ROMA UDINESE, L’AVVERSARIA – La Roma si prepara a tornare in campo dopo la deludente gara disputata a San Siro, terminata con il risultato di 2-0 per il Milan. Nel frattempo l’Atalanta continua a macinare successi e il quarto posto si allontana. Nove punti di distanza sembrano davvero molti, ma la squadra di Fonseca non è ancora intenzionata a rinunciare alla lotta per la zona Champions. Per questo portare a casa tre punti contro l’Udinese diventa fondamentale.

Prossimi impegni

Roma-Udinese (29° turno di Serie A, 2 luglio ore 21.45, Stadio Olimpico)
Udinese-Genoa (30° turno di Serie A, 5 luglio orario da definire, Dacia Arena)
Spal-Udinese (31° turno di Serie A, 9 luglio ore 19.30, Stadio Paolo Mazza)
Udinese-Sampdoria (32° turno di Serie A, 12 luglio orario da definire, Dacia Arena)

Come l’Udinese arriva alla sfida contro la Roma

L’ultima giornata di campionato ha visto l’Udinese impegnata contro l’Atalanta, squadra in lotta con la Roma per il quarto posto. La squadra di Gasperini è passata in vantaggio al 9′ grazie alla rete di Zapata e prima della fine del primo tempo Lasagna ha pareggiato i conti su assist di Fofana. Niente da fare però per gli uomini di Gotti nella seconda metà di gioco: la Dea ha blindato il risultato grazie alla doppietta siglata da Muriel e a nulla è servito il secondo gol all’87 di Lasagna. La sfida andata in scena alla Dacia Arena è quindi terminata 3-2 per l’Atalanta. Il ko confina i bianconeri al 15° posto in classifica, a quota 28 punti.

Punti di forza e debolezze

Il bilancio dell’Udinese in campionato è negativo: in 28 partite sono state collezionate 7 vittorie, 7 pareggi e ben 14 sconfitte. I gol messi a segno sono stati 23 (media di 0,8 a partita) e quelli subiti 41 (media di 1,5 a partita). Quello dei bianconeri è quindi il secondo peggior attacco della Serie A, dopo quello della Spal (21 gol in 28 gare). Quella di Gotti è inoltre la quarta squadra ad aver finora sbagliato più cross (189 utili e 139 sbagliati (42%)) e che ha corso meno in campionato (media di 107,09 km percorsi a partita).

Buone notizie per la Roma: i dati raccolti fino a questo momento rivelano che in trasferta l’Udinese ha il peggior rendimento del campionato. Lontano da casa per i friulani sono infatti arrivate solo 2 vittorie, 3 pareggi e 9 sconfitte, sono stati messi a segno 11 gol e ne sono stati incassati 26. Migliori invece i risultati ottenuti alla Dacia Arena: 5 vittorie, 4 pareggi e 5 sconfitte, 12 gol realizzati e 15 subiti. Proprio qui i bianconeri hanno conquistato la loro ultima vittoria in campionato, il 3-0 realizzato contro il Sassuolo il 12 gennaio. Da quel momento per gli uomini di Gotti sono arrivati 4 pareggi e 5 sconfitte. Un’occhiata al cronometro rivela che l’Udinese tende ad essere più pericolosa nell’ultimo quarto d’ora di gioco (39% gol realizzati tra il 75′ e il 90′) e che risulta invece essere più vulnerabile negli ultimi 15 minuti del primo tempo e tra 60′ e il 75′ (24% dei gol subiti arrivati in questi due momenti).

Il miglior marcatore dell’Udinese è Lasagna, a quota 6 gol, autore di una doppietta nell’ultima di campionato contro l’Atalanta. L’attaccante detiene anche il primato per il numero di occasioni create finora (32) e per i tiri effettuati (53). Sul secondo gradino del podio troviamo De Paul e l’ex giallorosso Okaka, entrambi a quota 5 reti. Il giocatore che ha servito più assist è invece Fofana (5), che vanta anche la migliore percentuale di precisione dei passaggi effettuati (87,7%) . Mandragora è invece il bianconero con la media più alta di km percorsi a partita (10,9). Finora in campionato Gotti non ha mai rinunciato al portiere Musso, che ha quindi collezionato 28 presenze su 28 match e ben 9 clean sheet (32,1% delle partite giocate terminate a porta inviolata). Solo Donnarumma (11) e Szczesny (10) hanno fatto meglio in campionato.

Le scelte di Gotti per Roma-Udinese

Il 3-5-2 è stato il modulo più utilizzato finora dall’Udinese in campionato, anche dal nuovo tecnico Luca Gotti. Per il match contro la Roma, il tecnico bianconero dovrà fare a meno di Mandragora, out per i prossimi mesi a causa della rottura del legamento crociato, e di Prodi, ancora alle prese con una tendinopatia. Il resto della squadra è pronto e arruolabile. Tra i pali come sempre ci sarà Musso, con De Maio, Samir e Nuytinck a completare il reparto difensivo. Centrocampo a 5 con Stryger Larsen, Fofana, Walace, De Paul e Zeegelar. La coppia d’attacco sarà invece formata da Okaka e Lasagna.

La probabile formazione

UDINESE (3-5-2): 1 Musso; 87 De Maio, 17 Nuytinck, 3 Samir; 19 Larsen, 10 De Paul, 11 Walace, 6 Fofana, 77 Zeegelar; 7 Okaka, 15 Lasagna.
A disp.: 88 Nicolas, 27 Perisan, 5 Ekong, 50 Becao, 18 Ter Avest, 8 Jajalo, 12 Sema, 61 Ballarini, 30 Nestorovski, 91 Teodorczyk.
All.: Luca Gotti.

BALLOTTAGGI: Walace-Jajalo, Larsen-Ter Avest, De Maio-Ekong.
INDISPONIBILI: Prodl, Mandragora.
IN DUBBIO: –.
SQUALIFICATI: –.
DIFFIDATI: Sema, Nestorovski, Ekong.

Print Friendly, PDF & Email

2 Commenti

  1. Ho visto entrambe le partite giocate dall’Udinese dopo il lockdown.
    E’ una squadra che corre, molto fisica, con alcuni giocatori davvero di qualità (De Paul, Lasagna, Nestorowsky: tutti e tre peraltro con un conto aperto con la Roma…come anche Okaka, che normalmente contro di noi diventa Ronaldo), altri di corsa e gamba (Fofana, Ken Sema), un gran bel portiere ed un gioco molto offensivo.
    Pur uscendo sconfitta, non ha mai sbracato ed onestamente ha raccolto meno punti di quanti ne meritasse (specie contro il Toro).
    Questo per mettere in guardia coloro che professano un inspiegabile ottimismo per domani sera, come se questi si battessero da soli o venissero a Roma in gita!
    La Roma di San Siro le busca contro l’Udinese che ha perso di misura contro l’Atalanta, per cui piedi per terra e pedalare.
    Nell’Udinese gioca quel Rodrigo Becao che – per quanto sia fondamentalmente scarso – riuscì, quando ancora giocava nel CSKA Mosca, ad indispettire e fare incaXXare a tal punto Dzeko, Edin non combinò nulla e addirittura rischiò di farsi cacciare fuori. IN CAMPANA

Comments are closed.