L’AVVERSARIA – Mercoledì 11 maggio si gioca il secondo tempo di un match lungo 180 minuti: Inter e Roma si affrontano a San Siro nel ritorno delle semifinali di Coppa Italia. I giallorossi dovranno cercare di ribaltare lo 0-1 dell’andata (gran gol dalla lunga distanza di Stankovic) per accedere alla finale, dove incontreranno una tra Palermo e Milan.
Dal canto suo la formazione di Leonardo si giocherà l’ultima possibilità di continuare a lottare per un titolo: la Champions è andata a causa della rocambolesca eliminazione con lo Shalke 04 ed il campionato è appena stato assegnato ai cugini rossoneri.

MOTIVAZIONI – Guai però a parlare di stagione fallimentare in casa nerazzurra. Infatti il patron Massimo Moratti, certo che i suoi giocatori arriveranno a giocarsi la finale, ha voluto ricordare i trofei ottenuti dall’Inter anche in questa stagione: “Non so se in Italia manca la cultura del secondo posto, in realtà manca quella dei campioni del Mondo, che siamo noi”. Dello stesso avviso l’amministratore delegato Paolillo, che è certo del valore della propria squadra e già pregusta una finale con il Milan: “Il Milan in finale di Coppa Italia? Chiaro che avrebbe anche il sapore di una rivincita, ma noi guardiamo a noi stessi, per assicurarci la finale. Il mercato? Qualche ritocco, ma nulla di traumatico: la squadra è fatta da campioni che possono essere stanchi un anno e meno stanchi un anno dopo“.
Inoltre stasera ci sarà comunque da festeggiare, visto che Javier Zanetti giocherà la partita numero 1000 in nerazzurro. Intervistato per l’occasione, il capitano dell’Inter ha ripercorso una carriera lunga e ricca di soddisfazioni ed ha speso alcune parole anche sulla Roma, la squadra a cui ha segnato di più in carriera: “Più gol e anche l’unico rigore da quando gioco (Supercoppa Italiana 2008, era l’ 8 ° della serie), tant’è vero che la gente aveva le mani nei capelli. Da quando ho visto che contro di loro funziona, ci provo anche di più: non sarebbe male come modo per festeggiare“.

TATTICA – Se Zanetti sorride, Leonardo deve stringere i denti e fare di necessità virtu. Il tecnico  dovrà  fare a meno di Wesley Sneijder, che non ha smaltito i fastidi al polpaccio, e Dejan Stankovi. Non sono del tutto rassicuranti le condizioni di Thiago Motta (potrebbe partire dalla panchina) e Nagatomo (reduce dall’influenza, dovrebbe comunque partire titolare come esterno basso di sinistra), Ranocchia è squalificato e né Chivu Materazzi sembrano garantire 90 minti ad altissimi livelli.
Insomma in difesa i posti sono quasi numerati ed è possibile dare per scontate la presenza di Maicon sulla fascia destra e Lucio come centrale. A centrocampo Cambiasso dovrebbe essere il vertice basso del ‘rombo’ consueto, con Zanetti e Kharja laterali e Coutinho (reduce da una buona partita a Firenze) dietro le due punte.
Paradossalmente in attacco i giocatori a disposizione sono fin troppi: da un lato Eto’o è imprescindibile e Pazzini ha mostrato con la Fiorentina una condizione straordinaria; dall’altro Pandev garantirebbe copertura preziosa e sembra difficile che Milito parta ancora in panchina dopo l’esclusione all’Artemio Franchi.

 

INTERNAZIONALE F.C

Portieri
1 Soares de Espindola Julio Cesar (NAZ.BRA)
12 Castellazzi Luca (ITA)
21 Orlandoni Paolo (ITA)

Difensori
2 Cordoba Ivan Ramiro (NAZ.COL)
4 Zanetti Javier (ARG)
6 Da Silva Ferreira Lucimar Lucio (NAZ.BRA)
13 Sisenando Maicon Douglas (NAZ.BRA)
15 Ranocchia Andrea (NAZ.ITA)
23 Materazzi Marco (ITA)
25 Samuel Walter Adrian (NAZ.ARG)
26 Chivu Cristian (NAZ.ROM)
55 Nagatomo Yuto (NAZ.GIA)
57 Natalino Felice (ITA)

Centrocampisti
5 Stankovic Dejan (NAZ.SER)
8 Motta Thiago (NAZ.ITA)
10 Sneijder Wesley (NAZ.OLA)
14 Kharja Houssine (FRA)
17 MacDonald Mariga Wanyama (KEN)
19 Cambiasso Esteban Matias (NAZ.ARG)
20 Obi Joel Chukwuma (NIG)
29 Coutinho Correia Philippe (BRA)

Attaccanti
7 Pazzini Giampaolo (NAZ.ITA)
9 Samuel Eto’o Fils (NAZ.CAM)
18 Suazo David (NAZ.HON)
22 Milito Diego Alberto (ARG)
27 Pandev Goran (NAZ.MAC)

ALLENATORE: Nascimento De Araujo Leonardo (BRA)

PROBABILE FORMAZIONE (4-3-1-2): Julio Cesar; Maicon, Lucio, Chivu, Nagatomo; Cambiasso, Kharja, Zanetti; Coutinho; Eto’o, Pazzini.

 

G.B.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here