NEWS DELLA GIORNATA – Tutte le news della giornata giallorossa raccolte per voi in un articolo: buona lettura!

Rinnovo Zaniolo

La Roma comincia già a pensare al calciomercato estivo, nonostante l’emergenza Coronavirus ancora in atto in tutto il mondo. Uno dei principali obiettivi dei giallorossi è quello di trattenere Nicolò Zaniolo a Trigoria. Per questo, come riporta tuttomercatoweb.com, il club capitolino starebbe pensando di rinnovare il contratto del numero 22, soprattutto nel caso si riuscisse a completare il passaggio di proprietà da Pallotta a Friedkin. Un modo per far sentire Zaniolo importante, convincendolo ulteriormente della bontà del progetto giallorosso.

Il bollettino della Protezione Civile

Anche oggi la Protezione Civile ha comunicato in conferenza stampa gli ultimi dati relativi all’emergenza Coronavirus in Italia. Ad oggi il totale delle persone positive è 103.616, con un incremento di 1.363 pazienti (ieri +1.984). Cala la pressione ospedaliera: i pazienti in terapia intensiva sono 3.260, 83 in meno rispetto a ieri. Si registrano 566 nuovi deceduti (ieri +431). Il totale dei guariti è di 35.425 con un incremento di 1.224 unità (ieri +1.677). I casi totali di contagio da Coronavirus in Italia raggiungono quindi quota 159.516 (+3.153), un incremento inferiore rispetto a quello (+4.092) di ieri.

Rezza (ISS): “No favorevole alla ripresa del calcio”

“Io da romanista manderei tutto a monte (ride, ndr). È uno sport che prevede contatti e il rischio di trasmissione c’è. Ho letto di protocolli sanitari particolari e mi sembra un’ipotesi un po’ tirata. Se dovessi dare un parere adesso non sarebbe positivo. Poi è la politica a decidere. Questo è un mio parere personale”. Lo ha detto Gianni Rezza, direttore del dipartimento di Malattie Infettive dell’Istituto Superiore di Sanità e componente del comitato tecnico scientifico, rispondendo a una domanda sulla ripresa del campionato di calcio nel corso della conferenza stampa alla Protezione Civile.

Tutte le news di calciomercato

E’ ancora incerto il futuro di Alessandro Florenzi. L’ex capitano giallorosso è in prestito secco da gennaio al Valencia, dove prima dello stop forzato al campionato, aveva messo insieme appena 5 presenze complice anche la varicella e la squalifica che lo hanno tenuto fuori per diverse partite. La sensazione è che il Valencia non lo riscatterà. Dunque Florenzi tornerà a Roma dove però molto probabilmente non resterà. Come riporta gazzetta.it il modo in cui è andato via, dopo appena sei mesi con la fascia al braccio, ha creato uno strappo difficilmente recuperabile. Per lui dunque si profila la cessione definitiva. La Roma punta a fare una plusvalenza superiore ai 10 milioni. Plusvalenza che sarebbe secca visto che il classe ’91 è cresciuto nel vivaio giallorosso. In Italia piace all’Atalanta e alla Fiorentina, che già lo aveva cercato a gennaio. Anche perché Florenzi guadagna intorno ai 3 milioni, non poco, e ha un contratto fino al 2023. La sua intenzione, però, è quella di restare in Italia, anche se nelle ultime ore va registrato l’interesse del Siviglia dell’ex ds giallorosso Monchi. Ore di riflessione dunque per Florenzi, che dal suo ‘esilio’ forzato a Valencia ragiona sul suo futuro.

La Roma lavora già al mercato estivo. Gli acquisti giallorossi dipendono soprattutto dalle uscite, in particolare da quelle dei cosiddetti esuberi. Come riporta il corrieredellosport.it, la lista è davvero lunga. Si parte innanzitutto da Pastore, sotto contratto con la Roma fino al 2023, con un ingaggio di circa 8 milioni di euro lordi a stagione. Ci sono poi i veri giocatori in prestito, come Gonalons, Nzonzi, Karsdorp e Olsen. Di questi solo i primi due sembrano vicini alla cessione. Per tutti gli altri Petrachi dovrà necessariamente inventarsi qualcosa, in modo da aumentare il tesoretto per le entrate.

La Roma rischia di perdere Chris Smalling in estate, una volta finito il prestito dal Manchester United. Per questo il DS Petrachi sta già pensando a un eventuale sostituto di esperienza. Secondo il Daily Mail, il favorito al momento è Jan Vertonghen, difensore del Tottenham in scadenza di contratto a giugno. Il 33enne belga piace molto a Fonseca e potrebbe essere davvero il profilo giusto da affiancare a Gianluca Mancini. I giallorossi inoltre si starebbero muovendo anche per portare a casa Mario Gotze e Pedro, entrambi in scadenza di contratto a giugno.

Il mercato estivo della Roma si baserà molto sulla gestione dei giocatori in prestito. Tra questi c’è anche Maxime Gonalons. Il centrocampista francese si è trasferito al Granada la scorsa estate a titolo temporaneo. Come riporta Vavel, però, Roma e spagnoli avrebbero concordato un obbligo di riscatto fissato a 4 milioni di euro in caso di salvezza del club iberico. Al momento la classifica della squadra allenata da Penas parla chiaro: 38 punti in 27 partite, con 13 lunghezze di margine sul terzultimo posto e dunque più vicino all’Europa League (-7) che alla Segunda Division. Ecco perché è praticamente certo il riscatto di Gonalons da parte del Granada, che permetterà di fare anche una mini plusvalenza alla Roma, oltre a sgravarla di un ingaggio importante (circa 2 milioni netti).

La Roma continua a guardare il mercato dei giocatori in scadenza di contratto a giugno. Tra questi uno dei più interessanti in chiave giallorossa è sicuramente quello di Pedro Rodriguez, ala destra del Chelsea. Come riporta Estadio Deportivo, infatti, lo spagnolo non ha perso fascino e attrattiva nonostante i suoi 33 anni. Tanto che su di lui ci sarebbero al momento Roma, Betis Siviglia, un altro paio di club iberici, alcune squadre della MLS e l’Al Sadd. Soprattutto quest’ultima è molto temibile, vista la presenza in panchina del suo grande amico Xavi. Senza contare che in Qatar non avranno neanche troppi problemi ad alzare l’offerta dell’ingaggio. Vedremo quindi se la Roma riuscirà effettivamente a spuntarla per arrivare a Pedro in estate.

Sui siti laziali video fake della Roma che si allena violando la quarantena

In queste ore sta circolando un video sul web in cui si vedono alcuni calciatori della Roma allenarsi all’aperto in zona Casal Palocco. Una vera e propria violazione del lockdown imposto dal Governo, se non fosse che le immagini sembrano datate e inattendibili. Il filmato, condiviso su alcune pagine di tifosi della Lazio, fa sorgere più di un dubbio sulla ‘contemporaneità’ dei fatti. Nella foto si intravede infatti Diego Perotti con indosso i pantaloncini della stagione 2017-2018. Dettaglio importante se si pensa che la Roma concede in continuazione materiale nuovo ai suoi calciatori per allenarsi. Nel video poi non si riconoscono le tre persone inquadrate. Uno dei tre potrebbe essere Karsdorp (se così fosse prenderebbe ancor più quota l’ipotesi fake news visto che l’olandese è attualmente in prestito in Olanda al Feyenoord). Difficile riconoscere anche i preparatori, ma la cosa certa è che nessuno dei due è Nuno Romano o Maurizio Fanchini, collaboratori di Fonseca che stanno seguendo la preparazione fisica in casa tramite videochiamate. Tra l’altro lo stesso tecnico portoghese non ha mai dato ordine ai suoi collaboratori di recarsi nelle case dei giocatori per seguirli personalmente negli allenamenti. A maggior ragione in un periodo come questo e quindi violando le regole per prevenire l’emergenza coronavirus. Dunque la conclusione è che siamo di fronte a una clamorosa fake news, inutile quanto lesiva nei confronti dell’immagine della Roma, che forse come nessun’altra squadra si è impegnata in iniziative benefiche in questa situazione così drammatica.

Dalla Spagna: le coppe europee si giocano ad agosto

Quando si riprenderà a giocare ancora non è certo ma in Europa c’e’ una linea comune: prima vanno completati i campionati e poi le coppe internazionali. Uno scenario approvato anche da Uefa ed Eca, ecco perché Champions ed Europa League verranno portate a termine in un secondo momento, probabilmente a estate inoltrata. Secondo “Cadena Ser”, a Nyon si prevede che per esaurire le competizioni domestiche servirà anche luglio, e dunque agosto verrebbe sfruttato per le due coppe sotto l’egida Uefa, con quarti, semifinali e finali in due settimane, tutte in gara secca, a porte chiuse e in campo neutro. A quel punto la stagione 2020-21 partirebbe a settembre, concedendo ai calciatori 21 giorni di pausa prima di tornare in campo.

Senti chi parla

Anche sulle principali frequenze radiofoniche della capitale si parla dell’emergenza Coronavirus e del suo impatto sul calcio. Questo l’intervento di Daniele Lo Monaco a Tele Radio Stereo: “Voglio proprio vedere chi si prenderà la responsabilità di far ripartire il campionato. Il rischio zero non esiste in questo momento. Sarà impossibile garantire con certezza la salute dei giocatori. Non capisco perché il calcio debba sempre seguire strade diverse dagli altri sport. Non dovrebbe esserci il pericolo di fallimento solo per qualche mese di stop. Assurdo pensare di completare tutto il campionato in un solo luogo, al massimo si possono fare dei playoff. Continuo però a essere molto scettico sulla ripresa dell’attività agonistica per questa stagione”. Queste invece le parole di Marione a Centro Suono Sport: “Trovo assurdo riaprire le librerie adesso. Tutti ormai leggiamo anche attraverso internet. I libri non sono un bene di prima necessità. Il rischio è che si usi come scusa per uscire a fare una passeggiata. Non possiamo permetterci di vanificare tutti gli sforzi fatti finora. Spero che la gente sia diligente e non se ne approfitti”.

Martina Cianni

Print Friendly, PDF & Email