romanews-roma-milan-rafael-leao
Foto Getty

ROMA MILAN, L’AVVERSARIA – Altra gara, altro pareggio. Questa volta a negare la vittoria alla Roma è il grave errore commesso dal direttore di gara Collum, che concede un rigore inesistente agli avversari allo scadere dei minuti di recupero. Il match di Europa League contro il Borussia Monchengladbach termina 1-1 e la squadra di Fonseca porta a casa scontenta il suo quarto pareggio consecutivo. Il tour de force dei giallorossi continua: domenica all’Olimpico arriva il nuovo Milan di Stefano Pioli, in cerca di riscatto dopo un avvio di stagione deludente.

Prossimi impegni

Roma-Milan (9° turno di Serie A, 27 ottobre ore 18.00, Stadio Olimpico)
Milan-Spal (10° turno di Serie A, 31 ottobre ore 21.00, Stadio San Siro)
Milan-Lazio (11° turno di Serie A, 3 novembre ore 20.45, Stadio San Siro)
Juventus-Milan (12° turno di Serie A, 10 novembre ore 20.45, Juventus Stadium)

Ecco come il Milan arriva alla sfida con la Roma

Il Milan si trova attualmente al dodicesimo posto in classifica con 10 punti. Il bilancio di questo inizio di stagione sotto la guida di Giampaolo è negativo: 4 sconfitte e 3 vittorie nelle prime 7 giornate di Serie A. Per questo la dirigenza rossonera ha deciso di rivolgersi a Pioli per cercare di invertire la rotta. La prima gara con il tecnico parmigiano in panchina è terminata con il primo pareggio stagionale per i rossoneri. La sfida andata in scena a San Siro contro il Lecce è infatti terminata con il risultato di 2-2. Il Milan è passato in vantaggio per ben due volte, prima con Calhanoglu e poi con Piatek, ma è stato rimontato in entrambe le occasioni. Il gol di Calderoni al 92′ ha gelato i tifosi rossoneri, ormai certi di avere la vittoria in tasca.

I precedenti di Pioli contro la Roma: bilancio negativo

A Stefano Pioli è stato affidato un compito tutt’altro che facile: risollevare le sorti del Milan lavorando principalmente sulla testa dei suoi giocatori. Il tecnico rossonero ha affrontato la Roma per ben 21 volte da quando ha intrapreso la carriera di allenatore. Le strade dei giallorossi e di Pioli si sono incrociate in Serie A e in Coppa Italia, quando sedeva sulle panchine di Parma, Chievo, Bologna, Lazio, Inter e Fiorentina. Il bilancio del tecnico contro i capitolini è però negativo: in 21 sfide per lui sono arrivati 7 pareggi, ben 11 sconfitte e solo 3 vittorie, una con il Bologna e 2 con la Fiorentina la scorsa stagione.

Punti di forza e debolezze del Milan

Finora la difesa rossonera è stata tutt’altro che impenetrabile, soprattutto di recente: sono 10 le reti incassate nelle ultime 5 gare di campionato, per una media di 2 a partita. Il reparto arretrato però sembra tenere meglio lontano da casa: 7 degli 11 gol subiti sono infatti arrivati a San Siro. Nemmeno i dati relativi all’attacco fanno sorridere Pioli: il Milan ha ha messo a segno soltanto 8 gol in 8 partite. Il motivo? La scarsa precisione sotto porta: i rossoneri sono penultimi nella classifica dei tiri nello specchio. Contro il Lecce Piatek è tornato a segnare dopo più di 3 settimane di digiuno. Il polacco rimane il miglior marcatore del Milan con 3 reti realizzate finora, anche se questi numeri rimangono molto lontani da quelli visti la scorsa stagione. Ha già fatto male alla Roma lo scorso anno, sia con la maglia del Genoa che con quella rossonera, segnando prima all’Olimpico e poi a San Siro. Le sue reti non sono però servite a battere i giallorossi che hanno sconfitto i liguri e pareggiato contro la squadra di Gattuso. Un’occhiata al cronometro rivela che il Milan subisce maggiormente nell’ultima mezz’ora di gioco: il 73% dei gol incassati è infatti arrivato tra il 60′ e il 90′.

Le scelte di Pioli per Roma-Milan

La sostituzione in panchina ha inevitabilmente portato grandi cambiamenti in campo. Il 4-3-1-2 spesso utilizzato da Giampaolo sembra essere già stato rimpiazzato dal 4-3-3 spesso impiegato da Pioli con la Lazio. In porta dovrebbe essere confermato Donnarumma. Calabria è pronto a riprendersi il suo posto in difesa dopo la squalifica, accanto a Musacchio, Romagnoli e Hernandez. Centrocampo affidato a Kessie, Biglia e Paquetà. Il tridente d’attacco dovrebbe essere formato da Suso, Calhanoglu e uno tra Piatek e Leão. Al momento il polacco sembra in vantaggio rispetto al compagno di reparto, ma Pioli si prende ancora del tempo per decidere.

La probabile formazione del Milan

MILAN (4-3-3): 99 G. Donnarumma; 2 Calabria, 22 Musacchio, 13 Romagnoli, 19 Hernandez; 39 Paquetà, 20 Biglia, 79 Kessie; 8 Suso, 9 Piatek, 10 Calhanoglu.
A disp.: 90 A. Donnarumma, 25 Reina, 31 Caldara, 12 Conti, 43 Duarte, 46 Gabbia, 68 Rodriguez, 4 Bennacer, 33 Krunic, 11 Borini, 7 Castillejo, 17 Leão, 18 Rebic.
All.: Stefano Pioli

BALLOTTAGGI: Leão-Piatek.
INDISPONIBILI: 5 Bonaventura.
IN DUBBIO: -.
SQUALIFICATI: -.
DIFFIDATI: -.

Martina Cianni

 




Print Friendly, PDF & Email