romanews-roma-coronavirus-grafica
Foto Getty

LIVE CORONAVIRUS – I principali aggiornamenti sull’emergenza Coronavirus in Italia e nel mondo.

Gli aggiornamenti

Ore 19.55 – “Oggi la Premier League può confermare che lunedì 25 maggio e martedì 26 maggio 1008 tra giocatori e appartenenti allo staff dei club sono stati testati per il COVID-19. Di questi, quattro sono risultati positivi in 3 club. I giocatori o il personale del club che si sono rivelati positivi si auto-isoleranno per un periodo di sette giorni”, lo ha comunicato la Lega inglese.

Ore 18.05 – Come di consueto oggi la Protezione Civile ha diramato sul proprio sito ufficiale un comunicato stampa contente gli ultimi dati relativi all’emergenza Coronavirus in Italia: “A oggi, 27 maggio, il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 231.139, con un incremento rispetto a ieri di 584 nuovi casi. Il numero totale di attualmente positivi è di 50.966, con una decrescita di 1.976 assistiti rispetto a ieri. Tra gli attualmente positivi, 505 sono in cura presso le terapie intensive, con una decrescita di 16 pazienti rispetto a ieri. 7.729 persone sono ricoverate con sintomi, con un decremento di 188 pazienti rispetto a ieri. 42.732 persone, pari all’84% degli attualmente positivi, sono in isolamento senza sintomi o con sintomi lievi. Rispetto a ieri i deceduti sono 117 e portano il totale a 33.072. Il numero complessivo dei dimessi e guariti sale invece a 147.101, con un incremento di 2.443 persone rispetto a ieri“.

Ore 15.40 – La Fase 2 è iniziata da più di due settimane e l’andamento del contagio da Coronavirus in Italia continua a essere in calo. Tanto che c’è un pezzo d’Italia dove la pandemia può considerarsi addirittura finita. Come riporta Repubblica.it, infatti, Trapani è la prima provincia italiana davvero covid free. Dopo 28 giorni senza nuovi contagi, è stato centrato l’obiettivo richiesto dall’Organizzazione mondiale della sanità, e cioè due interi cicli di incubazione del virus da 14 giorni, per dichiarare l’epidemia ormai alle spalle. Un traguardo che domani dovrebbe raggiungere anche la provincia di Crotone, oggi al suo 27esimo giorno senza nuovi positivi.

Ore 15.20 – In base al bollettino Coronavirus di Roma e del Lazio del 27 maggio 2020 nella Capitale sono solo 5 i nuovi contagi registrati nelle ultime 24 ore (8 nell’intera provincia). In tutto il Lazio si contano 11 casi, ieri erano 18. Continua, dunque, il trend in calo degli ultimi giorni. Zero contagi e zero decessi nelle province di Latina, Rieti e Viterbo. Tre casi a Frosinone.

Ore 13.30 – Questo il bollettino dell’ospedale Spallanzani di Roma: “In questo momento sono ricoverati presso il nostro Istituto 85 pazienti, di cui 35 positivi al COVID-19 e 50 sottoposti ad indagini. 9 pazienti necessitano di supporto respiratorio. I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali, sono a questa mattina 458”.

Ore 11.30 – Le associazioni delle imprese dell’audiovisivo, Anica (industrie cinematografiche), Apa (produttori audiovisivi), Ape (produttori esecutivi), Lara (agenti e artisti) e altre e gli organismi sindacali di categoria hanno appena firmato, a quanto si apprende, il protocollo sanitario che consentirà la ripresa delle produzioni cinematografiche e audiovisive. Il documento, frutto di un mese di lavoro, sarà ora sottoposto alle istituzioni preposte per la validazione. Obiettivo: ripartire con le produzioni entro la fine di giugno.

Ore 11.00 – “Sono giorni importanti. Il piano di intervento europeo sta assumendo la sua fisionomia definitiva. Oggi la Commissione europea annuncerà la sua proposta di Recovery Plan. L’Italia deve farsi trovare pronta all’appuntamento. Deve programmare la propria ripresa e utilizzare i fondi europei che verranno messi a disposizione varando un “piano strategico” che ponga le basi di un nuovo patto tra le forze produttive e le forze sociali del nostro Paese”. Così il premier Giuseppe Conte su Facebook.

Ore 10.30 – L’America Latina è diventato il nuovo epicentro della pandemia. È l’allarme lanciato dal direttore regionale dell’Oms, Carissa Etienne. «Non ci sono dubbi che la nostra regione è diventata l’epicentro della pandemia di Covid-19», ha dichiarato sottolineando che «questo non è il momento di allentare le restrizioni». A destare particolare preoccupazione è il Brasile dove i casi sono oltre 391 mila con più di 24.500 decessi, secondo Johns Hopkins University.

Ore 10.00 – Domani si deciderà quando far ripartire la Premier League, ma il passaggio cruciale è oggi con i calciatori che è la categoria meno favorevole alla ripresa. Nei colloqui saranno trattati argomenti come gli allenamenti con la rosa al completo, i rischi dei giocatori e la data del pronti via. I rifiuti di Kante e Deeney, agli allenamenti in gruppo, hanno monopolizzato le copertine sportive di questi giorni, ma il primo calciatore a sollevare dubbi è stato Aguero, mentre le forti dichiarazioni di Sterling e Rose hanno scosso l’opinione inglese. Oggi, come riporta La Gazzetta dello Sport, ci sarà la resa dei conti. Il calcio vuole rimettersi in moto per evitare un ulteriore bagno di sangue dal punto di vista economico e l’ultima battaglia riguarda la data: 12 o 19 giugno. Le big preferiscono la prima, le più piccole invece la seconda per dosare al meglio la preparazione.

Ore 9.30 – Nuova impennata di casi in India che nelle ultime 24 ore ha registrato oltre 6 mila contagi, superando i 150 mila in totale. Secondo quanto riferito dal ministero della Salute, in tutto sono stati riscontrati finora 151.767 casi di Covid-19 (+6.387) e 4.337 decessi (+170). Il premier Narendra Modi sta preparando un nuovo pacchetto di linee guida anti-coronavirus mentre si avvicina la scadenza della quarta fase del lockdown in vigore da due mesi.

Ore 9.00 – I decessi legati al coronavirus nel mondo hanno superato quota 350mila (350.423), secondo i dati dell’università americana Johns Hopkins. I casi totali sono quasi 5,6 milioni (5.588.400). Tra i paesi più colpiti dalla pandemia gli Stati Uniti contano 98.902 morti, il Regno Unito 37.130 e l’Italia 32.955. Il numero di contagi negli Usa è di oltre 1,68 milioni, in Brasile di circa 392mila e in Russia di oltre 362mila.

Ore 8.30 Recovery Fund: il piano Marshall è pronto, proposta Ue da 2000 miliardi. Mix di aiuti e prestiti legati a riforme. Il piano Marshall della Commissione europea per risollevare l’economia dell’Unione è pronto. Tutto compreso, riuscirà a mobilitare più di 2.000 miliardi nei prossimi sette anni, cioè più del doppio di un bilancio europeo tradizionale.

Ore 8.00 – Continua la situazione drammatica in Brasile. Nel paese sudamericano si sono registrati altri 1.039 morti, i casi totali di coronavirus accertati invece sono più 400.000.

Print Friendly, PDF & Email