ROMA CLUB GENOVA – Dopo la convincente vittoria contro il Cagliari, la Roma torna a giocare sul campo di Marassi, contro il Genoa, per continuare la propria cavalcata verso la prossima Champions League. Romanews Web Radio ha contattato il presidente del Roma Club Genova, Daniele Germani, per conoscere la realtà romanista del suo club e analizzare il momento della squadra e il prossimo match, molto sentito nelle sue zone.

TIFOSI GENOVESI – “A Genova la presenza romanista è forte, ho parlato con tanti tifosi giallorossi genovesi affascinati dagli anni ’80 della Roma. Riprendiamo in mano il club per dargli una spinta ancora più forte ufficialmente a gennaio 2018 e la nostra prima partita è stata Chelsea-Roma, non male come inizio. Volevamo creare qualcosa di più grande e stabile di un gruppeto di amici che vedevano le partite, poi tutto è venuto abbastanza naturale. Essere romanisti qui non è facilissimo, Genova è una città particolare, non abbiamo problemi con nessuno, ma non siamo molto ben visti. Tutte le partite le vediamo nella nostra sede, dove non ci sono mai meno di 15 persone. Quando la squadra arriva qui da noi, ci siamo sempre, posizionati in alto nel settore ospiti. Vorrei ringraziare tutte le persone che fanno parte del Club e il direttivo, da solo non ce l’avrei mai fatta. Abbiamo un’anima importante e facciamo tanta beneficenza, oltre a vedere le partite insieme, ci piace anche fare la nostra parte per la comunità e per i meno fortunati, con diverse iniziative che organizziamo periodicamente”.

IL MOMENTO DELLA ROMA – “Qui c’è una presenza di opinioni trasversale, ognuno l’ha vissuto in modo diverso. C’è infatti una posizione molto eterogena sia sulla società che sull’andamento della squadra. E’ molto stimolante il confronto, sempre educato e rispettoso. Nell’ultimo periodo è stato comunque difficile sostenere la squadra. Personalmente mi è dispiacuto molto per Di Francesco, ma era chiaro come stavano andando le cose”.

Il club durante una delle tante iniziative di beneficenza

GENOA-ROMA – “Io vengo anche un po’ preso in giro per questo, ma sono sempre ottimista. Ormai dico in tutte le occasioni “doppietta di Schick”. Io ci credo, la squadra si è rimessa in sesto, ci dobbiamo credere tutti e ce la possiamo fare. Non dovrebbe essere difficile, i valori sono quelli che sono, speriamo che anche quelli mentali si siano riassestati”.

Edoardo Frazzitta

Print Friendly, PDF & Email