SENTI-CHI-PARLA-3.jpg-radio

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Stefano Petrucci a Tele Radio Stereo: “La conclusione di questa vicenda è ancora molto lontana…Forse nell’arco di un mese ci potrebbe essere un calo sensibile del contagio, ma temo che alle prime riaperture a cose che ora sono vietate secondo me ripartiamo con i focolai e con i contagi. Io penso che questa settimana sarà decisiva, solo tra 8 giorni potremo dire in che direzione stiamo andando”.

Daniele Lo Monaco a Tele Radio Stereo: “E’ chiaro a tutti che non si fa in tempo a ripartire neanche il 10 maggio…e dunque si deve spostare un po’, e si finirebbe per terminare il 15 luglio. A quel punto da metà luglio fino a ferragosto la Uefa darebbe l’ok per terminare le Coppe europee. Secondo me non si può fare, ma è un’ipotesi su cui si sta discutendo. Giocare le coppe fino al 10 agosto significherebbe fare una partita ogni tre giorni per quelle squadre come la Roma che giocano anche le coppe. L’altra proposta è di dire che non c’è spazio per la formula classica, e allora inventiamoci una formula diversa perchè cristallizzare così il campionato è una formula che non vuole nessuno. Ed ecco che si torna a parlare di play-off e play-out in un posto in Italia più tranquillo, e si sta pensando di giocare in Sardegna…Almeno così si avrebbe una sorta di classifica e ci sarebbe una fine meritocratica del campionato. Altrimenti bisognerebbe dire che questa stagione non c’è mai stata”.

Roberto Renga a Radio Radio Mattino: “Si può anche pensare di giocare questo campionato in estate, poi dare una settimana di vacanza ai giocatori e poi ripartire regolarmente con la nuova stagione a settembre… I calciatori possono pure fare questo sacrificio per il bene del calcio, ma anche per il bene dei tifosi”.

Roberto Pruzzo a Radio Radio Mattino: “Ma come puoi pensare di giocare questo campionato, dare una settimana di vacanze ai giocatori, e poi ripartire col prossimo campionato? Ma dai, non scherziamo”.

Print Friendly, PDF & Email

3 Commenti

  1. ma se hanno rimandato le olimpiadi che si sarebbero dovute svolgere in estate????
    I presidenti tremano. Sanno che la baracca salterà per aria. Già prima della pandemia la maggio parte delle società calcistiche di A erano tecnicamente fallite.

  2. gary magica roma
    Di problemi ne abbiamo tanti..troppo ..sia di salute che di lavoro ,
    se fermate questo campionato o meno a chi può interessare ? alle società orgogliose di alzare una coppa ?
    Ma fateci il piacere..state zitti in rispetto dei tanti morti !!!!
    Tutto verrà ridimensionato a cominciare dagli ingaggi dei calciatori .

  3. Capisco il panico delle società, ma questa stagione purtroppo è già finita. E non si puo’ farla risorgere con il tasto avanzamento veloce, nello sport non funziona… e poi con 7500 morti ad oggi, dubito si possa proprio pensare di iniziare a giocare tra un mese e mezzo…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here