(Foto Getty Images)

Pubblicato il 20 aprile 2012

L’AVVERSARIA – La morte di Pierpaolo Morosini ha lasciato una cicatrice profonda nell’universo calcistico: una scomparsa imprevedibile, prematura ed ingiusta nella sua fatalità, che ha commosso il mondo intero (oggi i funerali nella “sua” Bergamo). La Federcalcio, a poche ore dalla tragedia del giocatore del Livorno, ha imposto lo stop a tutti i campionati di calcio, decisione che, nel miglior ( peggior) stile dell’ “elite” pallonara nostrana, è stata il pretesto per inutili polemiche. Dopo una settimana il campionato alza nuovamente il sipario e riparte dalla 34a giornata (il turno precedente verrà recuperato mercoledì 25). Per proseguire la rincorsa al terzo posto, la Roma farà visita alla Juventus, nel match in scena domenica sera allo Juventus Stadium (arbitra Bergonzi).

MARCIA SERRATA – I bianconeri sono la vera sorpresa tra le”big” di questo campionato: in una stagione di profondo rinnovamento tra campo e panchina, guidano la classifica con 68 punti (ad una sola lunghezza dal Milan campione in carica) e risultano ancora imbattuti. Sono 38 i punti realizzati in casa dagli uomini di Conte, frutto di 11 vittorie e 5 pareggi, risultati resi possibili dalla grande organizzazione di gioco portata dall’ex tecnico di Atalanta e Siena, che ha permesso alla retroguardia bianconera di essere la meno perforata di questa stagione con solo 18 reti subite e di mettere a segno 53 reti (terzo attacco del campionato, una rete in più della Roma) nonostante l’assenza di un bomber di prima fascia: il capocannoniere della squadra infatti è Matri, che con 10 gol è l’unico bianconero in doppia cifra. L’ex punta del Cagliari è seguita da Marchisio, un centrocampista, al secondo posto della graduatoria con 7 reti e quindi dall’ex giallorosso Vucinic che dopo Matri è l’attaccante più prolifico con 6 gol.

TATTICA – Lavoro a gruppi per i bianconeri nella seduta d’allenamento. Conte ha lavorato singolarmente con difensori e centrocampisti per provare i movimenti dei due reparti. Dopo il riscaldamento atletico, i componenti della linea difensiva e quelli della mediana si sono affrontati in una partitella a campo ridotto, per poi passare alle esercitazioni tattiche: i difensori hanno provato i movimenti corali in situazioni d’attacco avversario, mentre i centrocampisti hanno lavorato sul pressing e sulla circolazione di palla. Terminato il lavoro dei primi due reparti, sono scesi in campo esterni offensivi ed attaccanti che, dopo avere a loro volta disputato una partitella in famiglia (sempre su porzioni di campo ridotto), si sono esercitati sui passaggi e sui tiri di prima dal limite dell’area di rigore. Bonucci, infortunuatosi al naso nella gara con la Lazio, ha lavorato regolarmente con il gruppo grazie ad una maschera protettiva e sarà quindi disponibile per la gara di domenica. Conte potrà quindi contare sul gruppo al completo.

Giacomo Capellini

 

JUVENTUS F.C

Portieri

1 – Buffon Gianluigi (NAZ.ITA)

13 – Manninger Alexander (AUS)

30 – Storari Marco (ITA)

 

Difensori

3 – Chiellini Giorgio (NAZ.ITA)

4 – Caceres Martin (NAZ.URU)

6 – Grosso Fabio (ITA)

11 – De Ceglie Paolo (ITA)

15 – Barzagli Andrea (ITA)

19 – Bonucci Leonardo (NAZ.ITA)

26 – Lichtsteiner Stephan (NAZ.SVI)

 

Centrocampisti

7 – Pepe Simone (ITA)

8 – Marchisio Claudio (NAZ.ITA)

17 – Elia Eljero (NAZ.OLA)

20 – Padoin Simone (ITA)

21 – Pirlo Andrea (NAZ.ITA)

22 – Vidal Arturo (NAZ.CIL)

24 – Giaccherini Emanuele (ITA)

27 – Krasic Milos (NAZ.SER)

28 – Estigarribia Marcelo (NAZ.PAR)

34 – Marrone Luca (ITA)

 

Attaccanti

10 – Del Piero Alessandro (ITA)

14 – Vucinic Mirko (NAZ.MON)

18 – Quagliarella Fabio (ITA)

23 – Borriello Marco (ITA)

32 – Matri Alessandro (NAZ.ITA)

 

Allenatore: Antonio Conte (ITA)

Probabile formazione: 4-3-3

1 Buffon; 26 Lichtsteiner, 15 Barzagli,19 Bonucci, 3 Chiellini; 22 Vidal, 21 Pirlo, 8 Marchisio; 7 Pepe, 18 Quagliarella, 14 Vucinic

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here