romanews-roma-kolarov-berenguer-romatorino
Foto Getty

ROMA KOLAROV – Aleksandar Kolarov sta vivendo un periodo estremamente complicato. Molti a Roma credono infatti che le sue prestazioni non siano più all’altezza degli anni passati. Addirittura nelle ultime settimane Fonseca gli ha preferito spesso Spinazzola, relegandolo così in panchina. È la prima volta che la sua titolarità viene messa in discussione da quando è alla Roma. Tanto che anche sabato prossimo contro l’Atalanta potrebbe non scendere in campo dall’inizio. Cerchiamo allora di capire se Kolarov merita davvero questo trattamento, analizzando il suo rendimento stagionale attraverso le statistiche.

Kolarov non è più quello di prima: diminuiti dribbling, palle recuperate, duelli aerei e respinte

Innanzitutto vediamo se le prestazioni di Kolarov sono realmente in calo. Rispetto alle prime due stagioni in giallorosso, quest’anno il serbo tira mediamente di più (2,1 vs 1,6 ogni 90 minuti). Compie inoltre lo stesso numero di passaggi chiave (2) e di cross riusciti (1,9). Peccato però che tutte le altre voci statistiche siano diminuite. Kolarov infatti realizza mediamente meno dribbling (0,7 vs 1,4), meno palle recuperate (2,1 vs 2,8), meno duelli aerei vinti (1,3 vs 1,4) e meno respinte (0,6 vs 1,1). Si tratta di un calo del 50% per i dribbling, del 25% per i palloni recuperati, del 7,1% per i duelli aerei e del 45,5% per le respinte. Tutti aspetti in cui la brillantezza fisica fa la differenza. Il serbo insomma è calato molto a livello atletico quest’anno, finendo per perdere colpi soprattutto in difesa. Ecco dunque perché Fonseca lo ha messo diverse volte in panchina negli ultimi tempi.

L’importanza di Kolarov nella Roma nonostante il calo: primo per cross e secondo per gol e tiri in campionato

Bisogna dire però che, nonostante questo evidente calo, Kolarov resta un giocatore molto importante per la Roma. In questa Serie A, infatti, il serbo è primo tra i giallorossi per cross riusciti (40 in totale) e secondo per gol fatti (5), tiri tentati (49), passaggi chiave (41) e contrasti vinti (28). In più è terzo per assist (2), quarto per passaggi intercettati (18) e duelli aerei vinti (27) e ottavo per dribbling riusciti (15). Kolarov quindi è anche adesso uno dei migliori calciatori della Roma, soprattutto in fase offensiva. Per questo merita comunque di essere considerato un titolare della formazione giallorossa, seppur non con la stessa intoccabilità delle stagioni precedenti.

(fonte dei dati: WhoScored.com)

Leonardo Gilenardi

Print Friendly, PDF & Email