SENTI-CHI-PARLA-3.jpg-radio

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Angelo Mangiante a Rete Sport: “Non c’è mai una fine a questo incubo contro le big. Non ricordo una stagione della Roma con tre punti in otto scontri diretti. Squadra incompiuta, una gestione che non riesce a trasferire una diversa mentalità alla squadra. La cosa che preoccupa è che non si vede una via d’uscita. Tu puoi anche perdere contro il Milan, ma bisogna vedere come. Non così. Salvo solo Veretout dalla Roma di ieri sera. A Firenze vorrei vedere Mirante in porta. L’insicurezza della squadra nasce anche dagli errori di Pau Lopez e Fazio. Smalling adesso serve tantissimo a questa Roma. Forse può strappare una convocazione per Firenze, ma poi deve giocarle tutte. Mkhitaryan-Theo Hernandez? Se vai al monitor per Fazio-Calabria devi andarci anche per quell’episodio. A fine gara mi aspettavo una reazione di Fonseca o del dirigente, ma nessuno ha voluto parlare. Se non lo fanno loro perché dobbiamo farlo noi?”.

Gianluca Piacentini a Rete Sport: “La Roma non riesce mai a fare il salto di qualità, è un dato di fatto. Fonseca continua a parlare di errori individuali, ma non fa niente per mettere a suo agio i calciatori in difficoltà: se Pau Lopez non è bravo con i piedi, non è obbligatorio ripartire sempre con lui. Fazio ha sbagliato, ma la Roma ha la decima difesa della serie A e Fazio in campionato ha giocato solo due partite”.

Massimiliano Magni a Rete Sport: “Il Milan aveva problemi di autostima, la Roma gliel’ha restituita”.

Andrea Pugliese a Rete Sport: “La Roma ha affrontato il Milan nel peggior momento della stagione dei rossoneri e non si può sbagliare così l’approccio ad una gara chiave come quella di ieri. Una mancanza di intraprendenza, idee, spirito, entusiasmo inconcepibili. Non credo sia casuale che la Roma sbaglia tutte le partite importanti, evidentemente ci sono dei difetti cronici in fase di preparazione mentale e tattica a queste sfide. Ieri si è capita la differenza tra la Roma con Dzeko e una Roma sena Dzeko. Mayoral ieri è sparito ed è accaduto anche contro la Juventus. Se la Roma vuole arrivare in Champions deve recuperare il bosniaco”.

Giuseppe Giannini a Rete Sport: “C’è stato un momento di questa stagione in cui la Roma avrebbe potuto fare il salto di qualità e lottare addirittura per il titolo. Purtroppo la squadra ha dimostrato palesi carenze contro le big. Penso che la vicenda Dzeko in qualche modo abbia influenzato il gruppo in quest’ultimo mese. E’ un peccato perché a parte l’Inter che è uscita alla grande nelle ultime settimane, le altre non viaggiano col vento in poppa. Nei primi 20 minuti contro il Milan ha sofferto troppo, poi la Roma si è sciolta dopo lo svantaggio e ha mostrato le sue qualità offensive. Il Milan ha denotato un temperamento maggiore in diversi elementi, a cominciare da Ibra, ma anche altri come Hernandez: quella sfrontatezza che in molti elementi giallorossi manca”.

Chiara Zucchelli a Rete Sport: “Se parliamo sul lungo raggio è evidente il problema della Roma con le grandi, ma ci sono alcune partite in cui alcuni errori dei singoli mi fanno pensare che forse alcuni giocatori non sono così forti come crediamo”.

Giulia Mizzoni a Rete Sport: “Ieri la partita nasce male a causa di alcune scelte di Fonseca che per me restano inspiegabili, su tutte Fazio fuori ruolo che ha costretto Spinazzola a stare bloccato nel primo tempo. Poi come al solito gli aggiustamenti, anche mantenendo gli stessi 11 in campo, non sono arrivati. Ma la Roma nel secondo tempo gioca, e ancora una volta le manca quel dettaglio. Quell’attenzione, quella determinazione nelle scelte. Su questo l’allenatore non c’entra”.

Marione a Centro Suono Sport: “Pau Lopez? Ho letto che ha fatto belle parate, io ho visto fare cose indicibili. Abbiamo giocatori che non sono promesse. Fazio? Non è nemmeno colpa sua, da una vita che non gioca. Il var vede il rigore e va bene, però non dà rigore su Mkhitaryan per chissà quale motivo. Non c’era il fallo di Miki su Theo, tendenzialmente l’arbitraggio è stato appannaggio del Milan. Un arbitraggio strano, che secondo me non ha influito troppo. Potevamo pareggiarla, forse. Al Milan 13 rigori, mi sembra, è favorito nella corsa Champions dagli arbitri, poco ma sicuro. Abbiamo giocatori che non possono competere, non sono competitivi. Partiamo da Spinazzola il più forte della Roma, è più scarso dei terzini delle big. Pau Lopez dovrebbe andare via immediatamente. Mancini ce la mette tutta, ma a questi livelli non può giocare. La Roma non ha un leader.”

Stefano Agresti a Radio Radio Mattino: “Una foto la lascio a Guida, perché il Milan ha meritato di vincere, però con un arbitraggio equo non avrebbe vinto. Secondo me c’era il rigore su Mkhitaryan, era netto. Ma il fallo fischiato a Mancini è clamoroso. Dove fa fallo? Ha fischiato qualche fallo di confusione. A me Pellegrini piace molto, però ieri ha giocato male. Non capisco l’avversione di alcuni tifosi, credo che la Roma debba costruirci il futuro.”

Roberto Pruzzo a Radio Radio Mattino: “Rebic per una volta è stato migliore in campo. Ma vorrei sapere il voto che ha preso Guida nelle varie pagelle. Per curiosità mia. Le foto della giornata? Guida, Guida e Guida. All’arbitro darei 4, penso sia d’obbligo. La Roma ha perso anche per colpa dell’arbitro. Mancini va a saltare di testa e viene penalizzato per un contatto all’ordine del giorno. Ma che fallo è? Se quello è fallo appendiamo gli scarpini al chiodo. E Fazio? sai quanti ne vedi di pestoni così durante la partita. Pellegrini? E’ coinvolto in una situazione di instabilità. Non credo ci sia una rivolta perchè è amico di un giocatore della Lazio. Ieri sera è stato in difficoltà, ma io ci farei la squadra intorno a lui”

Furio Focolari a Radio Radio Mattino: “Pau Lopez è vittima di un meccanismo. Il portiere che gioca con i piedi, con i passaggi di un certo tipo è costato caro alla Roma. I primi 20’ sono stati imbarazzanti, non credevo ai miei occhi. Dopo è cominciata un’altra partita. Pellegrini? Se lo metti sul mercato lo prendono le grandi, è un giocatore importante. Nella partita di ieri non ha fatto una grande partita, ma non è stato il peggiore. Ieri Villar peggiore in campo. Io lo difendo Pellegrini, e gioca contro una squadra che ha una sindrome con le big.”

Nando Orsi a Radio Radio Mattino: “Il Milan è la squadra della domenica, ha dimostrato di giocare bene. Secondo me il Milan poteva fare 5 gol. Ieri non c’è stata partita. Rinvio sbagliato di Pau Lopez? E’ giusto che sbaglino. Il Milan è più forte della Roma. Guida? Secondo me non c’entra, il Milan ha meritato. Pau Lopez tra i migliori in campo con Veretout. A Guida dò 5,5.”

Mario Mattioli a Radio Radio Mattino: “Io vedo i duelli tra Villar e Kessie il simbolo della partita. Chiara la superiorità tattica del Milan, arbitro o non arbitro. Anche Fonseca ha fatto errori grossolani. Guida? Dò 5,5 o 6. ”

Alessio Nardo a Tele Radio Stereo: ”Batosta durissima per quello che è il cammino della Roma. C’erano tante aspettative su questa gara, c’era da affrontare la squadra in un momento non brillantissimo. Le premesse c’erano. L’approccio però è stato del tutto sbagliato. Nel primo tempo la Roma non si è presentata. Nel secondo tempo la partita è un po’ cambiata. La Roma ha avuto le sue occasioni, c’è stato anche un arbitraggio discutibile. La Roma però ha fatto poco, ha sicuramente deluso. Il primo scontro diretto che la Roma perde in casa.  Noi sappiamo di essere inferiori a Inter e Juve, e gli ultimi campionati ci dicono anche l’Atalanta. Sul Milan c’era il dubbio, e in questa fase ti dimostra che è più forte. Il campionato è ancora lungo, c’è ancora modo di entrare in Champions. Ha ragione Fonseca quando dice che l’arbitraggio con le big è sempre lo stesso. La Roma avrà i suoi limiti, tutto quello che volete, ma se ci sono episodi al limite non vengono mai dati a favore della Roma”

Riccardo Cotumaccio a Tele Radio Stereo: “Io non so se sia rigore solare nel complesso, ma non c’è fallo di Mkhitaryan. E se non è fallo il primo contatto, allora è rigore. Pedro entra in campo ed è un po’ che dice ‘ma che succede’, bisogna capire quale sia il problema. El Shaarawy ancora un po’ acerbo. Tutti piccoli dati che confermano quanto la Roma non riesca ad essere davvero pericolosa in certe occasioni. Offensivamente parlando la Roma è sterile. ”

Print Friendly, PDF & Email

41 Commenti

  1. buongiorno e forza Roma!
    partiamo dalle considerazioni tecnico-tattiche: i 20 minuti iniziali sono da vergogna. non puoi appoggiare palla sempre sul giocatore marcato, anche quelle poche volte che azzecchi il passaggio e non la dai direttamente a loro. non puoi battere rimesse laterali e punizioni sempre e solo guardando indietro, e poi parti col “possesso palla” che era dare palla al Milan. non puoi tenere 3 centrali, di cui uno è un centrocampista, su una sola punta centrale, e lasciare perennemente Villar e Veretout in 1contro1, ad “impostare”, sperando che saltino il primo pressing. dopo 5 minuti riporti Cristante a centrocampo e giochi 4-3-2-1. poi qualcuno un giorno ci farà sapere cosa si dicono prima della partita, così scopriremo perchè iniziano ogni partita importante facendosela sotto.
    ma il calcio sono episodi, e i nostri regali loro li hanno sciupati (sarebbe curioso sapere cosa avreste detto se quei gol se li fosse mangiati Dzeko e non Ibra). il rigore loro c’è, ma l’azione prima era rigore per noi (parata di Tomori su tiro di Pellegrini). poi ci ha tolto un gol in modo indecente, e senza andare a vedere se avesse sbagliato o meno, poi Tomori su Veretout, infine il fallo su Mkhi. Mayoral è stato picchiato sistematicamente, mai un giallo, sempre ginocchiata nella schiena ma se po fa.
    il fatto che sia malafede, lo dimostra il video degli highlights della lega: tutti gli episodi in area milanista non compaiono.

    • Concordo sull’analisi della partita nei primi 25 minuti. Il fatto che VIllar, l’emblema dell’ordine del centrocampo, sia stato messo in seria difficoltà dal pressing iniziale del Milan è l’emblema dell’approccio (l’ennesimo) sbagliato. Concordo anche sul loro rigore, purtroppo il pestone è netto, possiamo discutere sull’utilità dell’entrata di Fazio su Calabria(non certo Ibra, Rebic o Theo) spalle alla porta….ma c’è poco da dire. Concordo un po meno su Mayoral, a mio avviso non è un giocatore presentabile a questi livelli e lo dico da tempo. Gioca sempre e solo spalle alla porta, non salta mai e dico mai l’uomo, troppo spesso sbaglia tempi e movimenti della giocata è totalmente assente dai meccanismi di gioco, e giustamente viene divorato da qualsiasi coppia difensiva. Il gol di Mky anche per me è buono ma il rigore non dato è corretto, li non c’è n iente..ne fallo per loro ne per noi..Miky si lascia cadere senza troppi problemi. Errori dei singoli a parte, anche Fonseca questa volta ha delle grosse responsabilità sui cambi troppo tardivi.

      • su Mayoral ho solo detto che gli hanno menato tutto il tempo, autorizzati a farlo. è l’attaccante di riserva, mejo de Schick e de Kalinic sicuro. non lo considero un campione neanche io. però 15 mln per 10 gol a stagione, io li spenderei, mejo che non avere la prima punta di riserva. il problema è che Dzeko non è il titolare, e se ne deve andare per gli atteggiamenti mostrati

      • si ma vedi il discorso per me non deve essere impostato sul paragone di chi ci è stato e se è peggio o meno, ma su quello che è effettivamente funzionale alla squadra. In assoluto io lo vedo un giocatore non adatto a certi livelli, sbaglia tempi e movimenti in maniera grossolana, e non può essere il titolare della Roma. Sul fatto che gli abbiano menato, la domanda è : esiste una difesa a questi liveli che non “mena” gli attaccanti avversari? Credo proprio di no..il punto è che è tenero anche in quello. Le qualità tecniche di Dzeko non sono in discussione,degli atteggiamenti me ne frego, quello che è in dubbio è semmai la sua vena realizzativa e l’eà anagrafica……Alla Roma manca un attaccante importante, che garantisca almeno 20 gol in campionato(Coppe escluse) .Se si va a guardare la classifica dei cannonieri si capisce molto. Il nostro miglior marcatore è un centrocampista(Veretout) che tra l’altro è anche rigorista questo da il quadro completo a mio avviso.

      • sa74, ma infatti l’ultimo scudetto l’abbiamo vinto con Montella riserva di Bati. sul discorso in generale, sfondi porte aperte. poi bisogna vedere a) chi ti puoi permettere e b) chi ce viè alla Roma adesso. e questo lo deve risolvere Tiago Pinto: mi deve prendere “il prossimo Bati” quando ancora nessuno ha capito che è il prossimo Bati, perchè questo possiamo permetterci. sperando che i Friedkin non lo vendano, ma l’atteggiamento della presidenza a giugno inizieremo a capire quel’è

    • Premesso che non abbiamo perso per questo, ma altra cosa che mi aspetterei di vedere sanzionata sono le bestemmie di Pioli, chiarissime e ripetute. A meno che Milano, patria della “madonnina”, non sia esentata…
      Cmq tornando alla partita è stato davvero un caso fortuito che nei primi 15 minuti non abbiamo preso uno o più gol. Qualcuno l’aveva pure detto: i passaggi li puoi dare in bocca agli avversari col Braga, non col Milan. Sono 2 partite che è così, se la cosa persistesse inizierei quasi a pensare che i giocatori hanno fatto un patto per cacciare l’allenatore.
      Dopodiché come dici tu il calcio è fatto di episodi e può persino succedere che il Milan li sbagli, purtroppo però gli episodi sono stati anche a nostro sfavore: il pestone di Fazio, il regalo di Pau Lopez che pure al di fuori di quella sciagura ha salvato almeno 3 gol, Rebic che fa il fenomeno quel tanto che basta per segnarci e poi esce di scena, Mkhitaryan che invece tira ciavattate pur avendo diverse occasioni più che ghiotte (su tutte il pallonetto solo davanti a Donnarumma)…
      Insomma una partita a dir poco strana, non so davvero dove finisca la mano fi Fonseca e dove comincino i piedi (storti) dei nostri.

      • se il tuo trequartista centrale (Pellegrini nello specifico) serve per andare a marcare il terzino sinistro, e così non ha un posizione per tutta la partita, l’allenatore ha sbagliato tutto. infatti sperava di attaccare con Villar o Veretout che dovevano saltare l’uomo a centrocampo, e con Spinazzola che prendeva palla puntualmente con 2 uomini addosso. quando nel secondo tempo la palla a Spina arrivava nello spazio, casualmente Spina ha fatto 4 azioni da gol. sa74, ps: se non fischi fallo di Mkhi e lasci correre, va bene. se fischi fallo, come ha fatto, o è rigore o deve intervenire il var se non dai rigore.

      • Però io vedo la tipica sindrome del tifoso tafazzosso. Se Ibrahimovic sbaglia 4 goal facili ci è andata bene, ci hanno graziati. Se li sbaglia Miki, ciavatta. La verità è che il Milan è scarso. Se non era scarso, la partita di ieri la chiudeva in 20 minuti, invece ha rischiato di pareggiarla. Anche la Roma è scarsa, ormai è inutile dire sempre che la partita dopo è “quella dell’esame” o “quella della svolta”. Siamo a Marzo, il valore della Roma è quello. Perciò cosa rimane? Che in una partita tra due scarse che hanno fatto molti errori, la differenza l’ha fatta l’arbitro, guardacaso sempre a favore di una strisciata.
        Questo è il discorso.

      • @Idi di Marzo
        non vedo perché tu legga “Ibra sbaglia=ci è andata bene” e “Miki sbaglia=ciavatta” in modo differente: sono esattamente la stessa cosa. Ci è andata bene che Ibra abbia sbagliato, e al Milan è andata bene che Miki abbia sbagliato.
        Quindi nessun tafazzismo ti assicuro 🙂 parlavo solo del fatto, come diceva @sbinf, che il calcio è fatto di episodi e che in questa partita ce ne sono stati sia a favore che contro.

        Io poi -parere personalissimo- continuo a pensare che una squadra “scarsa” difficilmente sarebbe al secondo posto. Se il Milan secondo è scarso, l’Atalanta quarta cos’è? Eppure con il Milan sono state due partite alla fine equilibrate in quanto a occasioni, nonostante tutto, mentre l’Atalanta è stata (e sarà anche al ritorno se continua così) una non-partita.

        Quindi forse sarebbe più sensato smetterla di dare patenti di scarsezza e bravura a destra e a manca senza tener conto della realtà dei fatti, perché le cose sono due: o una squadra si giudica per il momento che vive (e allora il Milan non può essere giudicata una squadra scarsa), o la si giudica a fine campionato per dove arriva, e allora lo diremo alla fine.
        Idem vale per noi, naturalmente.

    • Ahahahaha ecco gli allenatori del lunedì!!! Candidati a Trigoria come Mister! Tifate invece di piangervi addosso,questi giocatori abbiamo e ieri eravamo in emergenza in difesa. Ma poi che c’entra Dzeko? Era infortunato

    • La Roma non ha nessun centrocampista con attitudini difensive, non c’è protezione né filtro, non puoi giocare contro le prime in classifica con due trequartisti, dovresti rinunciare ad uno dei due e giocare a tre davanti la difesa, visti anche gli infortuni e lo scarso livello qualitativo dei centrali. Sorpreso che nessuno tra allenatore etaff se ne accorga.

      • Diawara, Villar, lo stesso Cristante visto che ormai penso che la porta (almeno quella avversaria, concedimi la battuta!) non la veda più essendo intristito in difesa o in mediana.

      • Esatto quanto sostieni, ma la maggior parte degli osservatori, esperti o meno, non vede che il problema principale della Roma, prima ancora della pochezza dei difensori e dell’assetto tattico difensivo, deriva dal fatto che non abbiamo centrocampisti in grado di chiudere gli spazi o quanto meno di ritardare l’azione degli avversari. Ed ecco allora che anche ieri i giocatori del Milan arrivavano indisturbati nei pressi dell’area di rigore romanista con tutte le conseguenze immaginabili. Mi chiedo: Fonseca è consapevole di tanta vulnerabilità a centrocampo?

      • Cristante è un trequartista o un centrocampista con doti di inserimento offensive (nel complesso è un giocatore assai modesto però). Nella Roma è stato riciclato addirittura in difesa perchè comunque si gioca a tre dietro e più avanti è peggio di quelli che giocano abitualmente. Villar è un palleggiatore con discreto controllo palla completamente privo di attitudini difensive e inutile con palla agli avversari, Diawara avrebbe dovuto essere il profilo giusto, sennonché io ad oggi non ho capito cosa sappia fare (pare nulla).

      • @Vincent Vega
        su Cristante e Villar possiamo discutere, non pretendo di saperne più di altri; Diawara invece penso che ciò che sa fare l’abbia dimostrato e che ci sia una certa prevenzione nei suoi confronti, specie se quello che sa fare me lo chiami “nulla”. Ecco, sul “nulla” non sono proprio d’accordo, ma amen, sopravviveremo 🙂
        Se non fosse che Veretout al momento è imprescindibile io vorrei vedere una mediana con lui e Villar, per dire.

      • @Geppo, anche Diawara, che a me non piace (ma io non faccio testo, visto che non mi piace nessun giocatore in rosa praticamente), mi sembra più che altro un Villar solo con meno qualità nel palleggio…Non è un lottatore, un incontrista un limitatore dell’offensiva avversaria. Insomma il punto è che centrocampo non aiuta a sufficienza i tre centrali difensivi (incerti). Con le prime devi rinunciare ad un trequartista.

  2. Non vinciamo mai con le grandi (e il Milan lo e’ per blasone, ma e’ una squadra mediocre), facciamo 20 minuti da incubo in cui sembrava volessimo farci gol da soli, e stiamo parlando degli arbitri??

    • Pellegrini giocatore sopravalutato , io le partite al contrario di Pruzzo le vedo tutte sbaglia passaggi che neanche i pulcini , non segna mai e perde un sacco di palloni , pure capitano boo niente da dire sulla persona ma tecnicamente è sopravvalutato , non so magari non sta in forma a me me pare na pippa.

  3. È rimasta la Coppa Uefa,e la vogliamo vincere! Per il campionato visto che il Sassuolo è a 9 punti basta lasciarsi dietro 1 tra Napoli e Bamzio,così almeno possiamo rientrare in Coppa Uefa qualora non la riuscissimo a vincere quest anno.
    Ora tutto si deve concentrare proprio sulla vittoria della Coppa,ricordiamoci che la vince anche il Siviglia di Monchi…..
    Con la conquista della Coppa si darebbe il via alla stagione della svolta: 1) i Friedkin a Giugno devono investire ingenti somme sui Campioni e mandare via da questa rosa i mille pesi morti che non servono a nulla 2) Fienga purtroppo è stato rinnovato per 2 anni per volrre di chi si sa e speriamo che lo rimuovano presto 3) Totti subito in società e vedere come è De Rossi allenatore.
    Il Comunicato di rinuncia al Progetto di Eurnova è l’inizio e deve essere il punto di partenza per Roma e i Romanisti. Sta iniziando l’era Friedkin. P.S.: chi si accorge solo oggi delle carenze tecniche della squadra è lo stesso che in 10 anni ha osannato il Clown e ci ha letto Markettransfef e il libretto di Eurnova.

  4. De Rossi allenatore è una bella suggestione ma anche un grande azzardo in questo momento. Io proporrei il percorso di tanti altri allenatori, fare il secondo nella Roma ad una grande allenatore per poi fare il salto. Non facciamoci suggestionare da Pirlo che ancora sta studiando ma finchè c’è un certo Ronaldo naviga a vista e si vede 10 punti lontano dalla vetta con quello squadrone di campioni.

  5. peccato … altra prova non all’altezza … erano tre punti fondamentali per la corsa alla Champions ,,, i primi minuti imbarazzanti , se il milan faceva 3/4 goal ,,, non aveva rubato niente , c’è questo tarlo di giocare con le dirette concorrenti ,,, così la vedo durissima ,,,
    FORZA ROMA ,,,,

  6. Fermo restando che a Mancjni annullano il gol e ad Ibrahimovic gli danno il gol contro il Verona (andatelo a vedere è la stessa situazione), ad oggi credo che consolarci con i bruscolini non serve a nulla. Speriamo che finisca presto questa stagione che è un altra ricca di njlla. Siamo avvolti in una mediocrità in tutto,dai dirigenti,alla squadra e via dicendo. Pochissimi punti contro “le big” e non possiamo attaccarci agli arbitri. Vedere Fazio preferito a Kumbulla è a dir poco scandaloso….non voglio entrare nel merito ma abbiamo preso giocatori veramente scarsi. E non voglio più sentire esaltazioni sui singoli perchè anche ieri Villar,lo stesso Pedro e ci metto pure Spinazzola hanno dimostrato il vero valore che hanno,poco e non è utile a vincere . E basta sentire che Korsdrop è più forte di Florenzi….è stato nullo come sempre. Questa è gente utile a vincere contro il Crotone,nulla più.

  7. A parte i soliti errori nostri il rigore per il milan è stato fischiato al momento della designazione guida-irrati. Sempre la stessa storia che non cambierà mai.

  8. Lasciamo perdere gli arbitri non è il momento. Il Milan nei 90 minuti ha meritato di vincere sportivamente parlando hanno un gioco di squadra corale e avvolgente e il loro allenatore un senso tattico migliore del nostro. In questo sono superiori ma nella rosa siamo superiori noi. La responsabilità delle sconfitte è prima di tutto tattica. Se fai un errore di palleggio con le piccole non succede niente ma con le grandi prendi gol. Se giochi con due centrocampisti con le piccole domini il gioco ma con le grandi ti pressano e ti mettono in difficoltà. Ieri e penso anche con Napoli Lazio Atalanta se fai 4321 vinci. Non si possono ripetere sempre gli stessi errori e giocare sempre nello stesso identico modo

  9. Mancini Fazio e “Bau” Lopez: voto “Zero”. Ma il pensiero va anche i “vecchietti di Pallotta”: “Time lapse” Smalling, “Jorky ball” Pedro e “nonno” Dzeko: chi li ha visti quest’anno? Quanto hanno inciso in positivo? Poco o nulla. La politica delle vecchie glorie non paga, vedasi Pastore oltre quelli già nominati. Il lavoro più difficile sarà sfoltire tutti sti ingaggi inutili. Ieri ennesima scoppola, e si scivola giù in classifica. Il quarto posto era l’ultimo alibi del P-team: dopo la botta-stadio nessuna scusa da inventare?

  10. E’ davvero incredibile ciò che noi romanisti stiamo vivendo. A memoria non ricordo una annata così strana. Sicuramente abbiamo vissuto campionati più brutti e anche amarezze cocenti arrivate alle ultime giornate, ma non credo di aver mai assistito ad una ripetitività così metodica di delusioni.
    Pur con tutti i difetti e carenze (innumerevoli) di questa rosa, circa ogni tre giornate ci siamo trovati tutti a tifare per il salto di qualità e puntualmente lo abbiamo fallito più o meno per le stesse ragioni.
    Ma quante altre identiche delusioni dovremo sopportare prima che si provi a cambiare qualcosa?
    Forse perderemo lo stesso gli scontri diretti, ma almeno avremo avuto la sensazione di aver fatto qualcosa per evitare il ripetersi di una tragica e scontata routine.

  11. Sinceramente : visto il livello (si fa per dire) della Rosa e i presunti investimenti, direi che è meglio così. Arrivare alla Champions e poi prendere dai 4 gol in su contro le squadre forti (almeno una nel girone di qualificazione + l’altra agli ottavi di finale – sempre se passi il turno) francamente NO. Squadra inadeguata, allenatore pure, Società 50 e 50. Direi che per questa stagione può bastare.

  12. La rosa della Roma non e’ la peggiore tra le prime sette. L’allenatore li mette male in campo e non rendono come dovrebbero. All’inizio dell’anno eravamo da sesto posto ed ora sta divenendo lampante.
    Mettiamola cosi’: stavolta non abbiamo preso 4 pappine.

  13. Caro pruzzo al massimo pellegrini ci puoi costruire la panchina ,io non so perché viene esaltato così non sa calciare angoli mosci punizioni mosce ogni tanto azzecca un passaggio dopo tanti sbagliati ma…
    30 milioni di clausura ma nessuno lo compra con sto prezzo se era un top.. forza roma

  14. Il merito di questo film horror è di pallotta e petrachi che non solo hanno il cattivo gusto di parlare ancora ma l’ex direttore sportivo di chiedere addirittura anche i danni alla nuova società pari a 5 milioni…. una follia! Non è “Giusta causa” questa?…questo scempio di squadra?….
    Petrachi è la VERGOGNA di questo calcio, ha distrutto un organico e lo ha sminuito. Non parliamo poi dell’allenatore, inadeguato per una piazza così grande. Ho i brividi pensando allo shaktar…
    Che Dio ci salvi!

  15. Pruzzo…la squadra è già stata costruita intorno a pellegrini…una squadra di pippe intorno a una emerita pippa!

Comments are closed.