SENTI-CHI-PARLA-3.jpg-radio

SENTI CHI PARLA – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Federico Nisii a Tele Radio Stereo: “Contro la Juventus la Roma farà una buona partita perché ha recuperato serenità e forza mentale che forse ha sempre avuto, altrimenti non sarebbe uscita da questo inizio traumatico del 2020, includendo anche l’infortunio di Zaniolo. È per questo che nutro grandi speranze per domani, anche perché vedo una squadra, e per squadra intendo giocatori, allenatore, dirigenza e tifosi, unita e che ha l’idea del collettivo come elemento prioritario. La Roma sa che si può rimanere in partita a lungo. Questa è una gara che si può portare a casa anche oltre il 90′. La Juventus ha un paradosso, quest’anno ha i giocatori più forti tecnicamente, ma presenta più criticità dovute al cambio di allenatore”.

Checco Oddo Casano a Centro Suono Sport: “Sono convinto che la Roma giocherà con orgoglio e grande compattezza a Torino, soprattutto alla luce dei regali concessi a Ronaldo e compagni nel match di campionato. Bisogna però essere realisti: in casa la Juventus in questi dieci anni è stata quasi imbattibile e in più a Fonseca mancheranno giocatori importanti. Mi auguro che la strategia, che i dettagli sul piano tecnico-tattico, permettano ai giallorossi di colmare l’evidente gap di qualità con l’undici di Sarri, che ha comunque dei punti deboli, soprattutto in fase difensiva. Politano? La volontà del ragazzo è chiara, ma finché Inter e Roma non supereranno le rispettive rigide posizioni, credo sia complicato trovare un accordo. Fonseca ha bisogno di rinforzi, Petrachi deve sbrigarsi”.

Max Leggeri a Centro Suono Sport: “Juventus-Roma, inevitabilmente nella testa dei tifosi romanisti, rappresenta la madre di tutte le partite: per la storia di questa sfida, per ciò che ha rappresentato per intere generazioni di sostenitori giallorossi, per i furti subiti negli anni. Rispetto al derby, dal mio punto di vista non c’è paragone: sono cresciuto senza preoccuparmi della Lazio, perché la stessa in A non c’era. Oggi a maggior ragione, la gara di Torino vale più del Derby, perché in caso di passaggio del turno i giallorossi volerebbero in semifinale di Coppa Italia. Al contrario, del quarto posto non me ne può fregar di meno”.

Roberto Renga a Radio Radio Pomeriggio: “La Roma può creare grandi problemi alla Juventus. Se lo ha fatto il Parma perché non dovrebbe la Roma. Le difficoltà possono arrivare soprattutto sui calci da fermo, ma questi arrivano solo se attacchi. Se la Juventus trova una difesa ben schierata deve aspettare per forza l’acuto di Cristiano Ronaldo. La Roma ha quindi due strade: cercare il corner o chiudersi e ripartire sugli spazi. I giallorossi devono fare di tutto per vincere senza andare ai supplementari perché domenica c’è una partita importante”.

Stefano Agresti a Radio Radio Pomeriggio: “La Roma deve capire che vincere a Torino contro la Juventus può essere fondamentale per il prosieguo della stagione. Il derby è più importante per la Lazio, mentre per i giallorossi potrebbe essere più importante vincere questa partita che quella di domenica. Può avere la possibilità di lottare con la Juve domani”.

Alessandro Vocalelli a Radio Radio Pomeriggio: “Quest’anno nessuno ha vinto in casa della Juve e solo il Sassuolo forse ha strappato punti. Il derby vale più per la Roma che per la Lazio”.

Franco Melli a Radio Radio Pomeriggio: “La Roma sembra tornata sulla strada giusta dopo l’inizio del 2020. Per la società americana che non ha vinto nulla, la Coppa Italia rappresenta una competizione importante. Inoltre la partita di domani si giocherà in uno stadio dove i giallorossi non hanno mai vinto”.

Alessandro Austini a Tele Radio Stereo: “La trattativa per Politano non è ancora saltata. Certo che le tensioni tra le due società non aiuta. Bisogna vedere se i dirigenti riusciranno a far prevalere gli interessi dei due club sui propri risentimenti personali. Credo comunque che ormai la questione si risolverà negli ultimi giorni di mercato. Per Bernardeschi è molto difficile, visti i costi dell’operazione, ma la Roma ci sta provando. L’unico però che convince totalmente Fonseca in questo momento è Politano, per questo la Roma sta provando in tutti i modi a prenderlo”.

Marione a Centro Suono Sport: “Grande Spal ieri sera contro l’Atalanta, mi ha impressionato. Non merita di retrocedere. Bernardeschi lo prenderei subito, è un bel giocatore, come Castrovilli della Fiorentina. La Roma dovrebbe puntare a questo tipo di giocatori secondo me. La Juventus mi sembra in difficoltà ultimamente. Domani la Roma può farcela, nonostante la presenza di Kalinic, che non mi fa stare molto tranquillo. Penso però che il derby sia più importante della partita di domani. Contro la Lazio purtroppo non si può assolutamente perdere”.

Daniele Lo Monaco a Tele Radio Stereo: “La Roma spesso esprime una grande mole di gioco, ma non è sempre così facile finalizzare tutto quello che si crea. Solo il Barcellona di Guardiola ci riusciva. I giallorossi vanno meglio in trasferta probabilmente perché gli avversari si chiudono meno e lasciano più spazi. Alla Juventus toglierei Douglas Costa, è un giocatore che mi spaventa a prescindere dal momento che sta vivendo. Ronaldo? Lui è un fenomeno. Riesce a gestirsi a livello fisico in modo impeccabile, per questo è ancora così decisivo a 35 anni. Ora bisogna concentrarsi sulla Juve, ci sarà tempo per pensare al derby”.

Roberto Pruzzo a Radio Radio Mattino: “La Roma deve onorare l’impegno e se la deve giocare, ma l’obiettivo è quello di fermare la Lazio: magari questa sera potrebbe schierare la Primavera visto che domenica c’è il derby e bisogna arrivarci nelle condizioni ottimali. La Juventus non è nel suo momento migliore: sarà una di quelle partite ragionate. Questa sera la Roma deve fare una buona partita e provare a passare il turno, ma la priorità è arrivare al massimo delle potenzialità contro la Lazio”.

Nando Orsi a Radio Radio Mattino: “Juve-Roma non è mai una partita come le altre, inoltre questa è un quarto di finale che ti dà accesso diretto alla semifinale. É una gara secca e può succedere di tutto, ma la partita di stasera non è proibitiva: sono fiducioso, la Roma se la va a giocare perché non ha tanto da perdere e domenica c’è il derby. Ora bisogna pensare alla Juve, poi si penserà alla Lazio”.

Print Friendly, PDF & Email

10 Commenti

  1. Visto che non voglio pensare alla Juve e nemmeno alla Lazio, mi concentro su cose più simpatiche.
    Ma quelli che hanno riempito questo sito di insulti alla Roma per lo scambio Manolas / Diawara … ancora convinti ?
    Manolas è una belva, ma il suo compagno deve “guidare” i movimenti. Senza questa guida, lui deraglia….
    A volte noi concentriamo sui singoli, ma la squadra va costruita in un certo modo …

  2. Secondo me se perdi con la Juve sei fuori dalla coppa Italia.Se perdi con la Lazio continui a giocarti il quarto posto con la Dea cioè sei ancora in pista

  3. La Roma fa uno stucchevole, sterile, possesso palla, è cosa ben diversa dall’esprimere una “gran mole di gioco” senza finalizzarla. Pr quanto concerne gli acquisti, non mi pare che si parli di nomi che spostino granché: Bernardeschi mi pare il migliore (e non lo prenderai), Politano può essere utile ma niente di che: per competere servirebbe altro, in quantità e qualità.

  4. Hai ragione Fabrizio. Io sono tra quelli che sbagliato valutazione. E che dire… meglio così! Forza Roma! Domani se pò fa!!! Io ce credo

  5. Vincent, per me sei troppo pessimista. Anche per me manca ancora un bel po’ per arrivare ad essere una squadra fortissima..ma,ti chiedo, se dovessimo imbroccare una sfilza di risultati clamorosamente positiva senza giocare alla “barcelonista”, vedresti il bicchiere mezzo pieno dei risultati conseguiti oppure quello mezzo vuoto del gioco non eccelso? In fondo questa è una squadra arrivata sesta con un nuovo allenatore e ipercriticata sul mercato, spero solo che il processo di crescita non preveda sempre smembramenti ma innesti tesi a migliorare la squadra. Con Fonseca, ovviamente. Forza Roma

    • Ammetto di essere un pessimista, però per me la sfilza di risultati positivi che auspichiamo tutti non ė che non arrivi per caso o sfortuna, non arriva perché manca qualità negli interpreti e nel gioco. Anche col modesto Genoa hai cercato di complicarti la vita oltre i meriti dell’avversario (chiedere a Pau Lopez…)

Comments are closed.