SENTI-CHI-PARLA-3.jpg-radio

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Michele Gioia a Centro Suono Sport: “Le parole di Fienga su Fonseca mi auguro possano servire a tranquillizzare un po’ l’ambiente e il portoghese prima di una partita molto delicata. Pedro è un giocatore superiore, basta sentirlo parlare per capire il motivo del suo palmares. Ha una mentalità vincente che servirà moltissimo alla Roma, in campo e fuori”.

Max Leggeri a Rete Sport: “Lo sport principale in città non è parlare di calcio, analizzare ciò che accadrà sul campo, al limite parlare di mercato. No, ci si schiera a favore o contro Fienga, a favore o contro Baldissoni. Questo è il tenore del dibattito nella capitale. Fonseca? Al netto delle dichiarazioni di circostanza espresse oggi dal CEO, è evidente che il lusitano sia stato delegittimato, non fosse altro per quanto accaduto a Verona quando gli è stato preclusa la possibilità di schierare Dzeko”.

Checco Oddo Casano a Rete Sport:“Comprendo che oggi Fienga avesse l’obbligo morale di blindare a parole Fonseca, ma sono oltre 10 giorni che si parla, si scrive, si sostiene che la panchina di Fonseca sia in bilico. Il mio augurio è che la Roma vinca le prossime due partite, ma a monte di tutto questo la sensazione concreta è che Friedkin dal 29 settembre, giorno del cda giallorosso, farà scattare la vera rivoluzione, che per varie contingenze non è riuscito a realizzare sin dal suo arrivo. Il like di Dzeko sui social? Andava evitato come tante altre situazioni, piccole o grandi che sono accadute in questi anni alla Roma…”

Nando Orsi a Radio Radio Pomeriggio: “Lì in mezzo al campo metterei Diawara e un altro di qualità, perchè la Juve in mezzo al campo è a tre e se non hai uno di interdizione ci potrebbe essere il rischio di mettere in difficoltà una difesa giovane. Farei più una partita di adattamento, starei attento”.

Stefano Carina a Radio Radio Pomeriggio: “Sondaggi per Allegri e non solo ci sono stati. Fienga non poteva dire altrimenti, i dirigenti alcune volte devono usare il politically correct. La Juve? Non mi sembra che vai ad affrontare una squadra con un centrocampo che fa paura. Per la Juve è un bel test contro la Roma”.

Furio Focolari a Radio Radio Pomeriggio: “Se Allegri non viene allora è ovvio che si dica che Fonseca non è in discussione”.

Alessandro Vocalelli a Radio Radio Pomeriggio: “Qualcuno ha fatto un sondaggio con Allegri, non penso sia per l’anno prossimo. Una verifica di intenzioni è stata fatta perchè si vede che il problema è sul tavolo. Mi auguro che i progetti non siano gli stessi dello scorso anno”.

Francesco Balzani a Centro Suono Sport: “Friedkin è a Monte Carlo dove sta avviando una parte della rivoluzione, potremmo non vedere più Fienga. Secondo Allegri la Roma ha una base buona su cui lavorare, ma non si accontenterebbe di quello che c’è a Trigoria. Bisognerebbe coprire 2-3 ruoli. Stanno andando avanti, Allegri sta testando la serietà di Friedkin. I dialoghi sono molto aperti e già lunedì mi aspetto una risposta in un senso o nell’altro, altrimenti si cambia progetto. A Monte Carlo potrebbe anche esserci un incontro con Rangnick, ma come direttore sportivo. Se non dovesse arrivare un grande allenatore dovrei rivedere i miei giudizi”.

Antonio Felici a Centro Suono Sport: “A me sembra che una volta stabilito il contratto si tratta di capire se la Roma è in grado di convincere Allegri con i suoi programmi. Per lui sarebbe anche una sfida stimolante, ma essendo un allenatore top non farà salti nel buio. Faccio il tifo sfrenato per questa soluzione, che significherebbe un certo impegno da parte della proprietà. Le percentuali però non sono altissime, se gli vuoi dare una squadra competitiva per il prossimo anno devi fare una campagna acquisti veramente robusta e la Roma come fa a farlo adesso? Servirebbe un robustissimo aumento di capitale e non so se Friedkin è disposto a farlo”.

Marione a Centro Suono Sport: “Se deve venire Tommasi come direttore generale no… ogni volta si parla di un romanista vero e poi mi porti Tommasi? No. Ogni giorno è -1, di Allegri non si sa più niente?

Jonathan Calò a Centro Suono Sport: “18 milioni per Smalling? Il problema è come lo paghi. Se 18 milioni sono sterline allora sono 20 milioni di euro. Tommasi no, fate i bravi. Mi fa quasi rimpiangere Baldissoni. Allegri diventerà l’argomento di giornata.

Jacopo Palizzi a Tele Radio Stereo: “I ricordi legati a Roma-Juventus sono sempre alterni dal punto di vista sportivo ma l’ho sempre vissuta come la partita più importante dopo il derby. Mi approccio con grande entusiasmo e coinvolgimento emotivo. Negli ultimi anni molte volte è stata svilita perché il ritorno è arrivata nella seconda parte della stagione quando i giochi ormai erano chiusi ma rimane una sfida di enorme fascino”.

Stefano Petrucci a Tele Radio Stereo: “Se gioca Pellegrini? Con il rilancio di Dzeko Mkhitaryan e Pedro si fanno preferire. O gioca alle spalle o credo che andrà in panchina”.

Xavier Jacobelli a Radio Radio Mattino: “La misura della riapertura degli stadi dovrebbe essere del 25% quindi dipende dalla capienza degli stadi. E’ tutto legato alla curva epidemiologica. Noi abbiamo la brutta abitudine di piangerci addosso, ma se noi abbiamo ricevuto dei complimenti per come ci siamo comportati col Covid dobbiamo continuare così. Il nostro paese è organizzato anche in emergenza Covid. Fino a 5 mesi fa in molti ci consideravano gli untori. Se non ci fosse stato il problema Milik ora Dzeko sarebbe stato un attaccante della Juventus. Credo che il chiarimento tra Dzeko e Fonseca fosse inevitabile. Dzeko è il valore aggiunto della Roma, conoscendo la professionalità non ho dubbi che superato questo momento possa essere il catalizzatore dell’attacco di Fonseca”.

Franco Melli a Radio Radio Mattino: “Mi auguro che il riavvicinamento tra Fonseca e Dzeko sia vero. La partita è molto difficile, arriva troppo presto, forse la più difficile della stagione. La Juve ha cominciato bene e la Roma male. Anche il pronostico ne risente ed è molto facile dire che la Juve vincerà”.

Roberto Renga a Radio Radio Mattino: “La decisione di lasciare Dzeko capitano mi sembra inevitabile. In difesa ci saranno 3 ragazzi giovanissimi che giocano per la prima volta insieme. Tutti bravi ma davanti c’è Ronaldo. Kumbulla se la dovrà vedere forse con Kulusevski che insieme erano i due migliori giovani dello scorso campionato. Non vorrei che Pellegrini facesse la fine di Florenzi. Non vorrei che gli trovassero un ruolo e che poi lo facesse anche in Nazionale. L’esperimento lo avrei fatto contro il Verona. Comunque la partita sarà dura anche per la Juventus, non sappiamo ancora molto. Pirlo non ha ancora trovato la formazione che vuole. E’ una partita vera per entrambe le squadre”.

Furio Focolari a Radio Radio Mattino: “Il discorso della fascia da capitano è un fatto più mediatico che vero. Se Dzeko fosse andato alla Juventus è anche perché la Roma lo voleva cedere. Per la partita io da due o tre giorni si sta celebrando il funerale prima che ci sia il morto. Che la Juve sia favorita è logico, la Juve è sempre favorita. Per battere la Juventus è necessario che tu giochi una grande partita e che la Juve non la giochi. Favorita la Juventus ma è una partita e non un massacro”.

Claudio Capuano a Centro Suono Sport: “Tremo a pensare che la difesa titolare contro la Juventus sarà Kumbulla-Mancini-Ibanez o con la possibilità di utilizzare Cristante. Ho paura che possa esserci un’imbarcata. Non immagino un giocatore della Roma capace di arginare Ronaldo, Morata o Dybala”.

Roberta Pedrelli a Centro Suono Sport: “Tutti gli altri si stanno rinforzando. La Roma è l’unica rimasta indietro. Non mi sento di criticare Dzeko perché la società ogni anno lo ritiene cedibile. Io domenica sera mi aspetto un Dzeko che faccia la differenza”.

Francesco Di Giovambattista a Radio Radio Mattino: “Ieri il Bayern ha faticato per vincere la Supercoppa e ieri anche il Milan ha sofferto. La Roma ha deciso di investire sui giovani, politica per me giusta, e contro la Juve trovi una difesa giovane. Io sono convinto che Pau Lopez prima o poi o lo rimetti in sesto o devi trovare una squadra. Dzeko torna con la fascia di capitano. Sono curioso di vedere Roma-Juve per scoprire il gioco della Juve. Da Pellegrini in molti si aspettano quel tipo di centralità del gioco”.

Nando Orsi a Radio Radio Mattino: “Penso che facciano la corsa Champions, per lo scudetto Juve e Inter se la giocheranno, poi ci può essere il terzo incomodo. Fra le 3 la peggiore mi sembra la Roma, Lazio e Napoli sono a pari merito. Quest’anno è difficile trovare le prime 4. La Lazio la metto tra le 4 che arrivano in Champions. Quest’anno sono 7 squadre che si levano punti tra di loro. Veretout è uno che va dentro e ogni tanto te lo perdi, mentre Diawara copre tutte le magagne di quelle che vanno. Certo che se incontri la Juve che ha Rabiot, Ramsey e McKennie. Bentancur è un giocatore che abbina qualità a quantità. Il titolare è Rabiot poi gli altri li gira”.

Mario Mattioli a Radio Radio Mattino: “La Lazio faccio fatica a comprendere quello che sarà perché non ci sono stati cambiamenti ma ci sono state diminuzioni. Io sono curioso di vedere come proseguirà l’ottimo cammino prima del Covid. Anche la Roma rimette Dzeko davanti e ritrova una dimensione completa. Sono curioso in positivo per la Roma mentre per la Lazio ho forti dubbi. Il Napoli è un gradino più su di Roma e Lazio anche se quest’ultima è un’incognita assoluta. Ricordiamo che di rigori quest’anno ne fischieranno meno”.

Roberto Pruzzo a Radio Radio Mattino: “L’anno scorso fare la classifica delle prime 4 era stato semplice, quest’anno sono molto indeciso. Aspetterò questa partita per vedere almeno come sta l’Atalanta e Lazio. La Roma non è tanto giudicabile anche se la partita col Verona è stata giocata, qualche indicazione te l’ha data. Il Milan era tranquillamente fuori dalle 4, quest’anno neanche per niente. Sono curioso di vedere chi gioca a destra, se Karsdorp giocherà oppure se ci sarà un’alternativa. Nel calcio generalmente si riesce sempre a recuperare situazioni con il buonsenso e con lo spirito giusto, c’è la consapevolezza di avere di fronte una stagione difficile e complicata. Pellegrini ha delle qualità eccezionali e deve prendere la squadra per mano. Bisogna stabilire un ruolo e lavorare su quello”.

Print Friendly, PDF & Email
Claudia Belli
"Non c’è un altro posto del mondo dove l’uomo è più felice che in uno stadio di calcio". Datemi, poi, anche carta e penna per poterlo raccontare e allora sì che sarà tutto perfetto. Laureata in Mediazione Linguistica e Interculturale a La Sapienza, mi piace viaggiare per il mondo parlando più lingue possibili. Per il momento ne conosco 4: italiano, inglese, spagnolo e portoghese (anche la variante brasiliana), ma spero di poter ampliare il mio bagaglio linguistico al più presto possibile.

35 Commenti

  1. buongiorno e forza Roma! facendo i conti della serva, hanno abbassato gli ingaggi degli auspucati 25 milioni, qualcosa in più: hanno lasciato lo spazio per la seconda punta. che urge più di tutto. il dif centrale se non parte nessuno dei presenti temo non arrivi. temo non arrivi nessuno se non parte qualcuno. quindi affezionamoci a chi c’è (tranne jj) e tifiamoli.
    paragrafo allenatore: ho parlato di Allegri ad agosto, vedere il miglior allenatore italiano libero ingolosisce. questo non vuol dire in alcun modo che io speri in una sconfitta con il nemico, per avvicinare il cambio allenatore. se vogliono fare il loro progetto possono prender Allegri anche se la Roma vince 3-0, anzi, pensa che forza darebbe alla scelta. sempre che sia vero, lo dicono i giornali, nessun Friedkin ha detto niente. speriamo di prendere un attaccante, e che possa fare almeno un allenamento coi compagni prima della rube

    • Non puoi non prendere un difensore centrale. Potresti lontanamente se giocassi a 4, ma a 3 significa ritrovarsi col comandante in pensione o addirittura cristantemo prima alternativa in una difesa di ventenni, cosa con tutta la buona volontà improponibile a meno che non siamo pronti a finire nella parte destra della classifica.
      Già con ogni probabilità ci dovremo sciroppare (speriamo solo per qualche mese) l’olandese zoppicante e il centrocampo de pezzi de legno, per non parlare del portiere: non esageriamo o finisce male.

      • sono completamente d’accordo . Ci sono dei ruoli che sono scoperti ed inoltre è stato scelto il modulo più sbagliato per questa rosa, non possiamo permetterci di giocare a 3, per me l’ideale sarebbe il 4-3-3 .
        Tolto il problema portiere, diciamo che andiamo avanti con Mirante, in una difesa a 4 ti manca terzino dx(?) ed un centrale(Smalling) . A centrocampo vedrei bene uno scambio Diawara/ Torreira ed ai lati gli affiancherei Pellegrini e Veratout , in avanti Pedro/Dzeko/Michitaryan , mancherebbe l’alternativa a Dzeko. Se riuscissimo a prendere questi 4 giocatori ce la giocheremo per il 4 posto .

  2. Blocchiamo subito Hauge del Bødo per l’anno prossimo (lo vendono preferibilmente a chi lo lascia là per almeno questa stagione).
    14 gol e 9 assist in 17 partite dell’attuale campionato, 3 gol e 2 assist in 3 partite delle qualificazioni EL.
    Naturalmente il campionato norvegese non è la serie A ma ieri sera ha fatto vedere da solo i sorci verdi al Milan (seppur un Milan con diverse riserve ma anche molti titolari).
    20 anni, ala sinistra (31 partite) ma in passato ha giocato anche a destra (20 partite).

    • Ma magari! Peccato che i nostri dirigenti sono stupidi….anzi ora neanche ci sono, ma comunque non prenderebbero uno così promettente con qualche spicciolo. Preferirebbero uno alla Nzonzi o Pastore a 30 milioni.
      Chissà se i nostri ex dirigenti avevano la terza elementare!?

  3. Diciamo che in modo “ufficiale” nel dopo partita Zorro ha spiegato che Dzeko non è stato schierato perchè ha passato , poverino, una settimana molto stressante e quindi di comune accordo è stato deciso di non farlo giocare. Questa settimana sta trascorrendo invece “serena” per il povero Dzeko che come con i bambini caprocciosi ha riavuto il ciuccio ,la fascia da Capitano e la certezza di essere titolare contro gli amici della dirigenza cioè la Rubentus. Ora però abbiamo un altro problema per questa gara: durante tutta la settimana questa volta ad avere ripercussioni come il povero Dzeko è il mister Zorro! È travolto da voci sul suo possibile esonero immediato,abbiamo saputo che a detta di qualche microfonaio ancora sostenitore Aziendale,che un certo ballerino ex allenatore ha già firmato un contratto con la Roma già ad agosto!(e forse è per questo che si sta preparando con le danze agli studi Rai di Ballando sotto le Stelle al Foro Italico!) . Tutto ciò molto probabilmente porterà ad un conciliabolo con la dirigenza per chiedere anche lui come fatto con il povero Dzeko a restare a casa per lo stesso motivo del calciatore. In panchina troveremo l’allenatore in seconda. Potendo vedere come stanno andando le cose , anche col Ballerino ex allenatore Allegri, si stà nuovamente facendo un favore ai Rubentini: se viene gli facciamo risparmiare l’ingaggio. Ma è più probabile che sia una manovra per rimetterlo in pista (non da ballo,lì gia ci sta) nel mondo del calcio. Tutto ridicolo? Aspettiamo perchè potrebbero smentire tutto i magnati (a Roma i magnati so quelli che se fanno magnà) Texani.

    • lo stipendio di Allegri da mo che è finito. si sono divisi perchè non ha rinnovato. a Sarri gli paga ancora lo stipendio la rube fino a giugno, quindi se prendono Sarri entro in caso puoi dirlo

    • Allegri è svincolato. Quindi se lo prendiamo, non facciamo risparmiare proprio niente a nessuno.
      E’ Sarri quello sotto contratto (ad oggi) con la Juve.
      Scrivi scrivi .. ma non ne azzecchi mezza. Contento te ….

      • Ma perchè stavolta non hai scartabbellato i conti bianconeri? Questo ultimo anno i milioni da dargli glieli hanno già dati? Anche i bonus che aveva? Bhà.

  4. Un centrale ci vuole non scherziamo, Fazio e JJ sono fuori dal progetto, quindi abbiamo 3 giovani ci vuole esperienza e Smalling e’ la figura perfetta e lo devi prendere per forza non ci piove, vice Dzeko idem,se no ti fai del male da solo

  5. Non credo che Marionettone e la sua cricca possano dire chi è romanista e chi no, visto quello che hanno fatto con Sabatini per anni. Tralasciando il fatto che Tommasi è certamente più romanista di lui e il suo sguattero, sarebbe ora di dire sticazzi a volere romanisti ovunque. Ricordo che a un certo punto avevamo in squadra una fracca di romanisti, la maggior parte delle seghe immonde. Vogliamo ritornare a quel periodo di Scurto, Virga, Corvia, Bovo, Cerci? O magari prenderci anche uno che dopo 2-3 anni se ne va ma che in quei 2-3 anni ci fa vincere?

  6. Per quanto riguarda la difesa c’è assoluto bisogno di Smalling.
    Così come a centrocampo c’è bisogno di un calciatore di grande spessore che sappia difendere e impostare. In attacco dietro a Dzeko vanno benissimo Mkhitaryan e Pedro.
    Pellegrini in panchina finché non dimostrerà di essere un vero campione. Tranne Totti e De Rossi tutti gli altri potenziali campioni romani hanno fallito. Sono rimasti dei buoni calciatori (vedi Giovanelli, Giannini, Aquilani, Florenzi, ecc.).
    In questa fase societaria molto confusa e abbondante di figure dirigenziali mediocri una personalità dai principi talebani come Tommasi la vedrei bene.
    Sarebbe sicuramente contento il suo grande estimatore e amico Gerardo che ora vive a Tagliacozzo in una casa famiglia e che si onora di essere visitato spesso da Tommasi stesso.

    • Uno che dice che Giannini è solo un buon calciatore….vabbè Conti manco citato (Nettuno è a 2 schioppi) . Per cortesia lì dove stai tifa Brescia,Como o Lodi.

    • ahahah a parte che il principe era Giannini e tu citi il principe Giovanelli (occhio alle ‘n’), come si fa a mettere nello stesso mazzo un giocatore che è stato il faro in mezzo agli scogli di un’intera epoca e gli scarsoni che nomini. Ma è obbligatorio commentare, non ci si può proprio astenere se si devono poi leggere ‘ste cose?

    • Benissimo Allegri…sempre se viene però, ad oggi non c’è. Ma se per assurdo venisse (magari, ma ci credo pochissimo) dovresti comunque completare la rosa, dato che purtroppo, seppure è un ottimo allenatore, non è ancora attrezzato per i miracoli, quindi lui da solo potrebbe fare poco…

    • E perché oggi te crede qualcuno 🙂
      Fienga ha appena straconfermato Fonseca, vediamo che succede in santa pace invece di isterizzare il forum ogni 20 minuti.

      • Ne riparleremo la prossima settimana… Se arriva Allegri tu non mi rispondi più. Io non “isterizzo” il forum ti sbagli con qualcun altro, che non ama proprio allegri…. almeno segui bene il forum se vuoi parteciparne….

    • @SOLO ALLEGRI!

      “Se arriva Allegri tu non mi rispondi più”, ma quanto hai, 12 anni?
      La frase sull’isteria era rivolta a tutti, non specificamente a te, forse l’hai presa un po’ sul personale; e comunque rispecchia alla perfezione quanto si legge qua dentro, forse sei tu quello che non segue bene questo forum.
      Per quanto riguarda Allegri: non è qui, dunque ad oggi hai detto ‘na cazzata e sarei curioso di capire perché non dovrei fare una battuta sulla tua frase come se oggi ci fossero più motivi di crederti rispetto a due giorni fa.
      Se poi davvero arriva Allegri vengo qua e ti rispondo “oh, c’avevi ragione!”, se non arriva vieni tu qua a rispondere a me. Affare fatto?
      Stai sereno che i tuoi nemici sono altri 😉
      Forza Roma!

  7. Ritengo ,oggi , la Roma molto bloccata,come magari non lo sara` a Dicembre con l’aumento del capitale.
    Il Lavoro della nuova proprieta` e` appena iniziato, aiuti interni pochi salvo Fienga con i suoi limiti.
    Per il mercato manca un uomo guida , un DS ,grande handicap ,senza contare una organizzazione allo sbando
    vedasi la gaffe Diawara. Notizie girano tante quante sarnno vere nessuno lo sa , sta di fatto che Domenica siincontra laJuve e le premesse ,squadra vista a Verona non sono delle migliori ,sirischia di rimanere al Palo.
    La mia opinione e che per ora sono cose vecchie ,nulla e` cambiato ,ci vuole del tempo e anche noi ,impazienti tifosi dobbiamo frenare certi sogni di immediata resurrezione.Adesso occhi aperti viene la Juve poi l’Udinese.

  8. La Roma alla prima di campionato si è presentata con una squadra farcita di mezze calzette, se i migliori calciatori sono stati Spinazzola e Kluivert è andata, non male, malissimo.
    C’è stato anche qualcuno che ha avuto il coraggio di dire che è “mancato solo il gol”. Bisogna però ricordare che per segnare bisogna tirare in porta. Il Verona probabilmente terminerà il campionato con i soli tre punti che si sono presi da noi, peraltro storica figura di m*rda della società che si aggiunge al nostro palmares.
    Penso che sia stato toccato il punto più basso da quando non ci sono più i Sensi. La Roma è rimasta stabilmente tra le prime perchè abbiamo sempre avuto un signor centrocampo. Quest’anno a centrocampo abbiamo: “il Magnifico” Pellegrini, nipote del consiglio di amministrazione, che non sa tirare punizioni e non azzecca un tiro dalla distanza neanche per sbaglio (sono ancora in attesa del suo presunto “ritorno” a delle non meglio precisate “grandi prestazioni”), Diawara che è un centrocampista difensivo che non segna e non dribbla, Cristante che non si è capito cosa sia (per me un trequartista, se deve essere utilizzato davanti alla difesa o a centrocampo è meglio che lo diano via), Villar che è acerbissimo, l’unico pronto e abbastanza buono è Veretout. Di tutti i citati, ripeto, nessuno è specializzato in calci di punizione, su cui abbiamo fatto molti punti da un decennio a questa parte. Quest’anno non abbiamo un solo specialista sui calci piazzati. Inoltre nessuno di loro è veramente un giocatore di classe. Avevamo Pjanic, De Rossi, Nainggolan, Strootman…
    Poi, per carità, mancano pure almeno un altro difensore centrale ed anche gli esterni titolari, perchè è impensabile andare avanti con Morton e Spinazzola titolari, e almeno un altro attaccante capace a segnare, non un finto attaccante da 5 reti all’anno.
    Insomma se non vengono fatti inserimenti veramente importanti per me non arriviamo nemmeno in europa league quest’anno. Di certo siamo inferiori a Juve, Inter, Napoli, Atalanta, Milan e, purtroppo, non so se ce la facciamo con i burini. Forse siamo al livello della Fiorentina, o anche sotto…
    E ora vediamo se mi pubblicate il commento, che ne faccio 3 e me ne tagliate 4.

    • Ma scusa è … dire che Kluivert è stato il migliore è come dire che Dzeko ha fatto un partitone (nessuno dei due ha giocato). Spinazzola è un ottimo giocatore e le mezze carzette giocano co la squadra tua.

  9. io, allo stato attuale, sono affranto. L’affare Kumbulla mi aveva dato qualche speranza…ma poi c’è stato il caso Dzeko..Diawara….ed ora Smalling che non sembra arrivare. L’anno scorso siamo arrivati con questo allenatore quinti ad otto punti dalla quarta ed avevamo Smalling e Dzeko col rinnovo in tasca appena firmato. Ora abbiamo lo stesso allenatore (che non ha certo convinto) siamo senza Smalling e Dzeko andrebbe alla Pistoiese se potesse piuttosto che rimanere a Trigoria. Ok ci sono Kumbulla, che sarà anche bravissimo ma ha 20 anni, e Pedro, che sarà anche bravissimo ma ne ha 33. Ora pensare che non siamo in grado di spendere 18 milioni per Smalling è davvero desolante. Così la difesa per me è a livello Sassuolo. Più che un anno di transizione pare un martirio. Ribadisco, allo stato attuale. C’è sempre la speranza di leggere notizie su acquisti (ne basterebbe uno). Quanto al rinnovo di Pellegrini…mi pare l’ultimo dei problemi. forza Roma…non siamo tifosi..siamo eroi..

  10. Il problema della Roma è Fonseca. L’unica cosa buona che ha fatto è cacciare Florenzi. Perché non ha fatto la stessa cosa con Pellegrini? L’arrivo di Pedro è stata una grande notizia, così Pellegrini si accomoda in panchina, visto che a venderlo non lo prende nessuno.

  11. Noto che chi aveva lanciato la volata a totti strizzando l’occhio alla nuova presidenza oggi torna sui propri passi, evidentemente trovando le porte di Trigoria ancora chiuse. L’incubo tommasi, che non sarebbe avvicinabile, non viene valutato per competenze dirigenziali, bensì per presunta romanità, ovviamente attribuita per idee personali di “comunicatori” tifosi solo di loro stessi. Si spala letame sul trio mancini-kumbulla-ibanez, ovvio manca smalling o meglio, così come fatto con i vari rudiger o palmieri, quando semmai la vera problematica della ROMA è non vendere chi dei tre dovesse diventare forte forte come fatto il passato. Cioè prendi salah e poi lo tieni, prendi alisson e poi lo tieni, ecc. Questo può fare il nuovo presidente con investimenti immediati, rompere il cerchio di plusvalenze obbligatorie che ti costringe a vendere chi ha mercato senza poter programmare seriamente a livello sportivo. Chiedere messi o simili ed essere del mestiere vuol dire essere in malafede. Poi il tifoso chiede messi ed è diverso, anche se poco realistico. FORZA ROMA

  12. tuljulien concordo al 100%. Speriamo che entro i prossimi 10 giorni che mancano alla fine del mercato dovremo ricrederci perchè la squadra sarà rinforzata a dovere.

  13. Comunque mettete l’anima in pace : Fienga ha dichiarato che sarà un’era simil Pallottiana. Rimane Fonseca e Paratici rimane alla Rubentus che considera come società amica. Solo i texani possono smentirlo. Perciò la fase Allegri è finita,prepariamoci ai prossimi 10 15 anni di simil-Pallottismo.

  14. Chi mi conosce sa che io di raro critico ma se ci sonó pochi soldi spenderli per Allegri e concentrarsi in vendere. Se deve essere un anno di transizione almeno nuovo allenatore e ds servono per preparasi all prossimo anno. Ci sono mugugni nello spogliatoti e non c’è tempo a rivoluzionare la squadra.

Comments are closed.