SENTI-CHI-PARLA-3.jpg-radio

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Franco Peccenini a Rete Sport: “Fonseca dovrà necessariamente scegliere una formazione di livello contro il Braga, perché in Europa nessuno ti regala nulla. Schiererei Dzeko giovedì, perché Fonseca ha il dovere di recuperare il bosniaco che a sua volta ha necessità di ritrovare brillantezza e minutaggio. Con i movimenti del nove giallorosso, potresti esaltare le qualità in ripartenza di El Shaarawy e Pedro sugli esterni”.

Fabio Petruzzi a Rete Sport: “La Roma non deve prendere sotto gamba il Braga, anche perché con il Covid, il fattore campo è stato momentaneamente eliminato. A livello offensivo possono metterti in difficoltà, servirà grande concentrazione. Se fossi Fonseca manderei in campo la miglior formazione. Sceglierei Dzeko giovedì e Mayoral domenica”.

Checco Oddo Casano a Rete Sport: “Mi aspetto grande concentrazione da parte della Roma per la sfida europea di giovedì, perché nonostante il 2-0 dell’andata non si deve sottovalutare la forza dei lusitani. Schiererei un tridente leggero con Pedro, El Shaarawy e Mayoral, per sfruttare spazi e ripartenze. Totti? Ha fatto considerazioni giuste anche sulla Roma. La presenza di un uomo di campo in società è un aspetto che la nuova proprietà sta valutando. Il fatto che abbia incontrato Tiago Pinto, che era abituato a lavorare in sinergia con un grande ex calciatore come Rui Costa, penso sia propedeutico nel prossimo futuro a ragionare su un suo possibile ritorno, ma non credo nell’immediato”.

Max Leggeri a Rete Sport: “La Roma non deve commettere l’errore di sottovalutare il Braga, pensando in anticipo al Milan. I lusitani verranno qui con grande voglia di ribaltare il match e stanno disputando una grande stagione. Dal punto di vista tattico, sarebbe più appropriato Mayoral dall’inizio contro il Braga e Dzeko contro il Milan, ma Fonseca sembra aver stabilito delle gerarchie diverse. Totti? Lo riporterei di corsa a Trigoria e il ruolo può essere solo uno: direttore tecnico”.

Roberto Pruzzo a Radio Radio Pomeriggio: “Se alla Roma togli gli spazi, diventa difficile per lei scardinare le difese avversarie. Spinazzola fa la differenza, Fonseca ha clamorosamente sbagliato a schierarlo come stopper. A questa squadra serve un piano B”.

Alessandro Vocalelli a Radio Radio Pomeriggio: “Non andrei alla corsa contro il tempo per Zaniolo: non deve svenarsi per andare all’Europeo, deve pensare a recuperare al meglio per la Roma. Uno come Totti nel ruolo di direttore tecnico sarebbe perfetto per i giallorossi, abbinerebbe la sua conoscenza del calcio italiano alle capacità manageriali dei dirigenti stranieri”.

Fernando Orsi a Radio Radio Pomeriggio: “Non mi sembra che far giocare Dzeko al posto di Mayoral faccia tutta questa differenza: ora come ora Fonseca non sa chi far giocare perché non sa chi sta peggio tra i due. Non penso che per il portoghese sia una priorità restare per forza alla Roma, potrebbe anche centrare la Champions e poi salutare”.

Guido D’Ubaldo a Radio Radio Pomeriggio: “Credo che la situazione di Dzeko si valuterà nelle prossime partite. Mayoral si è un po’ smarrito e il bosniaco sta recuperando nelle gerarchie. I due punti persi con il Benevento sono un grande rimpianto. La situazione di Fonseca si deciderà nei prossimi mesi e non sarà soltanto legata alla Champions”.

Francesco Balzani a Centro Suono Sport: “Totti si è messo pubblicamente a disposizione della Roma, è un’apertura importante: ora sta ai Friedkin fare un passo avanti. So che il club sta pensando ad ex calciatori da inserire, vorrei capire perché lui ancora non è stato chiamato dalla proprietà. La Roma può ancora riprendere e superare il Milan, ma se non batte i rossoneri domenica si mette davvero male”.

Antonio Felici a Centro Suono Sport: “Trovo sconcertante che debba essere Totti a proporsi alla Roma: mi chiedo perché Friedkin ancora non lo abbia chiamato. Sono convinto che Dzeko debba giocare, ma non so se Fonseca lo schiererà: credo lo abbia già relegato a riserva di Mayoral per ripicca”.

Gianluca Piacentini a Rete Sport: “Credo che le strade di Totti e della Roma siano destinate a ricongiungersi. Non me lo immagino tra dieci anni a fare il procuratore, me lo immagino di più con un ruolo in società, un ruolo che gli permetta di sfruttare la sua capacità di riconoscere i talenti e di attirarli con il suo appeal.”

Massimiliano Magni a Rete Sport: “Contro il Braga farei riposare quanti più calciatori possibili. In attacco farei giocare Borja Mayoral, e Dzeko titolare contro il Milan”

Ciccio Graziani a Rete Sport: “Fonseca domenica forse ha sbagliato un po’ il timing dei cambi, ma contro il Benevento bastava ampiamente la qualità dei calciatori in campo, già dall’inizio, per sbloccare la partita e portare a casa i tre punti. L’allenatore può cambiare tatticamente l’assetto di una squadra, ma poi ciò che determina è l’atteggiamento dei calciatori in campo. Negli ultimi 10 minuti il Benevento ha giocato dentro la propria area di rigore”

Stefano Piccheri a Rete Sport: “Non era possibile vincere tutte le gare contro le piccole, è accaduto contro il Benevento. Noto in Fonseca una scarsa perspicacia tattica. Rispetto agli allenatori italiani, il lusitano è scolastico nella lettura delle gare. Quando il gioco si va duro, quando c’è da prendersi le responsabilità, giocatori come Mkhitaryan o Pedro dovrebbero prendersi il pallone. A mio modo di vedere la Roma ha dei limiti di personalità, anche in quei calciatori che tecnicamente dovrebbero fare la differenza soprattutto in partite complicate come quella del Vigorito”

Chiara Zucchelli a Rete Sport: “Chi di Totti estrapola solo certe frasi è in malafede. Da Vieri ha fatto un discorso estremamente maturo, sia sulla Roma sia sulla sua agenzia”

Giulia Mizzoni a Rete Sport: “Con il Braga sarà importante non subire gol sopratutto in momenti del match che possono mandare la squadra mentalmente in difficoltà. Detto ciò, la Roma per DNA non è una squadra che si parcheggia davanti alla porta avversaria, quindi immagino rotazioni in vista del Milan, ma senza cambiare l’intenzione”.

Paolo Assogna a Rete Sport: “Fonseca ha lasciato il segno in negativo contro il Benevento. Se tieni Jesus in panchina snaturando due giocatori (Spinazzola e Bruno Peres) fai un errore. Borja Mayoral? Non c’erano spazi, sarebbe servito Dzeko. Mi risulta che Dzeko giocherà con il Braga, poi non so se il bosniaco giocherà anche contro il Milan. Fonseca al momento sembra irremovibile nell’alternanza degli attaccanti: le scorie tra il tecnico e Dzeko sono rimaste, è inevitabile. Nemmeno un pazzo può pensare che Borja Mayoral sia al livello di Edin Dzeko”.

Augusto Ciardi a Tele Radio Stereo: “Fonseca una possibilità la dà a tutti, a chiunque. Lo ha fatto anche con Fazio e Juan Jesus. Io sono convinto che rivedremo a breve Pastore quando starà bene, pensate un po’. Questo significa fare il bene della squadra… Se la Roma pensa di prendere Allegri, non rinnovare il contratto di Fonseca ha un senso. Ma se devi prendere Juric o De Zerbi, allora forse è meglio restare con Fonseca, che non sta facendo un campionato così deludente…”

Marione a Centro Suono Sport: “Totti ha detto le cose che un tifoso della Roma dice da sempre. Tiago Pinto? Ha fatto sempre il secondo, nel Benfica lo faceva a Rui Costa. La Roma per ovviare a certi problemi deve spendere i miliardi. Se prendi Haaland che ti spacca le porte, non sentirai più parlare di Totti e di De Rossi, perchè il tifoso è questo, in quel momento l’emozione diventa Haaland… Sono molto perplesso sul fatto che nessuno ha cercato Totti, non capisco questa storia. Ma anche solo per un sondaggio, un caffè. Probabilmente qualcuno ha parlato male di Totti. Non so perchè Friedkin va a prendere uno sconosciuto del Benfica, che qua da noi già chiamano Tiago Finto, e non contatta Totti”.

Claudio Capuano a Centro Suono Sport: “Totti ha ragione: alla Roma servono persone che conoscono l’ambiente. Non ci sono, al momento figure rappresentative del club e che possono consigliare nel migliore dei modi i giocatori. Fonseca, domenica, avrebbe potuto utilizzare Juan Jesus e Fazio insieme: almeno avremmo mantenuto i ruoli in campo”.

Roberta Pedrelli a Centro Suono Sport: “Contro il Benevento, Bruno Peres e Spinazzola si sono pestati i piedi. Le colpe sono di tutti, non soltanto dell’allenatore”.

Roberto Pruzzo a Radio Radio Mattino: “Il campionato può ancora riservarci delle sorprese, in chiave scudetto le partite sono ancora tante. Non so se la Roma sia ancora disposta a lasciare punti negli scontri diretti, deve iniziare a farli o rischia di non entrare in Champions“.

Sandro Sabatini a Radio Radio Mattino: “L’Inter è la più forte, la Juventus subito dietro. La Roma è lì con Lazio e Atalanta, deve dare una risposta nel prossimo turno, nello scontro diretto che potrebbe permettere ai giallorossi di rialzare la testa“.

Print Friendly, PDF & Email

24 Commenti

  1. Oggi un solo grido : FORZA BAYERN! Già proprio così, perchè quell’umiliazione ricevuta grazie a quello scarso e antipatico allenatore di nome Spalletti ritorni con tutto il cuore a chi si è permesso di sfottere un popolo e una città intera umiliata da un perdente . LEWA FACCI SOGNARE E VIENI ALLA ROMA! Non ci interessa nulla se oggi siamo “potenzialmente” settimi qualora il Napoli oggi (supponiamo) batta la Rubentus. Non ci frega niente se i soliti Dottori del calcio solo oggi criticano Zorro senza nemmeno leggere i nometti in panchina e i nometti non disponibili,frutto di una dirigenza incapace e non volenterosa alla Vittoria. Quei dottori che fino a ieri volevano 2 attaccanti in campo Mayoral-Dzeko e oggi chiedono Dzeko-piagnone titolare. Che menti eccelse! OGGI TUTTO QUESTO E ALTRO NON HA SENSO: OGGI TIFIAMO BAYERN! E CHE SIA GOLEADA. FORZA ROMANISTI,EVVIVA IL ROMANISMO!

    • Ma quale Spalletti che in panchina c’era Garcia? Aahahahahahahahahahahahahahahaahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahhahahaha se te sei romanista il tuo presidente Lotirchio è completamente innocente in tutte le vicende in cui è coinvolta la Lazie (e per le quali voglio vedere quanti punti di penalità vi danno).

      Romanisti non ci si diventa, nè ci si finge, ma ci si NASCE, e te sei nato laziale, inutile rinnegare le tue vere origini.

  2. Si riparla di totti e subito la sua “comunicazione” inizia la spalata di letame contro quello che adesso è diventato tiago finto. Cioè, questo è arrivato con il covid durante il mercato di riparazione ed è già da scartare. Certo che vorrei totti alla ROMA e nella ROMA, però se il prezzo da pagare è far rientrare i magnaccia a Trigoria o far uscire qualcosa per loro, ne stia fuori anche totti. Si lavora in gruppo per gli obiettivi della squadra, se si deve ricominciare a sentire che le cose belle le ha fatte totti e le cessioni le ha fatte pinto, statte a casa france’. Comunque è una bella pubblicità per la fiction. FORZA ROMA

  3. France’, tu con i piedi sei stato un genio e sei anche una brava persona. Pero’ sei cosi’ ignorante che mi vai a cercare i pregiudicati come Conde. Rimani a fare la pubblicita’ del detersivo.
    Francamente, aspetterei di vedere Tiago Pinto all’opera prima di giudicarlo.

    • Lasciali parlà, só frustrati. Ma perchè non andate su qualche forum di contabilità? E comunque Francè nun je da retta torna presto, speriamo che tolto il senza cravatta ti diano un ruolo vero

    • E che c’entra Manchester se stavi parlando del Bayern?? Aahahahahahahahahahahahahahahahahahahahhahahahahaahhahahahahahah c’è qualcuno in quella testa? Capisco che hai idee sconclusionate e confuse in testa, ma siamo ai limiti del TSO.

      Tra l’altro auto commentarti con l’altro nick che usi, peggio di quei ridicoli che sui social si mettono il like da soli..

      Mamma mia, la Roma a voi laziali logora proprio, ti si sta spappolando il cervello oltre al fegato!!

  4. quindi la grande polemica sarebbe sulla frase “se i Friedkin chiamassero, mi siederei a parlare”. su domanda precisa (“imbucata” la chiamerei) di Vieri “se ti proponessero un ruolo decisionale?”. la frase del capitano in italiano ha un nome preciso: costrutto ipotetico. a parte la risposta del fascio, che da grande tifoso disinteressato, ha già battezzato il DT, me sbaglio o finchè non lo chiamano stamo a parlà de tutto e de gnente?
    e forza Roma!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here