L’AVVERSARIA – Catania-Roma non può essere una partita da sottovalutare: da quando sono tornati in serie A, gli etnei hanno sempre venduto cara la pelle, anche a causa di quel 7-0 subito all’Olimpico il 19/11/2006 mal digerito (e mai dimenticato) da piazza e dirigenti. Ebbene domenica 15 la squadra di Simeone, matematicamente salva, affronterà una Roma obbligata a vincere per continuare ad inseguire il quarto posto ed il tecnico argentino ha chiesto massima attenzione ai suoi giocatori.

A CATANIA SARA’ PARTITA VERA – Simeone è stato molto chiaro: Sarà una partita vera e combattuta. La Roma troverà un Catania pronto mentalmente e fisicamente. Giocherà chi riterrò sia fisicamente sia mentalmente pronto ad una sfida simile.”. Dunque non ci saranno sconti per la Roma: il Catania onorerà il campionato fino all’ultimo e giocherà al massimo delle proprie possibilità una partita alla quale in realtà non ha niente da chiedere.
Domenica contro la Roma conto molto su di uno stadio pieno all’inverosimile. E’ indubbio che il rischio di rilassamento anticipato vada temuto, specie culminata la lunga rincorsa alla salvezza, ma ho visto i ragazzi carichi in settimana, intenzionati a chiudere bene di fronte ai propri tifosi. Viviamo questo momento con tanta serenità, che però non placa la nostra voglia di vincere, di fare punti che potrebbero valere il record storico di questa squadra in serie A“, queste le conclusioni del tecnico argentino, che appare seriamente intenzionato a festeggiare la salvezza raggiunta (dinnanzi ad un Massimino esaurito) con un risultato.

LO MONACO CHIEDE IL BEL GIOCO  – Anche Pietro Lo Monaco, amministratore delegato del Catania, si è detto entusiasta sia per la salvezza conquistata, sia per la dimensione raggiunta dalla sua squadra negli ultimi anni: “Sei anni in serie A, ci sentiamo miracolati, anche dal punto di vista degli introiti. Ritenevamo di dover avere meno patemi fino a domenica scorsa. Abbiamo tenuto tutti tranne Martinez, volevamo campionato di serenità ma si sa che in Serie A nessuno vuole mollare. A due giornate dalla fine, squadre a 41 punti non sono tranquille. Non è mai successo negli ultimi anni“.
Lo Monaco ha inoltre parlato della sfida contro i giallorossi, durante la quale il Catania potrà permettersi di giocare al meglio e senza pressioni davanti alla propria gente: “Tutto esaurito a Catania per la Roma. Abbiamo fatto politica dei prezzi per l’ultima partita casalinga, anche per festeggiare la salvezza. E il pubblico ha risposto subito. Buon per noi. Noi punteremo sul bel gioco, poi Roma avrà i suoi obiettivi. L’ambiente è sereno perché ci siamo salvati. E’ un momento di festa. Si gioca sempre per vincere. Anche la Roma lo farà. Noi punteremo alle belle giocate, non abbiamo però assillo del risultato. La Roma si“.

DUBBI SUGLI AMERICANI – L’AD catanese sembrava intenzionato ad allentare il clima di tensione che accompagna da troppo tempo le sfide tra le due squadre (“Il rapporto con la Roma? Grande rapporto con la Sensi. Ci dispiace che si sono create negli anni fratture molto pubblicizzate”) e non ha escluso possibili trattative future col futuro DS giallorosso Walter Sabatini (seguirebbe con attenzione Silvestre, Andujar e Biagianti), ma, parlando del prossimo calciomercato, non ha saputo trattenersi dal manifestare alcuni dubbi sulla situazione societaria della Roma: “Capisco che la Roma deve sempre ambire a grandi risultati. Mi sembra che oggi le motivazioni siano ben altre. Ora si deve preoccupare di risanare i bilanci. Poi andare a seguire i sogni… ma i problemi ora sono altri. Sapete qualcosa di questa nuova società? Sono solvibili? Hanno la forza? Ci sono tanti dubbi. Rilancio in grande stile deve passare dai bilanci“.

TATTICA – Simeone con ogni probabilità potrà contare nuovamente su Spolli e Maxi Lopez: i due si sono allenati con il resto della squadra e dovrebbero partire in campo dal primo minuti. Al contrario Ricchiuti potrebbe non essere della partita: qualora il centrocampista argentino dovesse dare forfait, al suo posto scenderà in campo uno tra Biagianti e Lodi (quest’ultimo giocherebbe in posizione più arretrata, come regista davanti alla difesa). In panchina si dovrbbero rivedere Schelotto ed il giapponese Morimoto, che alla roma ha segnato 4 gol in 5 partite.

 

CALCIO CATANIA

PORTIERI

21 Mariano Gonzalo ANDUJAR
30 Andrea CAMPAGNOLO
1  Tomas KOSICKY

DIFENSORI

22 Valeira Pablo Sebastian ALVAREZ
18 Blazej AUGUSTYN
14 Giuseppe BELLUSCI
33 Ciro CAPUANO
12 Giovanni MARCHESE
2  Alessandro POTENZA
6  Matias Agustin SILVESTRE
3  Nicolas Federico SPOLLI
23 Christian TERLIZZI

CENTROCAMPISTI

27 Marco BIAGIANTI
5  Ezequiel Alejo CARBONI
17 Alejandro Dario GOMEZ
13 Mariano Julio IZCO
8  Pablo Martin LEDESMA
16 Cristian Ezequiel LLAMA
10 Francesco LODI
20 Raphael Alves De Lima MARTINHO
24 Simone PESCE
19 Adrian RICCHIUTI
26 Fabio SCIACCA
7  Ezequiel Matias SCHELOTTO

ATTACCANTI

9  Gonzalo Ruben BERGESSIO
11 Maximiliano Gaston LOPEZ
15 Takayuki MORIMOTO

PROBABILE FORMAZIONE
Catania (4-3-3): 21 Andujar, 2 Potenza, 6 Silvestre, 3 Spolli, 33 Capuano, 8 P. Ledesma, 5 E. Carboni, 27 Biagianti, 17 Gomez, 11 Maxi Lopez, 9 Bergessio. A disposizione: 30 Campagnolo, 22 P.S. Alvarez, 23 Terlizzi, 10 Lodi, 13 Izco, 7 Schelotto, 15 Morimoto. All.: Simeone. Squalificati: nessuno. Diffidati: Andujar, E. Carboni, Gomez, Maxi Lopez, Morimoto. Indisponibili: Bellusci, Llama, Pesce, Ricchiuti, Sciacca.

 

 

G.B.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here