L’AVVERSARIA -Il pareggio ottenuto all’Olimpico con il Bologna ha il sapore del passo falso per la Roma, frenata dai rossoblù nella rincorsa alle zone nobili della classifica. I giallorossi sono ora attesi in casa della squadra che negli anni si è tramutata nella vera “bestia nera” del club capitolino: il Cagliari. Più che una partita di calcio, quella con i rossoblù negli anni è diventata una sfida alla storia: infatti è dal lontano 1995 che la Roma non raccoglie i tre punti in Sardegna. Sedici anni fa, fu una doppietta di Fonseca a consegnare il successo alla squadra allora guidata da Carlo Mazzone. Da quel giorno in poi, la Roma ha racimolato solo quattro punti al Sant’Elia, stadio in cui si sono consumate alcune rovinose cadute giallorosse, come la sconfitta per 3-0 nella stagione 2004-2005 (che costò la panchina a Delneri) o il più recente 5-1 dell’anno scorso. Il Cagliari di Ballardini (succeduto a Ficcadenti, che a sua volta aveva rimpiazzato Donadoni in agosto), è reduce dalla pesante sconfitta in casa del Milan (3-0) e in questa stagione non sembra aver maturato un buon rapporto con il Sant’Elia: nello stadio di casa i rossoblù hanno pareggiato per ben sei volte, vincendo solo in due occasioni (con Novara e Genoa) e perdendo in altrettante.

BALLARDINI – “Le chiavi di volta per noi saranno velocità e pressing”. Ballardini sembra avere le idee chiare sull’atteggiamento che la sua squadra dovrà assumere con la Roma. Due elementi che sono mancati nella sfida con il Milan: “Volevamo essere più aggressivi per non abbassarci e subire il loro gioco. Non ci siamo riusciti, abbiamo lasciato il Milan troppo libero di giocare. Questa partita ci ha lasciato rabbia e dispiacere che cercheremo di sfogare nella gara contro la Roma, portando anche gioco e aggressività”. Il tecnico romagnolo analizza l’avversaria: “Vengono da un momento straordinario, ma sono convinto che se il Cagliari farà quel che sa fare, potrà metterli in difficoltà. Ciò non toglie che la Roma sia una squadra piena di fuoriclasse: tuttora sono convinto che Totti sia il più forte giocatore italiano. Poi su Luis Enrique: “Ha portato in Italia le sue conoscenze. Per il nostro calcio è un arricchimento da studiare così come è stato in passato per altri tecnici stranieri come Eriksson e Mourinho”. In attacco confermato il neo acquisto Pinilla dopo il buon esordio con il Milan, ma Ballardini ci va cauto: Il Cagliari non deve dipendere da nessuno. Mauricio è un ottimo giocatore, ma le eccessive pressioni o aspettative sono solo dannose”. I recenti problemi di sicurezza hanno dimezzato il pubblico del Sant’Elia (dichiarato agibile a 48 ore dalla partita con l’eccezzione dei settori Distinti e Curva Sud) e il tecnico lancia un appello ai tifosi: “Abbiamo bisogno di loro. Vedere lo stadio vuoto per due terzi non fa piacere. Mi piacerebbe un Sant’Elia entusiasta, con il pubblico che possa sostenerci calorosamente dal primo all’ultimo minuto”.

TATTICA – Ballardini conferma per 10/11esimi la squadra sconiftta a San Siro: unica novità, il ritorno di Daniele Conti dal primo minuto. Quindi linea difensiva a quattro con Pisano, Canini, Astori e Agostini davanti ad Agazzi. Dessena, Conti e Nainggolan formeranno il centrocampo mentre Cossu agirà alle spalle del duo d’attacco Pinilla-Ibarbo  Ariaudo torna tra i convocati mentre non fanno parte del gruppo anti-Roma i lungodegenti Sampaio, Eriksson e Nenè.

Giacomo Capellini

CAGLIARI CALCIO

Portieri

1    Agazzi Michael (ITA)
12   Ruzittu Marco (ITA)
25   Avramov Vlada (SER)

Difensori

2     Gozzi Simone (ITA)
3     Ariaudo Lorenzo (ITA)
13   Astori Davide (ITA)
14   Pisano Francesco (ITA)
21   Canini Michele (ITA)
24   Perico Gabriele (ITA)
26   Dametto Paolo (ITA)
29   Murru Nicola (ITA)
31   Agostini Alessandro (ITA)

Centrocampisti

4    Nainggolan Radja (BEL)
5    Conti Daniele (ITA) (C)
7    Cossu Andrea (ITA)
8    Biondini Davide (ITA)
15   Bovi Nicolas (ITA)
16   Eriksson Sebastian (SVE)
20   Ekdal Albin (SVE)
27   Dessena Daniele (ITA)
30   Sampaio Rui (POR)
32   Ceppelini Pablo (URU)

Attaccanti

9    Larrivey Joaquin  (ARG)
10   El Kabir Mostapha (MAR)
18   Nenè Anderson Miguel Da Silva  (BRA)
19   Ribeiro Cardoso Thiago  (BRA)
23   Ibarbo Victor  (COL)
51   Pinilla Ferreira Mauricio Riccardo (CIL)

Allenatore: Davide Ballardini (ITA)

Probabile formazione: 4-3-1-2
1 Agazzi; 14 Pisano, 21 Canini, 13 Astori, 31 Agostini; 27 Dessena, 5 Conti, 4 Nainggolan; 7 Cossu; 51 Pinilla, 10 El Kabir

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here