosa posso fare”.

PRIMAVERA – Dopo il pareggio con il Genoa, neanche oggi la Roma Primavera riesce a portare a casa i tre punti, sconfitta dal “Tre Fontane” dell’Eur per 2-1 contro la Fiorentina. Succede tutto nel primo tempo: i viola vanno avanti due volte con Meli e Antzoulas nel giro di quattro minuti (tra il 30’ e il 34’). In tutto questo anche la grande paura per Bouah, uscito in lacrime per un infortunio al ginocchio.  Il pensiero è ovviamente al crociato, ma solo gli esami strumentali stabiliranno le cause. Nella ripresa la squadra di De Rossi reagisce con rabbia con diverse occasioni da gol ed il 2-1 su rigore di Celar. Ma la reazione non basta. Stasera lo scontro diretto tra Atalanta e Juventus che toglierà la testa della classifica alla squadra di De Rossi. Martedì appuntamento contro il Real Madrid in Youth League.

QUI UDINESE – Giorno di conferenza stampa anche per Davide Nicola, neo allenatore dell’Udinese, che domani farà il suo esordio sulla panchina della Dacia Arena: “Grande attenzione e disponibilità ad attuare ciò che proviamo, io voglio vedere questo. L’errore non deve essere vissuto come una tragedia, ma come un passaggio per un percorso migliorativo. La Roma è una delle squadre più forti, non avrà difficoltà a trovare giocatori importanti nel turnover. I miei giocatori però domani non dovranno pensare al risultato, ma ad applicare in campo ciò che ho chiesto loro”.

SENTI CHI PARLA – Sulle principali frequenze radiofoniche romane si discute riguardo il match di domani contro l’Udinese. Giancarlo Dotto, ai microfoni di Tele Radio Stereo, ha posto l’accento sull’importanza della vittoria: “Perdere a Udine sarebbe una sciagura totale e anche il pareggio lascerebbe la Roma in una sorta di palude che non aiuterebbe nessuno. Questa squadra deve smettere di reagire solo quando ha l’acqua alla gola perché è da mediocri”. Max Leggeri, invece, a Centro Suono Sport, è in disaccordo con il tecnico sul peso della partita: “Io non so se Di Francesco mente sapendo di mentire quando dice che quella di Udine è la più importante delle tre prossime partite, ma la partita più importante di questa settimana è Roma-Real Madrid. Non basta più superare il turno ma bisogna arrivare primi, perché ti regalerebbe un’emozione che questo campionato ormai non ti può garantire”.

Alessandro Tagliaboschi

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

Comments are closed.